Carrello vuoto
Calcio
16 Ottobre

Morto uno stadio se ne fa un altro

Dario Bezzo

1 articoli
Il travaglio del nuovo San Siro.

Dopo decenni di rimandi e posticipazioni i club italiani si sono accorti dell’importanza dello stadio di proprietà. È però importante introdurre una nuova idea di stadio che si distacchi dal modello di Italia 90 (con stadi fuori dai contesti urbani, circondati da grandi parcheggi, con elevate capienze e poco comfort per i tifosi) e si avvicini alla visione europea per uno stadio moderno e funzionale al contesto urbano. In questo campo Milan e Inter hanno avviato il processo decisionale per un grande progetto nell’area di San Siro; oltre all’impianto è previsto infatti un comparto con funzioni extracalcistiche.

 

 

I club hanno a lungo discusso con il comune su alcuni temi accordandosi sulle volumetrie, sulla conservazione del Meazza e sulla presenza di un’area verde significativa. Molti altri temi sono però stati tralasciati, e alla luce di un progetto urbano di importanza sovracomunale è necessario considerare ogni aspetto.

 

 

Gli elaborati progettuali sono stati presentati alla popolazione per la prima volta nel settembre 2019 al Politecnico di Milano. Successivamente, la conservazione del Meazza è stata considerata imprescindibile per il comune, e i club hanno ripensato i progetti rifunzionalizzando l’odierno impianto e diminuendo le volumetrie. I render presentati in entrambe le occasioni si concentravano su aspetti soggetti al gusto personale, lo stadio con una forma più squadrata oppure con due anelli che si incrociano.

 

Dopo la prima presentazione dei progetti si sono formate due fazioni contrapposte, quella favorevole e quella contraria al progetto. Sono stati coinvolti “solo” il comune di Milano e i due club mentre le opinioni dei cittadini sono state accantonate e non ascoltate. Le problematiche ancora presenti sono molteplici: la vicinanza del nuovo impianto alle case, la gestione di un San Siro rifunzionalizzato, la viabilità, il numero di posti allo stadio e l’area confinante dell’ex ippodromo del trotto.

 

Il nuovo impianto di Milano destinato quasi esclusivamente al calcio si posiziona a circa 30 metri dalle case di via Tesio. Questa vicinanza secondo i residenti causerà un forte inquinamento acustico, mentre secondo le due società l’abbassamento del terreno di gioco sotto il livello della strada di 7 metri e l’involucro esterno dello stadio permetteranno al suono di fuoriuscire soltanto dall’alto. Altro problema potrebbe essere il flusso di persone in uscita dallo stadio, con una capienza di circa 60.000 spettatori, che andrebbe quindi a disperdersi per il quartiere creando potenziale disturbo ai residenti come avviene oggi alla fine delle partite.

 

 

Il Comune ha imposto quale vincolo imprescindibile il mantenimento di segno che ricordi il vecchio stadio. San Siro ha una storia che parte dal 1925 ed è quindi un simbolo della città non solo dal punto di vista sportivo. Milan e Inter hanno quindi dovuto adattarsi a questa richiesta e investiranno circa 74 milioni di euro per abbatterlo in parte e rifunzionalizzarlo per poi darlo in gestione al comune. La rifunzionalizzazione appare però complessa da applicare anche perché non esiste un precedente in Europa: l’unico altro caso di rifunzionalizzazione nel continente è a Rotterdam, dove è ancora in fase embrionale una seconda vita per lo stadio De Kuip.

 

italia 90 san siro
La cerimonia d’apertura di Italia 90, a San Siro (foto di Bongarts/Getty Images)

 

 

Un’altra problematica poco affrontata dai progettisti è quella connessa ai posti auto: il nuovo comparto, nell’idea dei progettisti, dovrebbe essere quasi totalmente libero da automobili. Le infrastrutture della mobilità pubblica sono presenti sul territorio con alcuni mezzi di superficie più la metropolitana. Quest’ultima risulta essere forse sottodimensionata visto che è la meno capiente tra le metro di Milano. Inoltre, fermata dedicata allo stadio potrebbe essere particolarmente affollata negli orari vicini alle partite.

