Carrello vuoto
Calcio
27 Settembre

Quel centimetro in più

Luigi Fattore

46 articoli
Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.

Fatta eccezione per Andrea Pirlo, il cui apporto al calcio è stato troppo ingombrante per essere racchiuso in un perimetro spazio-temporale, si può dire che Claudio Marchisio – insieme a Daniele De Rossi – è stato il miglior centrocampista italiano degli ultimi dieci anni. Il ‘Principino’, che da poche settimane si è accasato allo Zenit San Pietroburgo, ha contribuito in maniera determinante alla rinascita della Juventus dopo la ‘bomba atomica’ di Calciopoli. Non solo attraverso il rendimento in campo – costantemente ben al di sopra della sufficienza –, quanto piuttosto per essersi fatto carico del rilancio della juventinità, precondizione irrinunciabile dei successi di Madama e che nei primi anni dopo la Serie B faticava a riaffermarsi.

 

È vero, in quel periodo di transizione si poteva ancora contare sulla classe e sul carisma di Buffon e Del Piero, ma era Marchisio, anche per la sua giovane età e per essere un prodotto del vivaio, l’affidatario delle speranze dei tifosi bianconeri che auspicavano un futuro nuovamente luminoso. Inoltre, dato non secondario, è proprio in mezzo al campo che la Vecchia Signora nel corso della sua storia ha espresso gli interpreti migliori dello spirito bianconero. Basti pensare ai Furino, ai Tardelli, ai Di Livio, ai Conte, senza dimenticare che anche lo stesso Boniperti chiuse la carriera da mezzala.

 

Tutti giocatori che, benché non fossero gli elementi di maggior classe presenti in rosa, al contrario costituivano la spina dorsale delle Juventus che si sono succedute nel tempo in quanto garantivano a getto continuo quel supporto ‘operaio’ – nel senso più nobile del termine – base fondante di ogni vittoria: Sivori, Platini, Baggio e Del Piero potevano talvolta permettersi di tirare il fiato, tanto c’era chi lavorava per loro.

 

Stagione 2011-12: il sodalizio vincente tra Antonio Conte e Claudio Marchisio, simboli della juventinità ritrovata (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

 

Da questo punto di vista, Marchisio è il giocatore che ha lavorato di più all’inizio dell’attuale ciclo vincente dei bianconeri, soprattutto sotto la guida di Antonio Conte. Il tecnico leccese, altro esponente della juventinità classica, è intervenuto sul giocatore ultimandone la maturazione tecnico-tattica e accentuandone la portata simbolica, consegnandogli le chiavi della squadra. Lo scudetto del 2012, il primo dei sette consecutivi e per certi versi il più importante della serie, ha avuto proprio nella prolificità sotto porta di Marchisio una delle spiegazioni più evidenti. Il numero 8 bianconero ha messo insieme la bellezza di 9 reti – tuttora il record personale di marcature in una stagione – sfruttando a meraviglia la sua propensione agli inserimenti senza palla.

 

Sobbarcandosi questo lavoro supplementare in zona gol, Marchisio è riuscito nella non facile impresa di mascherare l’indolenza di Vucinic e le limitate capacità tecniche di Matri e Pepe, mostrando una disponibilità totale perfettamente in linea con la tradizione bianconera. Ma i risultati eccellenti ottenuti svolgendo a tempo pieno le due fasi di gioco non gli hanno impedito di migliorarsi ulteriormente, anzi. L’opportunità di giocare con un fuoriclasse assoluto come Andrea Pirlo, il principale ispiratore dei suoi tagli, era una fortuna troppo grande per non apprendere anche qualche nozione di pura regia.

 

E infatti, pur non replicando la genialità del ‘maestro’ per ovvi motivi genetici, Claudio ha interpretato il ruolo di vertice basso di centrocampo con risultati apprezzabili, facendo la fortuna di Allegri – nel 2014 succeduto al dimissionario Conte – e consentendo a Pirlo di gestire al meglio le sue forze nella fase finale dell’esperienza in bianconero (conclusasi nel 2015).

 

L’esultanza di Claudio Marchisio dopo aver siglato il gol del vantaggio al Milan, in quello che poi si sarebbe rivelato stato uno scontro scudetto (2 Ottobre 2011, Torino – Foto di Marco Luzzani/Getty Images)

 

Anche se il vero capolavoro Marchisio l’ha realizzato nel 2016. Al termine della sua prima stagione giocata interamente nel ruolo di regista davanti alla difesa, che se da un lato ne ha soffocato la vocazione offensiva dall’altro è stata un’autentica manna per gli inserimenti di Khedira e la liberazione definitiva del talento di Pogba, Marchisio è salito in cattedra per spiegare una volta per tutte cosa si intende per “mentalità vincente”. Un concetto troppo sfuggente per essere colto nella sua essenza e che per questo si presta a non pochi abusi. Perché contrariamente a quanto si possa pensare, la mentalità vincente non precede le vittorie: le segue.

