Carrello vuoto
Tennis
7 Settembre

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Andrea Antonioli

78 articoli
Ormai la narrazione ha superato la realtà.

New York, campo centrale. Il numero uno del mondo, Novak Djokovic, affronta il buon Carreno Busta, uno dei tanti giocatori moderni assai costruiti, prodotti in serie. Tutto inizia sul 5-4 per Nole che si trova 40-0 con tre set point sul servizio del suo avversario spagnolo: pochi ne stanno scrivendo (anche perché irrilevante per il fatto) ma è qui che nasce la poi squalifica di Djokovic. Sulla prima palla del set Carreno tira un dritto a tutto braccio che pizzica un’unghia, anche meno, della riga di fondo: zoomando all’ennesima potenza il falco conferma il pelo di linea toccato dall’accelerazione dello spagnolo, che quindi ottiene il punto.

 

 

Una situazione da Match Point, il film di Woody Allen, in cui un dettaglio può cambiare il corso della storia (a maggior ragione considerando che nello scambio successivo la volée di Djokovic rimbalza sul nastro e ricade nel suo campo). Nole si innervosisce, continuando a combattere con quell’insoddisfazione cronica che lo accompagna da qualche giorno; a maggior ragione con l’assenza di Federer e Nadal, lui vuole essere perfetto, non sbagliare nulla. Come aveva profeticamente immaginato McEnroe, però, questo torneo Djokovic poteva perderlo esclusivamente con e contro se stesso:

“Dovrà stare attento a non farsi battere da se stesso. Ciò potrebbe essere dovuto a circostanze imprevedibili”.

Insomma il serbo viene rimontato sul 40-40, poi perde il game. Ancora infastidito, va al servizio e butta diversi punti fino a farsi breakkare da Carreno Busta, che si porta sul 6-5 pronto a servire per il primo parziale. A questo punto Djokovic appoggia (secondo il sensazionalismo dei media “scaglia”) la pallina verso i teloni di fondo campo: nel farlo colpisce involontariamente una giudice di linea alla trachea, l’unica parte del corpo in cui una palla tirata così piano può provocare problemi.

 

 

La signora si accascia, facendo fatica a respirare, e si rialza aiutata dopo qualche secondo. Ovviamente non riporta alcuna conseguenza, ma ciò basta agli organi competenti per inscenare un conciliabolo interminabile al termine del quale la decisione è mussolinianamente irrevocabile: squalifica, Djokovic perde il match e viene espulso dallo US Open. O meglio viene espulso e quindi perde il match.

 

 

La nota ufficiale dello US Open.

 

 

Certo, qui ci si potrebbe appellare ai precedenti (sempre assai più violenti) per giustificare a livello normativo la squalifica di Nole. C’è anche chi invoca complotti per la sua decisione di creare un’organizzazione indipendente, la PTPA (Professional Tennis Players Association), una sorta di sindacato dei giocatori per tutelare i diritti dei tennisti più bassi in graduatoria: un’iniziativa nobile e che al serbo non porta nulla, se non il disperato bisogno, come direbbe Kyrgios, di dover piacere sempre e per forza a tutti. Ma il punto non è questo, la forza del sistema toccato nei suoi interessi è nulla di fronte all’inarrestabile e montante onda del p*litically correct – abbiamo paura anche a scriverlo.

 

 

Siamo addirittura convinti che il supervisor non volesse nemmeno squalificare Nole, e per qualche minuto ha pensato a come poter fare per salvare il numero uno al mondo: la sovrastruttura, però, ormai è più potente della struttura. Il terrore si è impossessato degli organi decisionali, che come impiegati non potevano fare altro. Fa niente se la pallina era stata appoggiata e non tirata con forza, che importa se, ovviamente, il gesto era involontario: il protocollo, non tanto normativo ma “etico”, imponeva la radiazione di Djokovic. La giustizia lo pretendeva!

 

 

Subito in tantissimi, giornalisti e commentatori, si sono messi dalla parte della legge, dei buoni e dei giusti, dei giustiziasti ma responsabili, braccio armato dello sportivamente corretto. Quella povera signora! , che sembrava essere stata colpita da una raffica di un AK-47. Tutta questa desolante pantomima ha mostrato come ormai lo sport debba seguire delle leggi non proprie, come sia costretto all’interno di un modello clasutrofobico che i suoi officianti devono seguire e applicare alla lettera.

