Carrello vuoto
Italia
14 Ottobre

Cassano non ama il calcio

Luigi Fattore

46 articoli
Il tira e molla con l'Entella ha sancito la fine della carriera di Antonio Cassano.

Riuscire bene in una disciplina non vuol dire necessariamente amarla. Così come le intuizioni più geniali spesso sono completamente indipendenti dal concetto di passione. Anzi, il talento smisurato può trasformarsi in una sorta di zavorra che impedisce a chi ne è in possesso di migliorarsi, perché non c’è tentazione più grande di dare per scontate le abilità innate. Attingendovi solo con il contagocce per poi lasciarle lì, in giacenza. Senza peraltro che qualcun altro possa raccoglierle e farle proprie, viste la ‘personalità’ e l’intrasferibilità che le caratterizza.

 

L’ultimo tira e molla con l’Entella dovrebbe aver sancito la fine del rapporto tra Antonio Cassano e il calcio. Uno sport che il barese non ha mai amato per davvero. Come detto, non dobbiamo farci depistare dalla sua vocazione naturale né, tantomeno, dalle emozioni che ci ha provocato con le sue giocate sopraffine, sebbene erogate a intermittenza secondo dosi e modi da lui stesso stabiliti. E non è in dubbio nemmeno la sua appartenenza al gruppo dei più grandi calciatori italiani degli ultimi quindici anni.

 

Checché se ne dica, la carriera Cassano l’ha fatta. E forse l’unico fallimento calcistico – certamente grave – è stato quello di Madrid, dove più che il talento a zavorrarlo sono stati i chili di troppo acquisiti. Mentre nelle altre esperienze, al netto delle intemperanze croniche, la sua impronta decisiva (in positivo) si è vista ed è agli atti: senza i gol e gli assist di Cassano Sampdoria e Parma non avrebbero centrato rispettivamente le qualificazioni alla Champions League (2010) e all’Europa League (anche se poi non disputata per le note vicende finanziarie, 2014).

Gennaio 2006, Cassano segna all’esordio con il Real Madrid. Ma l’esperienza alla Casa Blanca sarà il punto più basso della sua carriera (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

 

Ma anche quando ha giocato bene, il merito è sempre stato del talento, mai davvero suo. Allenandosi sempre con il freno a mano tirato come se tutto gli fosse dovuto e cedendo spesso ai piaceri della tavola, Cassano non ha mai dato al calcio la priorità che richiede il sentimento amoroso. Perché l’amore si può declinare in mille modi, ma sacrifici e rinunce ne costituiscono principi fondanti non negoziabili. Cassano si è quasi sempre tenuto alla larga dall’assunzione di queste responsabilità, facendosi bastare le sue intuizioni indipendenti e il divertimento, senza mai mettere realmente in gioco se stesso. Rinunciando sin da subito alla possibilità di conoscersi. Per questo anche l’espressione “addio al calcio” suona quantomeno fuorviante.

 

Lui e il calcio non possono dirsi addio perché non sono mai stati davvero insieme. Certo, il calcio avrebbe voluto, ma il suo amore non è stato corrisposto. E a pensarci bene non si è trattato nemmeno di un legame di amicizia, vista la fiducia unilaterale e i continui ‘tradimenti’ perpetrati dal gioiello barese. Così come non si è trattato di un rapporto di reciproca stima, un sentimento che se da un lato libera da coinvolgimenti profondi, dall’altro impone equilibrio e rispetto, non esattamente qualità in cui Cassano spicca. E allora come qualificare la relazione tra Cassano e il pallone? Si è trattato di un rapporto hobbistico e nulla più, un’attività da svolgere – anche bene, benissimo – durante il tempo libero.

 

Oppure, viste anche le implicazioni economiche che Cassano non ha mai fatto mistero di apprezzare, al massimo di un rapporto di colleganza. Già. Per Fantantonio il calcio è stato un collega di lavoro con cui andare d’accordo a fasi alterne, e una volta a casa chi si è visto si è visto.

.


