Carrello vuoto
Calcio
28 Marzo

La feudalizzazione del calcio

Marco Telluri

4 articoli
Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.

Le diseguaglianze economiche nello sport, così come in ogni altro aspetto della vita, sono le conseguenze di quelle stratificazioni sociali sulle quali l’economia mondiale si regge. Ricorrendo al metaforismo proprio dello sport, potremmo esemplificare gli effetti di tali disparità osservando la griglia di partenza di qualsivoglia competizione motociclistica, dove si è allineati secondo una determinata scala di valori. In questo caso, però, il principio ordinatore è rappresentato sì dai cavalli dei motori in dotazione, ma soprattutto dal talento di cui ogni pilota dispone, l’unica componente umana in grado di soverchiare la rigidità di ogni schematismo. Lo sport nel tempo ha espanso enormemente i suoi confini, diventando un vero business. Il calcio, in questo panorama, guarda tutti dall’alto. I grandi talenti sono concentrati in poche squadre, perché chi comanda, in questo sistema, è il fattore economico. In tutti le competizioni accade con sempre maggiore frequenza che laddove non arriva il talento si riafferma il blasone. Non a caso alcuni anni fa Mario Sconcerti, uno di quelli che servendosi dei numeri cerca di restituire una logica ad uno sport che ne è apparentemente privo, ha messo nero su bianco uno degli assiomi del football moderno: “Vince chi ha più soldi”.

Nasser Al-Khelaifi, miliardario patron del Paris Saint-Germain con Leonardo, direttore tecnico della squadra francese
Nasser Al-Khelaifi, miliardario patron del PSG con Leonardo, direttore tecnico della squadra francese

A riprova della veridicità dell’assunto sconcertiano vi sono i dati dell’ultimo report stilato dall’Osservatorio del calcio italiano: una vera e propria fotografia dell’andamento, nazionale e non, del calcio globale. E’ sufficiente allungare lo sguardo sulle prime quattro posizioni della raccolta dati per trovare la ragione di un’egemonia – quella esercitata dai club afferenti ai quattro maggiori movimenti continentali per fatturato – che non non ha eguali nella storia. La graduatoria dell’Osservatorio vede infatti all’ultimo posto la FIGC, quarta forza economica a livello europeo con 1.905 milioni di euro di fatturato annuo; vi sono poi i tedeschi della DFB, terzi con 2.422 milioni di euro; secondi gli spagnoli della RFEF con 2.408 milioni di euro; infine, l’ irraggiungibile Football Association che, con ben 4.046 milioni di euro, rappresenta ad oggi il modello da seguire. Cifre che, pur non sembrando avere alcuna valenza dal punto di vista prettamente tecnico, certificano realmente quanto è sotto gli occhi di tutti: il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia. Gli effetti di tali disparità hanno raggiunto anche la nostra penisola pallonara: ormai da diverse stagioni, di fatto, la quota-salvezza si è stabilizzata su cifre ben più modeste rispetto al passato, quando i famosi “40 punti” erano la chimera di ogni formazione destinata a sgomitare nella colonna di destra della classifica. Consequenzialmente la faglia che storicamente oppone realtà calcistiche metropolitane e provinciali, e che di fatto costituisce la ragion d’essere del tifo locale, sembra oggi sempre più assumere i connotati di una vera e propria deriva.

“Il calcio oggi è sempre più un’industria e sempre meno un gioco” (Zdenek Zeman)

