Carrello vuoto
Andrea Angelucci
11 Febbraio

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Andrea Angelucci

2 articoli
Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.

Bilbao è il cuore di un’area metropolitana con più di un milione di abitanti. Situata nel territorio di Biscaglia, la città è circondata da un paesaggio fertile, con boschi, montagne, spiagge e coste scoscese che ne fanno un luogo unico al mondo. L’unicità del posto è qui accompagnata dalla storia calcistica. Bilbao ha la sua squadra, l’Athletic, intangibile gemma tradizionale nel panorama del calcio moderno, debole ormai sotto i colpi del proprio “progresso”: l’indole “indipendentista” dell’Athletic non permette infatti ad anima spagnola o straniera di vestirne la maglia biancorossa.

 

Solo giocatori autoctoni per il club, il cui nome tradisce comunque una venatura inglese. È tra i figli del proprio popolo che troviamo Aritz Aduriz, soprannominato “el zorro”, uno dei giocatori più forti e determinati dell’intera storia calcistica basca.

 

Con i suoi (ormai) 40 anni l’attaccante, dotato di uno spiccato senso del gol, una foga al servizio della concretezza che ben si sposa con un talento innato, per la prima stagione si ritrova a vedere i suoi compagni da fuori del campo dopo il ritiro. Un percorso al contrario, nel quale Aduriz ha dovuto lavorare duramente al fine di guadagnarsi un posto nel calcio che conta.

 

 

E pensare che il bomber dal cuore basco il calciatore non lo doveva nemmeno fare. A 9 anni si laurea infatti vice campione di Spagna nello sci di fondo, e i suoi genitori partono da San Sebastian per portarlo sulla neve dei Pirenei. Lui però, che da sempre pensa al mare e alla Playa de la Concha, il suo primo campo di calcio, è di un altro avviso.

 

aduriz
Con la maglia del Valencia (foto Manuel Queimadelos Alonso/Getty Images)

 

 

 


Gli inizi


 

Aritz Aduriz muove i suoi primi passi nell’Antiguoko, una delle tante squadre con cui l’Athletic stipula accordi di collaborazione nell’ambito della propria politica societaria, incentrata sulla ricerca di giovani talenti. Ed è proprio qui che il giovane prodigio inizia a rapportarsi con altrettanti futuri campioni: Xabi Alonso, Mikel Arteta e Andoni Iraola sono le sue stelle fisse, da cui apprendere gli aspetti fondamentali della realtà “footbalista” accademica.

 

 

Nel 1999 il basco approda all’Aurrera Vitoria, che gli concede l’opportunità di toccare con mano i campi della seconda divisione. Otto reti segnate a fronte delle venticinque presenze complessive, questo sarà il bottino a fine stagione: prestazioni sufficienti per suscitare l’interesse dell’Athletic Bilbao che, un anno dopo, decide di tesserarlo. Qui Aduriz inizia a brillare, tant’è che al termine del campionato l’attaccante viene eletto come miglior giocatore della stagione ed i Rojoblancos approdano in Primera Division.

 

 

Con l’arrivo di Jupp Heynckes sulla panchina del club nel 2002, però, qualcosa inizia a scricchiolare: gli vengono preferiti Azkorra e Arriaga e, proprio sul procinto di iniziare l’avventura nella massima serie del campionato spagnolo, l’attaccante viene ceduto al Burgos, società con sede in un piccolo paese della Castiglia e Leòn. Il frutto, insomma, non è ancora maturo. Il periodo trascorso nella squadra allenata da Carlos Terrazas è breve perché il Valladolid è sulle sue tracce già da parecchio tempo.

 

 

Con la squadra pucelana le partite ufficiali disputate sono 52, mentre i gol 22. Tra questi c’è anche la prima volta al San Mames, in un quarto di finale di coppa del re, disputato proprio contro la squadra della Biscaglia. In quella partita accade qualcosa; i dirigenti del Bilbao, spinti dal destino, decidono di riacquistarlo. Iniziano per Aduriz tre stagioni assai complicate: nonostante le 90 presenze complessive, il club, come nelle più travagliate storie d’amore, decide nuovamente di disfarsi di lui. Non è bastato il ritorno del figliol prodigo. Il perdono e la gloria hanno da rinviarsi.

