Papelitos
05 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.

Riconosciamolo, senza giudizio morale e anzi con una certa soddisfazione antimoderna: più della questione meridionale, dell’influenza vaticana e della gabbia atlantista, il vero freno allo sviluppo di questo paese (sviluppo in molti sensi, economico e culturale ma anzitutto freudiano) è proprio lui: il fantacalcio.

Il fantacalcio è il fascismo parlamentarizzato, è la moglie e le amanti come surrogati eternamente imperfetti della madre, è la Gazzetta quotidiano più letto in edicola; una spinta verso l’immobilismo, incitamento alla chiusura della formazione e della mente, unica eccezione il mercato di gennaio; è il modo perfetto per non dovere né potere fare nuove amicizie, impegnare già da fine agosto un notevole monte ore/anno da passare con gli stessi otto stronzi amici del liceo, alcuni lanciati professionisti (per giustificarsi davanti alla società), altri (la maggior parte) impresentabili e proprio per questo preziosi e rassicuranti, un termine di paragone da tenersi stretto nei pomeriggi più bui.

Fantacalcio incoraggiamento strutturato al vitellonismo, invito a spendere altri pomeriggi a calciare svogliatamente la palletta in corridoio, farsi i tunnel da soli e tirare in porta che poi è la porta di camera dei genitori, eternamente complici e vittime del fantacalcio. Fantacalcio baluardo di infantilismo, bambini stempiati che parlano di fantamilioni con cui comprare i fantacampioni, e al bar non hanno neanche i soldi per le goleador (anzi, quelli alla fine si trovano sempre). Fantacalcio gioco universale di un popolo in ritardo su tutta la linea tranne che su una cosa: la massima puntualità nel mandare il messaggio con la formazione. Lunga vita al fantacalcio, lunghissima vita ai suoi fantallenatori.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Vittorio Ray

3 articoli
Totti è nella nuca
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Sarri ai Lakers
Papelitos
Vittorio Ray
06 Giugno 2019

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ciro Immobile non è pop
Calcio
Diego Mariottini
17 Febbraio 2020

Ciro Immobile non è pop

Eppure in Europa segna nettamente più di tutti.
Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?
Critica
Lorenzo Santucci
02 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Ridateci la fascia di Davide Astori
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Lasciateci il pallone
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
L’insostenibile inutilità della mascherina in campo
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2020

L’insostenibile inutilità della mascherina in campo

Un triste e confuso tentativo di educazione sociale.