Carrello vuoto
Altri Sport
23 Marzo

Roger e Stan, un’altra battaglia fratricida

Come Roger Federer ha vinto Indian Wells, confermandosi il più forte del 2017. Come ha portato alle lacrime il valoroso Stan Wawrinka, l'eterno secondo svizzero vissuto due volte.

Stan Wawrinka è pronto a battere. Si posiziona dietro la riga, nella sua metà sinistra del campo. Uno sguardo furtivo oltre la rete, poi scocca la freccia. La pallina, così profonda da sembrare out, è destinata al rovescio dell’avversario; vorrebbe sorprenderlo, ma non ci riesce. Roger ha già intuito la direzione e prepara la risposta: tende gamba sinistra e braccio destro verso il missile giallo in arrivo, mentre la gamba destra è ben piantata a terra. Il volto, tutto indirizzato alla meta, giunge come un’impressione al tarchiatello Stan, in evidente affanno. In quella posa, l’avversario sembra Mercurio, il messaggero degli dei, ma pare non accorgersene. Quei gesti sono così naturali e spensierati da essere mandati giù a memoria, come le filastrocche delle elementari. La sua Wilson rispedisce tutto al mittente. Il punto durerà ancora un paio di scambi, ma già si sa chi lo porterà a casa. Un dritto non convinto di Wawrinka si arrende poi alla rete: 15 pari.

Siamo all’ultimo game della finale del singolare maschile di Indian Wells, domenica 19 marzo. È un trionfo svizzero dovunque lo si guardi: Roger Federer e Stan Wawrinka sono i sopravvissuti di questa settimana californiana, rispettivamente con le teste di serie numero 9 e 3. Strano a dirsi, ma è Stan a dimorare all’attico. Che strana carriera, la sua. Fino a 29 anni era un onesto mestierante della racchetta con qualche bel ricordo di gioventù (un Roland Garros formato juniores) e l’ombra del ritiro sempre più vicina; poi, l’ascesa al potere. Australian Open, Roland Garros (questa volta formato maxi) e U.S. Open: uno Slam all’anno dal 2014 in avanti, avendo come avversario in finale sempre il numero 1 del momento. Cabala vuole che questo sia l’anno di Wimbledon: chi vivrà vedrà. Classe operaia in paradiso, verrebbe da dire. Il re degli underdog ha finalmente trovato la sua dimensione. Ma Roger resta sempre Roger. Molto unisce i due tennisti, non solo la nazionalità: insieme hanno contribuito alla storica vittoria in Coppa Davis della Svizzera nel 2014 e nel 2008 si sono regalati un oro olimpico nel doppio. Per giunta, sono entrambi romantici. Superstiti del rovescio a una mano che fa molto vecchia scuola, visti da vicino ricordano un po’ Dylan e Springsteen, dove il secondo ha declinato in forma operaia ciò che il primo ha cantato dall’alto dei cieli. Se Federer è il re, Wawrinka è Clopin, il re buffone cantore di gesta altrui, un predicatore alla portata di tutti. Le diversità fra i due emergono nel percorso fatto per arrivare in finale. Roger in sei partite non mai perso un set e ha lasciato per strada giusto 36 game. Certo, di mezzo c’è anche il walk-over contro Nick Kyrgios – fermato da un’intossicazione alimentare- ma non per questo l’impresa è meno strabiliante. Emblematica la sfida con l’eterno rivale Rafa Nadal, valida per l’accesso ai quarti di finale: un 6-2 6-3 che ha trafitto come burro le aspettative dello spagnolo e degli spettatori smaniosi di un match al cardiopalma. L’unico incontro in cui Federer ha trovato qualche difficoltà è stato quello del terzo turno contro Steve Johnson, un tennista americano non più giovanissimo che gravita intorno alla trentesima posizione nel ranking. Secondo i pronostici, il menù prevedeva una sfida contro Djokovic ai quarti di finale, ma così non è stato. Il sopracitato Kyrgios, diavoletto della Tasmania, ha fatto fare valigia al serbo campione in carica da tre anni. Nole l’ha talmente presa male che non parteciperà a Miami, dando a tutti l’appuntamento per la stagione sul rosso. Stessa sorte è toccata a Murray, sempre più somigliante a Giovanni Senzaterra da quando è numero 1. Anche lui è salpato verso altri lidi.

