Carrello vuoto
Altri Sport
9 Maggio

Il destino cieco di Wilander

Angelo Iannacci

1 articoli
Ascesa e caduta del campione svedese, ex n. 1 del mondo, dai successi al Roland Garros fino al suo inesorabile declino.

È il 1981. Il regista polacco Krzysztof Kieślowski ha appena portato a termine le riprese di una pellicola molto discussa ed enigmatica: Destino cieco (Il caso). La trama della film si articola in tre storie differenti che si susseguono in maniera lineare, tre ipotetiche vite del protagonista Witek, tutte generate da un imprevisto incidente in una stazione ferroviaria. Vite ipotetiche, potenzialmente reali, ma, in realtà, mai vissute. Nello stesso anno, non molti chilometri più ad ovest della Varsavia di Witek, un giovane tennista vince il suo primo Open di Francia juniores. È uno svedese di Växjö, un piccolo centro a circa 200 km da Malmö, celebre per aver dato i natali a Pär Fabian Lagerkvist, premio Nobel per la letteratura nel 1951. Il suo nome è Mats Wilander. E anche lui il suo destino c(i)eco lo incontrerà di là a qualche anno.

È il 7 giugno 1981 e dopo la vittoria sul pari età Henry Leconte, Mats prende in spalla la sua borsa ed abbandona il campo numero 1 del Roland Garros. La gioia, la stanchezza per il successo non lo distraggono da quello che sta succedendo a poche spanne da lui. Il boato della folla lo attira verso il Campo Centrale, lì dove si fa sul serio. Tra la polvere, in quel campo di battaglia divenuto ormai color cremisi, incrociano le racchette due vere leggende, lo svedese Bjorn Borg ed il ceco di ferro, Ivan Lendl. Mats fa in tempo a vedere solo gli ultimi due set (“era la prima volta che vedevo Borg dal vivo”, racconterà). Sufficienti per ammirare il suo mito annientare l’avversario con un ultimo set perfetto: 6-1. Il sesto successo agli Open per Borg. L’intera Svezia gioisce per il suo vichingo dal rovescio d’acciaio e l’occhio triste. Inarrivabile, irraggiungibile. E a chi importa se non ha mai vinto gli US Open? Il re ribadisce al mondo che lo scettro del più forte è ancora saldamente nelle sue mani.

Un giovane Mats Wilander in azione
Un giovane Mats Wilander in azione

L’anno successivo Mats ritorna a Parigi, stavolta fra i grandi. Un lungo viaggio in macchina, a causa di uno sciopero aereo, da Roma (dove ha appena perso in semifinale con uno dei giocatori più lenti che la storia di questo sport ricordi, l’ecuadoregno Andrés Gómez Santos) fino alla capitale transalpina. Un viaggio di riflessioni e paure e speranze. Borg non c’è più, e adesso tocca a lui. Arriva a Parigi di domenica mattina, in un clima grigio e un po’ cupo, che ben si attanaglia al nomignolo con cui i colleghi iniziano a chiamarlo, quando lo incrociano nei corridoi che portano ai campi. “Eccolo lì, il fantasma di Borg”. E Mats non sa se essere orgoglioso o indispettito per quel soprannome. Arriva e si allena. Dall’altro lato della rete, pronto ad fare due scambi con lui trova Mr.James Scott Connors, detto Jimmy. Palleggiano per un po’, poi Jimbo urla (pochi, in realtà, l’hanno sentito parlare sottovoce): “Hey, ragazzo ti va di giocare un po’?”. Giocano un set, un solo set, che non finirà mai. Mats, stanco e assonnato, prende a pallate il povero Jimmy, che a giudicare dalla faccia aveva trascorso una delle sue notti meno brave. 4-1 per Mats, che sta per servire di nuovo. Improvvisamente, Connors si ferma, si avvicina alla rete e gli dice: “Tu, tu sei un figlio di….”. Ecco, bienvenu a Parigi, ragazzino. Due settimane più tardi, quel ragazzino figlio di Växjö lo vincerà, quel Roland Garros. Lendl (eh sì, il suo destino ceco, con cui darà vita ad una delle rivalità più accese degli anni ’80; alla fine prevarrà Ivan il Grande, in vantaggio per 15 a 7 negli head to head all time), poi Gerulaitis, poi Clerc, Vilas in finale. Tutti messi in riga dal fantasma di Borg. Che appare, spaventa gli avversari e scappa via. Pochi autografi, pochi sorrisi, molta gloria.