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Mattia Curmà
17 Gennaio

Da Valverde a Valverde

La settimana dei Valverde: Federico ed Ernesto, tra gloria e fallimento.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Ritratti
Matteo Latini
18 Maggio

Quel galantuomo di Gaetano Anzalone

Tre anni fa ci lasciava un signore del pallone, presidente e primo tifoso della Roma.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Papelitos
Guy Chiappaventi
12 Febbraio

Sebino Nela, il mio miglior nemico

Il pensiero di un laziale nei confronti di un avversario, detestato ma rispettato, nella sua ora più difficile.
Italia
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Calcio
Gabriele Fredianelli
20 Agosto

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Estero
Vito Alberto Amendolara
24 Ottobre

Di Maria, ultimo tango a Parigi

La corsa contro il tempo di Ángel Di Maria.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Italia
Diego Mariottini
30 Giugno

Pruzzo faceva gol e se ne fregava del resto

Tra l'amore e la propria natura, scegliere comunque la seconda.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

I tifosi non hanno diritto di parola

Dal “Vangelo” secondo Kolarov.
Cultura
Emanuele Iorio
15 Ottobre

Un pallanuotista con la cinepresa

Nanni Moretti: regista, pallanuotista e calciofilo.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Estero
Mattia Curmà
19 Luglio

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).
Italia
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Ritratti
Maurizio Fierro
7 Maggio

Oronzo Pugliese

L’antimago.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Luigi Fattore
7 Marzo

Sognare è lecito

La leggerezza di una dimensione onirica, posta a metà strada tra la realtà e l'impossibilità.
Papelitos
Michelangelo Freda
26 Marzo

Malatella l’impavido

Perché noi stiamo con Malatella, lo steward che più provinciale non si può.
Tifo
Jacopo Benefico
21 Maggio

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Estero
Gianluca Palamidessi
3 Febbraio

Così parlò Xabi Alonso

A Xabi Alonso è sempre piaciuto l’atto pratico: l’eleganza era in lui connaturata.
Italia
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Ritratti
Niccolò Maria de Vincenti
31 Gennaio

Guti non bastava

Controracconto di un amore perduto.
Italia
Nicolò Delvecchio
23 Maggio

Altro giro altro flop

Le grandi ambizioni in quel di Bari iniziano a pesare.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Interviste
Leonardo Aresi
27 Gennaio

Nella terra di mezzo

Intervista a Francesca Benvenuti, bordocampista di Premium Sport.
Italia
Niccolò Maria de Vincenti
27 Maggio

L’Antetotti

Compendio di storia romanista 1927-1993 per sopravvivere al 28 maggio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Aprile

La leggenda di Cristiano Ronaldo

Juventus-Real Madrid senza storia. Ma la storia s'è scritta.
Italia
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Estero
Gennaro Malgieri
14 Dicembre

Davide contro Golia

Tra Napoli e Madrid si combatterà una battaglia che ricorda quella di Salamina (480 a.C.), tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia "I Persiani".
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Matteo Latini
30 Maggio

Agostino Di Bartolomei, orgoglio di Roma

30 maggio, giornata maledetta per il romanismo.
Estero
Luca Giorgi
1 Settembre

Passaggio di consegne

La caduta del Barcellona e l'ascesa del Real Madrid.
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Papelitos
Alberto Fabbri
25 Luglio

La polvere sotto al tappeto

Cosa sta succedendo al calcio italiano?
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Ottobre

La Roma dovrebbe punire Cengiz Under

Cengiz Under ha sfruttato l'immagine della Roma per le sue (discutibili) battaglie politiche.
Ritratti
Domenico Rocca
6 Febbraio

Erasmo da Taranto

Erasmo Iacovone, l’uomo e il simbolo.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Italia
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Italia
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

Perché i fuoriclasse giocano coi calzettoni abbassati?

E perché portano (quasi) tutti la maglia numero dieci?
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Interviste
Simone Meloni
4 Novembre

I ragazzi della Sud

Antonio Bongi racconta i gloriosi anni del Commando Ultrà Curva Sud.