Carrello vuoto
Ritratti
29 Dicembre

Larry Bird

Lorenzo Balma

1 articoli
L'umiltà non si predica, si pratica.

Larry Joe Bird ricopre di diritto uno spazio speciale nella storia della pallacanestro. Motivazioni: 3 titoli NBA, 3 premi di MVP, 2 premi MVP delle Finals, 12 All Star Game, 10 volte nel miglior quintetto NBA, 3 in quello difensivo e 1 oro olimpico nel Dream Team di Barcellona ‘92. Finisce la carriera con 24 punti a partita conditi con 10 rimbalzi ( non male per un’ala piccola di 206 cm), distribuendo più di 6 assist a gara e con percentuali dal campo e dalla lunetta quasi irripetibili. Uno dei giocatori più decisivi di sempre, un tiratore impareggiabile. In seguito allenatore, dirigente e ovviamente introdotto nell’Hall of Fame. Larry Bird è un’icona dello sport americano.

 

“Altro che stupido campagnolo” disse Red Auerbach storico ex coach dei Celtics in un’intervista, “il più motivato che abbia mai visto”. La cosa che più sconvolge analizzando le statistiche personali di Bird è il suo percorso di vita e di sport, accompagnato sempre dal ricordo, o meglio dalla nostalgia, delle proprie radici a cui è sempre stato morbosamente legato. Uno sguardo fisso all’umiltà delle sue origini, che è diventato poi rappresentazione del suo modo di giocare in campo: la giocata più facile, la lettura più funzionale, ma sempre con il massimo dell’efficacia. Questa sua capacità di far sempre la cosa giusta, sia in attacco che in difesa, magari ogni tanto accompagnata da effetti speciali, faceva sì che i compagni dicessero sempre: “Larry con la palla fa quello che vuole”.

Il numero 33 in palleggio, poesia in movimento
Il numero 33 in palleggio, poesia in movimento

 

Larry Bird nasce e cresce a French Lick, cittadina di 2000 abitanti dell’Indiana, stato in cui il football americano va fortissimo, ma dove la vera tradizione è la palla a spicchi. Ogni allenatore che Larry avrà durante l’adolescenza non farà altro che ripetergli quanto fosse forte il fratello, vero talento in famiglia, che il futuro All Star idolatra come tutti i fratelli minori. Larry passa le sue giornate a tirare a canestro in cima alla collina del centro sportivo della Spring Valley High School, cercando di migliorarsi. Su quel campo scopre probabilmente il segreto che lo aiuterà a farsi strada tra i giganti del basket: l’attitudine al lavoro. Gli allenatori che a quei tempi lo seguivano non si capacitano del del salto di qualità di cui è protagonista nel suo ultimo anno da senior: 30 punti e 20 rimbalzi di media gli permettono di guadagnarsi un posto al College di Indiana per giocare con la casacca dei mitici Hoosiers. Se sei forte a giocare a basket e sei nativo dell’Indiana, non puoi che ricevere una borsa di studio per giocare per gli Hoosiers, ma Larry non riesce mai a sentirsi a proprio agio nella sua nuova vita. Il passaggio dalla sua piccola realtà rurale ad un campus universitario con migliaia di giovani non lo stimola per niente, anzi lo spaventa terribilmente. Abbandona il college, tornando nella sua French Lick. E’ opinione di molti che Larry Bird non abbia mai avuto una grande considerazione di sé e dei propri mezzi.

 

Nella sua cittadina natale gli pare sia tutto a sua misura. Alle luci della ribalta della pallacanestro collegiale preferisce un lavoro come netturbino. Ma a casa ad attenderlo c’è la separazione dei suoi genitori che spinge il signor Joe Bird, molto amato da Larry, al suicidio. E’ l’episodio che gli cambia la vita e che lo fa tornare sul parquet. Una decisione presa per il bene della madre, dei fratelli, oltre che di se stesso. Va ad Indiana State: gioca per i Sycamores. Indiana State è sicuramente meno blasonata di Indiana, ma il giovane Bird si sente più a casa in un campus di dimensione ridotte e con aspettative inferiori. Larry è il trascinatore assoluto dei Sycamores che arrivano da imbattuti (33-0) fino alla finale NCAA del 1979, perdendo poi contro la squadra di quella che sarà la sua nemesi per eccellenza nell’NBA degli anni ‘80: i Michigan State Spartans del grande Earvin “Magic” Johnson.