Una deriva di cui i magnati del pallone non sembrano preoccuparsi granchè: anzi, c’è chi come Aurelio De Laurentiis  istrionico patròn del Napoli – va ribadendo ormai da diverso tempo la necessità di sbrigliare l’élite del calcio continentale dai relativi contesti nazionali, al fine di ovviare a questa fase di stallo. Un vero e proprio “campionato europeo” quindi, una competizione che annoveri tra i suoi partecipanti solo i migliori team  provenienti dai più importanti movimenti europei. Un’idea, questa, certamente mutuata dalla European Rugby Champions Cup, la kermesse rugbistica per club più prestigiosa a livello continentale, che vede sfidarsi annualmente le migliori quindici franchigie delle federazioni di Francia, Galles, Irlanda, Inghilterra, Scozia e Italia. Senz’altro tale modello presenta degli indiscutibili vantaggi per i top club in questione: questi infatti vedrebbero ridursi drasticamente il numero di impegni annuali e, d’altra parte, riuscirebbero a capitalizzare come non mai il gettito di denaro proveniente dagli sponsor e dal pubblico pagante che, inoltre, vedrebbe allargarsi il proprio bacino d’utenza divenendo sempre più cosmopolita. Che poi ad aumentare la confusione, facendo da contraltare alle tendenze elitarie che spirano sulla UEFA, vi sono le politiche apparentemente sempre più inclusive al vaglio della FIFA. L’Europeo francese, da poco terminato, ha infatti segnato una drastica svolta rispetto alle edizioni precedenti: si è passati, e non senza poche polemiche, dalla canonica formula a sedici squadre a un torneo a ventiquattro rappresentative. Allo stesso modo è ufficiale il passaggio al Mondiale a 48 squadre dal 2026, e l’idea di un torneo internazionale itinerante (per coinvolgere quante più Nazioni possibile) sta trovando sempre più conferme. Il rischio è tuttavia che la pretesa di “dare il calcio a tutti” sia il parallelo calcistico delle “esportazioni di democrazia“, portando anche l’organizzazione a chi non è pronto o, soprattutto, nemmeno la vuole. La macchina organizzativa della Fifa si è mossa nel Paese carioca alla stregua di una multinazionale. Ecco dunque che laddove prima c’erano solamente favelas, sorgono ora delle enormi cattedrali. Cattedrali nel deserto. Per lo più, ironia della sorte, in Brasile, la terra del futbol bailado; di chi continua a far rotolare la pelota tra la sabbia; di chi, alla mancanza di infrastrutture ingegneristiche ha sopperito mettendo il “genio” nei piedi.

16933702_989338617868514_1081638609_n
Un’immagini più che esemplificative
Immagini più che esemplificative

Appaiono ormai distanti i fasti degli anni Novanta, durante i quali a far da contraltare alle primizie tecniche di cui disponevano le “sette sorelle” vi erano calciatori della caratura di Bierhoff e Guardiola (tanto per citarne alcuni) le cui giocate, oltre a illuminare i campi di provincia, conferivano di giornata in giornata quell’affascinante imprevedibilità del calendario, divenuta ormai materiale da amarcord. Ad oggi, in Italia quanto in Europa, si sta affermando una vera e propria situazione di oligopolio, dove un esiguo manipolo di club con liquidità inedita e sede nei grandi centri metropolitani – a livello formale, essendo molto spesso le proprietà assenti per operazioni finanziarie in giro per il mondo – sta viaggiando a una velocità incredibilmente maggiore rispetto all’andamento reale del calcio.

“Credo che i giocatori e il moderno mondo del calcio debbano capire che stiamo vivendo al di sopra delle nostre possibilità” (Giacinto Facchetti)

Emblematico a tal proposito è il metodo con il quale questi club si approcciano alla compravendita dei giocatori: spigolando i migliori prospetti in circolazione, gli scout al servizio di questi club – incuranti dell’entità dei costi dei vari cartellini – li sradicano ancora troppo acerbi per trapiantarli in contesti per i quali è necessaria una crescita più graduale. Un modo di fare mercato che, diversamente da quanto accadeva in passato, riduce drasticamente il tempo di gestazione della promessa calcistica; nel caso infatti non si disponesse di quella classe cristallina necessaria per emergere nell’immediato, sempre più spesso alcuni talenti si vedono perdere nel mare magnum del football odierno. Per giunta, a causa della prepotenza che caratterizza questi mercati, si è ormai smarrito ogni legame tra valore economico e valore tecnico del calciatore. Basti pensare ad alcuni trasferimenti degli ultimi anni: gli oltre 100 milioni per Pogba, 90 per Higuain, 80 per James Rodriguez (comprato per fare da due anni il panchinaro di lusso), ma anche i quasi 30 milioni spesi per Iturbe dopo una buona stagione con l’Hellas Verona. Tutto ciò appare esemplificativo di una deriva inarrestabile, in cui si spostano milioni come si fa nelle “sedi” della finanza internazionale.

