Carrello vuoto
Altro
28 Gennaio

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?

Il 12 marzo del 1959 lo Stadio Flaminio apriva ufficialmente i battenti. Sono passati poco più di 60 anni, eppure attualmente il Flaminio non esiste più. Non esiste perlomeno in quanto agibile anche perché l’impianto, a onor di cronaca, è sempre lì, nel quartiere Parioli di Roma. Un gioiello architettonico opera del lavoro della famiglia Nervi (Pier Luigi padre, Adriano figlio), costruito in occasione del torneo olimpico di calcio del 1960.

 

 

La sua struttura è unica, di scuola italiana; erano d’altronde gli anni del boom economico, c’era la voglia di fare cose nuove. La tribuna del Flaminio è continua, non ha un blocco in nessuno dei quattro settori. La partita è non solo godibile da un punto di vista visivo, ma ancor più partecipativo. Il disegno di Adriano Nervi era infatti volto a coniugare l’eleganza dell’architettonica italiana – in quel momento storico tra le migliori al mondo – con l’agibilità e l’utilizzo dell’impianto stesso.

 

 

È importante ricordare infatti che il Flaminio, nonostante sia stato per anni oggetto di contesa tra i due club romani di calcio, è prima di tutto il cuore pulsante dello sport romano. Se togliamo il Foro Italico (a pochissimi passi dallo Stadio Olimpico), la struttura interna del Flaminio può dirsi a ragione la più importante nel territorio capitolino, con una piscina semi-olimpica e cinque palestre per pugilato, ginnastica e atletica pesante.

 

Il Flaminio in una fotografia del 1960
Il Flaminio in una fotografia del 1960

 

 

Da un punto di vista puramente emotivo, d’altronde, basterebbero le varie voci dell’ambiente romano (sponda Roma e sponda Lazio) per avvertire l’importanza che ha, a livello anche e soprattutto cittadino, la ristrutturazione dell’impianto oggi, nel 2021. Lo stadio che nemmeno dieci anni fa ospitava il Sei Nazioni di Rugby – ovvero la competizione più importante a livello internazionale dello sport dalla palla ovale – non c’è più. Così l’immagine di un Flaminio pieno in ogni posto a sedere, con un prato impeccabile e una facilità di affluenza favorita dalle stesse vie di trasporto (particolarmente agibili nella zona del Municipio II), è diventata oggi un ricordo lontano, perso nel tempo e oltretutto invecchiato male.

 

 

Ostaggio del degrado e dell’abbandono, il Flaminio ha vissuto per anni tra le erbacce (altissime) e i pezzi di vetro sparsi qua e là, e tutt’ora non ha una chiara destinazione d’uso, malgrado le varie inchieste condotte dai quotidiani locali e le lotte portate avanti da diverse associazioni. Recentemente il Campidoglio ha però presentato il “Piano di conservazione dello stadio”, un progetto che punta al rilancio del Flaminio basato sullo studio della Facoltà di Architettura della Sapienza, in partecipazione con una fondazione della famiglia Nervi e un’associazione specializzata nella valorizzazione delle architetture moderne.

 

Il tutto è stato possibile grazie a un bando del 2017 per la ristrutturazione e il ripristino dello Stadio Flaminio (ivi comprese le strutture interne) e che ha trovato un finanziatore economico importante in America, a Los Angeles, da dove il progetto doveva ripartire.

 

La Getty Foundation ha infatti concesso al Campidoglio e all’Università di Roma La Sapienza un fondo da 161.000 $ (137.000 € circa), cruciale per riaccendere le speranze e per mettere in moto la macchina: curioso che, per valorizzare un impianto storico romano, il salvagente ci sia dovuto arrivare da oltreoceano. Anche perché parliamo di un’opera – della quale la fondazione Nervi, intenzionata a non stravolgerne le caratteristiche storiche e architettoniche, detiene la proprietà intellettuale e morale –, che è stata dichiarata nel 2008 bene artistico e storico sotto tutela. Ironico e brutale notare come la “tutela” sia stata garantita negli ultimi anni.

