Carrello vuoto
Papelitos
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

Gianluca Palamidessi

127 articoli
La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.

Questa volta è toccato a Calvarese, domani chissà. Rimane però il problema di fondo: gli arbitri, che andrebbero aiutati – non basta la VAR, salutata dai sostenitori del progresso come i cristiani salutano il Cristo -, andrebbero però anche interrogati, proprio come ad essere interrogati sono i calciatori, gli allenatori, i presidenti e i dirigenti a fine partita. Perché gli arbitri non si presentano mai davanti alle telecamere (che non siano quelle in sala VAR, beninteso)? Perché, anziché dare una spiegazione o provare ad abbozzarne una, l’unica risposta che viene data dall’AIA è quella di squalificare gli arbitri in errore per tot turni?

Gli arbitri che hanno sbagliato torneranno ad arbitrare, ripetendo gli errori che ne avevano momentaneamente sospeso l’esercizio. E il circo mediatico tornerà a commentare i nuovi errori in un loop infinito in cui a perdere davvero il contatto con la realtà sarà chi il calcio lo vede e lo sostiene tutti i giorni: i tifosi, gli appassionati. Non è vero che l’arbitro non è tenuto ad andare davanti alle telecamere, sfatiamo questo mito dovuto ad un’usanza consolidata nel tempo più che ad una vera e propria motivazione di campo. Andare davanti alle telecamere non significa esporsi al pubblico ludibrio, né giustificare le accuse pendenti sul proprio capo, ma confrontarsi, capire, aiutare a (farci) capire. Errare è umano, perseverare – nell’oscurità – è diabolico.

Il punto è che gli arbitri non vivono nel proprio mondo. La VAR, questo obbrobrio del calcio moderno, li allontana ancor di più da una dimensione terrena – in tutti i sensi. In primis perché è assurdo che l’ultima parola spetti a chi guarda la partita, tra uno sbadiglio e l’altro, da una sala chiusa tra tre mura senza tastare con mano quanto accade in campo (ma prendendosi puntualmente la briga di decidere, da quella sala asettica, l’esito del gioco). In secondo luogo perché con la VAR in azione giustificare un arbitro diventa complicato. Per gli addetti ai lavori quanto per i tifosi e gli appassionati in generale. Se in assenza della VAR si andava al bar sport per parlare di malafede, tra il serio e il faceto, con la VAR in campo (si fa per dire) viene difficile scherzare sugli errori.

Quanto accaduto nelle ultime tre settimane, tra le visioni oniriche di Mazzoleni in sala VAR (prima in occasione di Napoli vs Cagliari, poi di Benevento vs Cagliari) e le allucinazioni di Calvarese durante Juventus vs Inter, è semplicemente patetico – nel senso etimologico del termine. Così dal patetico si passa al drammatico, al tragico e in un attimo al tragicomico. Valle a deridere, poi, le parole del presidente Vigorito, che nella follia del discorso sul complotto alle squadre del Sud – per mano della longobarda Cagliari – ci fa però tastare con mano la spaccatura profonda, insanabile, tra giudici (gli arbitri e la VAR) e giudicati (dai presidenti ai tifosi). Il punto è, ancora una volta, che i giudici emettono la sentenza senza farsi vedere, accusano senza mettersi (mai) davvero in discussione. Se lo fanno, come Orsato di recente, è per tornare su un episodio di tre anni prima.

Il rigore concesso a Cuadrado nella sfida di ieri sera è stato come la ciliegina su una torta già dilaniata da decisioni al limite dell’assurdo – come l’espulsione di Bentancur. Così, mentre dall’Inghilterra ci prendono in giro ridendo di certe decisioni arbitrali, nel Belpaese continuiamo a commentare questi errori/orrori per pura indole polemica – per antico spirito di moviola. Il problema è invece molto più profondo e riguarda lo stato di salute, diciamo pure il ritmo del nostro campionato – tra i più bassi in Europa e con risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Certamente il problema del nostro calcio è culturale e non riguarda solo gli arbitri, ma escluderli dal dibattito sarebbe un errore gravissimo. Coinvolgerli nel confronto è una necessità non più rinviabile.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
Altro
Alberto Fabbri
4 Settembre

