Carrello vuoto
Tennis
12 Settembre

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.

Nessuna giocatrice era mai riuscita ad approdare a una finale Slam iniziando il torneo dalle qualificazioni. Emma Raducanu ha polverizzato questo record vincendo persino il torneo: un’impresa mai centrata da nessun tennista, senza distinzione di genere. Quello ottenuto a Flashing Meadows dalla britannica, è un trionfo di portata storica, paragonabile, negli ultimi anni, solo alla vittoria dei Championships da parte di Goran Ivanišević nel 2001 da wild card. Il croato era però al tramonto di un’ottima carriera, e soprattutto con già due finali perse sui prati di Wimbledon.

Emma Raducanu a inizio anno ricopriva la posizione numero 343 del ranking mondiale e ha giocato la finale degli US Open da numero 150. La britannica era apparsa per la prima volta in un torneo del Grande Slam appena lo scorso giugno tra le mura amiche di Church Road sfruttando una wild card ben assegnata che l’avrebbe condotta fino agli ottavi di finale. Poi nessuna corsa all’oro: un ritorno alla realtà semplice quanto straordinario. 19 anni non ancora compiuti, Emma è tornata a Orpington, nel distretto londinese di Bromley, alla Newstead Wood per concludere la formazione scolastica, ottenendo il diploma con il massimo dei voti in Matematica ed Economia. Un’estate di sacrificio, contesa tra i libri e gli allenamenti, vissuti nella modestia di una classifica da costruire e nella consapevolezza di un futuro tutto da scrivere. Poteva sembrare la favola estiva da one hit wonder invece la Raducanu al secondo tentativo ha già centrato un major.



Mamma cinese, papà romeno, cresciuta in Gran Bretagna dall’età di due anni, ma nata a Toronto, in Canada, Emma Raducanu ha incrociato in finale una ragazza dalla storia simile. Il paese nordamericano come comune denominatore: nel Québec, a Montréal, tre mesi prima nello stesso anno (2002) nasceva Leylah Annie Fernandez, origini ecuadoriane e filippine, che parla fluentemente tre lingue, ma ha deciso di adottare la bandiera con la foglia d’acero. Anche lei protagonista inattesa del torneo, iniziato oltre la posizione 70 del mondo e prima di New York incapace di vincere due partite di fila dal torneo di Monterrey dello scorso marzo (concluso trionfalmente).

Mentre le avversarie più quotate si facevano divorare dai demoni dell’insicurezza, questi due splendidi uragani estivi hanno travolto il Queen’s con il loro entusiasmo, in modo persino più dirompente di quanto non abbia fatto Ida con il resto della città. Un tennis esuberante e dinamico, pervase da quella che Paolo Rossi su Repubblica ha definito “consapevole incoscienza“, che ha evidenziato con sconcertante chiarezza le difficoltà alla successione al trono lasciato vacante da sua Maestà Serenona. Non a caso, quella di ieri è stata la finale più giovane dal 1999, all’epoca giocata proprio dalla secondogenita delle Williams contro Martina Hingis. Come a dire: di buon auspicio. Eppure, non è stata una finale casuale, sebbene fosse certamente impronosticabile. Leylah Fernandez ha sconfitto tre top 5 per raggiungere l’atto conclusivo, segno di una continuità di rendimento ad alte frequenze innegabile. Emma Raducanu ha vinto il torneo non cedendo nemmeno un set nelle tre settimane (comprese quindi anche le qualificazioni), e non concedendo alle avversarie di superare mai la soglia dei 4 game per set. Un dominio totale, senza mezzi termini.

I momenti salienti della finale di ieri (dal canale ufficiale US Open Tennis Championships)

Sembra anzi di aver assistito più che a un’eccezione a un assaggio di futuro. Una ventata di novità tecnica che si muove veloce come i loro piedi agili alla costante ricerca della palla. Un tennis fatto di dinamismo esplosivo che pare poter essere finalmente antidoto al tennis muscolare e bruto dell’ultima decade del circuito in gonnella. La Raducanu ha più giri nel motore, ma non è tanto a queste due giocatrici che si guarda, quanto alla prospettiva di un movimento che su queste basi promette divertimento e qualità. Ma oltre alle considerazioni tecniche che aprono una breccia solo nella pancia di pochi, sono i sorrisi ad aver vinto nei ricordi di tutti. Contagiosi quelli della Fernandez, ammalianti quelli della Raducanu, entrambi soprattutto genuini. Reazioni istintive che ci hanno improvvisamente riportati alla realtà di uno sport splendido, grazie all’innocenza della gioventù.

Era proprio quello che ci voleva dopo un’estate tormentata, trascorsa a soppesare il polverone scatenato dalla campionessa triste Naomi Osaka. Una ragazza che ha tutte le carte in regola per raccogliere lo scettro di Serena e insieme alle due giovani finaliste di ieri condivide il melting pot culturale ed etnico che sembra la pozione vincente del tennis femminile, ma che a differenza loro ha perso il sorriso e trovato le lacrime.



Le sue esternazioni avevano aperto il dibattito sulla necessità di una serie di misure per la tutela dei giocatori. L’ultima, in ordine di tempo, è stata la creazione di ‘stanze silenziose’ e altri servizi di supporto alla salute mentale dei tennisti da parte della USTA. Il tennis è stato messo sotto accusa, quasi che per competere e vincere fosse congenita una forma di demolizione interiore.