Il vincitore e lo sconfitto al Bnp Paribas Open di Indian Wells
Il vincitore e lo sconfitto al Bnp Paribas Open di Indian Wells

Wawrinka è arrivato in finale a modo suo: un po’ in sordina, un po’ tra il serio e il faceto, ma letale. Dopo due turni agili contro Lorenzi e Kohlschreiber (altra cariatide che ancora si diverte sul campo da gioco), sono arrivate le prove più impegnative. Si può dire che Stan abbia affrontato gli spettri dei natali futuri e ne sia uscito vincitore: le sfide contro le promesse Nishioka e Thiem si sono risolte con un tie-break al terzo set, al termine di due partite giocate sul filo dell’equilibrio. Ma come sempre, una volta ingranata la marcia, il diesel Stan non ha lasciato sconti a nessuno. In semifinale ha fatto un solo boccone della rivelazione del torneo Carreño Busta ed è approdato così all’ultimo scoglio. Di solito quando va fino in fondo non manca mai il bersaglio. Da quando poi ha deciso che vincere non era così male, ha perso una sola finale, l’anno scorso a San Pietroburgo contro Alexander Zverev, altra giovane promessa dell’ATP. Se non ci fosse stato Roger probabilmente anche questa volta l’avrebbe fatta franca. Stan conosce tutti e a tutti si adatta: lotta, soffre, travolge. Si finisce col fare il tifo per lui, anche se magari stai dall’altra parte della rete. Demolisce l’avversario col sorriso, con la sua storia, con quell’aria da Rocky scanzonato. È l’uomo barbuto del “Quarto stato” di Pellizza da Volpedo: all’apparenza solo, ma in realtà dietro ha una massa silenziosa.

Ma con Roger è diverso. Già a Melbourne, nel mese di gennaio, si era trovato in imbarazzo a giocare contro l’amico, il compagno di una vita. Tra il sole australiano e quello di Indian Wells la differenza non è poi molta. Una partita lineare, pulita, senza troppi fronzoli porta piano piano Federer alla vittoria. È sereno e non potrebbe essere altrimenti: i critici da mesi hanno le penne asciutte. Vola da una parte all’altra del campo con i sandali di Mercurio; Stan, solitario, scava poco a poco la sua trincea. Se guardiamo le loro schede anagrafiche non notiamo molta differenza: stessa altezza, stesso peso (anzi, Roger ha qualche chiletto in più) eppure sul campo si ha completamente un’altra impressione. Wawrinka è tozzo, quadrato, con un filo di pancetta che fuoriesce dalla maglia azzurro anice a strisce rosa. Federer è asciutto, elegante: una “l” che a una prima vista può confondersi con la cifra “1”, ma in tal caso il lapsus non sarebbe sanzionato. Nell’ultimo game Stan è avanti 40-30: un dritto lungolinea di Roger un po’ troppo osé gli regala una briciola di vantaggio. È alla battuta, ma sta sudando come non mai. Una smorfia spunta tra la barba ispida, segno di disagio. Di lì a poco restituisce il favore: esagera con il top spin e manda fuori una palla facile. Non pago, sbaglia per la seconda volta mandando un rovescio sulla rete. Federer ha così la possibilità di porre fine alla partita: sarà la prima e unica volta. Stan corre a destra e a sinistra, Roger indirizza i colpi quasi da fermo. L’ultimo punto è una stupenda volée di diritto eseguita in corsa. Il re è andato a prendersi la sua vittoria. Durante la premiazione c’è spazio solo per i sorrisi e le lacrime liberatorie. Il primo a parlare è Stan, stremato e commosso: vede l’amico ridere e gli dà del coglione, con quel fare un po’ rude e un po’ impacciato che lo contraddistingue. Aggiunge poi che in Australia era stato il suo primo fan e gli porge le sue congratulazioni. Roger, in attesa del microfono, sorride spensierato: il sole, da Melbourne a Indian Wells, non è più tramontato.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
8 Febbraio 2021

Lunga vita al Re

Roger Federer giocherà finché vuole.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
6 Luglio 2020

Federer v Nadal 2008: il miglior incontro di sempre

4 ore e 48 minuti che hanno cambiato la storia dello sport.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Andrea Antonioli
15 Luglio 2019

Solo Dio è con Djokovic

Il tennis come la vita è crudele, e a Wimbledon Novak Djokovic ha negato il lieto fine a Roger Federer.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno 2018

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio 2018

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile 2018

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo 2018

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.