Carrello vuoto
Tennis
14 Novembre

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Andrea Antonioli

80 articoli
Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.

A guadarlo, Carlos Alcaraz, già destabilizza in partenza. I segni dell’acne giovanile, e i primi accenni di barbetta e baffi post adolescenziali sul volto, fanno da contraltare a un fisico già in buona parte formato. Una muscolatura possente sviluppata con un lavoro metodico, martellante e con metodi innovativi. Così vuole l’agenda dei nuovi prodotti d’eccellenza dello sport globale – in tal senso fa quasi impressione pensare che, già l’anno scorso, Alcaraz abbia approfittato di «un trattamento ecoguidato con plasma arricchito di piastrine» come scrive Gazzetta, una terapia innovativa di infiltrazioni supervisionata dal medico Juanjo López: un po’ estremo per un ragazzo di 17 anni, ma pare che il treno del successo non aspetti nessuno.

Ad unire corpo e volto in un tutt’uno è la mimica dello spagnolo: lo sguardo, ingenuo e liceale fuori dal campo, dentro si autoregola sulla modalità cannibale. Il sorriso impacciato e il tono timido nelle interviste, coi quali tradisce emozione e disabitudine, si trasformano sul court in urla belluine ed espressioni guerresche. Due anime che ancora convivono per forza di cose, quella da teen-ager (almeno per un altro anno) e quella da tennista affermato: numero 32 del mondo, fresco vincitore delle ATP Next Gen Finals, con scalpi prestigiosi già accumulati (su tutti il numero 3 del mondo Tsitsipas agli US Open, ma anche il nostro Berrettini) e un titolo maggiore all’attivo (il 250 di Umago).

Ciò nonostante, almeno sulla carta, pur sempre un diciottenne.

Cresciuto agli ordini di Juan Carlos Ferrero nell’accademia di Alicante, dove viveva fino a poco tempo fa in un prefabbricato di 25 metri quadri, secondo il sito ufficiale dell’ATP Carlos Alcaraz è alto 1.85 cm (e va bene, anche se può ancora guadagnare qualche centimetro) e pesa 72 kg (già oggi una stima abbastanza irrealistica). Classe 2003, nel Circus se ne parla da tempo ma il mondo lo ha scoperto solo negli ultimi mesi: quando ha iniziato a giocare con i grandi, alcuni li ha anche battuti, ma soprattutto quando ha fatto vedere di cosa è capace; non tanto e non solo come risultati, bensì come gioco e presenza in campo.

Paolo Bertolucci due settimane fa – nella telecronaca del match tra i nuovi prodigi del tennis contemporaneo, lo stesso Alcaraz e Sinner – ne ha parlato come di un giocatore “letteralmente unico”, nel senso che «il suo stile di gioco non assomiglia a quello di nessun altro, sembra l’evoluzione di quello di Rafa Nadal». In quella partita, in cui lo spagnolo ha infranto definitivamente i sogni di gloria di Jannik per le Finals di Torino, il pubblico italiano ha imparato davvero e suo malgrado a conoscerlo: Alcaraz non solo ha battuto Sinner in due set (7-6, 7-5) ma lo ha fatto asfissiandolo, travolgendolo, strapazzandolo. Un risultato bugiardo, si dice in questi casi, ma a “sfavore” del vincente, che avrebbe meritato anche un punteggio più largo.

Il miglior punto delle ATP Next Gen Finals, in cui Alcaraz ha sbranato tutti

Il giorno dopo, sul Foglio, Luca Roberto scriveva un pezzo dal titolo emblematico: Eravamo troppo occupati con Sinner per accorgerci di Alcaraz. Che è già il più forte.

«Uno che affronta ogni singola partita quasi fosse una questione di sopravvivenza. Se è vero che finisce sempre per buttarcisi, sopra la pallina, come i protagonisti di Squid game cercano la salvezza sfidando il vetro temperato, anche a discapito di altri essere umani».

È cosi. Il gioco di Alcaraz è animalesco, selvaggio, crudele. Ha tutta la forza di quei barbari che calano a Roma in un momento di vuoto di potere del tennis mondiale, e che in men che non si dica compiono razzie e saccheggi lasciando tutti confusi e impotenti. Al momento lo spagnolo di Murcia sprigiona una forza sovrabbondante, ingestibile. Noi ci concentravamo su Sinner, sì, e sulla sua impressionante tenuta mentale. L’energia di Alcaraz al contrario è ancestrale, viene dal corpo; è antica e incontenibile. Senza dubbio “la testa”, che per un tennista è il pilastro, ma nel suo caso c’è di più: lui porta in campo una presenza brutale, rende le partite di tennis incontri di boxe.

Certamente Alcaraz non è poesia ma, per quanto sia costruito, non è nemmeno prosa: lo spagnolo è epica. Al di là dell’accezione positiva e letteraria del termine, in senso invece quasi inquietante. Così quel suo gioco – uguale a nessuno per citare Bertolucci, e che lo stesso Alcaraz sembra avvicinare più a quello di Federer che a quello di Nadal (neanche per sogno, caro Carlos) – non si capisce se sia il manifesto di un nuovo tennis o l’eruzione vulcanica di un ragazzo in preda alla volontà di potenza. Non è chiaro se sia singolarità o generalità, un’onda anomala isolata o la prima di un maremoto.

Un riassunto del primo titolo ATP di Alcaraz: 6-2 6-2 in finale per annichilire il talento di Richard Gasquet

Alcaraz è abilissimo in difesa ma allo stesso tempo devastante in attacco. Il suo dritto fa impressione, e in generale imposta lo scambio sempre e comunque in maniera offensiva: è aggressivo ma non come lo si era un tempo, prendendo il centro del campo e venendo a rete. Carlos scoppia la pallina, impone allo scambio una tensione tecnica, fisica e nervosa che davvero sembra non avere precedenti. Anche Sinner è aggressivo, anche lui punta a comandare il gioco, ma con Alcaraz è diverso. Lo spagnolo ti stritola, ti sbrana. Ti prende al collo come una belva feroce trascinandoti a terra tra foga e polvere.

Insomma ad oggi ci appare davvero estraneo, etimologicamente barbaro – secondi i greci questi erano gli stranieri che non parlavano la loro lingua e balbettavano, da qui l’espressione “bar bar” che ha inaugurato la parola onomatopeica. Alcaraz è un po’ questo per il tennis mondiale. Barbaro perché incivile ma, di nuovo, al di là del bene e del male; più che incivile non civilizzato, non ancora addomesticato dalla civilizzazione tennistica. Da qui Alcaraz sembra trarre la sua forza unica e misteriosa: una forza ancestrale, che ha travolto il tennis mondiale nella forma di una bestiale apparizione.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Giugno 2022

L’erba di Matteo è sempre più verde

Berrettini al rientro trionfa a Stoccarda.
Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
5 Aprile 2021

Anche Sinner è umano

E questo è solo un bene per la sua carriera.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno 2018

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio 2018

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile 2018

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo 2018

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Tennis
Michele Alinovi
19 Febbraio 2018

Numero uno

Siamo cresciuti nell'epoca di Roger Federer, il più grande di tutti i tempi.
Ritratti
Edoardo Pastorello
17 Febbraio 2018

LLeyton Hewitt

Un tennista capace di restare 80 settimane al n.1 ATP imploso su se stesso, perché spesso grinta e abnegazione non sono sufficienti.