Carrello vuoto
Papelitos
1 Aprile

La giustizia sportiva è una chimera

Lorenzo Santucci

44 articoli
Dalla gestione del Covid alle bestemmie.

La Corte sportiva d’appello della FIGC ha respinto il ricorso presentato da Claudio Lotito e ha decretato il rinvio di Lazio-Torino. Il presidente biancoceleste aveva chiesto la vittoria a tavolino in seguito alla non-partenza per Roma del gruppo squadra granata. Il Toro non era potuto partire, almeno secondo le disposizioni ASL, a causa degli otto calciatori positivi, cui si erano aggiunti due membri dello staff. Questi i fatti, più o meno noti.

 

Non era l’unica partita che si stava giocando tra Lazio e Torino. Negli stessi giorni, infatti, già si vociferava di ammende, multe e dulcis in fundo punti di penalizzazione (con lo spettro della B, qualcuno ha scritto) per la Lazio, a causa però della partita d’andata. Concluso il processo tamponi di Torino-Lazio, il 30 marzo il collegio presieduto da Piero Sandulli ha confermato la precedente sentenza del giudice sportivo Gerardo Mastrandrea a proposito di Lazio-Torino, affermando che la Corte

 

“non può disapplicare i provvedimenti amministrativi, adottati da un’autorità statale o, come nel caso di specie, territoriale; trattasi, invero, di atti amministrativi di fonte superiore rispetto alle norme federali, che cedono di fronte ai medesimi”.

 

Insomma, le Asl hanno la priorità. Nella sentenza, però, nel dar quindi ragione alla squadra di Urbano Cairo in virtù della decisione del Collegio di Garanzia del Coni che annullò il 3 a 0 a tavolino della Juventus sul Napoli, il giudice Sandulli non ha avuto peli sulla lingua:

 

“non vi è dubbio che la società F.C. Torino S.P.A. abbia tratto profitto dal provvedimento adottato dall’autorità sanitaria torinese“, adottando “comportamenti […] che sembrano finalizzati, invece, all’unico fine di ottenere, nell’ipotesi di calciatori risultati positivi al Covid-19, il rinvio della partita”. Un modo d’agire caratterizzato da “una sorta di furbizia […] in alcun modo in linea con i principi di lealtà, probità e correttezza”.

 

 

La sfida dell’andata, decisa da una zampata del solito Caicedo (Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)

 

 

Tradotto, il Torino ha ragione ma ha agito in modo scorretto, è stato assolto ma il suo comportamento è in malafede. “Se io fossi nel Torino, pur avendo avuto ragione impugnerei la sentenza, perché non puoi dirmi da una parte che sono vincolato e dall’altra che sono stato furbo”, ha suggerito l’avvocato Enrico Lubrano, che insieme a Mattia Grassani difesero il Napoli in quella circostanza. Per ora, il Torino non ha proferito parola.

 

A proposito di parole, sempre ieri è arrivata la squalifica di un turno per Gianluigi Buffon in riferimento alla (presunta) bestemmia lanciata durante Parma-Juventus del 19 dicembre scorso. Inizialmente si era optato per una multa di 5mila euro, in quanto l’arbitro non aveva scritto nulla sul referto e dalla prova tv non era emerso nulla.

 

La decisione della Procura Federale arriva però attraverso un video che ha cominciato a girare sui social dove, pare, la bestemmia rimbombi per i seggiolini vuoti dello stadio. Il deferimento deciso in prima battuta aveva comunque alzato un polverone, perché proprio qualche giorno prima Cristante (Roma) e Lazzari (Lazio) erano stati squalificati. Probabilmente l’avranno scandita meglio di Buffon, al quale è stato comunicato che salterà il derby nel week end e siamo sicuri che, in quel momento, non sarebbe servita alcuna prova ulteriore per procedere alla squalifica.

 

La nostra non è la solita polemica per ribadire la sacralità della bestemmia in campo, né vogliamo essere così ingenui da credere che al Torino, vista la situazione dei positivi, non sia convenuto non giocare la partita piuttosto che affrontare un avversario senza mezza squadra.

 

Piuttosto, la domanda viene posta sul ruolo della giustizia sportiva, che a volte si ricorda di esistere dimenticandosi di quanto espresso giusto qualche mese addietro.

 

Se a inizio stagione il Genoa ha subito un’ingiusta sconfitta a tavolino per via di un regolamento scriteriato, dal caso Juve-Napoli bisognava aggiornare la procedura. O quantomeno non puntare il dito contro terzi, come il Coni.

 

Se una bestemmia viene pronunciata a dicembre, non può essere condannata ad aprile. Con le discrepanze tra una sentenza e l’altra, che decidono e poi si rinnegano, potremmo scrivere un almanacco che parta dalla fondazione della giustizia sportiva. Un’istituzione fondamentale diventata una chimera, che ogni tanto emette un suono. Quasi sempre difforme da quello che lo ha preceduto.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Diego Mariottini
13 Maggio 2022

La maledizione (europea) del Torino

30 anni fa l'impresa sfiorata dalla squadra di Mondonico.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Valerio Santori
23 Marzo 2022

Zanetti libero!

Una bestemmia di un veneto non vale.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.