Adin onari aquit1.
(Intraprendi (solo) ciò che è ragionevole.)

 


La crescita


 

El Zorro non demorde e riparte dalle Isole Baleari, sponda Mallorca. Qui ha il durissimo compito di non far rimpiangere uno dei giocatori più amati di sempre, Daniel Guiza, trasferitosi in Turchia dopo l’europeo austriaco-svizzero del 2008. Aduriz sembra non sentire il peso dell’eredità lasciatogli sulle spalle, lavora sodo e a testa bassa. Incarna l’animo basco in tutto e per tutto. I compagni lo ricordano come il primo ad arrivare agli allenamenti. La costanza, l’impegno ed il sudore fruttano: nelle due stagioni con la maglia rossonera l’attaccante si conferma capocannoniere riuscendo a guadagnarsi la fama di uno degli attaccanti spagnoli più amati della nazione. Il vero punto di svolta arriva però in Champions League.

 

Nell’estate del 2010 ci sono su di lui lo Stoke City e il Fenerbahce, ma l’amore per la terra natia spinge l’attaccante di San Sebastian a trasferirsi nel Valencia.

 

In appena nove minuti Aritz segna il suo primo gol con la maglia bianconera. Nonostante il buon approccio nelle competizioni europee, il suo talento è ancora incompreso: dopo un inizio scoppiettante e a suon di reti gonfiate, gli ultimi mesi dell’annata sono problematici, con l’allora commissario tecnico Unai Emery che decide troppo spesso di relegarlo in panchina. A fine stagione, nonostante tutto, l’attaccante basco si piazza al primo posto della classifica dei marcatori della squadra, a pari merito con Roberto Soldado. Aritz sa aspettare.

 

aduriz
Con la maglia che ha sempre amato, quella dell’Athletic (foto David Ramos/Getty Images)

 


L’esplosione


 

L’apice della carriera Aduriz lo raggiunge superata la soglia dei trentanni. Nel 2012 sulla pachina dell’Athletic Biblao siede El loco Marcelo Bielsa. Eccola la Provvidenza che torna protagonista della storia, è lei a volere che il bomber basco torni là dove tutto è iniziato. Inizia la consacrazione. La sua seconda tripletta con la maglia dei “leoni” è contro il Granada, la prima risaliva al precedente periodo trascorso con l’Athletic, ma è soltanto il punto di partenza: il 27 agosto 2014 Aduriz mette a segno una doppietta contro il Napoli nella fase preliminare di Champions League, che permette alla squadra basca di qualificarsi alla fase a gironi della coppa dalle grandi orecchie dopo sedici lunghissimi anni.

 

 

Al termine della stagione 2014-2015 gli viene consegnato il primo e vero riconoscimento, il Trofeo Zarra, per essersi consacrato con i suoi 18 gol quale miglior marcatore spagnolo della Liga. Dodici mesi più tardi, il 14 agosto 2015, nella partita d’andata della Supercoppa di Spagna mette a segno una tripletta contro il Barcellona, suggellando il risultato finale di 4-0. La sua prestazione, caratterizzata dall’originalità del ruolo di falso nueve al quale è abituato, gli permette di diventare il primo calciatore da dieci anni a quella parte a segnare una tripletta contro la squadra blaugrana. Il 17 agosto nella gara di ritorno al Camp Nou firma il gol del definitivo 1-1 che pone fine alle speranze dei marziani catalani: è il tripudio rojoblanco, e Aduriz ne è l’artefice.

