Carrello vuoto
Calcio
28 Maggio

Campanilismo

Davide Fusco

1 articoli
Tra i vicoli di Partenope, la futura gloria di Napoli.

Campanilismo bello, addò sì ghiuto?
facimmolo nuie pure comme a ll’ate.
si no p’ ‘a gente ‘e Napule è fernuto,
e nun sarrammo maie cunsiderate.

 

Talento ne tenimmo, avimmo ingegno:
nu poco sulo ca ce sustenimmo,
cunquistarrammo chillu posto degno
ca, pè mullezza nosta, nun tenimmo. 1


Sono passati quasi 14 anni dal 2 Agosto 2004. La settima sezione del tribunale di Napoli rendeva nota la sentenza del fallimento della SSC Napoli. Anni di cattiva gestione della società e di debiti mai del tutto ripianati dall’epoca post-Maradona mettevano definitivamente la parola fine, dopo un lungo calvario, ai sogni della torcida partenopea.

 

2018. Il Napoli dopo essere arrivato ad un passo “dalla presa del palazzosul più bello si è reso conto di essere a corto di energie. Ancora una volta la corazzata Juventus ha fatto sì che si verificasse quello che ad inizio anno sembrava il più scontato degli epiloghi.

I festeggiamenti della Juventus per il settimo Scudetto consecutivo (Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Alle pendici del Vesuvio si è passati dall’esaltazione per la testata di Kalidou alla delusione per il sogno infranto, e tutta l’amarezza è stata ovviamente riversata sull’oggetto della critica per eccellenza: Aurelio De Laurentiis. Sicuramente le dichiarazioni rilasciate dopo la débâcle di Firenze sono state fuori luogo (e soprattutto fuori tempo massimo), sicuramente ci si poteva far trovare più pronti durante il mercato di riparazione.

 

Al di là del carattere esplosivo di ADL, se si analizzano però i fatti in maniera oggettiva, ci si rende conto ancora una volta di quanto abbia fatto di buono la società in questi anni. L’azienda Napoli è sana, con un bilancio a posto, e ha saputo alzare l’asticella tecnica anno dopo anno (malgrado diverse cessioni illustri). Il prossimo anno sarà il nono di fila in Europa. Sicuramente è una delle squadre che ha saputo raccogliere di più in relazione agli investimenti fatti.

Uno studio di Deloitte (2018) riporta che il Napoli è per la prima volta tra le 20 società calcistiche con il fatturato più elevato. Una crescita del 39% rispetto alla stagione precedente

Se si distoglie per un attimo l’attenzione dalla gestione virtuosa della prima squadra, ci si rende conto che il vero peccato originale è in realtà il settore giovanile. Il tifoso medio (di tutte le squadre s’intende) è inevitabilmente focalizzato sulle vicende dei senior, troppo impegnato a coltivare sogni di gloria nel presente piuttosto che a fare una critica di prospettiva. Una certa porzione del popolo azzurro potrebbe evitare di sprecare il fiato inutilmente (“Preside’ caccia ‘e sord”) cercando invece di sollevare l’attenzione su un tema che potrebbe rivelarsi fondamentale nei prossimi anni e che troppo spesso passa in sordina.

 

Diciamocela tutta, la SSC Napoli ha un proprietario che (a meno di una clamorosa e scellerata follia) non potrà mai permettersi gli investimenti di corazzate finanziarie come la Juventus, il Real Madrid, il Bayern Monaco o i petroldollari dello sceicco di turno. Perché non provare allora a costruirseli in casa i campioni visto che il materiale autoctono è sempre stato di pregevole fattura? In passato sono state diverse le squadre in cui giocatori provenienti dal vivaio hanno contribuito pesantemente alla nascita di cicli vincenti.

Un esempio di eccellenza è rappresentato dalla primavera della Roma nel 2011. In alto, il secondo da destra è Alessio Romagnoli e il terzo, sempre da destra, è Verre. In basso, sempre da destra, Viviani e Ciciretti. Il quarto da destra è Caprari. Tutti giocatori che oggi militano in squadre affermate di Serie A.

Basti pensare ai vari Baresi, Maldini, Costacurta ed Evani che diedero nel Milan stellare di Sacchi un apporto significativo al pari degli olandesi. La macchina da guerra che era l’Ajax dei primi anni ’70 poteva contare su amsterdammers come Cruijff, Krol (successivamente approdato a Napoli!) e Keizer. Caso abbastanza recente e ancora più eclatante è stato il Barcellona di Guardiola, capace di vincere tutto con tantissimi campioni cresciuti in casa.

