Carrello vuoto
Ritratti
7 Settembre

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.

Al Giro d’Italia (la “Corsa Rosa”, per antonomasia), esiste un unico precedente in cui sia stato ammesso un partecipante di sesso femminile. Si trattò dell’edizione del 1924, e quella partecipante si chiamava Alfonsina Strada. Nata con il nome di Alfonsa Morini nel 1891, figlia di una coppia di braccianti emiliani, salì in sella a una bicicletta all’età di dieci anni, quando il padre rimediò un vecchio ferro datato ma ancora funzionante. Fu amore a prima vista.

 

Alfonsina aveva appena 14 anni quando, di nascosto dai genitori, anziché andare alla Messa (come sosteneva) si cimentava nelle prime gare. L’inganno non durò a lungo, e la giovane atleta dovette incassare la proibizione paterna a proseguire con quella pratica. L’amore di Alfonsina per la bicicletta però era troppo grande, la passione per le due ruote e la gioia di montare in sella ardevano nel suo cuore di sportiva. E così, ben presto trovò un’altra strada per seguire questo amore; lo fece coniugandolo con un altro tipo di amore: sposò infatti un meccanico di nome Luigi Strada e andò a vivere insieme a lui a Milano.

 

alfonsina strada
Alfonsina durante un allenamento

 

Le prime vittorie della sua lunga carriera, Alfonsina le ottiene a Torino. La Città della Mole infatti aveva già una diffusa e radicata tradizione ciclistica: fin dal 1885 ospitava quell’organizzazione che ai giorni nostri ha assunto la denominazione di Federazione Ciclistica Italiana. Il fatto che anche alcune ragazze e donne praticassero questo sport non era motivo di scandalo o di allarme, anzi era ormai prassi consolidata e diffusa. Alfonsina non solo prese ad allenarsi regolarmente e gareggiare in tornei sempre più importanti, ma cominciò anche a vincere, battendo ben presto anche atlete maggiormente quotate. Si guadagna il soprannome di “Diavolo in gonnella”; la chiamano anche la “Matta”, per quella sua testardaggine a volere intraprendere un mestiere e una carriera di appannaggio tipicamente maschile.

 

Alfonsina non si lascia scoraggiare, continua a correre ed allenarsi. Le prime vere soddisfazioni arrivano dalla pista. Nel 1911 segna il record della velocità mondiale femminile. Ma il talento di Alfonsina richiede maggiore spazio e nuovi stimoli: si iscrive allora a una gara su sterrato a Stupinigi. Alla competizione partecipano cinquanta corridori maschi, e lei è l’unica donna; taglia il traguardo al settimo posto.

 

alfonsina strada
Alfonsina Morini in sella

 

Il risultato la rinfranca e così, quando lo scoppio della Grande Guerra causa la scomparsa delle gare femminili dal panorama sportivo nazionale, ottiene l’iscrizione al Giro di Lombardia del 1917. Riesce a completare l’intero tracciato piazzandosi all’ultimo posto. Negli anni successivi, Alfonsina continua ad iscriversi e partecipare ad altre gare maschili: l’anno successivo partecipa alla Milano-Modena e nuovamente al Giro di Lombardia. L’interesse mediatico intorno a lei va crescendo, e i giornali le affibbiano il soprannome di “Regina della pedivella”.

 

 

Per diversi anni aveva chiesto di partecipare al Giro d’Italia, ma la sua richiesta veniva sempre respinta. Nell’edizione del 1924, tuttavia, gli organizzatori si trovavano di fronte ad alcuni problemi: avevano rifiutato di corrispondere premi in denaro ai vincitori, e pertanto le principali squadre avevano rinunciato a prendere parte alla corsa. Il Giro era orfano di nomi altisonanti come quello di Girardengo o di Bottecchia: il rischio di un flop della manifestazione era concreto. Per cercare di salvare l’interesse della corsa si decise di ammettere eccezionalmente la presenza di Alfonsina. Il Giro 1924 prevedeva 3.613 chilometri distribuiti in 12 tappe; gli atleti al via erano circa novanta.

 

 

Con il passare delle tappe, la presenza di Alfonsina comincia ad essere notata, e a generare sia scherno che approvazione. Il tracciato duro le rendeva difficoltoso reggere il passo con i colleghi maschi, ma lei riesce comunque a limitare per diverse tappe il ritardo; a fine tappa, provata dai chilometri e dal ritmo sostenuto, si ferma comunque a distribuire cartoline autografate ai suoi sostenitori. Scrive la Gazzetta dello Sport:

 

“In sole due tappe la popolarità di questa donnina si è fatta più grande di quella di tutti i campioni assenti messi insieme. Lungo tutto il percorso della Genova-Firenze non si è sentito che chiedere: – C’è Alfonsina? Viene? Passa? Arriva? A mortificazione dei valorosi che si contendono la vittoria finale, è proprio così. […]

 

Alfonsina non contende la palma a nessuno, vuole solo dimostrare che anche il sesso debole può compiere quello che compie il sesso forte. Che sia un’avanguardista del femminismo che dà prova della sua capacità di reclamare più forte il diritto al voto amministrativo e politico?”.

 

Alfonsina Strada (Illustrazione di Cristina Portolano)

 

Giunge però il giorno della tappa L’Aquila-Perugia. A causa di diverse forature e qualche caduta, Alfonsina non riesce a tagliare il traguardo entro il tempo massimo; la giuria, con una decisione sofferta e per nulla unanime, decide di squalificarla dalla corsa. Viene però concesso – come compromesso – di seguire la Carovana Rosa e percorrere il tracciato con gli altri corridori, pure senza tenere i considerazione il suo tempo per la classifica finale. Alfonsina riesce a tagliare il traguardo di Milano insieme agli altri trenta corridori superstiti, coprendo interamente il tracciato del Giro d’Italia.

 

Quella partecipazione rimase l’unica, le successive richieste di iscrizione vennero sistematicamente rifiutate dall’organizzazione. Ma questo non tolse (anzi, forse avvalorò) il profondo significato simbolico, connesso alla (ma al di là della) battaglia di emancipazione femminile, né l’immensa poesia di una favola sportiva, fatta di impegno, tenacia, confidenza nei propri mezzi. Questi principi rimangono come sua eredità per i giorni nostri. Alfonsina Strada vinse in carriera 36 gare maschili, guadagnò i più sinceri complimenti di Costante Girardengo e morì di infarto nel 1959, mentre cercava di avviare la sua moto Guzzi per andare ad assistere all’arrivo del Giro di Lombardia.

 


Copertina Rivista Contrasti


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.
Altri Sport
La Redazione
1 Maggio 2018

Bar Giro

Discussioni sul Giro d’Italia 2018, dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Ritratti
Davide Bernardini
18 Aprile 2018

Andy Schleck

Ritratto del campione lussemburghese: il legame con il fratello, il talento cristallino, il dualismo con Contador, il coraggio, la fantasia.