Carrello vuoto
Calcio
6 Aprile

Le due facce di Casablanca

Alberto Maresca

27 articoli
Il rosso e il verde. I colori del Marocco, i colori di Casablanca.

“Se cercate l’avventura, venite a incontrarla qui”. L’estrapolato più celebre di una pietra miliare cinematografica; Casablanca, storico film del 1941 con protagonista Humphrey Bogart. Logicamente, la fama della città crebbe mano a mano col successo della pellicola, malgrado non sia stata girata nemmeno lì. Eppure, a oltre mezzo secolo di distanza, una motivazione dapprima impensabile sta legittimando quella nota frase riguardo la città di Casablanca. Certo è che di cose ne sono cambiate dalla guerra: chi la governa, soprattutto. Il Marocco è stato privato del proprio passato, vittima illustre del colonialismo francese. Con l’indipendenza, il Regno ha ritrovato un’identità concreta, in un tajine composto da sefarditi e musulmani, berberi e arabi, mare e montagna, Africa ed Europa. Le teste coronate marocchine, nel tempo, hanno saputo rispolverare la propria cultura facendone una risorsa, fonte immensa di turismo globale.

 

Con una ricchezza maggiore rispetto al resto del Maghreb, nel corso del novecento il Marocco si è potuto permettere un’invasione militare, annettendo difatti, senza mezzi termini, il Sahara Occidentale. I fattori citati hanno creato un reame facoltoso, sostentato dai turisti e da un’espansione territoriale e sociale. Il reame si è però sviluppato a spese di chi è restato ancorato alla tradizione. A non troppi chilometri dalla Sicilia del letterato, le città marocchine hanno assunto volti differenti in relazioni al processo subito. E se nelle zone montuose del Rif o della costa atlantica, agricoltura e pesca restano i costumi principali, Casablanca, la più popolata della Nazione, ha reagito in maniera ambivalente al nuovo corso. Una metropoli da oltre 4 milioni di abitanti affacciata sull’oceano, centro nevralgico del Paese e del continente intero.

 

Laddove sognare è più facile che vivere

 

Unica nell’ospitare chiese, sinagoghe, e un’imponente moschea, erta dal sovrano Hassan II nel 1993, e fra le più grandi al mondo. Una città colma di hotel e resorts lussuosi, locati prevalentemente lungo la splendida Corniche, dove tutto riporta a un periodo estivo di assoluto exploit. Basta poi girare l’angolo, per comprendere la portata del divario cittadino. Il Rosso e il Verde, i colori delle due squadre, fusi nello smog di una città caotica e brulicante di tensioni politiche e sociali. Di rosso vestito è il Wydad, compagine fondata nel 1937 come polisportiva particolarmente interessata al nuoto, la cui denominazione corrisponderebbe all’arabo “amore”. L’intento era di permettere sia a musulmani che ebrei l’accesso alle piscine locali, controllate, come il resto, dal protettorato francese. Volente o nolente, l’Wydad si elevò così a simbolo della lotta anti colonialista.

 

Hadj Mohamed Benjalloun, uomo chiave nella completa indipendenza marocchina, inaugurando la sezione calcistica wydadi, la prima ufficiale in Marocco, inglobò il sentimento indipendentista. In un lasso di tempo brevissimo, la formazione s’impose nella Botola, il campionato marocchino, conquistando 19 scudetti, 9 coppe e 2 Champions League africane. Facile dedurre l’influenza del Wydad nelle alte sfere politiche. Discorso differente per quel che riguarda il Raja. Un’allegra compagnia teatrale, evolutasi d’un tratto, nel 1949, e divenuta squadra di calcio. Le Aquile Verdi si limitarono semplicemente ad un’esistenza riservata, come piccola squadra di quartiere, voce pallonara della zona a maggioranza popolare di Derb Sultan.