magic bird
Una rivalità senza eguali: Larry Bird versus Magic Johnson

 

Dopo la cocente delusione, deve decidere se rendersi disponibile per il Draft NBA. Larry voleva laurearsi, ma sa che per la sua famiglia i soldi del suo primo contratto da professionista sarebbero troppo importanti. A mala voglia, viene scelto dai Boston Celtics dove si consacra come assoluta stella del gioco. All’inizio i tifosi nutrivano molti dubbi sulle sue capacità ma dopo pochi mesi ogni perplessità era svanita lasciando spazio ad un folle amore. Forma con Robert Parish e Kevin McHale uno dei più forti “frontcourt” della storia della NBA. Insieme vincono tre titoli (‘81,’84,’86) alternandosi ai Los Angeles Lakers di Magic Johnson in un decennio di sfide memorabili. Le cifre, le giocate e le vittorie di Bird e dei suoi Celtics sono evidenti, quello che però non risulta mai banale è l’approccio e la leadership con cui Larry matura questi risultati. Vuole che tutti i suoi compagni tocchino la palla e partecipino alle giocate in attacco, in modo tale che poi in difesa giochino con fisicità, cattiveria e agonismo; ed è suo compito far sì che avvenga. Se a fine partita uno dei suoi non ha segnato come è solito fare è colpa sua, e se gli avversari hanno segnato troppo è ugualmente sua la responsabilità.

 

I compagni lo seguono e si fidano ciecamente di lui. Memorabile una sua intervista a caldo negli spogliatoi dopo una partita di Finals persa contro i Lakers: “abbiamo giocato come signorine”. Inutile dire chi ha vinto poi quella serie. Un giocatore così non nascerà più. Larry Bird incarna come nessun’altro i valori dello sport: altruismo, rispetto, tenacia, ambizione, lavoro e fame di vittoria. Quel ragazzone ha fatto della semplicità della sua vita, la sua più grande virtù in campo. Quando vinse il titolo NBA nel 1980 durante i festeggiamenti disse “c’è un solo posto in cui vorrei essere: French Lick”. In seguito con tanto di trofeo NBA e trofeo di miglior giocatore delle Finali andò a Terre Haute, nel campus dei Sycamores di Indiana State, per saldare il debito ideale di quella finale persa che né lui, né quella gente avevano dimenticato.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Aresi
12 Marzo 2022

Jack Kerouac e l’arte di risolvere un’esistenza

Cento anni fa nasceva un giocatore di football mancato.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Italia
Edoardo Franzosi
6 Novembre 2021

Moriremo americani

Il nostro calcio è sempre più a stelle e strisce.
Basket
Filippo Chili
20 Ottobre 2021

La NBA non è (più) un campionato per playmaker

Basket americano ed europeo, tanto diversi quanto complementari.
Ritratti
Gianluca Losito
5 Ottobre 2021

Dana White sembra uscito da una serie americana

Il presidente della UFC è una delle figure più influenti dell’intrattenimento sportivo moderno.
Ritratti
Francesca Lezzi
28 Agosto 2021

Tim Duncan, The Big Fundamental

Quando la normalità è extra-ordinaria.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Ritratti
Diego Mariottini
4 Maggio 2021

Bob Morse aveva l’Italia dentro

Il biologo (e professore) più vincente della pallacanestro italiana.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Altro
Gennaro Chiappinelli
16 Gennaio 2021

Se gli scacchi diventano pop

Un gioco che deve tornare popolare, ma restando se stesso.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio 2021

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre 2020

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Altro
Leonardo Aresi
21 Ottobre 2020

Lo skate è una promessa d’eterna giovinezza

Un elogio dell'universo a rotelle.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Basket
Matteo Viotto
31 Luglio 2020

