Carrello vuoto
Altri Sport
30 Maggio

Balla coi lupi

Nella Centesima edizione del Giro d’Italia, Tom Dumoulin resiste agli attacchi e conquista la gloria.

La centesima edizione del Giro più bello del mondo è finita con la prima, storica vittoria di un olandese: Tom Dumoulin, contro ogni pronostico. Classe ’90, Dumoulin – che corre per la Sunweb – ha dovuto sfidare il colombiano Nairo Quintana (Movistar, alla fine secondo classificato generale) e Vincenzo Nibali (Bahrain Merida, terzo classificato) fino all’ultimo metro dell’ultima tappa, la cronometro dall’autodromo di Monza con arrivo in Piazza Duomo a Milano. Prima della partenza, la classifica vedeva quattro corridori chiusi in 53”, Quintana in maglia rosa e poche forze nelle gambe di tutti. Tuttavia, il passista-scalatore ha messo in sella tutta la sua potenza montando un rapporto durissimo, un 58×11 che gli ha permesso di mantenere una cadenza così autorevole da recuperare tutto lo svantaggio sulla maglia rosa e arrivare comunque secondo nella classifica di tappa, dietro al connazionale van Emden (Lotto Jumbo).

Dumoulin inseguito da due predatori di prim'ordine come Quintana e Nibali
Dumoulin inseguito da due predatori di prim’ordine come Quintana e Nibali

La vittoria del trofeo è stata in bilico fino all’ultimo secondo. Questo perché fin dalle prime tappe il Giro non ha mai avuto un suo padrone. O meglio, inizialmente il vero dominatore della corsa rosa è stato Fernando Gaviria, velocista colombiano di ventidue anni che ha conquistato quattro vittorie di tappa e ha portato la maglia ciclamino della classifica a punti fino a Milano, e con lui la sua squadra Quick Step Floors, che ha fatto incetta di successi tra tappe e giorni in maglia con Bob Jungels. Questa volta la corsa rosa non è stata né l’assolo del campione né tantomeno un duello tra cannibali, come spesso la Storia ci ha consegnato il Giro. Questo Giro è stato l’ultimo sia di Tiralongo (Astana) che arriva a Milano con una costola rotta, sia del dottor Quinziato (BMC), che pochi giorni dopo aver fatto registrare la più alta velocità media di una crono a squadre alla Tirreno Adriatico 2017 (58,329 km/h) si è laureato in Giurisprudenza a Trento, primo ciclista pro italiano con una laurea magistrale. È stato il Giro di Pierre Rolland (Cannondale – Drapac), che è tornato alla vittoria dopo due anni di digiuno. E le maglie: la bianca di miglior giovane a Jungels con il lussemburghese che sta seminando indizi del campione che sarà, la ciclamino già citata di Gaviria e la blu di miglior scalatore a Mikel Landa Meana (Sky). È stato senza dubbio il giro con l’epifania purtroppo mai capitalizzata di Pozzovivo (AG2R), sesto nella generale, e di Formolo (Cannondale), sempre presente quando serviva, poi decimo.

Altrettanto di alto livello sono state le prestazioni di Pinot (FDJ), vincitore ad Asiago e sempre combattivo, e di Teklehaimanot, l’eritreo della Dimension Data leader dei traguardi volanti, come quelle di Ilnur Zakharin (Katusha) e per spirito di sacrificio quella della maglia nera, Giuseppe Fonzi (Wilier). Guardando ai due primi sconfitti, nessuno dei due può dirsi deluso: con un avversario come questo Dumoulin non si poteva fare molto di più. Mentre Quintana – forse in ottica Tour – sembrava volersi risparmiare (sempre o quasi, vedasi Blockhaus), allo squalo Nibali va dato il merito di averci provato sempre: in ogni occasione il siciliano ha provato a rilanciare, a cambiare ritmo, a staccare l’olandese; ma da quando questi si è guadagnato la supremazia con una progressione furibonda all’arrivo in salita di Oropa – regge ancora il record di ascesa del Pirata -, non ha più ceduto. I due scalatori hanno dato battaglia ma nulla hanno potuto contro chi è riuscito, praticamente senza squadra, a resistere ai forcing di Atapuma/Amador (Movistar) e ad essere più forte della sfortuna (già nella storia la “défaillance intestinale” ). Dumoulin è stato più forte anche di sé stesso: “Mi sono ammazzato” dice all’arrivo di Asiago, che lo vedeva quarto a 53”, per arrivare a potersi giocare tutto nella crono finale. Come in un percorso di metamorfosi, di evoluzione, il passistone che tirava le volate si è allenato in altura, ha perso peso e gareggia meno: è diventato la mutazione necessaria per vincere nel ciclismo moderno. Necessaria ma non sufficiente, perché come prova la distrazione tattica di mettersi a fondo gruppo a Sappada nella San Candido-Piancavallo che lo ha fatto staccare dai diretti avversari costringendolo a un duro recupero, o come dimostrano alcune esternazioni post gara, il ragazzo Dumoulin deve ancora seguire l’uomo che atleticamente è diventato. Omnia cum tempore.

