Carrello vuoto
Papelitos
13 Maggio

Wonderwall

Al termine di una Premier League entusiasmante, la spunta il Manchester City.

Nell’anno della celebrazione di Albione come Mecca del calcio, il massimo campionato inglese non poteva deludere le aspettative e mostrarsi scintillante e appassionante come non mai. Se infatti l’epilogo delle competizioni europee per club innalzerà la croce di San Giorgio sul trono del Vecchio Continente, è proprio sotto il Vallo di Adriano che si è consumata la prova di maggiore spessore del football, con due squadre formidabili, Liverpool e Manchester City, che si sono sfidate in un testa a testa esaltante, chiuso solo ieri, al termine di una corsa estenuante, con il rocambolesco punteggio di 98 a 97 in favore dei mancuniani e un distacco di oltre 25 punti dal Chelsea di Sarri, salito sul gradino più basso del podio.

 

E dire che, dopo un inizio travolgente dei ragazzi di Pep Guardiola, i Citizens erano precipitati in un baratro profondo, inanellando, nel solo mese di dicembre, una serie sanguinosa di 3 sconfitte, che aveva portato come dono natalizio calze colme di punti nei camini della Merseyside rossa. Il vento in poppa e i successi in sequenza, avevano lanciato la banda di Klopp a raggiungere il vantaggio massimo di ben 7 lunghezze sugli avversari, ipotecando un titolo che manca ad Anfield Road da 29 anni.

 

Solo oggi comprendiamo il peso dello scontro di gennaio, vinto dal City (foto Clive Brunskill/Getty Images)

 

Ma se l’entusiasmo dei Reds è stato il veicolo attraverso cui raggiungere le irrazionali imprese delle ultime campagne europee, allo stesso modo il pragmatismo ideologico del Maestro Guardiola ha contribuito a non far perdere mai la bussola del gioco ai Citizens anche nel periodo più buio. Nonostante l’assenza per buona parte del campionato del genio indiscusso di De Bruyne, la scarsa vena di Gabriel Jesus e lo sliding doors difensivo con tanti interpreti e nessun imprescindibile, la macchina di Guardiola ha continuato a macinare calcio e vincere sulle ali realizzative di Sterling e dell’infallibile Agüero. Il Kun nei momenti decisivi è stato trascinatore e leader indiscusso, nascondendo sotto l’improbabile chioma ossigenata le soluzioni tecniche più disparate per collezionare punti fondamentali nella rincorsa al titolo. L’hat-trick ai Gunners, i gol decisivi contro gli Hammers e il Burnely, ma soprattutto l’apertura delle marcature contro il Liverpool che ha contribuito a infliggere l’unica sconfitta in campionato dei Reds e determinare il vero turning point del campionato, sono state le sassate contro la fortezza del Liverpool.

 

Una lenta e costante erosione di punti culminata il 2 Marzo con il sorpasso e quel +1 mantenuto fino all’ultima giornata. Una striscia impressionante di 14 vittorie consecutive (eguagliato il record stabilito dal City lo scorso anno) e un girone di ritorno monumentale, caratterizzato da 18 vittorie nelle ultime 19 partite, hanno spinto il titolo verso Manchester.

 

La passione dei tifosi del Liverpool ieri, all’Anfield Road (foto Catherine Ivill/Getty Images)

 

Al Liverpool non è bastata una stagione superlativa: i 97 punti totalizzati avrebbero consentito di vincere comodamente le ultime 25 edizioni, ma non quelle del dominio targato Guardiola, capace di collezionare 198 punti in due anni. Il catalano festeggia la decima stagione in panchina mettendo in bacheca l’ottavo campionato della sua già epica carriera, fatta di idee, dettagli e soprattutto vittorie. A Klopp rimane il rammarico di un campionato quasi perfetto, vinto alle ore 16:27 di ieri, con la rete di Mané e il contemporaneo vantaggio inatteso del Brighton. Una gioia durata il tempo di un attimo, fulmineo come il pareggio del Kun e il vantaggio di Laporte, che ha definitivamente riportato il trofeo a Manchester in un back-to-back nell’era Premier riuscito solo in questa città, prima da parte della sponda rossa, ora anche da quella celeste.

