Carrello vuoto
Papelitos
29 Dicembre

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.

Sulla pagina Facebook di “Damiano Er Faina”, noto lanciatore di accendini nostrano, in quel rettangolino bianco che è la bio leggiamo: “comico”. Roba che farebbe accapponare la pelle a un Filippo Giardina qualunque, ma al di là di ciò ci sorge spontanea una domanda: se davvero (cosa tutta da dimostrare) Er Faina è un comico, perché Sportitalia lo ha ingaggiato nel suo gruppo di esperti per parlare di calciomercato, notizie e indiscrezioni?

Nel suo curriculum troviamo tutt’al più storie Instagram dallo stadio (con tanto di tag a Ciro Immobile) e una vittoria al campionato Master di PES6 con Castolo e Ordaz coppia d’attacco a difficoltà leggenda. Non ci risulta altro a livello sportivo-culturale. Con ironia invidiabile, Er Faina ha scritto annunciando la notizia: “ogni squadra che si rispetti ha il suo punto debole, ed è per questo che hanno preso me”.

Sparare sulla Croce Rossa, però, non è nel nostro stile. Il fatto che uno come Er Faina venga ingaggiato da un canale tv seguitissimo come Sportitalia per parlare di calcio (e calciomercato) testimonia chiaramente lo stato in cui versa ormai da decenni l’informazione in Italia. In particolare quella sportiva che, ormai privata di ogni tipo di pathos ed ethos, è costretta a disperate mosse di marketing (tipo questa) per rientrare con la visibilità i costi mai investiti sulla qualità.


Saremo pure “all’antica”, ma noi crediamo in un tipo di giornalismo diverso. Per questo abbiamo creato GEM Sport.


Tra dichiarazioni attribuite a sportivi puntualmente storpiate, vecchie e nuove fiamme di calciatori, titoli clickbait perché altrimenti l’editore non campa e qualità degli articoli sempre più scadente, non sappiamo più come muoverci. Ci sentiamo inopportuni, e anche un po’ presi per i fondelli. Chi legge di sport non è necessariamente un decerebrato e chi ne scrive ha verso gli appassionati una grande responsabilità. Quello del giornalista sportivo è un mestiere, non un gioco.

Di fronte al grande successo della Bobo TV e allo sbarco del Faina su Sportitalia (nonché della Satta a Sky Calcio Club), permetteteci almeno di essere sconsolati.



E di lanciare un allarme. Dietro l’apparente ingenuità di un ingaggio come quello del Faina a commentatore di calcio e calciomercato, si nasconde una dinamica preoccupante che rischia di mandare in rovina il sistema dell’informazione (sportiva e non) del nostro Paese: se la visibilità viene prima della competenza, chi racconterà con serietà e professionalità le notizie? Come verranno trattate quest’ultime? In una parola, che fine fa lo spirito critico dell’informazione pubblica – fondamento di ogni democrazia?

Se Melissa Satta non è a conti fatti una giornalista sportiva, perché è stata scelta per partecipare alla trasmissione, a discapito di molte altre ragazze sicuramente più preparate? Perché far passare l’idea che questa cosa possono farla tutte? Se mi chiedessero di fare la show girl probabilmente non accetterei”.

Alessia Tarquinio

Parliamo di calcio, mica di fisica quantistica, direte voi. E ciò non toglie anzi richiede, aggiungiamo noi, grande professionalità. Di giornalisti con anni di gavetta alle spalle, studio, capacità e meriti che non siano lanciare accendini ed esprimere concetti in maniera volgare accentuando in maniera insopportabile il proprio dialetto, ne è pieno. Er Faina faccia il comico, la Satta la showgirl e gli italiani le persone serie.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Interviste
Federico Corona
25 Novembre

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Calcio
Michelangelo Freda
5 Aprile

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Critica
Pippo Russo
13 Dicembre

Tutti a scuola di giornalismo da Billy Costacurta

Lanciamo un SOS per la Gazzetta dello Sport. Con tutto che a Sky non se la passano poi così bene...
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Critica
Pippo Russo
15 Novembre

Pagherete caro, pagherete tutti

Il socialismo secondo Mario Sconcerti.
Interviste
Michele Di Virgilio
4 Giugno

Le teorie di Darwin

Scrivere per l'utopia e per la memoria. Per gli eroi e i perdenti vestiti di sogno. Attraverso la tecnologia e grazie alla storia, lungo quell'ombra tra romanzo e realtà che noi chiamiamo Calcio.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio

Scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Interviste
Michele Di Virgilio
16 Gennaio

Il giornalismo d’antan

Firma nobile del giornalismo italiano (e non solo sportivo), Roberto Beccantini è il giornalista-tifoso più imparziale che conosciamo. Tifoso dai tempi di Sivori, per via dei calzettoni abbassati e del genio fumantino; imparziale, perché – sue parole – sincero col lettore.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Critica
Pippo Russo
31 Ottobre

L’intervistatore sponsor

Nuove frontiere del giornalismo in Gazzetta: l'intervistatore-sponsor.
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Recensioni
La Redazione
20 Dicembre

Giulio Andreotti intervistato da Gianni Brera

Da un'intervista del 1983.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Calcio
Matteo Mancin
14 Gennaio

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Critica
Pippo Russo
2 Febbraio

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Critica
Pippo Russo
27 Dicembre

I panettoni sgonfiati e le supposte di saggezza

Panettoni, veline, amanti e polli: benvenuti alla Fiera dell'Est del giornalismo sportivo italiano.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Luglio

Vivi di sogni infranti

Nell'epoca in cui vi offrono unicamente di diventare consumatori, noi vi proponiamo una battaglia senza quartiere al nulla che avanza: unitevi a noi invece di ingrossare le schiere dei fatalisti!
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Cultura
Michele Di Virgilio
8 Dicembre

In morte del Guerin Sportivo

Il lento declino di una rivista storica.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Interviste
La Redazione
16 Gennaio

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Altro
La Redazione
5 Luglio

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Calcio
Gianluca Palamidessi
16 Agosto

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Settembre

Distruggiamo il giornalismo sportivo

Sempre meglio che agonizzare di superficialità.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Calcio
Andrea Antonioli
16 Marzo

Scatole cinesi

Le cessioni di Carrasco e Gaitàn dall'Atletico Madrid al Dalian Yifang, un affare tutto interno al Wanda Group.
Storie
Maurizio Fierro
4 Settembre

Lo sceneggiato degli Italiani

Il calciomercato in Italia è esploso ultimamente, ma raffigura una fiera dei sogni che appassiona gli Italiani da molto più in là.
Critica
Pippo Russo
8 Novembre

L’esercito dei bimbiminkia espugna la Gazzetta

Alla Rosea (e non solo) il post-moderno vive e lotta insieme a noi.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Altro
La Redazione
17 Maggio

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Altro
La Redazione
14 Giugno

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Recensioni
Simone Morichini
24 Dicembre

Il goal più bello è stato un passaggio

Il libro del filosofo francese Jean-Claude Michéa ripercorre le fasi del calcio: da sport delle élite a sport popolare, per diventare infine uno strumento nelle mani del capitalismo finanziario e globale.