Ma torniamo al Destino cieco di Mats. Siamo nel 1988. Ha appena vinto il suo terzo Roland Garros, il suo terzo Australian Open (primo ed unico giocatore a svettare sia sull’erba del Kojong che sul cemento di Fliders Park) ed il 12 settembre di quell’anno è meritatamente numero uno della classifica Atp. Il suo anno migliore, insomma. Il 21 dicembre, dall’aeroporto di Heathrow, è in partenza il volo Pan Am 103 diretto all’aeroporto JFK di New York. L’aereo non parte, i soliti ritardatari (tra loro anche Kim Cattrall e Johnny Rotten, il leggendario frontman dei Sex Pistols, che su quell’aereo non ci saliranno mai). Ma non furono gli unici: nella lista prenotazioni della Pan Am non si presentano al check in altri due passeggeri: i loro nomi sono Mats Wilander e Sonya Mulholland, sua moglie. Qualcuno dice che Mats e Sonja fossero alle prese con i soliti litigi, in un albergo di Notting Hill: tradimenti reiterati, disinteresse, lui è cambiato. Qualcuno dice che fosse infortunato ad una gamba. Poco importa, alla fine. Quel volo Pan AM 103 precipita un’ora dopo il decollo in seguito ad una detonazione causata da un ordigno esplosivo nascosto in una valigia nella stiva del velivolo. Muoiono 259 persone tra passeggeri e membri dell’equipaggio, fra cui 189 cittadini statunitensi e 11 residenti della cittadina di Lockerbie, in Scozia. Eccolo, il destino cieco di Mats, il fantasma che, da quel giorno, è davvero l’ombra di sé stesso. Il pragmatismo, l’intelligenza tattica, dogmi su cui aveva edificato, mattone su mattone, la sua strepitosa carriera, crollano. Il 1989, infatti, è un disastro. Mats si rialza l’anno dopo. Arriva in semifinale all’Australian Open e vince il suo ultimo titolo (il n. 33) ad Itaparica, Stato di Bahia, Brasile, Mondo ma, comunque, lontano anni luce dai viali di Parigi e dai Royal Botanic Gardens di Melbourne. L’ultimo sorriso, ad ogni modo, prima del ritiro. Il tennis dà, il tennis toglie. Ti strozza il collo in un famelico tie break e ti porta in alto con uno smash fortunato che spazza la riga. E il destino cieco lo indirizza ad una vita senza Slam. Ma gli fa ritrovare l’amore di sua moglie Sonja, la serenità della sua famiglia ed i sorrisi. Gli stessi sorrisi che illuminano il volto del nostro Witek, il protagonista di Destino Cieco. ll film, terminato nel 1981, resta per sei anni bloccato dalla censura polacca per motivi politici e viene sdoganato soltanto nel 1987 quando l’opera di Kieślowski viene presentata al Festival di Cannes 1987, nella sezione Un Certain Regard. Anche a lui tocca un destino cieco che, alla fine, torna a vederci benissimo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Storie
Ugo D'Elia
25 Giugno 2019

Carmelo Bene, il calcio come fenomeno estetico

Carmelo Bene del calcio amava soprattutto l'estetica, intesa nel senso etimologico e greco del termine.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno 2018

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio 2018

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile 2018

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo 2018

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Tennis
Michele Alinovi
19 Febbraio 2018

Numero uno

Siamo cresciuti nell'epoca di Roger Federer, il più grande di tutti i tempi.
Ritratti
Edoardo Pastorello
17 Febbraio 2018

LLeyton Hewitt

Un tennista capace di restare 80 settimane al n.1 ATP imploso su se stesso, perché spesso grinta e abnegazione non sono sufficienti.