Carrello vuoto
Papelitos
23 Dicembre

Rosický e le icone perdute del calcio

Con Tomàš Rosicky lascia uno degli ultimi gentiluomini del calcio europeo, alla ricerca di nuovi giocatori simbolo.

Dopo il ritiro di Tomàs Rosicky alcuni giornali e riviste hanno riportato la notizia che tutti i protagonisti di uno spot diventato a suo modo di culto si sono ritirati, rimarcando così nostalgicamente lo scarto generazionale e la sensazione di vecchiaia che ne deriverebbe. Lo spot è il famoso “secret tournament” che la Nike ha girato per i Mondiali in Corea del Sud nel 2002: i migliori giocatori del mondo si sfidano 3 contro 3 su una nave cargo, agli ordini del demiurgo Cantona, 6 anni dopo il primo spot della “serie”. I 24 erano: Rosický, Thierry Henry, Francesco Totti, Rio Ferdinand, Patrick Vieira, Ruud Van Nistelrooy, Paul Scholes, Fredrik Ljungberg, Luis Enrique, Edgar Davids, Lilian Thuram, Luis Figo, Hernan Crespo, Ronaldo, Ronaldinho, Hidetoshi Nakata, Denilson, Fabio Cannavaro, Claudio López, Javier SaviolaGaizka MendietaSylvain Wiltord e Seol Ki-Hyeon.

 

Dentro la gabbia, senza regole. Unico limite: la fantasia.

 

Fomentati da quelle sfide a colpi proibiti su una musica che invitava a “meno parole, più azione”, schiere di ragazzini si riversavano per le strade cercando di emulare quei numeri, dando inizio a quello che da “joga bonito” divenne poi il freestyle che oggi conosciamo, tra ginocchia sbucciate e vetri rotti. Dalla sfida contro i demoni, alla battaglia contro i samurai nel “Colosseo quadrato”; dal “Take it to the next level” al “Mettila dove vuoi” le réclame hanno inventato un mondo intero di iconografie in cui il campione è un supereroe in cui la combinazione di tecnica e personalità (grazie al il prodotto commerciale) diventava un superpotere: perfino Gattuso e Torsten Frings si sublimavano in maestri di precisione. Spot così non ne fanno più per molti motivi: i canali di diffusione sono cambiati – come le reti sociali – e il testimonial è sufficiente che ammicchi o tenga lo sguardo da duro. Nemmeno Federer fa più la pubblicità dei rasoi: c’è Griezmann, che tira le guance per cercare un pelo sul suo volto glabro.

 

Lotta all’ultima pallonata nel Palazzo della Civiltà Italiana: se uscisse oggi questa pubblicità rischierebbe forse di cadere nella censura “antifascista” 

 

Per tornare alla vulgata mediatica, dovremmo sentirci vecchi perché i giocatori di quelle pubblicità, che erano i più iconici dell’epoca, ovviamente tra quelli legati a quello sponsor tecnico, si sono ritirati tutti. Il problema invece non è che ci sentiamo vecchi, ma che nessuno abbia preso il loro posto. Non tanto in campo, ma in quanto icone, non d’immagine ma di personalità e rappresentatività. A modo loro, ognuno di essi incarnava una diversa sfumatura del gioco per provenienza, ruolo, squadra, carattere, risultati, premi. Solo pochi giorni fa si è ritirato (con l’eleganza che è propria solo dei campioni) Ricardo Kakà, l’ultimo pallone d’oro non assegnato a Messi o Cristiano Ronaldo. Era il 2007: ultimo anno del vecchio mondo, senza YouTube, senza iPhone, senza social network. Dove sono finiti tutti i campioni da invocare prima di un tiro in porta al campetto per potenza iconologica e non per “ignoranza“? Che giochino in serie B o in Champions League, i giocatori sembrano vivere su un altro pianeta: irraggiungibili e intoccabili, sacerdoti eletti depositari di una verità da vedere da lontano o attraverso uno schermo.

Ma ai giocatori di oggi piace ancora giocare a pallone?

Se passasse una palla per strada, sentirebbero anche loro l’impulso di rincorrerla, o sono dei chirurghi che compiono la loro arte solo in sala operatoria a doppi guanti?

 

Adebayor, Rosicky e Fabregas, mille anni fa

 

A chi scrive pare che, nell’epoca dello spettacolo sportivo e del feticismo delle merci, gli interpreti odierni manchino di quella personalità che oggi, con il ritiro di Rosicky scompare definitivamente. Nostalgia? Per nulla, quanto piuttosto la constatazione che il tocco di cui era dotato, che i veri numeri 10 sembravano passarsi di generazione in generazione, non è più appannaggio di figure così forti e autosufficienti. Non è questione di sentirsi vecchi, è che – come ebbe a dire Arsène Wenger,

“se ami il calcio, ami Rosicky”

e chi ha amato lui, ha visto cosa vuol dire essere gentiluomini su un prato verde: è ovvio che venga spontaneo il paragone con le immagini che la tv ci ha consegnato attraverso anche gli spot di cui sopra. Nato a Praga il 4 ottobre 1980, debutta nello Sparta Praga a 18 anni, manifestandosi al calcio che conta nel Borussia Dortmund dal 2001, ma consacrandosi definitivamente con dieci stagioni all’Arsenal tra il 2006 e il 2016, per poi concludere la carriera dove aveva iniziato, nella squadra della sua città in quest’ultima stagione. Non altissimo e magrolino, ha costruito la sua fortuna sulla lucidità mentale e sul dolce vigore del tocco: l’uomo in più tra le linee, il mago riservato e discreto col coniglio sempre pronto nel cilindro.

 

Un giovane Tomaš a colazione a Dortmund nel 2001. Foto Bongarts/Getty Images
Un giovane e brufoloso Tomàš a colazione a Dortmund nel 2001. Foto Bongarts/Getty Images

 

La sua carriera è stata spesso rallentata da numerosi infortuni, di cui il più grave gli occorse nel 2008 impedendogli la partecipazione all’Europeo e a tutta la stagione successiva. È senza dubbio uno dei più importanti calciatori cechi di sempre: posato, dotato di una forza tranquilla propria delle personalità sì importanti ma così intelligenti da capire quando mascherarsi per far risaltare la squadra, il risultato. Se lo stile è un insieme di tratti formali, con Rosicky siamo andati oltre: era proprio questione di classe. 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Tifo
Valerio Santori
9 Aprile 2021

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Papelitos
Jacopo Benefico
10 Luglio 2020

Dio ci scampi e liberi dalla nuova maglia dell’Inter

Il marketing sportivo nell'epoca del brutto.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Calcio
Mattia Curmà
10 Maggio 2020

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio 2020

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile 2020

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.