Carrello vuoto
Tifo
27 Agosto

Casuals, ep. IV: Leeds e Birmingham

La bestiale ferocia degli Zulu e l'attitudine Casuals di Leeds.

Spostandoci di qualche miglia in direzione Nord, noi che ci eravamo fermati a Londra, approdiamo nello Yorkshire e, leggermente più in basso sulla cartina inglese, proprio al centro (da qui il suo nome), nelle Midlands. Per darvi qualche riferimento calcistico-culturale, le squadre che ci interessano sono principalmente Leeds United e Birmingham City. La prima appartenente alla contea dello Yorkshire, la seconda alla bellezza altomedioevale delle Midlands.

 

I gloriosi giorni passati in compagnia di giocatori come Bremner, Hunter, Grey e Clark, erano ormai svaniti in un sogno lontano, quando all’inizio degli anni Ottanta, in piena scena Casuals, i tifosi del Leeds devono trovare riscatto alle proprie (tradizionali) frustrazioni e contese attraverso il football. Il Leeds, a livello di club, è in enorme difficoltà. L’ultima grande partita disputata da questa squadra risale alla finale di Coppa dei Campioni contro il Bayern Monaco al Parco dei Principi di Parigi, ed è datata 28 maggio 1975. Ciò che accadde in questa partita, al di là della sconfitta del Leeds, è da ricordare per ben altri motivi. Per alcune decisioni quantomeno dubbie dell’arbitro Michel Kitabdjian, una follia omicida tutta inglese in stile Arancia Meccanica s’impadronisce dei tifosi del Leeds (poi celebri col nome di Service Crew) i quali invadono il terreno di gioco. Inizia uno scontro con la polizia francese che ferirà molti tifosi, e più di qualche poliziotto: è l’inizio della fine.

 

A pochi istanti dall’invasione

 

Sheffield United (Blades Crew) e Sheffield Wednesday, adiacenti al territorio Leeds, non sono state in grado di tenere il passo dei “vicini”, ma non c’è da stupirsi di ciò. Innanzitutto, la città di Sheffield vive il calcioessenzialmente il calcio, e non altro.Tutte le sciocchezze che vi si aggregano sono, appunto, sciocchezze. Mentre però il Wednesday non ha mai posseduto una tradizione hooligan forte abbastanza da poter strutturare un proprio movimento, lo United ha saputo compiere un passo in direzione della cultura da stadio, senza però mai, anch’esso, approdare nell’Olimpo del Casuals.

 

Come è accaduto in Italia, quando il movimento arrivò tardi a sufficienza da essere conosciuto nelle sue linee-guida fondamentali e presto abbastanza da poter essere letteralmente distorto dal tifoso medio italiano, così accadde a Leeds, dove è vero che il Casuals sviluppò una propria identità fortemente originale (come sta a dimostrare la recente mostra fotografica Wish You Were Here), ma dove è altrettanto vero che nacque prima il fenomeno hooligans, e solo poi il fenomeno Casuals. Anzi, quest’ultimo si aggiunse a quello, esplodendo in un movimento, quello della Service Crew, che non ha precedenti nella storia del tifo. Almeno un altro celebre e drammatico episodio occorre qui citare, per il bene della rubrica e per il male della Thatcher.

 

Leeds Casuals

 

11 maggio 1985. Nelle stesse ore in cui divampa un incendio mortale a Bradford (56 morti al Valley Parade, durante Bradford-Lincoln), si consuma un’altra tragedia nelle Midlands. Si gioca al St Andrew’s Stadium, stadio del Birmingham. Si gioca Birmingham-Leeds. Una delle partite più pericolose del pianeta, almeno all’epoca. Da una parte gli Zulu del Birmingham, sui quali torneremo tra poco, dall’altra la Service Crew del Leeds. Ma non solo. In mezzo, la polizia. Un ragazzo di quattordici anni (tifoso del Leeds) muore quando, in seguito agli scontri con le forze dell’ordine, un muro collassa su se stesso e il peso della struttura lo schiaccia. Inizia una vera e propria guerra in mezzo al campo. Si dà la caccia al colpevole, ma in pochi istanti lo scontro con la polizia si trasforma in scontro tra tifoserie. Più di 1000 tifosi vengono coinvolti nella battaglia sul prato del St Andrew’s Stadium, un centinaio di poliziotti rimangono feriti. Il giudice che si dovette occupare dei due casi, Bradford e Birmingham, definì quest’ultima

“more like the Battle of Agincourt than a football match”.

