Carrello vuoto
Critica
13 Dicembre

Tutti a scuola di giornalismo da Billy Costacurta

Pippo Russo

24 articoli
Lanciamo un SOS per la Gazzetta dello Sport. Con tutto che a Sky non se la passano poi così bene...

Si ride e si scherza, ma adesso è arrivato il momento di prendere sul serio la questione. Parlo della Gazzetta dello Sport, quello che fu il primo quotidiano sportivo italiano ma adesso è ridotto a una pantomima giornaliera. Su Pallonate la rosea viene presa per i fondelli da sempre e sempre lo sarà. Ma anche da queste colonne ci si comincia a preoccupare dello stato confusionale che impera nella redazione della Gazza. Dove ormai il metodo di lavoro è quello che in inglese verrebbe etichettato come random, e che invece in italiano suona più o meno come a cazzo di cane. E vedendo un giornale così allo sbando è giusto sospendere ogni ironia e chiedersi se non sia il caso di mobilitare i servizi sociali. Questo cambio d’atteggiamento è stato suscitato dalla lettura dell’edizione andata in edicola domenica 10 dicembre. Lì c’erano le cronache sulla sfida giocata la sera prima da Juventus e Inter, terminata 0-0. A pagina 2 si trovava l’articolo principale sulla partita. E a corredare il pezzo c’era un tweet attribuito a Nicola Berti, che a commento della gara diceva:

Si poteva fare meglio? Indubbiamente. Ma restare imbattuti pure dopo Torino è un segnale forte. E prezioso…

25324034_1579694852123508_1186290515_n
Attenzione al tweet…

Il testo era accompagnato da una foto dell’ex centrocampista nerazzurro. Nicola Berti, appunto. Tutto normale? Non proprio. Perché l’account di Twitter da cui il messaggio è stato prelevato non è quello del Nicola Berti ex calciatore. Appartiene a un tifoso interista (che fra l’altro è da tempo tra i miei follower, ricambiato) che ha come nick “NicolinoBerti” e come indirizzo Twitter @nicolinoberti, oltre a usare come foto profilo un’immagine di Nicola Berti. Come lo stesso diretto interessato ha twittato domenica mattina, sarebbe bastato leggere le poche righe di bio per capire che quello non è l’account dell’ex interista. Ma poiché ultimamente in Gazzetta la materia prima è il coccio, e perciò nulla scongiura il rischio di perseverare, NicolinoBerti ha aggiunto la seguente postilla alla bio:

Per @gazzetta_it: NON SONO NICOLA BERTI!

25344692_1579694775456849_1547385043_o

25397794_1579694722123521_196259798_o

 

Purtroppo per la rosea la gara fra bianconeri e nerazzurri è stata proprio indigesta. Nell’altra pagina dedicata alla cronaca della partita, la numero 3, era collocato il tabellino. Leggetelo, e poi chiedetevi: come diamine avranno fatto a inserire Bonucci nella formazione della Juventus?

 

25346348_1579694688790191_216912312_o
Forse andando a vedere il tabellino del Milan troveremo Chiellini

E a completare l’opera, ecco l’articolo di Alessandra Bocci. Che poveretta continua a essere mobbizzata dal suo giornale. Per motivi che rimangono imperscrutabili, continuano a mandarla in giro per i campi d’Italia, a scrivere pezzi che la Boccina potrebbe vergare dal divano di casa mentre guarda le repliche di Uomini e Donne. Quello ospitato dall’edizione del 10 dicembre era dedicato al confronto fra i due centravanti argentini, Gonzalo Higuain e Mauro Icardi. Che già mentre ve lo dico starete pensando: “Figuramoci se la Boccina è talmente banale da tirare in ballo il Tango”. E infatti l’incipit del tempo recitava:

Un tango gelato, altro che il ghiaccio bollente che tutti si aspettavano.

E il finale? Ancora una volta originalissimo:

È finita con uno zero totale, uno zero che alla Juve brucia nel freddo. Perché ancora deve rincorrere e quando rincorri hai bisogno di gol. Di attaccanti che ballano, possibilmente a ritmi veloci. Altro che gelido tango.

Quante emozioni ci regala la Boccina. E poiché quella sera aveva il trip per gli argentini, non poteva mancare il riferimento al terzo, Paulo Dybala:

La Juve senza gol, Higuain senza gol, Dybala senza pace. Ha raccontato a Vanity Fair di essere riflessivo, di amare il silenzio, di essere uno che sa ascoltare. Ha raccontato di amare gli scacchi. “Aiutano a usare il cervello, ti abituano a non avere fretta”. E lui non dovrà essere frenetico se vorrà recuperare, tornare quello che trascinava la squadra e che ora deve stare a guardare.

