Carrello vuoto
Critica
31 Ottobre

L’intervistatore sponsor

Pippo Russo

24 articoli
Nuove frontiere del giornalismo in Gazzetta: l'intervistatore-sponsor.

Il prodotto tanto atteso è infine planato nelle edicole sabato 28 ottobre. Parlo di Sportweek, il magazine settimanale della Gazzetta dello Sport che veniva annunciato tutto nuovo nella veste grafica e nei contenuti. E per chi segue sin dal primo numero il supplemento sabatino della rosea le aspettative erano enormi, tutte legate a gravi interrogativi. Fra questi il principale era: riusciranno a strappare anche una sola pagina d’informazione a quella sarabanda di pubblicità e marchettoni? La risposta è stata chiara e immediata fin dalla copertina, che annunciava un’intervista a Gianluigi Donnarumma. Un bel contenuto giornalistico, avrà pensato chi soppesava fra le mani il fascicolo. Salvo poi scorrere le pagine e scoprire che a intervistare il portiere del Milan era non un giornalista, bensì Renzo Rosso. Che attraverso il marchio Diesel è sponsor del Milan. Sicché rassegnatevi: cambiano le grafiche e le stagioni, ma quel magazine rimane inesorabilmente Spot-Week. E a certificarlo era la didascalia che accompagnava la foto di Renzo Rosso, in cui si rintracciava l’informazione cruciale dell’intero servizio da 7 pagine: “Tutti i capi indossati da Donnarumma in questo servizio sono di Diesel”. Come potrete immaginare, ne è sortito un esemplare pezzo di giornalismo post-informativo, contrassegnato da una serie di passaggi memorabili. A cominciare dal seguente scambio:

Contro la Juve ritrovi il tuo modello e idolo Buffon. Perché è il più forte di tutti?

R. – Perché è la storia del calcio dentro e fuori dal campo.

Ok, ma perché è il più forte?

 

Questo scambio così surreale è stato soltanto l’inizio d’una chiacchierata ricca di passaggi del medesimo tenore. Molti dei quali vedevano l’intervistatore-sponsor impegnato a intervistare se stesso o a raccontarsi. Come quello in cui Donnarumma dice che una delle sue partite migliori è stata quella di un anno fa a Doha in Supercoppa Italiana contro la Juventus, e Rosso ribatte: “C’ero! Ero in mezzo agli emiri, tutti vestiti di bianco, ognuno seduto sulla sua poltrona“. E il siparietto dell’intervistore-sponsor che fa una domanda e si risponde usando l’intervistato come sponda va avanti a più riprese. Eccone un altro saggio:

Tu sei uno che racconta barzellette? Preferisci raccontarle o ascoltarle?

R. – Mi piace ascoltarle.

Non le racconti? Neanche io. Senti, secondo te un uomo può essere amico di una bella donna senza avere secondi fini?

R. – Direi di sì.

Secondo me è difficile (ride).

TEASER_DONNARUMMA_DIESEL_AUDIO_MI1_896-k0yH--896x504@Gazzetta-Web
Renzo Rosso e Gianluigi Donnarumma “dietro le quinte”

.

E poi ancora:

Io penso di aver sbagliato tante cose nella vita, ma dagli errori si impara. Tu sei pentito di qualche scelta fatta?

.

C’è anche spazio per un liscio clamoroso messo a segno dall’intervistatore:

A social come andiamo?

R. – A volte li uso tanto, a volte poco.

.

A quel punto un giornalista minimamente informato avrebbe rammentato al portiere milanista la grottesca storia del suo account Instagram, e del presunto hackeraggio cui era stato attribuito un commento pro-Mino Raiola nei giorni del conflitto col Milan per il rinnovo contrattuale. Ma Renzo Rosso fa mica il giornalista? Nossignori, lui fa l’intervistatore-sponsor, e in questo ruolo piazza con somma modestia la sola domanda che contasse davvero lungo tutta la cosiddetta intervista:

Io invece sto cambiando il mondo della moda: va bene il classico, ma voglio modernizzare l’idea stessa di abbigliamento. E poi, Gigio, non dirmi che non indossi i jeans Diesel!

R. – (ride) Sicuramente!

.

E fra una risata e l’altra, tali e quali a quelle registrate delle sitcom, possiamo passare a altro. Ma non prima di avervi inflitto una telepromozione di materassi a acqua.
Su Tuttosport del 30 ottobre, Marco Bonetto ha così iniziato il suo articolo sulla gara vinta 2-1 dal Torino contro il Cagliari:

“Panato, Mihajlovic: come una fettina solo da cuocere a un certo punto. Ma poi risorto, dopo essere passato per un tritacarne. Più che altro, dopo essere finito in Barella, visto chi aveva segnato per il Cagliari.”

Trascorso qualche istante per riaversi dalla tempesta neuronale, proviamo a ricapitolare per passaggi successivi il frammento di Bonetto: 1. Mihajlovic è una fettina panata che attende soltanto d’essere cotta; 2. Anzi no, Mihajlovic non è più una fettina panata perché è passato attraverso il tritacarne, e da lì è risorto, dal che si desume si sia ricompattato in corpo unitario rispetto alla condizione carne macinata; 3. Contrordine, Mihajovic era soltanto finito in barella, un infortunio di poco conto. Manca il passaggio numero 4: Mihajlovic che dà capocciate a raffica contro il muro perché non è stato esonerato dal Toro. Si sarebbe risparmiato i prossimi articoli di Bonetto, che in questa condizione sono per lui una tortura peggio della goccia cinese.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Stefano Brunetti
29 Luglio 2021

Marko Arnautovic, il ragazzo d’oro

L'austriaco si ama o si odia, nessuna via di mezzo.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Papelitos
Luigi Fattore
22 Dicembre 2020

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Un modello di “informazione” devastante.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile 2020

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio 2020

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Calcio
Federico Brasile
23 Gennaio 2020

Il Mihajlovic politico

Non possiamo giudicare Sinisa Mihajlovic con le nostre categorie.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Settembre 2019

Distruggiamo il giornalismo sportivo

Sempre meglio che agonizzare di superficialità.
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto 2019

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2019

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Interviste
Luigi Fattore
26 Luglio 2019

Sconcerti d’estate

Fregarsene del lettore, imparare una cosa nuova al giorno e diventare riconoscibili.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2019

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Altro
La Redazione
14 Giugno 2019

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Altro
La Redazione
24 Maggio 2019

I misteri del golf

Maestri, Episodio V: Dino Buzzati.
Altro
La Redazione
17 Maggio 2019

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile 2019

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2019

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre 2018

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Interviste
Michele Di Virgilio
4 Giugno 2018

Le teorie di Darwin

Scrivere per l'utopia e per la memoria. Per gli eroi e i perdenti vestiti di sogno. Attraverso la tecnologia e grazie alla storia, lungo quell'ombra tra romanzo e realtà che noi chiamiamo Calcio.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile 2018

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Interviste
Davide Bernardini
7 Aprile 2018

Così è (se vi pare)

Intervista a Marco Ballestracci, narratore di vita e di sport.
Critica
Pippo Russo
4 Aprile 2018

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio 2018

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio 2018

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio 2018

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Critica
Pippo Russo
2 Febbraio 2018

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.
Critica
Pippo Russo
23 Gennaio 2018

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio 2018

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Critica
Pippo Russo
10 Gennaio 2018

Il compagno Folagra ci indottrina via Sky Sport

La pausa invernale ha messo in crisi il giornalismo sportivo italiano.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.