 

Se vogliamo dirla tutta lo stesso Napoli Maradoniano riuscì a proclamarsi campione nell’anno del primo scudetto contando su diversi napoletani. Oltre a Ciro Ferrara in squadra c’erano diversi calciatori del vivaio come Muro, Caffarelli e Volpecina. È vero che parliamo di gregari del pallone, ma quanto può essere importante nei momenti decisivi avere in campo uomini che sentono la maglia come fosse una seconda pelle? I campioni costruiti in casa sono quelli che più di tutti possono in qualche modo trasmettere la mentalità della squadra agli stranieri, rimettere in riga lo sbandato di turno, fare da chioccia ad altri giovanissimi per costruire in diritto di successione i capitani del futuro, garantendo così il ricambio generazionale.

09/11/1986 – Il Napoli vince in trasferta contro la Juventus e trova lo slancio per coronare il sogno del primo tricolore. Sigillo finale di Giuseppe Volpecina

Fu a cavallo tra la fine degli anni ’70 e gli anni ’80 che arrivarono le maggiori soddisfazioni in ambito giovanile. Nella stagione 78/79 il Napoli Primavera si laureò per la prima volta campione d’Italia. In quella rosa manco a farlo apposta militavano tutti i nomi citati precedentemente (a meno di Ferrara) e a questi si aggiungevano Di Fusco, Marino e Celestini. L’ossatura di quella primavera confluì in prima squadra e fece parte del roster tricolore 86/87.

 

Completavano il quadro del Napoli scudettato i vari “palo ‘e fierro” Bruscolotti, Romano, Carannante, De Napoli, Puzone e Castellone. Il 60% della squadra era campana. E’ vero, c’era il marziano che avrebbe fatto vincere anche 4 scappati di casa, ma per una volta sorvoliamo. Arrivarono anche altri trionfi nella categoria Allievi, con tre affermazioni negli anni ’84, ’88 e ’90 (dice niente il nome di Fabio Cannavaro?).

Un giovane Fabio Cannavaro

L’ultima scintilla ci fu nella stagione 96/97 con un’altra vittoria del campionato Allievi, poi il vuoto. Inevitabilmente anche in ambito giovanile si iniziò a pagare un conto salato per colpa di una gestione societaria scellerata. Mentre il Napoli sopravviveva e si avviava verso un lento e scontato destino erano troppi i calciatori a fiorire lontano da casa: Di Natale, Quagliarella, Floro Flores, Borriello, Nocerino, Sorrentino. Casi più recenti quelli di Immobile, Criscito e Bocchetti. Ma che cosa facevano gli osservatori in quel periodo?

 

Sale a questo punto il dubbio che non esistessero già più. I giocatori sopra citati hanno sicuramente avuto un ruolo da protagonisti nella Serie A degli ultimi anni, mentre non si può dire lo stesso per i vari Hoffer, Edu Vargas, Navarro, Victor Ruiz, Fideleff, Britos. È normale che non tutte le ciambelle riescano col buco ma tanti investimenti di cartellini potevano servire per rafforzare il vivaio. Nel lontano 2011 si parlò de La Scugnizzeria. Un raggiante ADL intervenendo alla radio ufficiale dell’epoca fece dichiarazioni in pompa magna, chiedendo ai tifosi di raccogliere vari plausibili nomi per quella che doveva diventare la cantera partenopea.

I due “scappati” di casa, Quagliarella e Di Natale, ai tempi dell’Udinese (Marcello Paternostro/AFP/Getty Images)

Non sapremo mai se il progetto sia rimasto incompiuto a causa di ADL o per mezzo degli enti locali (spesso la verità sta nel mezzo), fatto sta che il Napoli Primavera nelle ultime 4 stagioni non è riuscito ad arrivare ai play-off per giocarsi il titolo e quest’anno ha navigato nelle zone più basse della classifica (evitati i playout solo all’ultima giornata con un 3-1 ai danni della Sampdoria).

 

Ad oggi, per mangiarsi ulteriormente le mani, si segnalano: lo stabiese Gigio Donnarumma; Rolando Mandragora, cresciuto a Scampia ed attuale capitano dell’under 21, di proprietà della Juventus; Giuseppe Pezzella, in forza all’Udinese, che ha fatto tutta la trafila delle nazionali giovanili e milita anch’egli nell’under 21.

