Carrello vuoto
Papelitos
5 Ottobre

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.

I potenti del pallone, da Florentino Perez ad Arsene Wenger, sono mangiati da un’ansia di rinnovamento calcistico. Dall’idea Superlega a quella del Mondiale ogni due anni, a sorprendere è l’età media delle brillanti menti portavoce (e ideatrici, in parte) dei progetti: 74 e 71 anni. È curioso, non trovate? Il futuro del calcio è a rischio, dicono entrambi. Dobbiamo cambiare le cose, o sarà troppo tardi, ripetono con toni apocalittici. Ma il futuro non è loro, e in questo dovere alla prima persona plurale non c’è affatto un «noi».

«Noi», a dirla tutta, siamo stati esclusi da un bel po’. Noi tifosi, ma anche noi futuri fruitori e lavoratori dello sport. Una cosa che non ci si chiede mai è infatti con quale diritto Perez (Superlega) e Wenger (Mondiale) dettino la linea del calcio che verrà. Certo, almeno Wenger in quanto responsabile FIFA per lo sviluppo del calcio ha un ruolo ufficiale. D’accordo, ma chi è che scende in campo? Chi sono i veri protagonisti del gioco? gli allenatori, i calciatori, lo staff etc., o i capi delegazione? Chi è, infine, che guardando le partite sostiene la baracca?

Non è un caso se Perez, Agnelli e da ultimo Wenger, interrogati sulla bontà delle loro idee, abbiano risposto portando sul banco numeri condotti su scale patetiche (per quantità e qualità degli intervistati) e tirando in ballo generazioni z, x, y – che giustamente, in qualità di ultrasettantenni, conoscono molto meglio di chiunque altro. È tutto così grottesco, non esistono più i vecchi di una volta – brontoloni, conservatori, talmente stanchi di aver vissuto da lasciare agli altri, mica per altruismo, il timone dei tempi futuri. Guardatela, drammatica in senso pirandelliano, la decaduta nobiltà del calcio mondiale. Lucida a sufficienza da aver capito gli errori del passato ma superba abbastanza da non avere il coraggio di ammetterlo. Più conveniente è puntare su belle parole come ‘evoluzione’, ‘status quo’, ‘moderno’:

«Non è una rivoluzione, piuttosto un’evoluzione necessaria: tutti sembrano d’accordo sul fatto che il calendario vada riformato, nessuno è contento dello status quo. […] Io propongo di “pulire” il calendario ed eliminare le partite che hanno perso significato. Un modo più moderno di organizzare il calcio».

Arsene Wenger, “Il Mondiale ogni due anni: i giocatori sono con me”. Intervista di Matteo Pinci per Repubblica (04.10.2021)

Visto che Wenger fa il paraculo, lo imitiamo volentieri. Mentre l’allenatore degli Invincibili (e degli inguaribili, malati da tempo anche a causa sua) rilasciava due interviste a Repubblica e Corriere della Sera, quel vecchio saggio pazzo di Zibi Boniek andava dritto al punto:

«Da dove nasce questa cosa? Da una casa di malati mentali: non esiste. Se lo fai, non c’è spazio per altre competizioni. E poi non puoi fare più le qualificazioni: allora le nazionali devono sciogliersi. Wenger? Gli voglio bene, ma ha dormito male».

Zibi Boniek, 04.10.2021

La cosa davvero incredibile è che secondo Wenger il Mondiale ogni due anni è proprio la soluzione al problema delle tante partite, perché concentrando gli impegni il tempo rimanente per il riposo dei giocatori sarebbe maggiore. Chiaramente le qualificazioni andrebbero ridefinite e riformulate, ma non è difficile immaginarsi, e proprio in ragione del fatto che Wenger parla di «maggiore inclusività», una ripresa delle idee superleghiste. Quando questi personaggio parlano di inclusione, RESPECT, fair play finanziario, in fondo c’è sempre del marcio puzzolente. Mentre Ceferin (quindi l’UEFA) prosegue sulla linea del no (sia verso la Superlega sia verso l’idea di Wenger e Infantino) e lo scontro FIFA-UEFA non è più una notizia, prepariamoci ad assistere all’ennesima inutile competizione per mungere la vacca senza latte: la Nations League.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Papelitos
La Redazione
4 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Editoriali
Federico Brasile
24 Dicembre 2021

L’ipocrisia occidentale sul Qatar

Il potere (mediatico) dei più buoni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Estero
Alberto Maresca
16 Luglio 2021

Viaggio calcistico nel Messico mitologico

Siamo stati a Città del Messico tra calcio, vita e morte.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio 2021

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno 2021

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno 2021

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Estero
Emanuele Meschini
22 Giugno 2021

Repubblica Ceca, calma e libertà

Una nazionale sospesa nel tempo.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno 2021

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Podcast
La Redazione
8 Giugno 2021

Essere scozzesi

Essere scozzesi è una merda, ed è anche meraviglioso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile 2021

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Papelitos
Andrea Antonioli
21 Aprile 2021

Che figura di m…

Se questi sono i padroni del football, stiamo freschi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Italia
Raffaele Scarpellini
8 Aprile 2021

Mundialgate, le ombre dell’Italia ’82

Fu vera gloria?
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
Estero
Michelangelo Freda
25 Marzo 2021

Olanda, Belgio e il nuovo calcio transnazionale

La BeNeLeague, una prova tecnica di Superlega.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Marzo 2021

Andrea Agnelli e il Grande Reset

Il teorico dell'irreversibile è tornato a parlare.
Papelitos
Lorenzo Santucci
24 Febbraio 2021

Qatar 2022 sulla pelle dei lavoratori

Una nuova inchiesta del Guardian torna a far discutere.