Un popolo di santi, poeti e giocatori

Le carte, eterna passione arcitaliana.
Editoriali
Marco Gambaudo
22 Luglio

Il Genoa di Preziosi, cronaca di una mediocrità annunciata

Il progetto di Preziosi al Genoa sta naufragando: bilanci disastrosi, debiti vertiginosi e tasse non pagate, in una inquietante girandola di giocatori e allenatori.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Calcio
Ermanno Durantini
31 Maggio

Fare ordine nel caos

Per tutta la stagione la confusione ha regnato sovrana in casa Inter. In un futuro che appare costellato di luci e ombre, la certezza è una sola: l'Inter ha un disperato bisogno di ritrovare identità a livello societario.
Storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Calcio
Diego Mariottini
17 Febbraio

Ciro Immobile non è pop

Eppure in Europa segna nettamente più di tutti.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Calcio
Andrea Tavano
30 Marzo

Le regole del calcio

Come la rivoluzione regolamentare dei Novanta ha salvato il gioco del calcio.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Recensioni
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
Ritratti
Marco Metelli
23 Novembre

Hector Cúper

Fenomenologia di un antieroe.
Storie
Diego Mariottini
20 Gennaio

La tripletta di Anastasi e la parolaccia di Ameri

Un ricordo di Pietro Anastasi, nell'unico pomeriggio in cui Enrico Ameri cadde nel turpiloquio.
Storie
Nicola Ventura
18 Ottobre

Nessuno tocchi Aldo Biscardi

Aldo Biscardi è scomparso senza lasciare eredi sulla scena giornalistica.
Calcio
Nicola Ventura
14 Dicembre

Gigi Radice, occhi di ghiaccio

In memoria del Sergente di ferro: un grande del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Recensioni
La Redazione
20 Dicembre

Giulio Andreotti intervistato da Gianni Brera

Da un'intervista del 1983.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
29 Agosto

Gli allenatori sono i nuovi top player

I tecnici sono ormai delle vere e proprie superstar.
Calcio
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Alberto Fabbri
6 Marzo

Giù le mani dal Meazza!

Contro l'abbattimento dello stadio di San Siro.
Papelitos
Vittorio Ray
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.
Calcio
Luca Giorgi
27 Marzo

Età di passaggio

A che punto è il lavoro di Ventura?
Storie
Domenico Rocca
11 Febbraio

La Ternana di Corrado Viciani è stata rivoluzionaria

Il 12 febbraio di sei anni fa ci lasciava Corrado Viciani, l'allenatore che voleva ribaltare il calcio italiano.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Interviste
Michele Di Virgilio
16 Gennaio

Il giornalismo d’antan

Firma nobile del giornalismo italiano (e non solo sportivo), Roberto Beccantini è il giornalista-tifoso più imparziale che conosciamo. Tifoso dai tempi di Sivori, per via dei calzettoni abbassati e del genio fumantino; imparziale, perché – sue parole – sincero col lettore.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Giugno

La fattoria degli animali

Questo calcio mette a rischio la salute dei giocatori.
Calcio
Luca Pulsoni
18 Gennaio

Spalletti ha dato un’identità al Napoli

Nonostante la sfortuna, questa stagione è ancora tutta nelle mani dei partenopei.
Storie
Nicola Ventura
3 Luglio

Cuori neri

Le origini del football americano in Italia e gli intrecci con il neofascismo romano.
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Marzo

Il ricordo di un’estate italiana

Dopo il Mondiale delle Notti Magiche l'Italia ed il calcio non sarebbero stati più gli stessi.
Calcio
Ermanno Durantini
17 Marzo

Derby made in China?

Per la prima volta il derby di Milano si disputerà all'ora di pranzo per venire incontro alle esigenze cinesi. Il rischio è che la dicotomia nostalgici-moderni perda di vista i veri problemi delle due milanesi e del calcio italiano in generale.
Storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Giugno

La Top 10 secondo Fabio

Fabio Fognini è nella Top 10 del tennis mondiale. E, non ce ne voglia l'immenso Rino, è un grande giocatore.
Storie
Maurizio Fierro
3 Aprile

Germania 74

Non sempre la copertina è del vincitore.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.