 

 

Le prestazioni che riesce a sfornare in patria trovano un’importante eco anche in Europa. Il 3 novembre 2016 realizza cinque gol, tre su rigore, in una partita valida per la fase a gironi dell’Europa League vinta dall’Athletic Bilbao per 5-3 contro il Genk, aggiornando un po’ di record: quello delle 5 marcature nella competizione, appartenuto fino ad allora a Fabrizio Ravanelli, e quello del pokerissimo con la maglia dell’Athletic Bilbao.

 

A questi si aggiunge anche il titolo di giocatore più anziano a realizzare 5 gol in una partita europea, superando i 33 anni del russo Eduard Markarov.

 

Poi ancora tanti gol e altrettante conferme, in patria e in Europa. Infine il ritiro arrivato a suggellare una straordinaria carriera fatta di talento e, forse soprattutto, identità; perché la storia di Aduriz è stata anche quella dell’Athletic Bilbao, una storia di cultura e società, non solo di campo. Per il resto, dal calcio egli è riuscito a riprendersi tutto ciò che gli era stato tolto, riuscendo a vincere il silenzioso nemico dell’uomo: il tempo.

 


Note:

1. Memorias de Garibay, p. 634.

 

Copertina Rivista Contrasti


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Calcio
Alberto Maresca
20 Agosto

Il calcio a Baku

Tra politica, petrolio e assolutismo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Maggio

C’è Dio con loro

Il Madrid raggiunge la terza finale consecutiva, la quarta in cinque edizioni.
Calcio
Matteo D'Argenio
11 Luglio

Un giorno questo dolore ti sarà utile

La vita di Saúl Ñíguez è un diario pieno di dolore, rivincite e finali perse. A 22 anni però sembra già pronto per aggiungere pagine nuove e decisive alla sua carriera.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Storie
Diego Mariottini
29 Gennaio

Nel segno di Zarra

Telmo Zarra non è stato solo per decenni il più prolifico bomber della Liga, ma anche un grande simbolo basco.
Papelitos
Mattia Curmà
17 Gennaio

Da Valverde a Valverde

La settimana dei Valverde: Federico ed Ernesto, tra gloria e fallimento.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Tifosi
Lorenzo Santucci
6 Settembre

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Calcio
Remo Gandolfi
14 Novembre

Quel leone di Yeray

Un leone fra i leoni.
Calcio
Lorenzo Santucci
11 Ottobre

Il calcio è politica

Calcio e politica hanno sempre vissuto insieme.
Ritratti
Alessandro Autieri
22 Marzo

Mikel Landa, il basco che solcava le montagne

La verità nelle ruote di una bicicletta.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Calcio
Gianluca Palamidessi
10 Marzo

Il Getafe di Bordalás o lo amate o lo odiate

Chi è il prossimo avversario dell'Inter in Europa League.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Calcio
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Papelitos
Gianmarco Galli Angeli
25 Maggio

L’importanza della tradizione

Il Manchester United fa valere l'esperienza, conquistando la sua prima Europa League.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Calcio
Alberto Girardello
25 Aprile

La poetica del fanciullino

L'Ajax ha sempre puntato sui giovani: quest'anno con risultati eccezionali.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Storie
Marco Gambaudo
26 Novembre

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Ritratti
Enrico Leo
14 Novembre

Fernando Amorebieta

La storia incompiuta di Fernando Amorebieta: nome da principe castillano, attitudine violenta e dirompente degna del suo sangue basco.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Calcio
Michelangelo Freda
27 Settembre

Il Qarabag è la speranza del Nagorno

Alla scoperta del calcio nel Nagorno Karabakh.
Calcio
Gennaro Malgieri
22 Novembre

In campo per la rivoluzione

La campagna contro la città, il popolo contro le èlites. Un giro per l'Europa passando in rassegna le sorprese (e le speranze) all'attacco dei centri del potere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Maggio

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Ritratti
Remo Gandolfi
22 Settembre

Jorge Alberto Gonzalez

El Magico.
Calcio
Paolo Cammarano
9 Giugno

La guerra (delle radio) più assurda di sempre

Un potere che in Spagna superava quello dei club.