Carrello vuoto
Ritratti
31 Maggio

Daniele Massaro

La storia di Daniele Massaro. Giocatore tuttofare, uomo della provvidenza.

“Provvidenza” è il termine che teologicamente indica la sovrintendenza di Dio, che porta a compimento il destino degli uomini. “Provvidenza” è anche l’appellativo dato dai tifosi milanisti a Daniele Massaro all’inizio degli anni novanta, e non è difficile capirne il perché. Come la forza divina percorre vie umili e insospettabili, quasi invisibili, prima di palesarsi all’ultimo per indirizzare situazioni difficili, al limite dell’impossibile, anche lui ha sempre tenuto un profilo basso, operaio, da giocatore tuttofare, salvo poi scoprirsi decisivo nei momenti più caldi.

 

Massaro nasce a Monza nel 1961, vicinissimo al luogo in cui diventerà Provvidenza, ma lontano da quello in cui si farà uomo. In Brianza arrivano i primi calci al pallone e le giovanili nella squadra della sua città, con cui, appena diciottenne, esordisce in Serie B. Due anni dopo, nell’estate del 1981, passa dal Monza alla Fiorentina in Serie A, dove impiega poco tempo a ritagliarsi un posto titolare in una squadra sorprendente, che arriva fino al secondo posto in campionato.

 

massaro
Daniele Massaro in azione con la maglia della Nazionale

 

È a Firenze che inizia a farsi apprezzare ad alti livelli, tanto da meritarsi persino la Nazionale di Bearzot in sei occasioni, fra il 1982 e il 1986. Gioca prevalentemente come mediano di spinta, ma in un campionato di rose corte e numeri variabili come quello dell’epoca riesce a mettersi in luce nei ruoli più svariati, a seconda di assenze e necessità. In poco tempo, Massaro diventa un jolly preziosissimo, un tuttofare che fa della duttilità e della velocità la sua arma migliore.

 

Così, quando nell’estate del 1986 lo cerca il Milan, lui è già un giocatore affermato. Non è, però, un fuoriclasse, uno da copertina; soprattutto, non è ancora provvidenziale. Ovvio quindi che quando Berlusconi lo acquisti, sborsando l’allora cifra record di quasi 7 miliardi di lire, i pareri siano controversi. In superficie, c’è chi dice che Massaro non valga la cifra spesa, in quanto si tratta soltanto di un ottimo mestierante; in fondo, c’è chi vede nel suo esoso acquisto l’emblema di come stia cambiando il calcio, dedito a spese folli anche per acquisti minori.

 

In ogni caso, la prima stagione al Milan, quella 1986-1987, conferma quanto di buono visto alla Fiorentina, tanto che, finito nel frattempo sulla fascia sinistra, Massaro si mostra subito decisivo. A maggio, dopo la sostituzione in corsa di Liedholm con un giovanissimo Fabio Capello, il Milan si gioca lo spareggio per la Coppa Uefa, contro la Sampdoria di Boskov. Un obiettivo, la presenza in Europa, che per Berlusconi è fondamentale. Ci pensa Massaro, con un colpo di testa ai supplementari, a sbloccare un match tesissimo. 1-0, Milan in Europa e Provvidenza che batte il suo primo colpo. L’operaio duttile, il corridore di fascia, per quel pomeriggio, è un eroe.

 

Massaro bussa una prima volta

 

Potrebbe essere l’inizio di una favola, ma non sarà così. L’estate del 1987 è, infatti, quella in cui cambia tutto: arriva Sacchi, e con Massaro i rapporti non saranno idilliaci. Il monzese finisce fra le riserve, per tornare in campo solo in caso di assenza di qualche titolare. Fra il 1987 e il 1991 gioca da centravanti e da ala, da titolare e da subentrante, rispondendo ad ogni chiamata. Gioca spesso, ma lo fa sempre da alternativa, solo quando mancano i vari Donadoni, Evani, Gullit e Van Basten e viene persino rinnegato, finendo un anno in “esilio” alla Roma (1988-1989).

