Ultra
31 Agosto 2023

Mario Balotelli, l'incompreso

Elogio di un uomo dal talento disumano.

Se è vera l’antica gelosia degli dèi greci per la caducità degli uomini, Mario Balotelli ha più di un nemico al di là del cielo. Caducità, infatti, non significa mortalità ma beatitudine nel desiderio, felicità nell’istante, pianto nella paura. Cosa significa, la vita, se non meraviglia di fronte a ciò che sfugge? E cosa significa l’immortalità degli dèi se non il terrore che la ripetizione dell’esistenza sia in sé una pericolosa contraddizione? Mario Balotelli è il Re della caducità. È alto, bello e intelligente. Ma è, al contempo, insicuro, ferito e vulnerabile.

Attaccarlo è stato, in questi lunghi quattordici anni – perché il mito di Mario Balotelli inizia nel 2009, l’anno preludio all’Inter del Triplete –, l’esercizio di stile preferito di una stampa moralista, borbottona e tutto meno che empatica. Non a caso, forse, il giornalista che ha avuto il coraggio di prenderne le difese è anche l’unico contemporaneo che può sedere al fianco dei maestri del passato, dei Brera e degli Arpino: Gianni Mura. «Tu non gli chiedere quello che non può dare, cantava Luigi Tenco in Ragazzo mio. Si riferiva all’amore, ma vale per chiunque, Balotelli compreso. Lo difendo, in questo caso, perché in una battaglia, di civiltà e culturale, si possono arruolare solo volontari consapevoli e motivati, altrimenti è un’operazione di facciata. Sarebbe utile Balotelli come testimonial? Sì, a patto che ne sia convinto», scriveva Mura su La Repubblica il 15 ottobre del 2013.

Nello specifico, la “battaglia” a cui si riferiva Mura era quella contro la Mafia. Balotelli, citato come simbolo anticamorra dalla Rosea per una partita che la nazionale avrebbe giocato nel comune di Quarto in un campo confiscato alla malavita organizzata, aveva risposto al giornale con toni sgrammaticati ma sinceri: «Questo lo dite voi! Io vengo perché il calcio è bello e tutti devono giocarlo dove vogliono e poi c’è la partita!», dimostrando di fregarsene altamente dell’immagine di giocatore/sportivo-impegnato. Questo per noi è un grande merito: ammiriamo infatti la franchezza di un ragazzo rimasto bambino mentre il mondo lo voleva adulto. Al contempo, quindi, detestiamo i ritratti del ‘Balotelli cresciuto, finalmente maturo’. Al diavolo, fandonie pericolose!

A 16 anni, quando […]

Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

Ancelotti, il più grande di tutti
Estero
Gianluca Palamidessi
02 Giugno 2024

Ancelotti, il più grande di tutti

Nel club che sta sopra tutto.
Ma quale sfortuna
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Maggio 2024

Ma quale sfortuna

La Fiorentina ha giochicchiato, l'Olympiakos, meno forte di lei, ha vinto con merito.
L’Atalanta entra in un’altra dimensione
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Maggio 2024

L’Atalanta entra in un’altra dimensione

Cosa significa il trionfo sul Leverkusen nella finale di Europa League.

Ti potrebbe interessare

Non (s)cadiamo nella russofobia
Papelitos
Federico Brasile
03 Marzo 2022

Non (s)cadiamo nella russofobia

Almeno nello sport, distinguiamo tra cose e persone.
Lo Stadio Olimpico è in finale
Italia
Federico Brasile
06 Maggio 2022

Lo Stadio Olimpico è in finale

Un'atmosfera che a Roma mancava da un ventennio.
Sparta contro Slavia, tutto per Praga
Ultra
Jacopo Benefico
01 Marzo 2024

Sparta contro Slavia, tutto per Praga

La storia (e la rivalità) del calcio ceco passa dalla sua capitale.
I due mondi di Italo Balbo
Cultura
Beniamino Scermani
06 Giugno 2024

I due mondi di Italo Balbo

Vita e morte dell'unico uomo che avrebbe potuto uccidere Mussolini.
Con Marquez la Ducati si consacra
Motori
Giacomo Cunial
05 Giugno 2024

Con Marquez la Ducati si consacra

Nel 2025 il dream team che scalda già gli appassionati.