Carrello vuoto
Critica
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Pippo Russo

24 articoli
Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.

Fosse stato soltanto il fine settimana di Juventus-Napoli, ne avremmo avuto più che a sufficienza. E invece è stato il fine settimana di Juventus-Napoli più il siluramento di Beppe Marotta dal ruolo di amministratore delegato del club bianconero. Roba da fare impennare all’inverosimile lo spread fra la cronaca giornalistica e il gorillaio. Lo sproloquio come unico canone espressivo. E in mezzo a tutto ciò arriva sempre quello che ci mette sopra il carico da undici. Tale missione è toccata a Vittorio Oreggia, ex direttore di Tuttosport che adesso dirige l’agenzia LaPresse. Oreggia ha una particolare caratteristica prosatoria: scrive a orecchio. Sì, proprio come quelli che suonano a orecchio senza sbattersi a conoscere le regole del pentagramma. Lui fa così con le parole, nel senso che le piazza “a suono” anziché “a significato”. Le oreggia, appunto. Se suonano bene le piazza nella frase. Ne abbiamo avuto dimostrazione una volta di più grazie al commento messo in rete la sera del 29 settembre, poche ore dopo la conclusione di Juventus-Napoli. Lì, intendendo sostenere che la giubilazione di Marotta sia solo parte di un più vasto processo di ristrutturazione societaria, Oreggia ha scritto:

Tra un mese si saprà chi prenderà il posto di Marotta nel consiglio di amministrazione della Juventus come amministratore delegato, nel frattempo la sensazione che il remix sia più invasivo di quanto appaia è abbastanza esondante.

Una sensazione abbastanza esondante di un remix più invasivo di quanto appaia. Ma cosa volete di più dalla vita? L’entimema del catafratto di sbiriguda come se fosse pietra pomice? Piuttosto salutate il genio, e che diamine! Tanto più che Oreggia non s’è mica limitato al frammento di sopra. In un passaggio successivo, il direttore di LaPresse si è speso anche sulla coppia Marotta-Paratici che s’avvia alla separazione:

Marotta ha avuto il merito di portare con sé Fabio Paratici, che è il diesse più bravo d’Italia e uno dei più bravi d’Europa. Un merito non da poco. Colpisce immaginare uno senza l’altro. E viceversa.

Ecco, in quello stralunato “e viceversa” credo di avere trovato il senso della prosa oreggiana. Forse persino l’origine. Immagino il piccolo Vittorio Oreggia, in calzoni corti negli anni della prima elementare, al cospetto di una carognissima maestra piemontese. Che giorno per giorno lo tortura davanti ai compagnetti col quesito irrisolto:

“E adesso dimmi, Vittorio: quanto fa 1 + 1?”;
“Fa 2, signora maestra?”;
“Bravo Vittorio. E viceversa?”.

Ovvio che la marea di articoli su Juventus-Napoli sia stata dedicata in massima parte alla gara. E mica crederete che su quel versante siano mancate le prodezze. Ce n’è una riserva tale da poterci campare di rendita per un paio di mesi. In buona parte verranno recuperate nei prossimi giorni, ma intanto diamo conto dell’articolo di Luigi Garlando, pubblicato sulla Gazzetta dello Sport del 30 settembre. Si parte sparati con un frammento che pare scritto dalla regina Maria Antonietta:

Dybala, Cristiano, Mandzukic. Campioni di spessore. Perché alla fine non si scappa: il talento è il caviale dei ricchi, la tattica il pane dei poveri. E di solo pane non si campa.

E già, impossibile campare di solo pane. Mangino brioche al caviale, ‘sti morti di fame. Roba che, se si fa in tempo a cambiare il DEF, si potrebbe inserire 100 grammi cadauno di uova di storione al mese nel reddito di cittadinanza. Ma lo show non si ferma qui. Basta andare poco oltre e si legge:

Che cosa ha fatto CR7? Ha svegliato i compagni uno a uno come Biancaneve e i sette nani [sic]. La Juve è uscita dagli spogliatoi come da un microonde: molle. Al 10’ Bonucci stecca un appoggio dalla fascia al centro che se lo fa un pulcino gli tolgono la Nutella.

E poi, la pennellata di gran classe su Mandzukic:

Accanto a CR7 e alla Joya, Mandzu rischia di diventare un Benzema molto felice. Come ieri. Se vai a caccia con due squali, difficilmente resti a pancia vuota.

Più che altro, se vai a caccia con due squali, difficilmente resti e basta.

.

 

Lo so che aspettate ansiosamente gli Adanismi. Li avrete, e in misura tale da rischiare l’overdose. Il fatto è che bisognerebbe aprire un altro dossier: quello dei Pellegrinismi. Il riferimento è a Luca Pellegrini, che su Sky Sport interpreta la Versione Emo di Daniele Adani. Nel senso che almeno il teorico della Ciarla Garrùla (e almeno storpiamogliela) ci fa ridere, e invece l’ex libero della Sampdoria ci fa approdare al Prozac come fossero Palline Zigulì. Domenica scorsa Pellegrini affiancava Niccolò Zancan nel racconto di Fiorentina-Atalanta. Al 25’ ha commentato un duello fra Vitor Hugo e Gomez sostenendo che “c’è un mismatch di lunghezza di leve”.

 

“E invece velocità nella lunghezza in campo aperto da parte invece del brasiliano”

 

Soltanto 4 minuti dopo, ecco il suo commento su una punizione calciata dall’Atalanta verso l’area della Fiorentina:

Però così abbassi lo spazio alle spalle della linea, quante volte abbiamo visto la linea di sette giocatori composta, e dietro avevi praticamente un’area di rigore… diciamo… dodici metri da potere… attaccare.

Non fa una piega

 

Per la traduzione dal Braille vi rimando alla prossima puntata.

.


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Federico Brasile
16 Maggio 2021

Rocco Commisso fa l’assist ai giornalisti

Altro che “Rocco Benito” o dittatore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Italia
Federico Brasile
23 Marzo 2021

La lettera di Prandelli riguarda tutti noi

Anche se ci crediamo assolti, siamo lo stesso coinvolti.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2021

Gli arbitri hanno mai giocato a calcio?

Forse sì, in un tempo molto lontano.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.