Il sorriso di queste tenniste ci ha ricordato che non è per forza così, che si può giocare, vincere o perdere, assaporando il momento. Dall’angolo della Fernandez, nei momenti più difficili della finale di ieri il consiglio più ricorrente era urlato a suon di «smile», con tanto di gesto con le dita davanti alla bocca in sorta di riedizione di Dybala-mask. Il sorriso come soluzione anche nelle difficoltà, un messaggio implicito: goditela. Una finale che lancia nel firmamento due stelle che hanno tutti i presupposti per non dissolversi come meteore, ma lasciare una scia come comete, se non addirittura lecitamente aspirare ad affermarsi come stelle polari. Da oggi Emma Raducanu è nuova Regina del Queen’s, e giustamente è britannica. O almeno, tra le tante culture che rappresenta, ha un accento sfacciatamente British. God Save the Queen.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre

Berrettini, un Re nel Queens

Matteo Berrettini approda alle semifinali degli US Open di tennis e ora ci autorizza a sognare.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Ritratti
Samantha Casella
28 Novembre

Nicola Pietrangeli

Un re italiano a Parigi.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Altri Sport
Remo Borgatti
8 Marzo

E’ tornato lo Zio Sam

La caccia ai giganti di Sam Querrey è a dir poco appassionante. L'ultima battuta si è svolta in terra messicana.
Ritratti
Edoardo Pastorello
17 Febbraio

LLeyton Hewitt

Un tennista capace di restare 80 settimane al n.1 ATP imploso su se stesso, perché spesso grinta e abnegazione non sono sufficienti.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Altri Sport
Francesco Albizzati
2 Febbraio

Il ritorno del Re

La finale degli Australian Open 2017 fra re Roger e Rafa, il "fante di picche"
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

Compie 34 anni una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta a metà.
Tennis
Federico Brasile
6 Settembre

La maleducazione regna a New York

Quello degli Us Open è un pubblico di bifolchi, maleducati e ignoranti.
Recensioni
La Redazione
8 Dicembre

La teoria di Rino Tommasi sul potere della telecamera

Aridatece Gianni Clerici e Rino Tommasi, i due commentatori più amati del tennis italiano, e soprattutto le loro sublimi divagazioni. «... Comunque, 15-0».
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Altri Sport
Angelo Iannacci
9 Maggio

Il destino cieco di Wilander

Ascesa e caduta del campione svedese, ex n. 1 del mondo, dai successi al Roland Garros fino al suo inesorabile declino.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Altri Sport
Luca Capponi
11 Settembre

The Australian Job

Ritratto breve di Kyrgios, un mammone a cui piaceva il basket.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Maggio

Occidentali’s karma

Da predatore a preda: la parabola sportiva e spirituale di Novak Djokovic.
Altri Sport
Francesco Albizzati
2 Marzo

Prima che la terra ci divori

La preview dei grandi Master 1000 sul cemento americano: i profili dei protagonisti e dei possibili outsider fra attese, delusioni e prospettive future.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Altri Sport
Remo Borgatti
1 Giugno

Il signore del Roland Garros

Con 74 vittorie e due sole sconfitte, Rafael Nadal, il più grande di sempre sulla terra rossa, è alla ricerca del decimo titolo parigino.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Jacopo Natali
28 Gennaio

Play it again, Roger!

Il primo Slam per Wozniacki, il ventesimo per il Re. Sotto un caldo estenuante si sono riscritti non solo i record ma anche la storia di questo torneo.
Ritratti
Samantha Casella
26 Aprile

Justine Henin

Una Roger Federer in gonnella.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio

Fred Perry non è solo un marchio

Fred Perry è stato il più grande tennista britannico ma ancor prima un uomo venuto dalla periferia, allergico all'etichetta.
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Altri Sport
Micael Caviglia
10 Luglio

Incursione a Wimbledon

Quello che c'è da sapere sulla prima settimana di gioco all'England Club.
Tennis
Andrea Catalano
25 Gennaio

Andy Roddick, il cannoniere gentile

Un atleta che ha fatto bene al tennis.
Tennis
Michele Alinovi
19 Febbraio

Numero uno

Siamo cresciuti nell'epoca di Roger Federer, il più grande di tutti i tempi.
Altri Sport
Davide Truglio
9 Novembre

ATP Finals di Londra: una guida

Murray, Djokovic, Wawrinka, Raonic, Nishikori, Cilic, Monfils e Thiem: sono loro i tennisti qualificati alle ATP World Tour Finals di Londra, l'ultimo torneo della stagione. Il risultato è tutt'altro che scontato.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Altri Sport
Francesco Albizzati
23 Marzo

Roger e Stan, un’altra battaglia fratricida

Come Roger Federer ha vinto Indian Wells, confermandosi il più forte del 2017. Come ha portato alle lacrime il valoroso Stan Wawrinka, l'eterno secondo svizzero vissuto due volte.
Ritratti
Samantha Casella
21 Febbraio

Thomas Muster

L'Ercole moderno del tennis, che dopo un tragico incidente è riuscito a diventare n. 1 del mondo e a vincere il Roland Garros.