 

I tifosi del Wydad

 

Il Raja soffre la potente concorrenza, attendendo un trionfo giunto soltanto nel 1988. La rilevante svolta del Raja si riscontra con l’avvento del Terzo Millennio: 11 scudetti nel periodo recente con due vittorie continentali all’attivo, raccolti sotto l’egemonia di Driss Bakori, facoltoso imprenditore candidatosi a membro del Parlamento. Fondamentalmente, il ventunesimo secolo ha plasmalo il Derby di Casablanca, rendendolo un duello tra due volti agli antipodi di Casablanca, riavvicinati dal calcio. La stracittadina è unica nel suo genere, essendo la sola occasione in cui le parti citate hanno un contatto: basti pensare che i rispettivi centri sportivi sono comunicanti.

 

Lo stadio è uno, il Mohammed V, ma gli ultimi disordini hanno costretto la Federazione a optare per l’impianto della lontana Marrakech. Contrariamente ai derby a noi noti, l’inizio delle rigide ostilità possiede una data precisa; 29 settembre 2001. Durante il centesimo Wydad-Raja, Youssef Belkhouja, tesserato biancorosso, muore appena dopo il match in circostanze sospette. L’avvenimento suscita ipotesi e polemiche, e a Casablanca questo non accade mai pacificamente. Viene così alla luce una pesante faida tra gruppi ultras, apertamente ispirati alla subcultura del tifo europeo. I Winners prendono come logo un fedayn bandito, in richiamo allo schieramento pro palestinese, e scelgono di occupare la curva nord del Mohammed V. Il legame tra i supporters del Wydad e le proprie radici è indissolubile. I tifosi rossi ignorano apertamente il francese, utilizzando striscioni in arabo o prestiti dalle tifoserie nostrane, facendo del celebre “Ultras Liberi” uno slogan ripetuto anche sui muri della città, insieme a vari 1312 e ACAB.

 

Foto di chi scrive, scattata fuori dal campo di allenamento del Raja

 

Cuore pulsante della falange opposta è la curva sud, la cui organizzazione è assai complessa. Vi sono due gruppi; Ultras Eagles e Green Boys, in lotta perenne. Le diatribe sono finanziare, talvolta violente, come nel marzo 2016 quando persero la vita, negli scontri, due ragazzi di entrambe le fazioni. Eppure, il Derby primeggia su ogni causa, e quando a dirigere il settore c’è lo Skwadra, una guida super partes, il risultato è fantastico. Come risposta, pezze in francese e Stelle di David pullulano la regione verde, fornendo un romantico varietà che s’inserisce senza dubbio nella lista dei desideri di ogni pallonaro.

 

D’altro canto, la rapidità con cui il movimento Ultras di Casablanca ha preso forma è stata utile a placare le scorribande quotidiane, concentrandole invece nei due appuntamenti annuali. Gruppi giovani ma talmente determinati da offrire uno spettacolo oramai raro in Europa. Purtroppo, l’esagerazione ha obbligato le autorità a regolamentare gli incontri. Il Marocco è stata l’unica nazione nordafricana esclusa dalla Primavera Araba, in quanto già avanzata nel settore dei trasporti e delle telecomunicazioni, con una monarchia costituzionale largamente democratica. Forse è per questo che una miccia pronta sempre a esplodere come Casablanca ha compensato la mancata rivoluzione con continue primavere, colorate di rosso e di verde, trascinate dalla passione per Wydad e Raja.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Estero
Eduardo Accorroni
16 Dicembre 2021

Tutti contro la Coppa d’Africa

Tranne gli africani, che però contano meno di zero.
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Cultura
Massimiliano Vino
9 Settembre 2021

Libia, lo sport delle masse

L'utopia sportiva di Muammar Gheddafi.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Tennis
Gianluca Losito
28 Novembre 2020

L’eredità sportiva di Thomas Sankara

La passione per lo sport del leader panafricano ha segnato il Burkina Faso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Calcio
Mattia Curmà
10 Maggio 2020

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.