Carrello vuoto
Critica
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Pippo Russo

24 articoli
Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.

Come frigge l’aria lei, nessuno. A Alessandra Bocci, inviata della Gazzetta dello Sport, bastano un pentolino da campo e due gocce d’olio di semi di girasole per cucinare i suoi pezzulli e servirli ai lettori della rosea. Che sono sempre meno e chissà come mai. Non certo per colpa della Boccina. Lei fa ciò che ha sempre fatto: scrivere di calcio a nostra insaputa. La inviano in giro per i campi d’Italia e d’Europa, e lei ovunque si trovi produce esercizi di straniamento. Che ci faccio qui? E perché non mi hanno lasciato scrivere da casa con la mano sinistra, mentre con l’altra mi davo lo smalto alle unghie dei piedi? Leggendo i suoi pezzi potete sentire addosso tutto il suo disagio esistenziale. Che si esprime attraverso la coazione a ripetere le cose già dette e scritte. È stato così nella due-giorni che l’ha vista impegnata a seguire la gara di Champions League fra Napoli e Manchester City. L’hanno strappata ai conforti domestici per farla esercitare sul tema del confronto fra Sergio Aguero e Lorenzo Insigne, e lì la povera Boccina ha provato a spalmare le due gocce d’olio di semi di girasole come ha potuto. Impossibile non ripetersi. Nell’edizione di mercoledì 1 novembre, questo era l’attacco dell’articolo:

“Parenti serpenti. Sergio Aguero, che dall’ex suocero Maradona si è preso nel tempo carezze, insulti (“è un vigliacco”), poi ancora apprezzamenti (“assurdo non convocarlo in nazionale, Sampaoli vende fumo”) arriva a Napoli facendo passerella all’aeroporto assieme ai compagni del City con un look italiano molto costoso, oltre duemila sterline a persona, pare, prima di imbucarsi nel lusso soffuso dell’Hotel Vesuvio [una piccola marca non si nega a nessuno, ndr], davanti a un panorama caro al cittadino onorario più famoso”.

Una ventata di pura rosticceria, ma non è questo il punto. La cosa davvero straordinaria è che nell’edizione dell’indomani, giovedì 2 novembre, l’incipit è stato un indesiderato bis:

“Sergio Aguero a Diego Maradona ha fatto parecchi dispetti, a partire da quando, adolescente, gli strappò il record di precocità nel campionato argentino. Dopo anni di affetto e punzecchiature, complimenti e parole pesanti, ha aggiunto al San Paolo un altro dispiacere al campionario già vasto: ha avuto la prima grande occasione proprio dopo che il City aveva rimesso in gioco il Napoli e non ha sbagliato”.

Il problema è che continuano a farle mobbing inviandola a seguire il calcio dal vivo, quando è evidente che certe fritture potrebbe farle egregiamente dai fornelli di casa.

Rimanendo nell’ambito di Champions League & Fritti Misti, ecco a voi Paolo Tomaselli del Corriere della Sera. Inviato a Lisbona per seguire la gara fra Sporting Clube de Portugal e Juventus, ecco cosa ha scritto nell’edizione del 31 ottobre per descrivere la vigilia:

“Vincere nello stadio intitolato al nobile José Alvalade, che fondò lo Sporting Clube de Portugal, per confermarsi in anticipo nell’aristocrazia europea”.

Ma pensa te che trovata: la Juventus potrebbe conquistare un posto nella nobiltà europea giusto nella sera in cui gioca nello stadio intitolato a un nobile. Quante notti avrà trascorso a spremersi le meningi per escogitare una roba del genere? Di sicuro c’è che nemmeno un cronista sportivo di provincia anni Ottanta avrebbe piazzato un incipit così desolante.

.