 

 

La mentalità vincente è una sorta di energia invisibile che necessita di essere attivata dopo la conquista di un titolo e non prima. È quella forza interiore che scongiura qualunque tipo di rilassamento e che impedisce a chi la coltiva di selezionare partite, competizioni o zone di campo in cui dare il massimo: il massimo lo si dà sempre, a maggior ragione quando non serve, perché in realtà serve sempre. Perché un trofeo puoi alzarlo anche senza questa dote, ma la realizzazione di un ciclo non può prescinderne. E alla Juventus interessano i cicli, non le vittorie sporadiche.

 

 

 

Questi e altri insegnamenti si ricavano dall’infortunio occorso a Marchisio nel match interno contro il Palermo giocato il 17 aprile 2016. Già da qualche settimana, i bianconeri avevano girato irrimediabilmente a proprio favore l’inerzia del campionato, mettendo tra sé e il Napoli una distanza di 6 punti a sei giornate dal termine, con gli azzurri per giunta che la sera prima erano stati battuti dall’Inter. Insomma, la partita con i rosanero si preannunciava di fatto come una sorta di passerella anticipata: i tempi per la celebrazione del quinto scudetto di fila erano più che maturi. A corroborare queste sensazioni anche il vantaggio siglato da Khedira dopo una decina di minuti su un suggerimento illuminante di Pogba.

 

Marchisio pochi istanti dopo l’intervento che gli costerà la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

L’1-0 contro un Palermo tutt’altro che indimenticabile e soprattutto il momentaneo +9 sul Napoli – che come detto aveva già giocato – avrebbero rilassato anche il più pessimista e il più scaramantico dei tifosi. Ma non un tipo come Marchisio, che percependo come cosa fatta la conquista del tricolore, ha pensato bene di portarsi avanti con il lavoro di rinnovamento della “mentalità vincente” senza aspettare la certificazione matematica dell’ennesimo trionfo, arrivata la settimana successiva a Firenze. Cinque minuti dopo il gol del giocatore tedesco, nel togliere la palla a Vazquez, Marchisio c’ha rimesso il legamento crociato del ginocchio sinistro.

 

 

L’azione si svolgeva sulla trequarti destra della metà campo juventina, una zona che in quel momento era presidiata da Cuadrado e Barzagli, per cui si potrebbe anche sostenere che non c’era bisogno di forzare un intervento forse innaturale. Ma un ragionamento di questo tipo è già intrinsecamente perdente perché mira a selezionare cosa è importante e cosa no. La foga con cui il Principino è andato su quel pallone innocuo sta a rappresentare la sua totale indifferenza rispetto alll’1-0, al +9 in classifica o al controllo che potevano eventualmente garantire i suoi compagni. E questo non per una mancanza di fiducia, ma perché in quel momento lui sentiva il dovere di difendere quel famoso “centimetro” di cui parla Tony D’Amato/Al Pacino nel celebre discorso in Any Given Sunday/Ogni maledetta domenica, film di Oliver Stone.

 

Quel centrimetro in più, concetto magistralmente espresso da Al Pacino nel celebre ‘Any Given Sunday’

 

Con la differenza che i giocatori di D’Amato stavano per scendere in campo per il match decisivo della stagione, per cui erano obbligati a dare il massimo; mentre Marchisio ha fatto qualcosa di più: pur di contribuire al rinnovamento della mentalità vincente è arrivato a “giocarsi la vita” in una partita (apparentemente) inutile. Quell’infortunio pregiudicò il prosieguo della carriera bianconera di Marchisio perché di fatto nei due anni successivi, anche dopo la completa guarigione, giocò pochissimo. Da qui la decisione di cambiare aria e trasferirsi allo Zenit, anche se i giocatori impiegati al suo posto nelle ultime stagioni non sono rimasti indifferenti all’eredità del Principino. Hanno preso in custodia quello stesso centimetro, pronti a giocarsi anche loro la vita pur di difenderlo.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Novembre 2021

La Juventus è tornata squadra

Il ritiro ha fatto bene ai bianconeri.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Emanuele Iorio
3 Ottobre 2021

La nuova dimensione del Barcellona

Da grandissima a piccola squadra.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Editoriali
Andrea Antonioli
24 Giugno 2021

Che stanchezza il calcio arcobaleno

Kneeling, rainbows and conformism.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Calcio
Francesco Sani
1 Dicembre 2020

100 anni di Empoli

Non si vive un secolo, a buoni livelli, per caso.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio 2020

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio 2020

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Calcio
Lorenzo Fabiano
19 Giugno 2020

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio 2020

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio 2020

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio 2020

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Calcio
Remo Gandolfi
9 Aprile 2020

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Papelitos
Federico Brasile
29 Marzo 2020

La Juventus fa da esempio

I giocatori bianconeri hanno deciso di tagliarsi lo stipendio.