Carrello vuoto
Papelitos
3 Aprile

Alla faccia della Superlega

Luca Pulsoni

80 articoli
La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.

Andrea Agnelli lo aveva detto senza giri di parole: nel calcio di oggi ci sono «troppe partite che non sono competitive». Per i grandi club il gioco non vale la candela: poco appeal, scarsa audience e un’esposizione al rischio inversamente proporzionale ai guadagni sperati. Ed è un paradosso, o forse neanche troppo, che mentre il presidente dell’European Club Association (Eca) si fa promotore di un calcio d’elite, la sua Juventus arranca con le piccole.

 

 

I numeri dicono molto: i bianconeri hanno vinto 5 partite su 7 contro le ultime quattro della classe, lasciando punti preziosi col Crotone (1-1 in Calabria) e nel derby di ieri contro il Torino: una assoluta novità nell’ultimo decennio. Tendenza confermata dal rendimento contro altre squadre che Agnelli definirebbe “poco competitive”: un punto tra andata e ritorno con il Benevento, due con l’Hellas Verona e lo shockante 0-3 subito allo Stadium dalla Fiorentina.

 

 

Risultati che creano imbarazzo in casa Juventus, se non altro per le posizioni poco inclusive assunte da AA. Il presidente bianconero è finito infatti nel mirino di mezza stampa europea dopo l’eliminazione della Juventus dall’ultima Champions League. I quotidiani ostili alla Superlega – Le Equipe e The Indipendent su tutti – hanno ricordato le disfatte europee della Juve ‘ronaldiana’ contro Ajax, Lione e Porto. Non proprio avversarie di primo ordine in termini di fatturato e introiti televisivi. Emblematico quanto scritto da The Indipendent:

«Se Agnelli vuole riordinare il calcio europeo per assicurarsi che il suo club non perda così tanto, forse dovrebbe iniziare con quello che dovrebbe essere il suo lavoro: in primo luogo costruire una squadra vera».

Dopo l’investimento CR7, in molti si aspettavano il definitivo salto di qualità della Juventus in campo europeo. Invece, continua la stampa inglese «la Juve è un pasticcio disfunzionale e gonfio, caduto dalla Champions in uno di quei gloriosi casi di poetica giustizia che lo sport offre».

 

Cristiano Ronaldo Juventus
La delusione di CR7 dopo il Porto: il superuomo che si riscopre umano (Valerio Pennicino/Getty Images)

 

 

Non ce ne vogliano i tifosi ma le recenti prestazioni di Porto, Benevento e Torino contro la Juventus rappresentano la bellezza intrinseca del calcio; negarlo, sarebbe schiaffeggiare la storia di questo sport. Per citare alcuni esempi: il Maracanazo, il Leicester campione d’Inghilterra, il Verona tricolore, il semisconosciuto Nottingham Forest vincitore di due Coppe dei Campioni. O anche la magia dei giant killing in FA Cup, che hanno contribuito a creare il fascino della (ex) competizione più bella del mondo. Senza impresa non c’è sport, e il calcio è fenomeno che si nutre di imprese. Privarlo dell’etica e della poesia, sarebbe come snaturarlo.

 

 

Agnelli, dal canto suo, sta giocando invece la partita più delicata: ridurre il football a una questione tra ricchi, con partite tra ricchi col solo intento di diventare più ricchi. Ciò che vorrebbe è un calcio elitario, un po’ come accadeva agli albori, quando a sfidarsi erano gli studenti dei college inglesi cresciuti nelle classi privilegiate. Successe poi che si presero la scena i colletti bianchi del Blackburn Olympic che portarono per la prima volta la FA Cup a casa degli operai, aprendo il pallone alle classi meno abbienti e facendo del football il fenomeno sociale e popolare che tanto abbiamo amato. D’altronde, come dice Jorge Valdano:

“Il calcio è l’unica cosa che i poveri abbiano rubato ai ricchi”.

Ad Andrea Agnelli, però, non piace l’imprevisto: che ci fa ad esempio una Atalanta in Champions League? Come se la Dea, la migliore squadra italiana della scorsa Champions, fosse confinata in un universo opposto e parallelo. «Ho grande rispetto per quello che sta facendo l’Atalanta – ha detto un anno fa nel corso del Financial Times Business of Football Summit di Londra – ma senza storia internazionale e con una grande prestazione sportiva ha avuto accesso diretto alla Champions. Giusto o meno, penso poi alla Roma, che ha contribuito negli ultimi anni a mantenere il ranking dell’Italia, ha avuto una brutta stagione ed è fuori».

 

La gioia di Mario Pasalic dopo il gol contro il PSG dei petrodollari, che l’anno scorso ha quasi mandato l’Atalanta in semifinale di Champions. (David Ramos/Getty Images)

 

 

AA è quindi determinato a raggiungere l’obiettivo: la Superlega. Competizione a cinque stelle, stadi gremiti, audience da capogiro e divieto di entrata ai ‘piccoli’. Per l’Atalanta, il miglior prodotto recente del calcio italiano, non ci sarebbe posto. Se però la Superlega ha imboccato un percorso a ostacoli, è stata la UEFA a fornire l’assist decisivo ad Agnelli ed Eca con la “Super Champions”.

 

Il continente si è spaccato e in pochi sembrano aver fiutato il pericolo.

 

La Premier League custodisce un tesoro troppo prezioso da elargire con il resto d’Europa, anche se i grandi club sembrano aver concesso il placet alla “Super Champions”. In Spagna il presidente della Liga, Javier Tebas, è fortemente contrario al progetto. Il neo presidente del Barcellona, Joan Laporta, ha posizione analoghe. È rimasto isolato Florentino Perez, che non ha mai nascosto l’interesse della Casa Blanca alla Champions d’elite.

 

 

Soffia vento ostile in Germania dove i club, capitanati dal Bayern Monaco campione di tutto, appoggiano la riforma al contrario dei tifosi. Nel corso dell’ultimo ottavo di Champions tra Borussia Dortmund e Siviglia, il tifo di casa ha esposto sugli spalti del muro giallo uno striscione eloquente: «Stop UCL reforms». Chi gongola è il campionato francese, da anni ormai piegato al dominio dei petrodollari del Paris Saint Germain: la Champions a cinque stelle rappresenterebbe una via di uscita dalla crisi tecnica che attanaglia il torneo transalpino.

 

 

Un disegno politico ed economico che punta ad abbattere l’ultimo ponte che lega il calcio di oggi a quello del passato: l’imponderabile. Perché se il calcio è cambiato, il pallone è rimasto lo stesso. Diceva Osvaldo Soriano: «Il calcio ha le sue ragioni misteriose che la ragione non conosce». E noi non vorremmo mai conoscerle.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
La Redazione
4 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile 2021

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Papelitos
Andrea Antonioli
21 Aprile 2021

Che figura di m…

Se questi sono i padroni del football, stiamo freschi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Estero
Michelangelo Freda
25 Marzo 2021

Olanda, Belgio e il nuovo calcio transnazionale

La BeNeLeague, una prova tecnica di Superlega.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Marzo 2021

Andrea Agnelli e il Grande Reset

Il teorico dell'irreversibile è tornato a parlare.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.