NBA, l’ultimo classico di Walt Disney

Stanotte riparte lo spettacolo, nel cuore della fantasia.
Basket
Matteo Viotto
11 Giugno 2020

The Flu Game oltre Michael Jordan

Le sfumature oscurate dall'onnipotenza sportiva del 23.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Recensioni
Giacomo Orlandini
19 Maggio 2020

The Last Dance, confessioni dall’Olimpo del basket

Un'intensa ed inedita prospettiva sull'ultimo ballo dei Chicago Bulls di Michael Jordan e coach Phil Jackson.
Ritratti
Andrea Antonazzo
3 Maggio 2020

Rey Mysterio, fra tradizione e marketing

Il luchador mascherato più famoso al mondo e il significato della maschera.
Ritratti
Giovanni Poggi
30 Marzo 2020

L’impareggiabile Carlton Myers

L'uomo record della pallacanestro italiana.
Storie
Giacomo Cunial
23 Marzo 2020

Steve McQueen, veloce come il vento

Il romanzo motoristico dell'ultimo ribelle hollywoodiano.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Basket
Giovanni Poggi
25 Febbraio 2020

Tex Winter

Cervello rivoluzionario della pallacanestro.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Gennaio 2020

Quando il calcio oscura la morte, lo sport muore

Kobe Bryant è morto e la stampa sportiva italiana si vergogni.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Gennaio 2020

Mamba forever

L'amico che non hai mai incontrato.
Ritratti
Giovanni Poggi
18 Gennaio 2020

Dino Meneghin

Un'epopea lunga quasi trent'anni.
Ritratti
Giovanni Poggi
9 Gennaio 2020

Dan Peterson

La favolosa palla a spicchi del Nano Ghiacciato.
Basket
Simone Galeotti
3 Gennaio 2020

In memoriam di David Stern

Un ricordo dello storico commissioner NBA, scomparso il 1 gennaio appena trascorso a 77 anni in seguito a un malore.
Basket
Alberto Fabbri
25 Dicembre 2019

L’eterno ritorno del derby di Bologna

La poltrona per due del basket italiano.
Basket
Simone Galeotti
25 Ottobre 2019

La Bosnia e il Basket. Il massacro di Srebrenica

Dove ogni cosa è appesa a un filo.
Altri Sport
Alberto Fabbri
4 Ottobre 2019

Bentornata Fortitudo

Il ritorno in A della Fortitudo non poteva passare inosservato
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Basket
Matteo Fontana
9 Aprile 2019

Sono tornate le V nere

L’accesso della Virtus Bologna alle Final Four di Champions sancisce il ritorno della magia bianconera.
Basket
Matteo Fontana
2 Aprile 2019

Davide Moretti: nel nome del padre

L'America della palla a spicchi ha perso la testa per un giovane italiano.
Basket
Matteo Fontana
11 Marzo 2019

In memoriam di Alberto Bucci

Se n'è andato un grande maestro di pallacanestro.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Altro
Matteo Fontana
7 Febbraio 2019

Tom Brady, l’antipatico

L’odi et amo di Catullo va in onda sulla TV via cavo americana.
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio 2019

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Basket
Maurizio Fierro
21 Novembre 2018

La leggenda dei Rens

Vivere e giocare ad Harlem.
Ritratti
Giacomo Amorati
15 Novembre 2018

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Con il sangue di Arminio nelle vene.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Ritratti
Simone Galeotti
23 Ottobre 2018

Nikos Galīs

Il prescelto.
Ritratti
Luca Pulsoni
25 Settembre 2018

Dejan Bodiroga

L'ultimo romantico della palla a spicchi.
Basket
Simone Spada
21 Giugno 2018

Basket italiano, la rinascita passa dalla Nazionale

Chiuso il campionato con la vittoria dell'Olimpia Milano, i tifosi italiani hanno potuto applaudire le affermazioni di Niccolò Melli e Gigi Datome in Turchia. Ora tocca alla Nazionale Italiana confermare le buone premesse di una stagione positiva.