Carrello vuoto
Critica
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Pippo Russo

24 articoli
Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.

Come frigge l’aria lei, nessuno. A Alessandra Bocci, inviata della Gazzetta dello Sport, bastano un pentolino da campo e due gocce d’olio di semi di girasole per cucinare i suoi pezzulli e servirli ai lettori della rosea. Che sono sempre meno e chissà come mai. Non certo per colpa della Boccina. Lei fa ciò che ha sempre fatto: scrivere di calcio a nostra insaputa. La inviano in giro per i campi d’Italia e d’Europa, e lei ovunque si trovi produce esercizi di straniamento. Che ci faccio qui? E perché non mi hanno lasciato scrivere da casa con la mano sinistra, mentre con l’altra mi davo lo smalto alle unghie dei piedi? Leggendo i suoi pezzi potete sentire addosso tutto il suo disagio esistenziale. Che si esprime attraverso la coazione a ripetere le cose già dette e scritte. È stato così nella due-giorni che l’ha vista impegnata a seguire la gara di Champions League fra Napoli e Manchester City. L’hanno strappata ai conforti domestici per farla esercitare sul tema del confronto fra Sergio Aguero e Lorenzo Insigne, e lì la povera Boccina ha provato a spalmare le due gocce d’olio di semi di girasole come ha potuto. Impossibile non ripetersi. Nell’edizione di mercoledì 1 novembre, questo era l’attacco dell’articolo:

“Parenti serpenti. Sergio Aguero, che dall’ex suocero Maradona si è preso nel tempo carezze, insulti (“è un vigliacco”), poi ancora apprezzamenti (“assurdo non convocarlo in nazionale, Sampaoli vende fumo”) arriva a Napoli facendo passerella all’aeroporto assieme ai compagni del City con un look italiano molto costoso, oltre duemila sterline a persona, pare, prima di imbucarsi nel lusso soffuso dell’Hotel Vesuvio [una piccola marca non si nega a nessuno, ndr], davanti a un panorama caro al cittadino onorario più famoso”.

Una ventata di pura rosticceria, ma non è questo il punto. La cosa davvero straordinaria è che nell’edizione dell’indomani, giovedì 2 novembre, l’incipit è stato un indesiderato bis:

“Sergio Aguero a Diego Maradona ha fatto parecchi dispetti, a partire da quando, adolescente, gli strappò il record di precocità nel campionato argentino. Dopo anni di affetto e punzecchiature, complimenti e parole pesanti, ha aggiunto al San Paolo un altro dispiacere al campionario già vasto: ha avuto la prima grande occasione proprio dopo che il City aveva rimesso in gioco il Napoli e non ha sbagliato”.

Il problema è che continuano a farle mobbing inviandola a seguire il calcio dal vivo, quando è evidente che certe fritture potrebbe farle egregiamente dai fornelli di casa.

Rimanendo nell’ambito di Champions League & Fritti Misti, ecco a voi Paolo Tomaselli del Corriere della Sera. Inviato a Lisbona per seguire la gara fra Sporting Clube de Portugal e Juventus, ecco cosa ha scritto nell’edizione del 31 ottobre per descrivere la vigilia:

“Vincere nello stadio intitolato al nobile José Alvalade, che fondò lo Sporting Clube de Portugal, per confermarsi in anticipo nell’aristocrazia europea”.

Ma pensa te che trovata: la Juventus potrebbe conquistare un posto nella nobiltà europea giusto nella sera in cui gioca nello stadio intitolato a un nobile. Quante notti avrà trascorso a spremersi le meningi per escogitare una roba del genere? Di sicuro c’è che nemmeno un cronista sportivo di provincia anni Ottanta avrebbe piazzato un incipit così desolante.

.

Marco Bonetto di Tuttosport è per questa rubrica un valore sicuro. I suoi articoli contengono sempre almeno un frammento degno di menzione, e infatti capita spesso di non prenderli in considerazione per non lasciarsi catturare dalla pigrizia. Il suo articolo pubblicato da Tuttosport nell’edizione di mercoledì 1 novembre è da Hall of Fame. Scritto nella settimana che precede la gara fra Inter e Torino, esso è dedicato ai trascorsi nerazzurri del tecnico granata Sinisa Mihajlovic e a un’indiscrezione sul suo mancato ingaggio come allenatore interista. Nella parte centrale dell’articolo c’è un passaggio che da solo vale gli 1,30 euro spesi per comprare il giornale:

“Certo che davvero l’ulivo nodoso del nostro campionato, regolarmente deputato a proporre incroci e scontri ora da romanzo d’appendice, ora da “vulgata” dell’eterno ritorno nicciano, se l’è costruita bella anche a ‘sto giro”.

Non perdete tempo a decodificare il frammento, perché esso non nasce per avere un senso compiuto ma soltanto per farvi dubitare del pieno possesso delle facoltà mentali. Piuttosto, godetevi l’altro passaggio notevole dell’articolo:

“Anno Domini 2014. Gli occhi a mandorla del nuovo portafoglio nerazzurro non hanno alterato i sentimenti, e Sinisa lo sa bene”.

Il portafoglio dagli occhi a mandorla. E poi dice che non vale la pena continuare a leggere Tuttosport.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Estero
Vito Alberto Amendolara
11 Aprile 2022

Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori

Da qui passano i destini del calcio attuale (non solo inglese).
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Estero
La Redazione
13 Febbraio 2022

Perché nessuno parla del City Football Group?

Più che un gruppo una multinazionale.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.