Carrello vuoto
Ritratti
8 Marzo

Ivan Basso

Andrea Catalano

11 articoli
Storia del ciclista che visse due volte: polvere e gloria, solitudine e rivincita.

La porta dell’inferno. Così è definito l’inizio della strada che conduce al Monte Zoncolan. Dieci chilometri con pendenza media dell’11,5 %, una delle salite più dure al mondo. E l’inferno, il 23 maggio 2010, fu redentore nei confronti di un uomo che l’Inferno, quello vero, lo aveva toccato con mano per almeno due anni. La gloria, la caduta fragorosa, la faticosa risalita. Quello che caratterizza la fragile esistenza umana. Rialzarsi dalle sconfitte e dalle umiliazioni. Rialzarsi, o fermarsi per sempre. In mezzo, la sofferenza, necessaria compagna di viaggio nella strada verso il riscatto.

Ma cos’è l’Inferno per un ciclista? Il mal di gambe, la crisi inaspettata, i postumi dolorosi di una caduta, ma anche il vedersi coinvolti in uno dei lati oscuri del ciclismo e dello sport in generale: il doping. Alla vigilia del Tour de France del 2006, esplode in tutto il suo clamore la Operacion Puerto, uno scandalo sportivo nel quale diversi atleti (per la maggior parte ciclisti) vengono accusati di far uso di sostanze dopanti sotto il consiglio e la supervisione del medico spagnolo Fuentes. Tra loro, il principale favorito per la conquista della Grand Boucle, Ivan Basso, il quale viene escluso dall’organizzazione di corsa prima della partenza del Tour.

Lo scandalo dopo la gloria, l’Inferno dopo il Paradiso. Basso, che un mese prima aveva vinto il Giro d’Italia dominando, si trova improvvisamente nel tritacarne mediatico, nella polvere. Il suo sogno di realizzare la storica accoppiata Giro-Tour si era infranto in un brusco risveglio, la sua immagine offuscata in un attimo. E la nube minacciosa che si era abbattuta su di lui era drammaticamente inaspettata e sorprendente. In fondo, il ciclismo ha purtroppo abituato i suoi appassionati a scandali doping, ma l’immagine che Basso aveva sempre dato di sé era tutt’altro: umiltà, sacrifici, crescita costante, linearità nei comportamenti. Erano questi i marchi di fabbrica del ciclista varesino.

Basso davanti a Scarponi ed Evans sulla salita dello Zoncolan.

I primi anni di Basso nel ciclismo che conta sono di apprendistato. La sua indole tranquilla e riservata non gli permette di dimostrare sin da subito il suo talento di corridore da corse a tappe, ma la sua serietà professionale lo aiuta a progredire passo dopo passo, anno dopo anno. Nel Tour del 2002, il primo posto nella classifica degli under 25. L’anno dopo, l’ingresso nei primi dieci della classifica generale. Ivan sembra essere contento dei suoi ottimi risultati, ma in tanti, tra gli addetti ai lavori, iniziano a chiedergli: “Perché non attacchi mai? Perché ti limiti a restare a ruota dei migliori? Perché non rischi l’impresa?” Ed in lui scatta qualcosa: la presa di coscienza che il suo talento poteva permettergli di diventare il migliore, la consapevolezza che coltivare le giuste ambizioni lo avrebbe portato a traguardi maggiori.

Basso campione del mondo U23 a Valkenburg, tra Rinaldo Nocentini (sx) e Danilo Di Luca (dx).

Così, nel Tour del 2004 arrivano il terzo posto finale e una entusiasmante vittoria di tappa a La Mongie, davanti al dominatore Armstrong. La crescita prosegue, tra grandi prestazioni e debacle che temprano il campione. Nel Giro del 2005, si presenta al via come uno dei principali favoriti, ma un virus intestinale lo colpisce il giorno prima della tappa con arrivo a Livigno. Si tratta di una delle frazioni più dure di quella edizione della Corsa Rosa: la scalata dello Stelvio, l’arrivo ad alta quota dopo 210 chilometri durissimi.

