Carrello vuoto
Altro
3 Ottobre

La nuova avventura del Pistolero

Alberto Contador ama troppo la bicicletta per separarsene del tutto: ecco come nasce la sua nuova squadra giovanile, con tanta Italia dentro.

Un’inezia la distanza tra Madrid e Pinto, appena venticinque chilometri, ma in quel viaggio di ritorno c’era tutta la carriera di Alberto Contador, dopo aver concluso l’ultimo grande giro. Ormai da diversi mesi aveva iniziato a frequentare sempre meno Lugano per tornare alle origini, per iniziare a preparare una seconda carriera nel ciclismo e dare qualcosa in cambio a quella gente che non ha mai smesso di amarlo. Pinto è un quartiere dormitorio alle porte della capitale, è il centro geografico esatto della Spagna e qui lo hanno omaggiato intitolandogli prima un velodromo e poi una Marcha Cicloturista, una granfondo esigente che si tiene ogni anno con tifosi e appassionati che pedalano con il loro campione. Le strade sono le stesse di quando El Pistolero da ragazzo si appassionò alla bici, iniziando a staccare gli amici sulle colline che circondano la sua cittadina in sella a una Orbea color azzurro. Il fuoriclasse è sbocciato qui, non è un caso che nel 2010 abbia avviato proprio a Pinto una Fondazione per avvicinare i ragazzi al ciclismo:

«Ricordo le difficoltà economiche dei miei genitori a comprarmi l’attrezzatura necessaria. Vorrei dare a chiunque una possibilità di andare in bici, questo sport insegna prima di tutto dei valori».

Contador alla partenza della Granfondo a suo nome lo scorso anno
Contador alla partenza della Granfondo a suo nome lo scorso anno

In una foto ufficiale ecco il campione circondato dai suoi ragazzi, con il pollice alzato e tutti con le divise ufficiali con la scritta Fundación Alberto Contador, che tra l’altro annovera una formazione juniores e una Under 23. Il passaggio di consegne ideale si è concretizzato durante l’ultima trionfale scalata di Contador sull’Angliru: il Moloch asturiano dominato dall’inizio alla fine. Ma a un certo punto si è messo davanti per dargli una mano un ragazzo maiorchino, di 22 anni, uno degli elementi di spicco del ciclismo iberico dei prossimi anni. Enric Mas è cresciuto proprio nella Fondazione di Contador, sulla penultima ascesa della Vuelta è stata la degna chiusura del cerchio con il ragazzo che corre per la Quick Step ma decide di rendere onore al “suo” capitano aiutandolo in salita, spingendolo verso l’ultima recita trionfale. Al momento dei saluti Contador lo ha messo in risalto: «Il ciclismo va avanti, io ho fatto il mio e voglio continuare a farlo. Vedere Mas al mio fianco sull’Angliru mi ha riempito di orgoglio perché è un ragazzo cresciuto nella mia Fondazione sin dal primo anno, sin da quando ha iniziato a correre in bicicletta. Il futuro è dalla sua parte, spero diventi il simbolo del ricambio generazionale».

Il Pistolero con Enric Más quando militava nel suo team under 23
Il Pistolero con Enric Más quando militava nel suo team under 23

Il ritiro annunciato il 7 agosto scorso ha dato un nuovo impulso al progetto, visto che sta per nascere una nuova squadra Continental. Di fatto sarà il gruppo giovanile di Contador, ereditando il lavoro della Fondazione e diventando a tutti gli effetti il vivaio della Trek-Segafredo. Il quartier generale resterà a Pinto, le bici saranno ovviamente griffate Trek e alle spalle ci saranno, per almeno tre anni, due sponsor importanti come l’azienda statunitense Polartec (leader sul mercato dei tessuti sportivi ad alta prestazione) e l’italiana Kometa, impegnata nel settore alimentare. Per la Trek-Segafredo cambierà l’impostazione del sistema giovanile, visto che fino a questa stagione la squadra aveva adottato il classico sistema dei direttori sportivi incaricati di supervisionare le diverse aree di competenza per pescare nuovi talenti. Ma per il team manager Luca Guercilena non sarà una novità, visto che l’idea di creare un settore giovanile tutto proprio l’aveva già sperimentata ai tempi della Mapei a fine anni Novanta. Quanto all’addio di Contador, il fatto che sia arrivato a stagione in corso da un lato libera risorse economiche portando il budget fino a 18 milioni di euro, ma dall’altro impone di trovare un sostituto all’altezza nel momento in cui si sono già accasate pedine importanti come Nieve, Landa, Barguil, Pozzovivo e Meintjes. Potrebbe essere tardi anche per Fabio Aru, vicino alla Uae Emirates di Saronni.

.