 

Ma ancora peggiore della squalifica, è stata la nota ufficiale di Djokovic:

“This whole situation has left me really sad and empty. I checked on the lines person and the tournament told me that thank God she is feeling ok. I‘m extremely sorry to have caused her such stress. So unintended. So wrong. I’m not disclosing her name to respect her privacy. As for the disqualification, I need to go back within and work on my disappointment and turn this all into a lesson for my growth and evolution as a player and human being. I apologize to the US Open Tennis Championships and everyone associated for my behavior. I’m very grateful to my team and family for being my rock support, and my fans for always being there with me. Thank you and I’m so sorry”.

Sostanzialmente Nole si dice dispiaciuto e svuotato dalla situazione, così sbagliata, chiedendo scusa certo alla giudice di linea ma anche allo US Open (?) e a chiunque (??) per il suo comportamento. Aggiungendo poi che lavorerà per trasformare tutto ciò in una lezione di crescita e di evoluzione come tennista e come essere umano (?!?).

 

 

Ma chi è, il Dalai Lama? Dove è finito il vecchio Nole, serbo ortodosso, pervaso dalla volontà di potenza, che festeggiava sempre allo US Open sollevando al cielo le tre dita nel più serbo e nazionalista dei modi? Dove è finito l’orgoglio di un uomo che si ribella contro una decisione tirannica? Tutto è ormai sepolto sotto l’occidentalismo, la dieta plant-based, sotto un personaggio ossessionato dal mandare cuori al pubblico e dal dover piacere per forza a tutti. Come però insegnano gli anziani al bar: amico di tutti, amico di nessuno. Djokovic ha spoliticizzato e deluso ormai anche i suoi tifosi, diventando magari gradito e simpatico a molti (che continueranno comunque a parteggiare per Federer e Nadal), ma avendo perso il suo tifo più duro e puro.

 

Djokovic serbia Getty
Il Nole che ci piace(va)

 

 

Da parte nostra, non sappiamo chi esca peggio da tutta questa storia: se Djokovic, un uomo in preda alla Sindrome di Stoccolma che comprende e giustifica i suoi aguzzini, o se lo US Open, lodato oggi per aver seguito il patetico protocollo dell’eticamente corretto, prioritario rispetto allo sport, al torneo, persino alle gerarchie stesse (neanche più il Lei non sa chi sono io, in questo caso il numero uno del mondo e l’unica stella del torneo, può resistere alla narrazione diventata realtà).

 

 

Ora possiamo essere contenti, è quello che abbiamo voluto. Leggiamo giornali e media, sempre responsabili e schiacciati sulle esigenze ufficiali, costretti a rifarsi una verginità perduta sposando le cause dei buoni e dei giusti: è tutta una giustificazione della squalifica comminata al serbo, ma ancor prima un’accettazione supina e indiscutibile di un tennisticamente corretto che ha svuotato il tennis proprio come il “calcisticamente corretto” (Vladimir Dimitrijevic) ha svuotato il calcio. Il problema è che, tutto ciò, lo abbiamo preteso noi.

 

 

Fra trasparenza, uguaglianza e rivendicazioni pseudo-democratiche abbiamo annacquato lo sport che ha sempre avuto una sua etica, non scritta e proprio per questo profonda. Da qui il termine “sportività”. Oggi invece applaudiamo perché è rimasta solo un’etichetta terribilmente esteriore; viviamo di solo corretto senza più nemmeno il suo oggetto, lo sport. E la cosa bella è che ne siamo pure contenti.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Editoriali
Andrea Antonioli
16 Febbraio 2022

Il prezzo di essere Novak

Quella di Djokovic è una storia che viene da lontano.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Andrea Antonioli
18 Gennaio 2022

Djoko al massacro

Ammazzare il serbo e vivere felici.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Federico Brasile
4 Gennaio 2022

La legge di Novak

La trattativa Stato-Nole si chiude con la vittoria del serbo.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Giugno 2021

Il totalitarismo di Novak Djokovic

Nole contro tutti.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Papelitos
Lorenzo Fabiano
21 Agosto 2020

Il Tour de France inaugura il podio sessualmente corretto

Niente più miss a premiare i corridori, ma un uomo e una donna.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Federico Brasile
6 Settembre 2019

La maleducazione regna a New York

Quello degli Us Open è un pubblico di bifolchi, maleducati e ignoranti.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre 2019

Berrettini, un Re nel Queens

Matteo Berrettini approda alle semifinali degli US Open di tennis e ora ci autorizza a sognare.
Tennis
Andrea Antonioli
15 Luglio 2019

Solo Dio è con Djokovic

Il tennis come la vita è crudele, e a Wimbledon Novak Djokovic ha negato il lieto fine a Roger Federer.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Altri Sport
Niccolò Maria de Vincenti
16 Luglio 2018

Nole è tornato

Il serbo scaccia via i fantasmi e torna grande sull'erba di Church Road.