Un famoso detto afferma che quando la strada sale un ciclista non può in alcun modo nascondersi, e le cattive condizioni di salute del varesino vengono a galla durante l’interminabile salita che porta ai 2758 metri del Passo dello Stelvio. E su strade terribilmente esigenti anche con il fisico più in forma, avere malanni vuol dire vivere una agonia. Il suo direttore sportivo gli consiglia di ritirarsi, ma Basso decide di proseguire il suo calvario. Arriva sul traguardo di Livigno con 42 minuti di ritardo. L’obiettivo della vittoria del Giro è ormai compromesso, ma il varesino dimostra di saper soffrire anche quando in tanti avrebbero gettato la spugna. Ed anche questo fa la differenza tra un buonissimo professionista e un campione vero. Al termine di quel Giro, Basso vince due tappe, dà spettacolo ed entra definitivamente nel cuore degli appassionati.

Nella salita a Plateau de Beille, il 17 luglio 2004, Basso in casacca CSC a ruota di Lance Armstrong.

Tutti i tasselli del processo di maturazione sembrano mettersi al loro posto, e Basso, all’età di 28 anni, si sente finalmente pronto per vincere una grande corsa a tappe. Domina il Giro del 2006, dando 10 minuti di distacco al secondo classificato. Dalla gloria al Tour 2006, dove inizia questa storia. Per quasi un anno, Ivan nega di essere realmente coinvolto nell’Operacion Puerto, ma nell’Aprile del 2007 gli sviluppi delle indagini lo inducono ad una inevitabile confessione dinanzi alla procura antidoping del CONI. Seguono due anni di squalifica, la massima pena prevista dal regolamento in quel periodo. La sua squadra lo scarica, i giornali mettono in discussione la sua intera carriera. Basso si rinchiude tra i suoi affetti, per ritrovare sé stesso prima ancora che la voglia di rimettersi in sella ad una bici.

Con Michele Scarponi: entrambi sono sempre stati personalità importanti in gruppo.

Senza corse, senza squadra, e senza credibilità: è dall’assenza di quest’ultima che il varesino riceve la scossa per dare una seconda vita alla sua carriera. Basso capisce che, per tornare ad essere un campione, una semplice ripresa degli allenamenti non basta. Serve qualcosa in più. Serve ricostruire la fiducia dei tifosi attorno alla sua figura. Per far ciò, si affida completamente alla preparazione di Aldo Sassi, uno dei (pochi) simboli del ciclismo pulito. Senza alcuna certezza sul suo ritorno alle corse, si allena con ancor più scrupolo di quanto già fatto negli anni precedenti. Sul suo sito, pubblica costantemente i dati relativi ai suoi parametri sanguigni, per dimostrare la massima trasparenza e la rinuncia a qualsiasi forma di doping. Si tratta del “percorso di espiazione”, come lui ama definirlo: pagare per i propri errori, scontare i debiti col passato, sudare per riconquistarsi una dignità.

La vittoria al Giro.

La Liquigas viene a conoscenza delle fatiche di Basso, e lo ingaggia un anno prima della fine della squalifica. La forma fisica del varesino è quella dei tempi migliori, e non resta altro che rimettersi il dorsale di gara, per puntare a nuove vittorie. Ma il primo anno dopo la squalifica non è esaltante. Un (deludente per i giornali) quinto posto al Giro, un quarto alla Vuelta, e niente più. “Il vero Basso è questo. Quello degli anni passati non era autentico”: questo il leit motiv dei commenti su di lui. Ma Ivan, dal carattere umile e paziente, sa che tutto il sudore versato da due anni a questa parte darà i suoi frutti. La strada parlerà per lui, in maniera inequivocabile.

La stagione successiva, Basso, a 32 anni, si ripresenta ai nastri di partenza del Giro d’Italia avvolto da un alone di scetticismo sulle sue reali possibilità di vittoria. Le prime due settimane gli sono avverse: lo rallentano una caduta sullo sterrato fangoso di Montalcino e un errore tattico della sua squadra che consente allo spagnolo Arroyo di guadagnare 13 minuti in classifica generale. Le speranze di ribaltare la corsa sono appese a un filo. Ma proprio sul finire della seconda settimana di gara, giunge una chiamata da casa. Ivan riceve la notizia che sua moglie aspetta un altro figlio, il terzo. La famiglia, il porto sicuro nel quale Basso aveva rinchiuso la sua disperazione nei periodi bui successivi alla squalifica, viene ancora una volta in soccorso del campione. E, ancora una volta, il campione si rialza. E si ritorna all’inizio della storia.

