Carrello vuoto
Papelitos
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.

Questa volta è toccato a Calvarese, domani chissà. Rimane però il problema di fondo: gli arbitri, che andrebbero aiutati – non basta la VAR, salutata dai sostenitori del progresso come i cristiani salutano il Cristo -, andrebbero però anche interrogati, proprio come ad essere interrogati sono i calciatori, gli allenatori, i presidenti e i dirigenti a fine partita. Perché gli arbitri non si presentano mai davanti alle telecamere (che non siano quelle in sala VAR, beninteso)? Perché, anziché dare una spiegazione o provare ad abbozzarne una, l’unica risposta che viene data dall’AIA è quella di squalificare gli arbitri in errore per tot turni?

Gli arbitri che hanno sbagliato torneranno ad arbitrare, ripetendo gli errori che ne avevano momentaneamente sospeso l’esercizio. E il circo mediatico tornerà a commentare i nuovi errori in un loop infinito in cui a perdere davvero il contatto con la realtà sarà chi il calcio lo vede e lo sostiene tutti i giorni: i tifosi, gli appassionati. Non è vero che l’arbitro non è tenuto ad andare davanti alle telecamere, sfatiamo questo mito dovuto ad un’usanza consolidata nel tempo più che ad una vera e propria motivazione di campo. Andare davanti alle telecamere non significa esporsi al pubblico ludibrio, né giustificare le accuse pendenti sul proprio capo, ma confrontarsi, capire, aiutare a (farci) capire. Errare è umano, perseverare – nell’oscurità – è diabolico.

Il punto è che gli arbitri non vivono nel proprio mondo. La VAR, questo obbrobrio del calcio moderno, li allontana ancor di più da una dimensione terrena – in tutti i sensi. In primis perché è assurdo che l’ultima parola spetti a chi guarda la partita, tra uno sbadiglio e l’altro, da una sala chiusa tra tre mura senza tastare con mano quanto accade in campo (ma prendendosi puntualmente la briga di decidere, da quella sala asettica, l’esito del gioco). In secondo luogo perché con la VAR in azione giustificare un arbitro diventa complicato. Per gli addetti ai lavori quanto per i tifosi e gli appassionati in generale. Se in assenza della VAR si andava al bar sport per parlare di malafede, tra il serio e il faceto, con la VAR in campo (si fa per dire) viene difficile scherzare sugli errori.

Quanto accaduto nelle ultime tre settimane, tra le visioni oniriche di Mazzoleni in sala VAR (prima in occasione di Napoli vs Cagliari, poi di Benevento vs Cagliari) e le allucinazioni di Calvarese durante Juventus vs Inter, è semplicemente patetico – nel senso etimologico del termine. Così dal patetico si passa al drammatico, al tragico e in un attimo al tragicomico. Valle a deridere, poi, le parole del presidente Vigorito, che nella follia del discorso sul complotto alle squadre del Sud – per mano della longobarda Cagliari – ci fa però tastare con mano la spaccatura profonda, insanabile, tra giudici (gli arbitri e la VAR) e giudicati (dai presidenti ai tifosi). Il punto è, ancora una volta, che i giudici emettono la sentenza senza farsi vedere, accusano senza mettersi (mai) davvero in discussione. Se lo fanno, come Orsato di recente, è per tornare su un episodio di tre anni prima.

Il rigore concesso a Cuadrado nella sfida di ieri sera è stato come la ciliegina su una torta già dilaniata da decisioni al limite dell’assurdo – come l’espulsione di Bentancur. Così, mentre dall’Inghilterra ci prendono in giro ridendo di certe decisioni arbitrali, nel Belpaese continuiamo a commentare questi errori/orrori per pura indole polemica – per antico spirito di moviola. Il problema è invece molto più profondo e riguarda lo stato di salute, diciamo pure il ritmo del nostro campionato – tra i più bassi in Europa e con risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Certamente il problema del nostro calcio è culturale e non riguarda solo gli arbitri, ma escluderli dal dibattito sarebbe un errore gravissimo. Coinvolgerli nel confronto è una necessità non più rinviabile.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Papelitos
Federico Brasile
4 Aprile 2022

Venghino siori, nel circo della Serie A

Di rigori, VAR e altre creature leggendarie.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
14 Marzo 2022

La sospensione di Guida non ha senso

Il grave errore è di Massa al VAR, e quindi dell'AIA.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Federico Brasile
6 Febbraio 2022

Il VAR è il peccato originale

Non ci convincerete mai.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Valerio Santori
19 Dicembre 2021

Ci mancava il VAR del VAR

La trasparenza della tecnica.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Novembre 2021

Il calcio è stanco di essere umano

La mania di controllo condannerà il football.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Valerio Santori
2 Novembre 2021

Il calcio non è danza classica

Bensì uno sport di contatto.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).