Marco Bonetto di Tuttosport è per questa rubrica un valore sicuro. I suoi articoli contengono sempre almeno un frammento degno di menzione, e infatti capita spesso di non prenderli in considerazione per non lasciarsi catturare dalla pigrizia. Il suo articolo pubblicato da Tuttosport nell’edizione di mercoledì 1 novembre è da Hall of Fame. Scritto nella settimana che precede la gara fra Inter e Torino, esso è dedicato ai trascorsi nerazzurri del tecnico granata Sinisa Mihajlovic e a un’indiscrezione sul suo mancato ingaggio come allenatore interista. Nella parte centrale dell’articolo c’è un passaggio che da solo vale gli 1,30 euro spesi per comprare il giornale:

“Certo che davvero l’ulivo nodoso del nostro campionato, regolarmente deputato a proporre incroci e scontri ora da romanzo d’appendice, ora da “vulgata” dell’eterno ritorno nicciano, se l’è costruita bella anche a ‘sto giro”.

Non perdete tempo a decodificare il frammento, perché esso non nasce per avere un senso compiuto ma soltanto per farvi dubitare del pieno possesso delle facoltà mentali. Piuttosto, godetevi l’altro passaggio notevole dell’articolo:

“Anno Domini 2014. Gli occhi a mandorla del nuovo portafoglio nerazzurro non hanno alterato i sentimenti, e Sinisa lo sa bene”.

Il portafoglio dagli occhi a mandorla. E poi dice che non vale la pena continuare a leggere Tuttosport.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Calcio
Gianluca Palamidessi
12 Luglio

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Tifosi
Jacopo Benefico
29 Novembre

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Storie
Marco Metelli
20 Giugno

La favola di Baggio ai tempi del Brescia

Amarcord del celebre matrimonio tra la Leonessa e il Divin Codino.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
5 Marzo

Il Coronavirus e la miseria del calcio italiano

È arrivato il momento di azzerare la governance del calcio nazionale.
Papelitos
Ugo D'Elia
2 Novembre

Viva la Serie (RS)A!

Siamo giovanilisti, ma solo a parole.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Agosto

L’avvenire non è bianconero

Vincere sì, ma subito.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Agosto

Senza CR7 e Neymar non è circo

Nei Paesi privi di cultura calcistica conta più il singolo della squadra, in una deriva individualista che sta spolpando il calcio.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Recensioni
Luigi Fattore
22 Marzo

Herr Pep

Uscito ormai quattro anni fa, il libro di Perarnau è già diventato un classico della letteratura sportiva.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Calcio
Enrico Leo
3 Maggio

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Storie
Maurizio Fierro
13 Novembre

La Lazio di Maestrelli: un mucchio selvaggio

Una banda di anarchici all'assalto del calcio italiano.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Calcio
Edoardo Franzosi
25 Maggio

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Giugno

La fattoria degli animali

Questo calcio mette a rischio la salute dei giocatori.
Ritratti
Francesco Andreose
3 Agosto

Costantino Rozzi, il Presidentissimo per eccellenza

Il Grande Ascoli, l'indimenticabile presidente.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Calcio
Antonio Aloi
18 Settembre

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
12 Aprile

Diventa ciò che sei

O di come la Juventus è tornata grande.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Calcio
Remo Gandolfi
9 Aprile

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Calcio
Mattia Curmà
7 Gennaio

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
27 Dicembre

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.
Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre

L’atto, non l’azione

Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Ritratti
Luca Giorgi
9 Maggio

Joey Barton, non essere cattivo

Joey Barton non è solo quello che vi aspettate.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Calcio
Matteo Donadoni
20 Settembre

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Papelitos
Federico Brasile
9 Marzo

Quel pasticciaccio brutto della Serie A

Un Paese sportivo d'accordo su una sola cosa: la deresponsabilizzazione, l'incapacità di prendere decisioni.
Calcio
Luca Giorgi
2 Ottobre

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
Calcio
Enrico Leo
22 Novembre

La crisi del Milan viene da lontano

Il momento negativo del Milan rispecchia l'incapacità gestionale della sua dirigenza.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Novembre

Cristiano Ronaldo non è la Juventus

L'ennesimo brutto episodio di un giocatore viziato e arrogante.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

Casuals, ep. II: il riscatto di Manchester

Gli scontri coi Reds, i furti dei negozi, la musica maledetta.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).