Se nei piani di inizio stagione c’era almeno l’intenzione di partecipare al Giro 2018, la decisione di Contador di dire basta è arrivata nel corso dell’ultimo Tour de France. Durante la conferenza stampa alla vigilia della Vuelta partita da Nimes ha individuato anche un momento preciso: «Sono arrivato in Francia in perfetta forma e nel peso ottimale, ma nella tappa di Chambery mi sono reso conto di non essere più in grado di controllare certe circostanze». Il riferimento è alla rocambolesca nona tappa, dove oltre a Porte e Thomas cadde anche lui in discesa dal Col de la Biche. Il Mont du Chat fu un calvario e arrivò al traguardo con quattro minuti di ritardo. Per due tappe ha indossato il numero rosso da super combattivo di giornata, sul Galibier ha dato spettacolo, come gli è sempre piaciuto fare e lo ha ribadito il giorno dell’addio:

«Vorrei essere ricordato come un corridore coraggioso, che per cercare la vittoria non ha mai avuto paura di perdere un buon piazzamento».

Quest’anno è stato secondo alla Ruta del Sol (persa per un 1’), alla Parigi-Nizza (persa per 2’’), al Catalogna e ai Paesi Baschi. Non avrebbe barattato il podio all’ultima Vuelta con la vittoria sull’Angliru: «Non poteva esserci finale più bello, chiudo quarto nella generale, ma questo buon sapore in bocca me lo porterò per sempre. E’ una vittoria per la mia gente». Il mostro dominato dall’inizio alla fine, 43’50’’ di scalata (meglio di Jimenez nel ‘99 e Heras nel 2002) per diventare il primo corridore nella storia a vincere due volte su quello che è stato paragonato allo Zoncolan italiano.

Basso e Contador in maglia Tinkoff al Giro 2015 - foto Roberto Bettini/BettiniPhoto©2015
Basso e Contador in maglia Tinkoff al Giro 2015 – foto Roberto Bettini/BettiniPhoto©2015

«Darà l’opportunità a molti giovani di affermarsi». Così Contador ha sintetizzato la sua squadra giovanile che verrà. Ad accompagnarlo nell’evoluzione di questo progetto ci sarà Ivan Basso. L’ex corridore italiano sarà il team manager e con la dozzina di ragazzi che saranno coinvolti ha già in mente diversi training camp a Bormio, in Valtellina:

«Con Alberto uniamo amicizia e professionalità» ha affermato Basso «vogliamo ridare al ciclismo un po’ del molto che abbiamo ricevuto. Scoprire i futuri campioni è appassionante, ma il fascino sta anche nel riuscire a formarli prima di tutto come uomini».

Il direttore amministrativo sarà Fran Contador, il fratello-agente di Alberto che è sempre stata la sua ombra, accompagnandolo anche nel progetto della Fondazione e condividendo con lui l’abitudine a distinguere i veri valori della vita. Entrambi sono molto legati al fratello più giovane e hanno accudito Raúl, costretto su una sedia a rotelle per una paralisi cerebrale, quand’era necessario, Anche per questo motivo continuano a tener vivo il programma Bicis Para La Vida: chiunque può donare vecchie bici inutilizzate e un gruppo di disabili a Pinto si occupa di gestire il magazzino, facendo l’inventario e poi riparandole. Per regalarle a chi ne ha bisogno. 

 

La versione in borghese di Contador, a cui ci si dovrà presto abituare - foto di Juan Trujillo Andrades
La versione in borghese di Contador, a cui ci si dovrà presto abituare – foto di Juan Trujillo Andrades

.Il Pistolero il 6 dicembre compirà 35 anni, ha lasciato con 68 successi da professionista. Aveva cominciato nel 2003, al Giro di Polonia, ma da sempre ha affermato che quello più bello non è legato a nessuno dei tre grandi giri. Bensì è arrivato nel 2005, al Tour Down Under (a Willunga) dopo una fuga con Luis León Sánchez: fu il rientro alle corse dopo il problema al cervello di sei mesi prima, quando rischiò la morte in corsa alla Vuelta Asturias perché colpito da aneurisma congenito. Si era accasciato a bordo strada, stava morendo asfissiato prima che il medico della corsa gli salvasse la vita e ordinasse un intervento al cervello immediato ma allo stesso tempo rischioso.

«Quella tappa in Australia non mi ha dato popolarità e nemmeno un contratto migliore, ma resterà speciale»

ha detto il ciclista spagnolo celebre per la sua danza, alzandosi sui pedali al momento dell’attacco. Quest’anno in molti avevano prospettato un clamoroso ritiro dalla Vuelta dopo sole tre tappe, vedendolo arrancare già ad Andorra e finendo a 3’10’’ nella generale dopo il primo arrivo in salita. Eppure proprio da lì ha saputo ripartire, perché come ha affermato Beppe Martinelli (d.s. all’Astana con lui nel 2010) «Alberto è stato il più professionale che abbia mai avuto. Ogni mattina osservavo la sua perfezione maniacale e sembrava un ragazzo in cerca di fortuna. Uno come lui ti ammazza anzitutto con la testa». Fin sull’Angliru, il giorno prima del ritiro, ha tirato fuori tutto ciò che gli era rimasto. La sua gente ha applaudito, alzando bene in vista l’ennesimo striscione. Gracias por todo Alberto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.
Altri Sport
La Redazione
1 Maggio 2018

Bar Giro

Discussioni sul Giro d’Italia 2018, dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.