Carrello vuoto
Italia
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Luca Pulsoni

81 articoli
Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.

Per Eduardo Galeano avrebbero potuto chiamarlo «martire, paganini, penitente, pagliaccio da circo». Il ruolo del portiere, «spettatore, ma con occhi da protagonista, felino che ha bisogno di pazienza», parafrasando Jorge Valdano, sublima la solitudine ed esalta l’imperfezione. Il portiere si pone in una dimensione interlocutoria: ondeggia tra errore e prodezza per inebriarsi di un’aura di invincibilità o sprofondare nella voragine del peccato.

L’Italia ne ha creato una scuola, la migliore del mondo: Albertosi, Sarti, Zoff, Tancredi, Zenga, Buffon, Donnarumma. L’arte della parata, estetica del prodigio. Una bottega preziosa saccheggiata dal calcio globalizzato: i brasiliani hanno aggiunto tecnica, gli argentini classe, gli scandinavi una rigida disciplina. Ne deriva un volto trasfigurato: il portiere regista e prima fonte di gioco per costruire l’azione ed eludere il pressing avversario.



L’Italia ha seguito la via del cambiamento ma ne è uscita ridimensionata. La partenza di Donnarumma, alfiere della Nazionale di Mancini come lo fu Zoff per Bearzot e Buffon per Lippi, ha lasciato un vuoto tecnico e simbolico. La prima giornata di Serie A ha segnato il sorpasso dei portieri stranieri su quelli italiani: 13 a 7. Ma c’è di più: delle prime sette squadre dello scorso campionato, soltanto il Napoli ha schierato un portiere italiano titolare, il friulano Meret. La porta delle grandi parla polacco (Szczesny alla Juventus), sloveno (Handanovic all’Inter), francese (Maignan al Milan), portoghese (Rui Patricio alla Roma), argentino (Musso all’Atalanta) e spagnolo (Reina alla Lazio).

Insieme al Napoli, restano fedeli alla tradizione italiana Sassuolo (Consigli), Cagliari (Cragno), Genoa (Sirigu), Sampdoria (Audero), Udinese (Silvestri) ed Empoli (Vicario). Nella nuova geografia dei numeri uno, la nazione straniera più rappresentata è la Polonia con lo juventino Szczesny (disastroso contro l’Udinese), il viola Dragowski (espulso contro la Roma) e il bolognese Skorupski. Due gli sloveni (Handanovic e il salernitano Belec), a seguire il serbo Milinkovic-Savic del Torino, il croato Pandur dell’Hellas Verona e il filandese Mäenpää del Venezia.

Uno scenario impoverito dalla triste fuga parigina di Donnarumma e da una reiterata miopia nei confronti degli estremi difensori nostrani. Un esempio su tutti: Marco Carnesecchi, 21enne di proprietà dell’Atalanta e già portiere italiano agli europei Under 21 – oltre che nell’ultima sfida di Coppa Italia tra Torino e Cremonese -, destinato a militare per un’altra stagione con i grigiorossi in Serie B. Qualità sprecata.

Eppure c’era un tempo in cui regnava l’abbondanza. La concorrenza italiana era soffocante e qualcuno trovò asilo in lidi stranieri. Due i simboli della più o meno nutrita pattuglia di portieri italiani all’estero: Flavio Roma, passato dalla periferia piacentina al Principato di Monaco, e Carlo Cudicini, balzato dal miracolo Castel di Sangro al Chelsea di Gianfranco Zola. Erano i tempi in cui la qualità sgorgava persino dalla modesta provincia. Per i portieri italiani era una consolidata epifania. «Ma in Italia era difficile», ricorda Roma, che da esiliato accarezzò il sogno Champions piegandosi al Porto di Mourinho nel 2004. Per lui il Monaco non fu riscatto «ma un’occasione presa al volo».

Imporsi nella patria dei portieri fu arduo anche per Cudicini, figlio di Fabio, mitico ‘Ragno Nero’ del Milan campione di tutto tra gli anni ’60 e ’70. Cudicini diventò idolo di Stamford Bridge negli anni di Vialli, Zola e Ranieri, ancor prima di Ancelotti, Conte e Sarri. La rivista FourFourTwo lo ha eletto sesto miglior portiere di sempre della storia della Premier League, con ben 64 clean sheets in 161 gare. A dimostrazione che per un portiere italiano c’era vita oltre la Serie A.

Oggi lo scenario sembra capovolto. Roma e Cudicini erano le deroghe al potere italiano, eccezioni che esaltavano la nostra scuola all’estero. Ambasciatori del Made in Italy, Roma e Cudicini sono stati anche precursori, tra meteore (Mannone all’Arsenal e Padelli al Liverpool), vecchie volpi in cerca di riscatto (Sorrentino tra AEK Atene e Recreativo Huelva e Storari al Levante) e miti affamati di gloria (la sfortunata parentesi al PSG di Buffon dopo il primo divorzio con la Juve).

La giornata no di Szczesny negli highlights della sfida contro l’Udinese

Il mercato interno, invece, ha voltato sempre più le spalle al talento italiano. «Ma resto convinto che la scuola italiana dei portieri sia ancora la migliore», ha detto alla Gazzetta dello Sport Walter Zenga. Dello stesso avviso anche Luca Marchegiani, che al Corriere della Sera aggiunge: «Semplicemente sta accadendo con i portieri quello che da tempo succede già in altri ruoli: a parità di qualità, i dirigenti scelgono uno straniero». Qual è allora il problema? «Incomprensibile – spiega l’ex portiere della Lazio scudettata – come in troppe squadre di media e bassa classifica giochino portieri che nulla hanno in più rispetto ai nostri, anzi».

Il portiere moderno ha guadagnato centralità nel gioco completando il processo che lo ha trasformato in un giocatore di movimento. Se vogliamo, la figura del vecchio numero uno si è appiattita quanto basta per perdere un pizzico del proprio fascino originario. Anche nel mercato segnato dal Covid, il portiere rimane comunque una delle basi solide su cui plasmare il resto della squadra. Basti pensare – rimanendo in Serie A – agli investimenti di Atalanta (20 milioni all’Udinese per Musso), Roma (11,5 al Wolverhampton per Rui Patricio) e Milan (13 al Lille per Maignan). D’altronde, in un contesto segnato dalla ricerca ossessiva di un calcio sempre più offensivo, la figura del portiere resta focale negli equilibri difensivi. Quasi a voler confermare la teoria del mito Zoff, secondo il quale «non esiste alcuna evoluzione del portiere, quanto un’evoluzione del gioco».

«È cambiato qualcosa, – ha spiegato in una vecchia intervista – di certo ora una squadra di calcio si rifugia più spesso dalle sue parti, fa in modo che la costruzione del gioco possa passare anche da lui. Però per me la cosa fondamentale resta la sua capacità di parare. È questa la differenza tra un portiere bravo e un portiere che non lo è».

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Gennaio 2022

Mazurkiewicz, il gatto con gli scarpini

Il più grande portiere nella storia dell'Uruguay.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.