Carrello vuoto
Giovanni Tarantino
24 Luglio 2019

Gli Inglesi se ne fregano del fascio

In Inghilterra simboli e formule del mondo latino non causano dibattiti ideologici, ma sono lo spunto per immergersi nel fascino della tradizione.

In Inghilterra è un caso, il che già spiega la differenza di approccio con l’Italia: il libro “sportivo” dell’anno, insignito dal Telegraph quale vincitore del “Telegraph Sports Book Awards 2019”, è The beautiful badge di Martyn Routledge e Elspeth Wills. Un libro interamente illustrato dedicato ai loghi delle squadre e alle rispettive storie. Un viaggio nel fascino della tradizione, cosa che ai tipi di Pitch publishing, casa editrice specializzata nel genere, riesce piuttosto bene. Dunque, non il solito libro sulla squadra vincente o la biografia del campione del momento ma ben altro, come il mercato italiano – perennemente a caccia delle masse – non è in grado di pensare. Approcci diversi, bisogna farsene una ragione.

Quello che invece può sorprendere il lettore italiano che dovesse trovarsi a consultare le 224 pagine di The beautiful badge che tanto stanno facendo discutere in Inghilterra, è la mole di motti latineggianti e riferimenti alla romanità con cui le squadre inglesi, quasi tutte ottocentesche progenitrici del football, ostentano i propri quarti di nobilità. Avremo modo di parlarne, poiché in maniera nemmeno troppo occultata, a pagina 63 c’è un altro notevole spunto di riflessione, agli occhi del potenziale lettore italiano. Ovvero un fascio littorio, disegnato in bella mostra sul crest del Watford FC.

Il fascio littorio nello stemma originario del Watford

Il Watford, gli hornets, i calabroni gialloneri, la squadra che è oggi di proprietà di Giampaolo Pozzo, che è anche il patron dell’Udinese. Una squadra, il Watford, ricordata e in qualche modo resa storica per essere stata il club acquisito e portato a un certo grado di celebrità, e di gloria sfiorata, da Elton John. Che a fine anni Settanta la trasforma da squadra sperduta di quarta divisione inglese di un villaggetto della periferia a Nord di Londra, al club che arriva secondo in Prima divisione nel 1982-83, e poi finalista di FA Cup l’anno dopo (sconfitto dall’Everton).

«Il Watford mi ha dato più soddisfazioni di un successo discografico»,

fu il commento di Elton John nel bel mezzo della sua avventura da presidente. Con Elton John il Watford si rese altresì protagonista di un restyling grafico che gli addetti ai lavori ricordano, i match programmes, materiale per collezionisti, tutti a colori, con la riproposizione a fumetti di scene delle partite, una buona linea di materiale in vendita per il merchandising attraverso il “The Hornet shop”.

il catalogo “The hornet shop” tratto da un match programme del Watford

Dire che il cantante, tuttavia, non era proprio il prototipo di fascista perfetto, almeno stando a ipotesi prettamente estetiche e superficiali, se è vero che al culmine della sua presidenza del Watford e dopo avere dichiarato a Rolling Stone la sua omosessualità, durante una partita di Coppa di Lega contro il West Bronwich Albion si sentì urlare contro dai tifosi avversari: «Elton John è pederasta!». Cosa ci fa allora un fascio littorio nella storia del Watford?

È il simbolo del Watford Borough Council, l’ente locale per il distretto non metropolitano di Watford, che si trova nel Sud-Ovest dell’Hertfordshire, e il cui consiglio è localizzato nel municipio di Hempstead Road.
Lo stemma in questione è il primo emblema (che risale al 1881) associato al Watford FC. Le linee blu e bianche ondulate rappresentano il fiume Colne e le sue sponde. Le conchiglie d’oro sono state prese dall’emblema del conte di Clarendon, il primo sindaco di Watford.

Il fascio, con tanto di ascia al centro, rivendica l’autorità magisteriale e la stazione romana che si dice sia stata a Watford. Il cervo è il simbolo dell’Hertfordshire. Il motto, in latino, è Audentior, che gli inglesi traducono con “bolder”, cioè audace.

Elton John con il suo Watford nel 1978

Nonostante le intenzioni di Oswald Mosley, che negli anni Trenta fu leader di una formazione politica chiamata British Union of fascists, il fascismo in Inghilterra non ha mai attecchito. Come è noto, piuttosto, l’Inghilterra ha combattuto e vinto la seconda guerra mondiale. Senza addentrarci in questioni storico-politiche, sorprende ancora l’assenza di polemiche malgrado il riferimento a una simbologia così fortemente connotata.

Non un’associazione che insorge, una petizione di chi ne chiede la rimozione, parlamentari indignati, né la messa in stato di accusa del libro per apologia del fascismo. Chissà quali reazioni susciterebbe in Italia la rievocazione del fascio littorio sulle maglie , tra le tante, dell’Ambrosiana Inter, o della genovese La Dominante, una sorta di “Sampdoria ante litteram” voluta dal regime.