“L’essenza del calcio attuale? Il Calciomercato. Oggi tutti i giocatori possono cambiare casacca da un momento all’altro. E’ il regno dell’Insecuritas totale. La lotta di tutti contro tutti” (Maurizio Mosca)

Ad ogni modo, a fare le spese di questo mercato selvaggio sono i club di piccola-media grandezza i quali, perdendo inesorabilmente terreno dinanzi alle multinazionali del pallone, si stanno riducendo ad anticamere calcistiche in cui i migliori giocatori fanno solo balenare il proprio talento. Questo non è un danno ovviamente solo per i club in sé, ma anche per il campionato nazionale a cui partecipano: torna il discorso della quota salvezza a quaranta punti che ormai è diventata un miraggio, per non parlare di squadre a metà classifica che in altri contesti avrebbero lottato per la retrocessione, e che certamente non sono in grado di insidiare né di disturbare la lenta e lunga marcia delle più forti. Insomma, appare chiaro che, laddove vi sia uno squilibrio economico che interessi tanto i singoli club quanto i movimenti nel loro insieme, si assiste ad un’inevitabile perdita di stabilità generale che implica, a sua volta, un’inevitabile affermazione di un duo/monopolio destinato a occupare la scena per anni. Accadeva questo in Bundesliga – un campionato storicamente egemonizzato dal passo dispotico del Bayern Monaco – che da qualche lustro a questa parte, in coincidenza col programma di rinnovamento varato dalla DFB, ha assistito ad una sensibile crescita della qualità media delle sue partecipanti tanto da insidiare prima, e superare poi, la vecchia Serie A. La FIGC ha invece percorso a ritroso il cammino del calcio tedesco. Dopo l’acme del mondiale 2006 infatti – escludendo la coriacea resistenza juventina e l’exploit dell’Inter di Mourinho, che all’epoca rappresentava la più classica delle cattedrali nel deserto – si è assistito dapprima a un declassamento generale (che ha interessato in particolar modo la nobiltà meneghina), quindi a un capovolgimento dei valori dello stesso campionato: si sono infatti imposte realtà quali Roma, sponda giallorossa, e Napoli, squadre che per numero di tifosi ed entità numerica delle città saranno destinate a recitare un ruolo da protagonista in un calcio sempre più suscettibile ai cambiamenti geopolitici (almeno a livello nazionale, considerato che non appaiono ancora pronte a insidiare le big del calcio europeo). Chissà se il tempo darà ragione alla novella Super League cinese, un torneo che dal punto di vista economico e demografico sembra poter insidiare Europa e Sud America. La vera sfida orientale si dovrà infatti giocare sul piano della cultura calcistica: quest’ultima non la si compra, ma va coltivata instillando la stessa passione che ha fatto impazzire due continenti. Ai posteri, e ai cinesi, l’ardua sentenza.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Estero
La Redazione
19 Marzo 2022

Haaland, quando troppo è troppo?

Prima o poi ci sarà un limite.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Italia
Guglielmo Russo Walti
29 Gennaio 2022

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre 2021

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre 2021

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Giugno 2021

Il calcio ha bisogno del TSO

L'Uefa ha costretto la Danimarca a giocare contro la Finlandia.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Basket
Filippo Chili
31 Maggio 2021

L’incredibile impresa del Partizan de Fuenlabrada

Una vicenda immortale (e surreale).
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
22 Aprile 2021

UEFA e FIFA, non ci sono poteri buoni

Le anime belle non sono credibili.
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile 2021

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Altro
Alessio Masala
19 Febbraio 2021

I Francesi hanno inventato (quasi) tutto

FIFA, Coppa Rimet, Pallone d'oro, Coppa dei Campioni, F1 etc.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.