 

A Liverpool rimane la dolce consolazione di potersi giocare l’alloro più importante nello scontro fratricida con il Tottenham di Pochettino tra qualche settimana, mentre il City potrebbe già il prossimo weekend completare un ‘Treble’ dal valore tecnico immenso se dovesse imporsi a Wembley contro il Watford. E forse sarebbe un finale adeguato, un riconoscimento meritato alle due squadre che più hanno nobilitato il gioco in questa stagione, un dominio totale nazionale di una e la consacrazione internazionale dell’altra restituirebbero la rappresentazione più elevata del calcio mondiale. Al netto di congetture e possibili scenari, ci rimane impressa l’immagine di Noel Gallagher entusiasta festeggiare nello spogliatoio del City e cantare con la squadra e per la squadra Wonderwall. Noi, con gesto meschino, ce ne impossessiamo e idealmente la dedichiamo a questa Premier League, la meraviglia straordinaria di questa stagione calcistica.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Gianluca Palamidessi
19 Marzo

Le lacrime di Robinho

Il chicco di grano che non diede frutto.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Giacomo Manini
12 Dicembre

La fine dei ruoli

Il calcio posizionale è una filosofia che ha cambiato e cambierà per sempre il gioco: l'ultima deriva è la scomparsa dei ruoli.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Calcio
Eduardo Accorroni
20 Novembre

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Calcio
Eduardo Accorroni
21 Agosto

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Critica
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Calcio
Angelo Massimo Tuttobene
18 Novembre

God bless the Rovers

Il sogno inglese del Blackburn.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Calcio
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Calcio
Remo Gandolfi
4 Aprile

Bere Eddie Howe e ubriacarsi del Bournemouth

Il figlio più amato di Bournemouth sta scrivendo un romanzo calcistico.
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Novembre

Quale autodeterminazione dei popoli nel calcio

Il caso Pep Guardiola. L'ideologo del tiki-taka alle prese con l'identità calcistica inglese.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Calcio
Remo Gandolfi
20 Ottobre

Manchester United v Liverpool. Crisi e gloria di una sfida eterna

Oggi come ieri. Alla crisi dei Red Devils risponde l'epoca d'oro dei Reds.
Recensioni
Gezim Qadraku
22 Aprile

Febbre a 90°

Il film che spiega cosa significa essere un tifoso di calcio.
Calcio
Gianluca Palamidessi
12 Luglio

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile

Sadio Mané come modello di integrazione

Conservare Dio e le radici. Ignorare i media. Vincere.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Marzo

Lo Sheffield United sta tornando

Sheffield è la città del football, e quest'anno lo United vuole tornare dove gli impone la storia.
Calcio
Matteo Coral
10 Febbraio

Newcastle Upon Tyne: andata e ritorno

Dal quinto posto in Premier al primo in Championship, con tappa all'inferno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
Storie
Alberto Fabbri
12 Aprile

Che fine ha fatto l’Arsenal?

7 Maggio 2006, addio ad Highbury: quel giorno è morto l'Arsenal.
Calcio
Luca Giorgi
2 Ottobre

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
8 Ottobre

Alan Shearer, dall’Inghilterra profonda

Simbolo non solo di Newcastle, ma di un'Inghilterra antica.
Storie
Alberto Fabbri
2 Giugno

Goodbye, my Grand Old Lady

Il mito di Goodison Park, a pochi mesi dalla sua fine.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Calcio
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Calcio
Simone Galeotti
23 Novembre

Suffolk Song

C'era una volta l'Ipswich Town.
Recensioni
Gianluca Losito
26 Aprile

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Roberto Gotta
8 Aprile

I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley

Cronistoria del tormentato rapporto tra i tifosi del Newcastle United e il loro presidente.
Storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Ritratti
Enrico Leo
2 Settembre

Bill Shankly è un mito di popolo

L'epopea dell'allenatore più amato dalla Kop.
Calcio
Gianmarco Monaco
15 Aprile

Britannia d’altri tempi

Alla scoperta del Burnley FC, un club che ha fatto dell'identità il suo punto di forza.
Calcio
Luigi Fattore
24 Ottobre

È solo il tempo di Hazard

Dopo nove giornate di Premier il Chelsea di Sarri è ancora imbattuto e a tratti incanta. Merito anche della libertà di azione di cui dispone il suo fuoriclasse.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Ritratti
Ignazio Campanella
26 Luglio

Il fu Aljaksandr Hleb

Una carriera sbagliata: così si può riassumere la parabola calcistica di Aljaksandr Hleb.