Carrello vuoto
Altri Sport
11 Gennaio

La corsa dei Grandi Giri

Nicola Galati

2 articoli
La lunga crisi del Giro d'Italia, sempre più snobbato in favore del Tour de France e insidiato dalla Vuelta spagnola.

È sempre Italia-Francia, ma questa volta stiamo perdendo. La rivalità con i “cugini” d’Oltralpe infiamma lo sport italiano da sempre, nel ciclismo in particolare (oltre che nella scherma e, dagli anni Novanta, anche nel calcio). Paolo Conte (chansonnier amato più in Francia, forse, che in Italia, tanto per restare in tema) cantava di Bartali: «…E i francesi ci rispettano / che le balle ancora gli girano (…) tra i francesi che si incazzano…». Una reazione più che comprensibile, quando vedevano Coppi e Bartali trionfare al Tour de France davanti agli idoli di casa.

Il Tour de France ed il Giro d’Italia, il Tour de France o il Giro d’Italia? È questa la domanda che ogni anno si pone ogni grande campione delle due ruote. O meglio, la domanda che si pone loro, che conoscono già la risposta. Perché ormai è chiaro da qualche anno che i ciclisti più forti puntano tutto sul Tour de France. Sarà così anche quest’anno. Il Giro del Centenario, nonostante il percorso preannunci una corsa dura e divertente, non è riuscito ad attrarre né Froome né Quintana né Contador né Valverde. Ci consoleremo con la sfida tricolore tra Nibali e Aru, che si sfideranno per la prima da avversari e non più da compagni di squadra.

Questa diserzione di grandi campioni si conferma una tendenza ormai affermatasi negli ultimi anni: le squadre più competitive spingono i ciclisti più forti a puntare tutto sul Tour e a snobbare il Giro. La posizione ravvicinata nel calendario, infatti, con il Giro fissato nella seconda metà di maggio ed il Tour ad inizio luglio, non permette di essere al massimo della forma per entrambi gli appuntamenti (l’ultimo in grado di vincere entrambe le corse nello stesso anno è stato Marco Pantani nel ’98) e tra i due la scelta cade sempre sul Tour.  Forse non è una coincidenza che l’ultimo ciclista a centrare l’accoppiata Giro-Tour sia stato il Pirata, che aveva intenzione di tentare il bis nel ’99 e probabilmente ce l’avrebbe fatta se non fosse stato per la clamorosa esclusione a Madonna di Campiglio e tutto ciò che accadde dopo.

Il podio della Vuelta 2016: Quintana sul gradino più alto, Froome secondo, Chaves terzo

Dal 1999 al 2005 il Tour viene dominato da Lance Armstrong che anella 7 vittorie consecutive, poi tutte revocate per doping. Il texano e la sua squadra, la US Postal, cambiano l’approccio alle corse, introducendo una programmazione scientifica con relativa pianificazione al dettaglio della stagione, che prevede di puntare tutto sul Tour, tralasciando altre corse, il Giro su tutte. Finisce l’epoca del campione cannibale che cerca di vincere sempre ed ovunque, dalle classiche, ai grandi giri, al Mondiale, privilegiando la Grande Boucle. In carriera Armstrong ha partecipato al Giro d’Italia soltanto una volta, nel 2009, a fine carriera, dopo il rientro dal primo ritiro e in preparazione del Tour de France. Lo stesso approccio è stato seguito, in anni più recenti, anche dal Team Sky e dalla sua punta di diamante Froome, che non ha ancora mai preso parte al Giro. Tale scelta ha spinto i corridori più forti ad uniformarsi e rinunciare al Giro pur di essere competitivi al Tour e poter contendere la vittoria ai vari Armstrong e Froome. Per questo al Giro restano spesso le briciole: giovani in cerca di vetrina (Quintana ha vinto il Giro nel 2014, poi non vi è più tornato per cercare la vittoria sulle strade francesi), corridori a fine carriera in cerca di un rilancio (Contador, che ha vinto nel 2015), e gli italiani. Il perché è presto detto: il Tour de France è la Grande Boucle, la corsa a tappe più famosa al Mondo. Attrae sponsor e televisioni, offre premi e fama ben maggiori rispetto al Giro d’Italia. Anche la collocazione temporale, in estate, permette di attrarre un pubblico maggiore, sulle strade come davanti alla TV.