 

Una foto del Flaminio scattata nel 2016
Una foto del Flaminio scattata nel 2016

 

 

Ma al di là dell’inerzia dell’ultimo decennio delle varie amministrazioni comunali, la cittadinanza di Roma ed in particolar modo del quartiere Flaminio ha sempre preso a cuore la questione. È nato un Comitato Promotore che, al di là di ogni differenza sociale e culturale, si pone come serio interlocutore con le Istituzioni nella realizzazione del progetto di restauro. L’obiettivo era di dare seguito al “Progetto Urbano Flaminio – Foro Italico”, realizzato nell’ottobre del 2005 da Risorse Rpr spa, e di ispirarsi alla filosofia inglese di costruzione, restauro e riedificazione degli stadi (vedasi Anfield).

 

 

Il principio è sempre lo stesso, ed è etico: l’architettura deve ospitare uno spettacolo per chi ne usufruisce, che sia calcistico, concertistico (il Flaminio ne sa qualcosa) o semplicemente sportivo in senso lato. Le stesse righe centrali del documento illustravano bene l’ottica, non solo focalizzata sull’impianto ma sul contesto:

Lo stadio Flaminio è ormai vissuto come un reperto archeologico peraltro non conservato adeguatamente. Anche le aree ad esso annesse sono percepite come non sicure, sporche e sciatte”.

Un servizio condotto dal Tempo, nell’agosto del 2016, rendeva bene lo squallore e lo stato di radicale abbandono della struttura, offrendo una sponda allo stesso Comitato e alla cittadinanza tutta: «La visita si riduce ad un paio di click fotografici perché è davvero impossibile proseguire il cammino a causa della vegetazione, padrona incontrastata della zona. […] Ovunque si vada c’è sempre la sensazione che si stia rischiando la vita».

 

 

Eppure qualcosa si può fare, come dimostrano le iniziative degli ultimi mesi. A inizio 2019 si è proceduto a una bonifica, mentre recentemente si è tornati a parlare di Flaminio come stadio della Roma alternativo a Tor di Valle (difficile se non impossibile) e anche i tifosi della Lazio ne hanno rivendicato appartenenza e legame. Il modello è lo Stadio Filadelfia di Torino, con l’intervento congiunto di Regione, Comune e privati cittadini, una strada che si vorrebbe seguire. Il paradosso però sta proprio qui: c’è la volontà di tutti, del sindaco, della regione ma ancor prima dei cittadini, più decisi che mai. Eppure il Flaminio, nel cuore della Capitale, rappresenta una classica storia italiana e della sua invincibile burocrazia.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre 2021

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Podcast
La Redazione
30 Maggio 2021

Ago

Una chiacchierata con Antonio Bongi su Agostino Di Bartolomei.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Ritratti
Matteo Mancin
19 Marzo 2021

Carlo Mazzone è vittima della retorica nostalgica

Cosa ha rappresentato il Mazzone allenatore.
Italia
Matteo Paniccia
12 Marzo 2021

Beppe Signori merita rispetto

Last bet e la caduta in disgrazia di un innocente.
Calcio
Gianluca Palamidessi
6 Febbraio 2021

Meglio di Inzaghi la Lazio non potrebbe chiedere

Ottimo allenatore, grande tifoso.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Tennis
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio 2021

Nostalgia Chinaglia

Un'intima chiacchierata con Angelo Carotenuto, autore de Le canaglie (Sellerio, 2020).
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio 2021

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
1 Gennaio 2021

Stadi Uniti

Il sogno americano non è un ideale sportivo.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Papelitos
Michelangelo Freda
9 Novembre 2020

Amici miei: Lotito & Taccone

Mettiamo ordine nel caso dei tamponi della Lazio.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre 2020

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Settembre 2020

Enrico Montesano, mille maschere una fede: la Lazio

C'era una volta Roma, c'era una volta la Lazio.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto 2020

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto 2020

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Luglio 2020

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.
Calcio
Antonio Torrisi
17 Giugno 2020

La Coppa Italia è antidemocratica

Un torneo che ci rappresenta: da rifondare, ma sempre domani.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno 2020

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Calcio
Lorenzo Ottone
25 Maggio 2020

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Ritratti
Leonardo Catarinelli
18 Maggio 2020

Hidetoshi Nakata erede e innovatore del Giappone

Tradizione significa anche tradimento.
Storie
Luigi Fattore
11 Maggio 2020

Veron e il calcio, un affare di famiglia

Carriere iniziate e finite all'Estudiantes, e condite da sfide leggendarie.