La soddisfazione di Tom Domoulin
La soddisfazione di Tom Dumoulin

Sarebbe dovuto essere il Giro della doppietta con il Tour per Quintana, o forse il Giro di Nibali, o forse ancora l’ennesimo atto di egemonia del Team Sky con Geraint Thomas, ritirato a metà della seconda settimana, forse non ancora vero capitano da grande giro. Sarebbe dovuto essere il giro da capitano di Michele Scarponi, ricordato continuamente da un pubblico mai così partecipe negli ultimi anni. E invece è stata la corsa inaspettata, incerta ed emozionante che nessuno avrebbe pronosticato, uno schiaffo a chi grida alla noia del ciclismo moderno. Una cronometro individuale come ultima tappa sembra uscire dal Caso e rientrare nel Destino, per come si è sviluppato questo Giro d’Italia. Le estensioni sul manubrio, la ruota lenticolare, la moltiplica infinita sono il trono naturale per Tom Dumoulin, già vittorioso contro il tempo nei Grandi Giri e già argento olimpico ai Giochi di Rio de Janeiro nel 2016. Trovarsi a dover recuperare a cronometro quei 53 secondi come unica via per la vittoria sa di finale cinematografico: l’eroe che, dopo essere stato a combattere in terreno ostile, finalmente sfida il nemico sui propri sentieri.

Dopo tre settimane dove si è stati tutti in gruppo, spalla a spalla, dove nessuno si è mai staccato, trovarsi ad affrontare da soli la solidità dell’aria non è per niente facile: perchè nonostante il caschetto aerodinamico e la posizione perfetta, quell’aria ha un peso tutto suo, un’impenetrabilità che accoglie solo chi sa come rivolgersi verso di lei nel modo corretto, e che invece respinge spietatamente gli indegni. Il Giro imperituro ha un nuovo padrone, e il ciclismo ha un nuovo campione: sembra non ancora in grado di giocarsela con Froome, ma solo il tempo darà le sue risposte. La sconfitta di Quintana e Nibali è scaturita dall’aver sottovalutato un atleta ritenuto ancora in fieri, che prima a un certo punto sarebbe crollato e che invece ora ha dimostrato di essere molto più avanti nel suo percorso di crescita, con fiducia nei propri mezzi – a volte troppa – e con prospettiva. Un sorteggio nella selezione del numero chiuso alla facoltà di Medicina lo ha escluso dall’università e forse i genitori saranno rimasti delusi quando Tom invece decise di accettare un contratto da dilettante. Eppure oggi il bruco è diventato farfalla, come il soprannome che non vorrebbe avere ma che gli è stato imposto. La sfida vera sarà confermarsi, contro avversari che sanno del suo valore, che non lo sottovaluteranno più. La crisalide è stata abbandonata, le ali sono state spiegate, ora devono volare, magari alla ricerca di un soprannome più tosto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Altro
Luca Pulsoni
16 Agosto 2021

Elogio dell’arte di Gimondi

Un ciclista immortale, per sempre scolpito nella leggenda.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
Davide Bernardini
9 Luglio 2018

Tour de France 2014: Ypres-Arenberg

Era il 9 luglio 2014 quando Vincenzo Nibali dipinse uno dei capolavori più belli nella storia recente del Tour de France.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Altro
Davide Bernardini
22 Giugno 2018

Anche Quintana sa attaccare

Confutazione di una delle più ingiuste bugie del ciclismo recente.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.