Eppure, il Giro continua a presentare un percorso sempre più bello e difficile di quello del Tour, con salite storiche e leggendarie che esalterebbero le sfide tra i campioni più forti. Tant’è che l’organizzazione del Tour, negli ultimi anni, si è “ispirata” alla corsa tricolore nella definizione del percorso, prevedendo tappe più movimentate ed imprevedibili fin dalla prima settimana, inserendo tratti in pavé e meno a cronometro. Persa la sfida con il Tour, per il Giro si fa sempre più forte anche la concorrenza della Vuelta a España. Quello che un tempo era il meno conosciuto e prestigioso delle grandi corse a tappe, snobbato dai campioni e riservato ad outsider e padroni di casa, sta assumendo negli ultimi anni un blasone sempre maggiore. C’entra ancora una volta il calendario: la Vuelta, infatti, si correva inizialmente ad aprile, pagando così la concorrenza del Giro in maggio. La corsa è stata poi spostata nel periodo a cavallo tra agosto e settembre, divenendo un’ottima tappa di avvicinamento al Mondiale in autunno ma anche una possibilità di riscatto per chi è rimasto deluso dal Tour o dal Giro. Basta guardare i partecipanti e i vincitori delle ultime edizioni per rendersi contro di come ormai la Vuelta stia divenendo più appetibile del Giro, anche in termini di pubblico e sponsor.

15978838_10211556081883112_1531688190_n
Nibali in maglia gialla al Tour del 2014, primo al traguardo della tappa di Chamrousse

La crisi del Giro è sintomo della crisi generale del movimento ciclistico italiano, che ha recentemente subìto l’onta di non avere nessuna squadra nel World Tour. Ci consoliamo con l’ascesa e l’affermazione di alcuni grandi talenti. Su tutti i due alfieri del movimento su strada: Nibali ed Aru. Grazie a loro l’Italia è tornata a vantare dei vincitori di grandi giri. Nibali è entrato nella storia per esser uno dei pochi corridori (insieme a Anquetil, Gimondi, Merckx, Hinault e Contador) ad aver vinto tutte e tre le grandi corse (Giro nel 2013, e nel 2016, Tour nel 2014 e Vuelta nel 2010). Aru ha già vinto la Vuelta nel 2015. Almeno in questo possiamo consolarci rispetto ai cugini francesi, che non vincono in casa dal 1985 e in terra italica dal 1989: che grande soddisfazione è stata vedere Nibali trionfare al Tour, 16 anni dopo Pantani.
Ovvio che ai francesi ancora gli girano

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Altro
Luca Pulsoni
16 Agosto 2021

Elogio dell’arte di Gimondi

Un ciclista immortale, per sempre scolpito nella leggenda.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Papelitos
Lorenzo Fabiano
21 Agosto 2020

Il Tour de France inaugura il podio sessualmente corretto

Niente più miss a premiare i corridori, ma un uomo e una donna.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Davide Bernardini
18 Luglio 2018

Tour de France 2000: Courchevel-Morzine

Meglio fallire tentando l'impresa, che non tentare affatto. Pantani ci ha provato ma, quel 18 luglio 2000, ha fallito.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Ritratti
Davide Bernardini
12 Luglio 2018

Sylvain Chavanel

Il più francese dei barodeur: anarchico, sanguinario, incendiario. Nato per la fuga.
Altro
Davide Bernardini
9 Luglio 2018

Tour de France 2014: Ypres-Arenberg

Era il 9 luglio 2014 quando Vincenzo Nibali dipinse uno dei capolavori più belli nella storia recente del Tour de France.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Altro
Davide Bernardini
22 Giugno 2018

Anche Quintana sa attaccare

Confutazione di una delle più ingiuste bugie del ciclismo recente.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.