 

Poi però la ruota gira: nel 1991 al Milan torna Capello, con cui Massaro cinque anni prima aveva condiviso il trionfo dello spareggio Uefa e che nutre per lui grande stima. La fama è ancora quella di duttile sacrificatore, di tappabuchi di lusso, ma la fiducia che Don Fabio nutre per lui si rivelerà decisiva. È il 18 aprile 1992 e a Milano si gioca un derby decisivo per la fuga verso lo scudetto. Quando tutto sembra spegnersi, all’89esimo arriva Massaro, decisivo: ancora di testa, ancora 1-0, stavolta sull’Inter. Stavolta, per i milanisti, la gioia è doppia: oltre al derby vinto, c’è anche la fuga scudetto decisiva.

 

Il colpo di testa che decide il derby del 18 aprile 1992

 

Dopo aver percorso un giro lunghissimo, fatto di sacrifici e di stagioni rinnegate, la provvidenza alla fine è arrivata, ha battuto il suo colpo decisivo, instradando il Milan verso il tricolore. Ma è solo l’inizio di una serie di rivincite personali, che porteranno i rossoneri ad altri grandissimi trionfi. Nelle stagioni successive, nonostante una rosa con vari campioni là davanti (Papin, Savicevic e lo stesso Gullit), quando Van Basten si eclissa a causa dei problemi fisici, per Capello il centravanti titolare diventa Massaro, il cui trascorso a tuttocampo sembra un lontano ricordo ora che gioca stabilmente sotto porta. Per i tifosi diventa ufficialmente Provvidenza; lui li ripaga a suon di gol insperati, in momenti che sembrano stregati, che valgono altri due scudetti.

 

A 32 anni vive una seconda giovinezza, la prima da centravanti puro, tanto che nel 1993-1994 si laurea addirittura capocannoniere dei rossoneri, con 16 gol stagionali. Quasi tutti nella seconda parte di stagione, quasi tutti quando nessuno se l’aspettava più. In assoluto, le due reti più importanti – della stagione e della sua carriera – arrivano la sera del 18 maggio 1994. Si gioca Milan – Barcellona ed è la finale di Champions League sulla carta più difficile per i rossoneri, falcidiati da infortuni e squalifiche. Gli spagnoli ci credono, ma non hanno fatto i conti con Massaro: doppietta, 4-0 finale e trionfo milanista.

 

Provvidenza ha trascinato ancora i rossoneri, stavolta nella loro partita più importante. A fine partita i riflettori sono tutti per lui, per questo centravanti prossimo ai trentatré, che era partito come tappabuchi di qualità, era stato rinnegato e ora vive da protagonista una delle più grandi imprese europee di una squadra italiana.

 

La favola di Massaro potrebbe anche concludersi qui, ma c’è ancora un’ultima rivincita da prendersi, l’ultimo cerchio da chiudere. Perché la provvidenza parte da lontano, si muove sottotraccia, a volte sembra perdersi, ma arriva sempre a destinazione. Si gioca Usa 94 e Sacchi stavolta non può fare a meno di convocarlo, in veste di centravanti. Dopo anni è di nuovo Nazionale, è di nuovo Sacchi.

 

 

Con l’Italia, il monzese ripete la parabola già intrapresa nei club: inizia come riserva dei più scintillanti Signori e Casiraghi, ma diventa ben presto titolare, segnando anche il gol decisivo per il passaggio agli ottavi contro il Messico, a due minuti dal suo ingresso in campo. Gioca insieme a Roberto Baggio, che è la vera star del mondiale, fino alla finale sciagurata di Pasadena, dove sarà anche uno dei rigoristi della lotteria finale. Sbaglierà – insieme a Baresi e allo stesso Divin Codino – e alla fine sarà un amaro secondo posto, anticamera di un’ultima stagione al Milan e della tranquilla pensione nipponica, allo Shimizu S-Pulse. Per lui, per il momento, può andar bene così.

 

 

Negli anni, Massaro è sempre rimasto in orbita Milan, lavorando a lungo nel settore delle pubbliche relazioni rossonere. Chissà che prima o poi non possa ancora trascinare il Milan al successo. Del resto, si sa, la provvidenza batte sempre strade silenziose e insospettabili.

.


Copertina Rivista Contrasti


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.