Papelitos
30 Agosto 2022

Pavel Nedved, ubriaco e troppo umano

Meglio l'alcol e i balletti dei moralisti da social network.

È giunta mezzanotte, si spengono i rumori, si spegne anche l’insegna di quell’ultimo caffè, le strade son deserte, deserte e silenziose, un’ultima carrozza cigolando se ne va”. Queste parole, questa poesia m’è saltata in mente e mi è risuonata dentro di fronte alle immagini – virali, così si dice, per il volgo, malinconiche per chi scrive – di Pavel Nedved. Pavel Nedved ciondolante, barcollante per la strada, nella solitudine della notte e il suo volto, nascosto, con la maschera dell’ubriaco. Ciondolante e barcollante e ignaro che il suo incedere sarebbe stato immolato alla derisione onanista della rete, rete sempre più a strascico, sempre più ricolma di detriti e priva di forme di vita.

La derisione dell’umano solo, spogliatosi di se stesso. Nessun, nemmeno un atomo di umana comprensione. Sì, umana compassione, da far pensare “ora vado lì, e gli metto una mano sulla spalla”. Pavel Nedved, giocatore prima e dirigente poi sempre messosi in mostra per una naturale e genuina antipatia: antipatia negli atteggiamenti in campo, antipatia per gli atteggiamenti in tribuna. Antipatia come ragione d’essere ed esistere. Bastava vederlo in volto, figuriamoci sentirlo parlare.

Anche perché, oltre ad essere antipatico, Nedved è uomo e simbolo della Juventus, mica un’avvenente premier finlandese simbolo dei diritti civili. Per lui le giustificazioni non valgono, gli appelli alla privacy nemmeno, e nessuno lancia campagne di sostegno. Colpa e condanna, quella dell’essere uomo, juventino, antipatico, deflagrate in gogna cieca ed epilettica: alimentata dal gorgoglio dei social, promossa dalle barricate (ormai virtuali) del tifo, forse pilotata da chi aveva tutto l’interesse che questi video fossero dati in pasto alle arene digitali – pare che il famigerato balletto fosse vecchio di tre anni.

Finalmente umano, Pavel Nedved ubriaco

Ecco la bella sorpresa per il suo cinquantesimo compleanno, caduto ieri. I video ma soprattutto i voyeur ed accusatori digitali, il processo nella pubblica piazza delle piattaforme: un non luogo che dà a tutti una toga da giudici o quantomeno da pubblici ministeri – della “morale”, innanzitutto. Ma se riusciamo a sopportare e ad andare oltre il ronzio dei social, abbiamo solo Pavel Nedved.

Pavel Nedved che, improvvisamente, si mostra vulnerabile e umano. Umano e solo. Pavel Nedved che fino a ieri non sopportavo, e che da oggi mi sta un po’ più simpatico. Se infatti i balli con le donzelle semi ignude posson provocare dall’indignazione ignorante all’ignorante invidia, quell’uomo in frack che “s’allontana lentamente, con incedere elegante, ha l’aspetto trasognato, malinconico ed assente, non si sa da dove vien, né dove va” dovrebbe, dovrebbe, suscitare un moto di (umana, troppo umana) tenerezza. Ma è come aspettarsi il White Album dai Maneskin. E nella rete, per angosciante paradosso, forse se l’aspettano davvero.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

La nazionale è solo un passatempo estivo
Papelitos
Lorenzo Serafinelli
02 Giugno 2022

La nazionale è solo un passatempo estivo

Per il resto dell'anno, un intralcio o poco più.
Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)
Interviste
Gianluca Palamidessi
22 Settembre 2022

Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)

Intervista sulla Nazionale ad uno dei più bravi e preparati giornalisti italiani.
Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi
Calcio
Valerio Santori
21 Settembre 2022

Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi

Responsabilizzare i giocatori è una prassi superata.
L’Old Firm non muore mai
Tifo
Lorenzo Serafinelli
20 Settembre 2022

L’Old Firm non muore mai

La morte della Regina ha riacceso lo scontro di mondi.
Allegri sta perdendo la sua guerra santa
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Settembre 2022

Allegri sta perdendo la sua guerra santa

La crisi della Juventus è anche quella del suo allenatore.