Dunque, l’hanno mandata a Torino una fredda sera di sabato a dicembre, e speso tutto ciò che c’era da spendere, per farle raccontare di un’intervista in edicola da quattro giorni e ormai rimasticata migliaia di volte via web. Se non è mobbing questo, non saprei proprio dove altro riscontrarlo.

.

Pare che a Sky Sport non abbiano preso bene la scorsa puntata di Pallonate, dedicata a L’Originale. E se davvero temono la satira, per di più veicolata da un giovane sito web, significa che stanno messi peggio di quanto appaia dall’esterno. Che pure è già tanto. A ogni modo, alla scorsa puntata va fatta una postilla. Mi riferisco alla performance di Angelo Mangiante, che aveva effettuato un collegamento in diretta mentre si svolgeva la conferenza stampa dell’allenatore del Qarabag, con forte disappunto dei giornalisti azeri. Un altro contatto di Twitter mi ha riferito che pochi minuti dopo, quando è stato il turno della conferenza stampa di Eusebio Di Francesco, un’inviata al seguito del Qarabag ha rivolto una domanda al tecnico giallorosso sulla maleducazione dei giornalisti italiani. E a quel punto pare che Mangiante abbia mostrato la faccia stralunata di chi non capisce quale sia il tema in discussione.

25344681_1579694745456852_696476204_o
Citando Angelone “per L’Originale questo ed altro”

Del resto ormai a Sky Sport, quanto a giornalismo e bon ton, possono scrivere manuali. In questo senso, la scena andata in onda a Sky Calcio Show la scorsa domenica andrebbe divulgata a manetta. È successo quando il tecnico della Fiorentina, Stefano Pioli, si è presentato a commentare la gara giocata a Napoli dalla sua squadra. A intervistarlo era Massimo Ugolini, che prima gli ha posto una domanda sul rendimento generale della squadra e poi gli ha sollecitato un commento sulla prestazione di singoli come Chiesa e Simeone. A quel punto è intervenuto Alessandro “Billy” Costacurta, per fare una rimostranza. Si è lamentato del fatto che Pioli parli sempre dei singoli, “anche perché Ugolini gli ha chiesto dei singoli”. Che stile, Billy. Non pago di svolgere in modo men che mediocre il ruolo di opinionista, adesso pretende pure d’impartire lezioni di giornalismo a un giornalista. Che dal canto suo non replica perché non può farlo. Né fanno la mossa di difenderlo Ilaria D’Amico, ormai troppo impegnata a fare il faccione da schermo sullo sfondo dello studio televisivo di Giovanni Floris, né Paolo Condò, che quando ha preso la parola ha sfoderato il suo migliore accento triestino per parlare di “palloni recuperati ahllthi”. Coraggio amici di Sky, il peggio deve ancora venire.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Papelitos
Luigi Fattore
22 Dicembre 2020

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Un modello di “informazione” devastante.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre 2020

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Papelitos
Paolo Pollo
2 Luglio 2020

Luca Marchegiani, l’uomo della porta accanto

L'estremo difensore delle buone maniere.
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio 2020

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Settembre 2019

Distruggiamo il giornalismo sportivo

Sempre meglio che agonizzare di superficialità.
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2019

È il vostro calcio ad incitare alla pirateria

Il patetico spot contro la pirateria tradisce l'ipocrisia di un sistema che ha dimenticato i tifosi, e se ne ricorda solo quando c'è da spennarli.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto 2019

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2019

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2019

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Altro
La Redazione
14 Giugno 2019

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Altro
La Redazione
24 Maggio 2019

I misteri del golf

Maestri, Episodio V: Dino Buzzati.
Altro
La Redazione
17 Maggio 2019

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile 2019

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2019

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2019

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre 2018

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Interviste
Michele Di Virgilio
4 Giugno 2018

Le teorie di Darwin

Scrivere per l'utopia e per la memoria. Per gli eroi e i perdenti vestiti di sogno. Attraverso la tecnologia e grazie alla storia, lungo quell'ombra tra romanzo e realtà che noi chiamiamo Calcio.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile 2018

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Interviste
Davide Bernardini
7 Aprile 2018

Così è (se vi pare)

Intervista a Marco Ballestracci, narratore di vita e di sport.
Critica
Pippo Russo
4 Aprile 2018

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio 2018

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio 2018

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio 2018

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Critica
Pippo Russo
2 Febbraio 2018

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.
Critica
Pippo Russo
23 Gennaio 2018

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio 2018

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Critica
Pippo Russo
10 Gennaio 2018

Il compagno Folagra ci indottrina via Sky Sport

La pausa invernale ha messo in crisi il giornalismo sportivo italiano.