 

I terribili Zulu entrano in campo per affrontare Leeds e polizia

 

Come i tifosi del Manchester City e quelli dell’Arsenal, una particolarità etnica contraddistingue la tifoseria del Birmingham City da ogni altra in territorio inglese: un buon numero di membri della Firm più celebre, quella degli Zulu, annovera ragazzi di colore tra le proprie fila. Niente di così strano, se non fossimo al principio degli anni 80. E’ questo un periodo travagliato, culturalmente e politicamente, per tutta la Gran Bretagna. Rimanendo sul solo fenomeno hooligans e Casuals di quegli anni, praticamente una tifoseria su due appoggia il Fronte Nazionale. Le tifoserie Casuals sono di destra. Quella degli Zulu non è di destra né di sinistra. Semplicemente, è la tifoseria più cattiva sul territorio inglese, tra le più toste in Europa e nel mondo. Sono tantissimi gli episodi che la riguardano, ma mentre per il Leeds si trattava di raccontarli al fine di modellare il nostro racconto su follia hooligans ed eleganza Casuals, qui con gli Zulu avremmo bisogno di un capitolo a parte.

 

Non si conoscono esattamente le origini del gruppo, ma si racconta che furono i tifosi avversari dell’Aston Villa (gli odiatissimi Villans) ad etichettare (con un celebre coro) questo gruppo formato da qualche centinaio di tifosi: Zulu, Zulu. Quello che poteva essere un nome offensivo diventa per questa Crew un motivo di vanto unico. Oggi il Birmingham vive un periodo di grande difficoltà calcistica, ma non è mai stata una grande squadra, come il Leeds. Ecco perché gli Zulu sono ancora in attività. Vi auguriamo di non incontrarli mai.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Maggio 2022

Zulu, Zulu, Zulu!

Chi sono i folli tifosi del Birmingham.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Lorenzo Ottone
26 Agosto 2020

Harry Maguire, ultimo baluardo di Britannia

Una scazzottata in stile british gli è costata tantissimo.
Tifo
Gianluca Palamidessi
9 Agosto 2020

I tifosi del Leeds sono pronti ad incendiare la Premier

La violenta storia della Leeds United Service Crew.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Giugno 2020

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Recensioni
Gianluca Losito
26 Aprile 2020

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.
Storie
Rudy Galetti
22 Aprile 2020

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Calcio
Lorenzo Solombrino
21 Aprile 2020

Wigan vs City, il mondo sottosopra

La mirabolante avventura che ha portato i latics del Wigan a vincere l'FA Cup contro l'armata del City.
Tifo
Riccardo Santilli
19 Aprile 2020

Good music, good drugs, goodbye hooligans!

Non fu solo la Thatcher ad allontanare i tifosi più caldi dagli stadi.
Tifo
Luca Quartarone
16 Aprile 2020

FC United of Manchester, il sogno della working-class

Il calcio, quello vero, è del suo popolo.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile 2020

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Calcio
Lorenzo Solombrino
23 Marzo 2020

La crisi del West Ham United

I tifosi degli Hammers sono stanchi dopo anni di illusioni e prese in giro.
Calcio
Rudy Galetti
10 Marzo 2020

Vardy 33, l’anno della rinascita

L'attaccante del Leicester, attualmente capocannoniere della Premier, ha riscoperto le sue radici.
Calcio
Remo Gandolfi
6 Marzo 2020

Lo Sheffield United è troppo bello per essere vero

Una squadra di tifosi e vecchi amici sta scrivendo la storia della Premier League.
Storie
Diego Mariottini
9 Dicembre 2019

Quando l’Independiente vendicò le Falkland/Malvinas

Il riscatto argentino contro gli Inglesi, prima della Mano de Dios.
Storie
Simone Galeotti
8 Dicembre 2019

Il Subbuteo ci ricorda che il calcio non è solo un gioco

Prima della Playstation, c'è stato il Subbuteo.
Altro
Lorenzo Innocenti
28 Ottobre 2019

Inghilterra-All Blacks, la caduta degli dei

Dopo la disfatta del Mondiale 2015 il rugby inglese si è ricompattato, passando quattro anni a preparare la partita perfetta: All Blacks neutralizzati.
Interviste
Domenico Rocca
26 Settembre 2019

Sulla strada puoi morire ma non invecchi mai

Oscar degli Statuto ha analizzato con noi la condizione odierna delle sottoculture giovanili: dai mods ai casual, passando per gli ultras, qual è stato il passato e quale sarà il futuro.
Editoriali
Giovanni Tarantino
24 Luglio 2019

Gli Inglesi se ne fregano del fascio

In Inghilterra simboli e formule del mondo latino non causano dibattiti ideologici, ma sono lo spunto per immergersi nel fascino della tradizione.
Altro
La Redazione
28 Giugno 2019

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio 2019

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.