Il cuore di Napoli

Per il momento Insigne resta l’unica espressione di profeta in patria degli ultimi anni. La speranza è quella che possa essere il momento buono per invertire la tendenza. In casa Napoli qualcosa si muove, sperando che non sia l’ennesimo fuoco di paglia e che si possa dare una particolare attenzione ai giovani. Per quanto concerne i profili rimasti in casa c’è l’augurio che in futuro possano esplodere Ciro Palmieri (che per un niente non è finito al Chelsea) e Gianluca Gaetano (blindato dopo le avances del Liverpool), attuali capocannonieri della Primavera.

 

Da tenere infine d’occhio Gennaro Tutino che con una tripletta in Cosenza-Trapani, ultima giornata del campionato di Serie C – Girone C, ha trascinato la squadra calabrese ai play-off. Sulla base di tutte le argomentazioni fatte e basandosi sull’apporto non significativo che hanno dato le riserve in prima squadra per la rincorsa allo scudetto, c’è di nuovo da chiedersi: che cosa è mancato a questo Napoli?


NOTE

1. Tratto da Campanilismo, Raffaele Viviani (1931)


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre 2021

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Editoriali
Carlo Brigante
9 Febbraio 2021

Il calcio di strada è meglio della scuola

O quantomeno delle scuole calcio.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Novembre 2020

Il VAR ha ucciso l’epica

Cosa ne sarebbe stato del mito con la tecnologia?
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Calcio
Mattia Curmà
15 Novembre 2020

Gli scartati: il lato oscuro dei settori giovanili

La tragica morte di Jeremy Wisten è sintomatica.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre 2020

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre 2020

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Recensioni
Luigi Fattore
6 Giugno 2020

Cicciolina e Moana hanno previsto il calcio di oggi

Può un film hard denunciare e prevedere le storture del calcio?
Storie
Vito Alberto Amendolara
13 Aprile 2020

La maglia di Maradona

Storia reale di una vicenda incredibile.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Aprile 2020

Boca Juniors significa La Bombonera

Il 3 Aprile del 1905 nasceva il Boca Juniors, una squadra inscindibile dal suo stadio.
Recensioni
Annibale Gagliani
2 Aprile 2020

Giovanissimi di Forgione è un inno alla vita

Nel nuovo romanzo dello scrittore partenopeo il calcio e Napoli giocano un ruolo fondamentale.
Storie
Luigi Fattore
19 Marzo 2020

Napoli centrale

Dalla pittura al cinema, dalla musica al calcio: negli anni '80 Napoli si ribella al Male.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo 2020

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Storie
Massimiliano Vino
13 Marzo 2020

Solo la guerra aveva fermato il calcio italiano

Maggio 1915, l'Italia entra in guerra: il campionato viene interrotto e poi assegnato al Genoa.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
8 Marzo 2020

La maledizione di Zielinski

Tevez urla, Maradona ride, Román osserva: il Boca torna campione, nella notte dei campioni.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo 2020

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
13 Febbraio 2020

A Napoli Bruscolotti è storia

Una carriera legata al Napoli e cinque stagioni da capitano, poi la fascia ceduta a Maradona per raggiungere la gloria. La nostra intervista a Beppe Bruscolotti.
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio 2020

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
Recensioni
Luigi Fattore
19 Novembre 2019

La storia del calcio in 50 ritratti

Paolo Condò torna in libreria con l'elenco dei cinquanta uomini di calcio che a, modo loro, hanno fatto la differenza.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre 2019

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Storie
Massimiliano Vino
1 Ottobre 2019

L’ultimo scudetto del Genoa, datato 1924

Tra la conquista del potere di Benito Mussolini e la rivoluzione calcistica in Italia, il Genoa riuscì nel 1924 a vincere il suo ultimo scudetto.
Recensioni
Luigi Fattore
28 Settembre 2019

Diego Maradona

Kapadia supera la difficile prova cui era chiamato, indagando la complessità del rapporto tra Maradona e la città di Napoli.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre 2019

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
7 Settembre 2019

Piuttosto che mollare, morire. Maradona torna ad allenare

El Pibe de Oro è il nuovo allenatore del Gimnasia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Settembre 2019

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto 2019

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Storie
Maurizio Fierro
9 Giugno 2019

Quando la Fiorentina sconvolse l’ordine costituito

Stagione 1968/1969: la Fiorentina ye ye si laurea campione d'Italia, come degna chiusura degli anni sessanta.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio 2019

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Storie
Sergio Taccone
6 Maggio 2019

Il Milan della Stella

Quarant’anni fa i rossoneri, guidati da Nils Liedholm, conquistarono il decimo scudetto, l’unico della storia milanista vinto con una rosa tutta italiana.
Editoriali
Andrea Antonioli
5 Febbraio 2019

Alle radici del male

Il calcio giovanile è un sistema oligarchico fondato sul business e sull'ignoranza.