Estero
19 Marzo 2022

Haaland, quando troppo è troppo?

Prima o poi ci sarà un limite.

How much is too much? Così si interroga Barney Ronay sul Guardian commentando l’ipotetico trasferimento di Erving Haaland al Manchester City, un affare da oltre 300 milioni di sterline complessive. Ed in effetti introduce un tema che raccogliamo volentieri. Sia chiaro, non vogliamo fare i populisti nel pallone confrontando i salari dei “normali” lavoratori con quelli dei migliori giocatori del pianeta. L’industria calcistica funziona secondo altre logiche, lo sappiamo, e rappresenta ormai un mondo a parte slegato dalla quotidianità, che ci piaccia o meno; eppure – il senso dell’intervento di Ronay – un limite andrà pure fissato, prima o poi. 

«Gli storici concordano sul fatto che la marcia su Versailles, un evento chiave della rivoluzione francese, sia stata innescata dalla sensazione che gli smisurati eccessi (nobiliari, ndr) alla fine fossero un po’ troppo. Leggendo i dettagli questa settimana della proposta di trasferimento di Erling Haaland dal Borussia Dortmund a un [‘Super Club Massively Wastefuls’], viene da chiedersi cosa potrebbe servire affinché il calcio provi qualcosa di simile. Quanto è troppo? Quanto ancora siamo disposti a consumare passivamente». Da questo presupposto parte Ronay, in una domanda da 300 milioni di sterline, che poi ragiona sulle cifre. Nel frattempo è la Bild, in Germania, a fare i conti in euro: “solo” 75 milioni per il cartellino, altri 20-25 di bonus, ma soprattutto 200 milioni per un ingaggio di 5 anni e 40 di commissioni per Raiola e il suo staff. Totale, 330-340 milioni di euro.

«Si è tentati di guardare a questo come un semplice eccesso. Ma è anche fondamentale ricordare che si tratta di soldi veri».

Barney Ronay

Si perché ogni tanto ragioniamo veramente come i soldi non esistessero – e chissà, a certi livelli probabilmente è così. Fatto sta che tutti coloro che speravano il football si ridimensionasse dopo la pandemia devono ora ricredersi, magari reagendo pure come il consigliere del Borussia Dortmund Matthias Sammer: «quando ho visto le cifre mi è venuto un mancamento, sono quasi svenuto. Mia moglie mi ha aiutato a rialzarmi».

Un bagno di realismo che non a caso è provocato dal caso Haaland, emblema del giocatore che più di tutti si presta a una simile narrazione, così “inesorabilmente mercificata”. Come scrive Ronay, «questo è il primo top player non solo elaborato attraverso la macchina moderna ma nato in essa», quasi fosse un prodotto ancor prima di essere un uomo, da analizzare esclusivamente secondo categorie economiche, di valore e plusvalore. Ed è su questo che spinge l’editorialista inglese, aprendo una questione decisiva per l’essenza stessa del football . . . .


Per continuare a leggere iscriviti alla nostra newsletter al link di seguito. Ogni domenica mattina ti arriverà una mail con contenuti esclusivi e gratuiti, la selezione dei migliori articoli della settimana e uno spazio di contatto diretto con la redazione. Potrai trovare l’approfondimento su Haaland all’interno della (contro)rassegna stampa d’apertura, nella sezione “SCRITTI CORSARI” >>> http://eepurl.com/gSqOx1


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

74 articoli
Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode
Calcio
La Redazione
18 Novembre 2022

Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode

Prosegue il circo occidentale sul mondiale qatariota.
Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)
Altro
La Redazione
10 Novembre 2022

Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)

Tutta l'ipocrisia di Guardiola sul Qatar.
Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti
Tifo
La Redazione
27 Ottobre 2022

Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti

La Curva Sud Siberiano ha comunicato che non partirà alla volta di Roma.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Bremer alla Juventus e il calcio post-identitario
Papelitos
Lorenzo Ottone
01 Agosto 2022

Bremer alla Juventus e il calcio post-identitario

Il campanilismo nel pallone non esiste più.
Disfarsi di Kean è stato un affare
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Con Vlahovic la Juventus è andata all-in
Italia
Guglielmo Russo Walti
29 Gennaio 2022

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.
Il calcio (non) è un gioco per tutti
Calcio
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
La cattiva strada
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno 2017

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.