La salita allo Zoncolan: il giorno dopo essere saliti sul Monte Grappa, il gruppo affronta la salita più dura di tutte. Solo i campioni emergono.

La salita dello Zoncolan diventa il teatro del definitivo riscatto: Basso stacca ad uno ad uno i suoi rivali, in una progressione inarrestabile. La sua scalata sembra mandare in fumo tutte le cattiverie dette sul suo conto da quattro anni a questa parte. Una feroce determinazione dipinta sul volto, una rabbia agonistica mai vista prima. Il varesino vince la tappa più temuta di quel Giro, e torna in corsa per la vittoria finale. Due giorni prima della conclusione della Corsa Rosa, l’acuto finale nella tappa col passaggio sul terribile Mortirolo.

Un perfetto gioco di squadra con il giovane compagno Nibali, la fuga che gli consente di indossare il simbolo del primato, la maglia rosa, quattro anni dopo l’ultima volta, e che sancisce una incontrovertibile verità: il più forte, in quel Giro, è proprio lui. L’ultima frazione, una cronometro con arrivo nella incantevole cornice dell’Arena di Verona, lo incorona vincitore. Con lui, sale sul palco delle premiazioni il dottor Sassi, gravemente malato ed il quale sarebbe venuto a mancare pochi mesi dopo. L’omaggio del campione ad uno degli artefici della sua rinascita. Il cerchio si è chiuso.

Sulla salita più dura d’Europa il capitano della Liquigas stacca tutti (a 31:22) e riduce a 3’33” il distacco sulla maglia rosa Arroyo. Evans ultimo a cedere, a 3,7 km dall’arrivo, ma perde 1’19”. Terzo Scarponi, quarto Cunego.

I successivi anni hanno visto Basso proporsi costantemente ad alti livelli, pur senza l’acuto di una grande vittoria. Dall’alto della sua esperienza di capitano, contribuisce alla crescita dei suoi giovani compagni di squadra. Non a caso Nibali (indubbiamente il più forte ciclista italiano degli ultimi anni) ha sempre indicato Basso come un esempio fondamentale per la sua crescita umana e professionale. Nelle ultime stagioni da professionista, il varesino si mette a disposizione di Contador come gregario. Tra i due c’è un rapporto profondo, di amicizia, che va al di là delle competizioni.

Il sodalizio tra i due è ancora molto forte: umano oltre che professionale.

E un commosso Contador si ritrova seduto al fianco di Basso nella conferenza stampa in cui il varesino annuncia, durante il Tour 2015, di aver appena scoperto di essere affetto da un tumore per fortuna ancora in fase iniziale. Ivan si sottopone immediatamente a intervento chirurgico, e la guarigione completa è rapida. Contemporaneamente alla guarigione, arriva l’addio alle corse, ma non al mondo del ciclismo. Dapprima, la collaborazione, da consulente per l’allenamento, con la Trek-Segafredo. Ad oggi, il ruolo di general manager della squadra recentemente fondata da Contador.

“È da quando sono professionista che vivo sotto esame. Ma capisco da solo se ho fatto bene oppure no. Il giudizio altrui diventa così meno importante”. Ivan Basso a Sportweek, 6 maggio 2006

Un continuo lieto fine. Ivan Basso è l’uomo che visse due volte. Più semplicemente, è la dimostrazione che, nel raggiungere i propri traguardi con le sole proprie forze, senza scorciatoie e circondati da persone autentiche, si può essere veramente liberi.


Copertina Rivista Contrasti


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Altro
Luca Pulsoni
16 Agosto 2021

Elogio dell’arte di Gimondi

Un ciclista immortale, per sempre scolpito nella leggenda.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.
Altro
La Redazione
7 Maggio 2018

Il Giro e le sue storture

Tra noia, fughe e volate ad alta velocità, il Giro d'Italia convalida la sanguinosa occupazione israeliana nelle terre palestinesi.
Altri Sport
La Redazione
1 Maggio 2018

Bar Giro

Discussioni sul Giro d’Italia 2018, dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.