In questo caso, in Inghilterra, non ci sono state neppure sperticate indagini per giungere alla dimostrazione della continuità storica tra il fascio di epoca classica e la sua rielaborazione rivoluzionaria in Francia. Come nel caso, per esempio, del fascio di San Gallo in Svizzera, che campeggia sulla bandiera del cantone dal 1803 e che vuole significare l’unità dello stato, insieme al verde del drappo, che attesta l’influenza degli ideali di libertà ispirati dalla Francia giacobina della fine del XVIII secolo.

Il fascio littorio nel drappo verde del Cantone San Gallo

Ma c’è un ulteriore dato su cui riflettere. I riferimenti latini: Audere est facere motto del Tottenham Hotspur, Superbia in proelio del Manchester City, Consectatio excellentiae del Sunderland e via discorrendo. Gli inglesi traducono quest’ultima espressione con “in pursuit of excellence”, alla ricerca di eccellenza. Per andare verso l’eccellenza, si guarda all’antica Roma. Nei motti e nei loghi, poiché nelle storie ufficiali si fa qualche resistenza in più.

Lo aveva notato Enrico Lazzeri, disk jockey e conduttore radiofonico, che insieme a Tommaso Lavizzari e Alessandro Polenghi, per sette stagioni è stato uno degli animatori della trasmissione radiofonica C’era una volta o rei, una miniera di creatività in cui il calcio veniva trattato come elemento di costume e cultura popolare, immeritatamente sospesa nel 2018, in attesa di qualche editore “illuminato” che si accorga che il dibattito sul calcio non può morire di calciomercato.

Enrico Lazzeri, durante una dissertazione storica sul Tottenham – squadra di cui è tifoso – e sui suoi simboli, ha riferito di una versione sulla fondazione degli Spurs che in Gran Bretagna circola quasi come una leggenda semiclandestina: le origini italiane del Tottenham, volutamente occultate da qualche dirigente del club, perché non fa cool che una delle squadre principali della Premier League, nel Paese che ha inventato il football, abbia parentele anche lontane con l’Italia. Sono inglesi, del resto, pur sempre figli della perfida Albione.

Lo stemma allo “Stadium of Light”, con l’immancabile motto in latino nella parte superiore: quando si cercano l’eccellenza o la vittoria, non si può fare a meno di tornare a Roma (Photo by Jamie McDonald/Getty Images)

Eppure i motti latini stanno lì. E ricordano anche che in seno al dibattito storiografico sul calcio, diverse perplessità suscitò il primo volume – dedicato e curato da Giorgio Tosatti – nell’Enciclopedia dello Sport (2002) dell’Istituto Treccani.

«Novecentocinque pagine – ha notato Sergio Giuntini nel suo Calcio e letteratura in Italia (1892-2015) – bersaglio di svariate critiche specie da parte degli storici inglesi. A indispettirli la vecchia teoria, sposata dal fascismo e nella fattispecie rilanciata da Adalberto Bortolotti, sulla derivazione del football dall’harpastum romano. Contro questa ipotesi si scagliarono, il 6 dicembre 2002, il Times e la BBC contestandone ogni fondamento». Insomma, come dire: «siamo inglesi, dateci pure dei fascisti, non degli italiani».


Immagine di copertina tratta da www.watfordobserver.co.uk


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Estero
Marco Marino
9 Maggio 2022

Il Salford City, tra cuore e denaro

A Manchester non ci sono solo City e United (forse).
Cultura
Emanuele Iorio
5 Aprile 2022

Robert Plant, Led Zeppelin e Wolves

Alle origini del football, alle origini del rock.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Tifo
Andrea Mainente
15 Ottobre 2021

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Cultura
Francesca Lezzi
10 Settembre 2021

Lo sport nel Nazismo

Una preparazione alla guerra.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Recensioni
Emanuele Meschini
4 Giugno 2021

Ted Lasso, non siamo americani

Cosa accadrebbe se un allenatore americano allenasse una squadra inglese?
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre 2020

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Ritratti
Enrico Leo
2 Settembre 2020

Bill Shankly è un mito di popolo

L'epopea dell'allenatore più amato dalla Kop.
Calcio
Lorenzo Ottone
26 Agosto 2020

Harry Maguire, ultimo baluardo di Britannia

Una scazzottata in stile british gli è costata tantissimo.
Tennis
Diego D'Avanzo
7 Agosto 2020

Leandro Arpinati: il dissidente creatore dello sport fascista

Anarchico, poi gerarca e ideatore dello sport in camicia nera. Infine fiero dissidente.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Storie
Lorenzo Solombrino
1 Agosto 2020

Damon Albarn e il Chelsea, finché morte non ci separi

Dai Blur ai Gorillaz, nell'eclettismo di Albarn c'è un solo punto fermo.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio 2020

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno 2020

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno 2020

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.