 

 

I posti auto previsti sono 2.800 interrati per lo stadio e 1.500 per il comparto a fronte di 60.000 posti per l’impianto e moltissime altre persone che dovrebbero affollare il comparto multifunzionale che comprenderà uffici, il parco, il centro commerciale e altre volumetrie. Sarà quindi quasi impossibile trovare un parcheggio quando si svolgeranno le partite e questo obbligherà tifosi e residenti a un cambio di mobilità preferendo la mobilità pubblica o dolce.

 

 

La viabilità sarà un altro punto potenzialmente problematico. Dal punto di vista urbanistico e progettuale è estremamente positivo che un’area non viva solo a fasi alterne accendendosi e spegnendosi quando c’è un evento. Il comparto multifunzionale attivo tutto l’anno inciderà pesantemente sulla viabilità dell’area e il carico urbanistico potrebbe ulteriormente aumentare quando al traffico cittadino dovesse aggiungersi quello della partita.

 

 


Nuovo San Siro, nuovi costi


 

Il nuovo stadio dal punto di vista progettuale dovrebbe contenere 60.000 persone a fronte degli odierni 80.000. Con lo stadio Meazza le due squadre di Milano hanno tassi di riempimento dell’impianto che si attestano intorno al 71% per l’Inter e al 65% per il Milan. Pare quindi adeguato che le due squadre di Milano giochino in uno stadio con una capacità ridotta, ma questo porterà certamente all’aumento del prezzo medio del biglietto (oggi entrare a San Siro per vedere una partita ha un prezzo che oscilla dai 10 euro per gli universitari fino a circa 200 per le partite contro le squadre di alta classifica).

 

 

Dopo la costruzione di un nuovo stadio i club aumenterebbero certamente la cifra media richiesta per assistere alla partita estromettendo una parte meno abbiente del pubblico, come hanno fatto tutte le altre squadre che si sono dotate di una nuova infrastruttura. Un altro problema potrebbe essere connesso ai concerti perché lo stadio è pensato per il calcio ed è quindi difficilmente adattabile, per motivi di sicurezza e di capienza, a questi grandi eventi, e i posti disponibili avrebbero quindi un prezzo maggiore.

 

 

Ad est del comparto multifunzionale si colloca un’area che ad oggi è in stato di semi abbandono ma è di proprietà di Hines dal 2019, società che ha già investito su Milano circa 3 miliardi di euro nel settore dell’edilizia specificatamente nella rigenerazione urbana. L’area ha una vocazione mista a prevalenza residenziale e gli investitori statunitensi hanno già presentato un primo piano che prevedrebbe un parco di circa 30.000 mq e l’edificazione di circa mille appartamenti destinati prevalentemente alla locazione. Il valore di questa area è ovviamente soggetto al completamento dei progetti di San Siro ed è quindi estremamente favorevole che lo stadio si sposti nell’area più ad ovest.

 

12 aprile 2005, quarto di finale tra Milan e Inter. Materazzi e Rui Costa osservano i fumogeni, protagonisti dell’incontro (foto di Mike Hewitt/Getty Images)

 

 

Oggi l’area di San Siro si contraddistingue per l’infrastruttura sportiva. Ad esclusione di questa grande funzione urbana sono presenti residenze, pochi servizi, poche superfici commerciali e una limitata metratura di verde pubblico. Il quartiere è sempre stato sottoposto a una forma di stress urbano causato da eventi con cadenza settimanale come le partite di calcio oppure i concerti. La zona, quindi, potrà cogliere questa nuova sfida che appesantisce ulteriormente il carico urbano di un’area che potrebbe rafforzare e diversificare il proprio ruolo nella città.

 

 

Rispetto però ai primi progetti, dove era presente una fortissima speculazione edilizia sul territorio, i club hanno dovuto rimaneggiare i masterplan e adattarli maggiormente alle richieste dell’attore pubblico, la conservazione del Meazza, la diminuzione dell’indice di edificabilità per il comparto multifunzionale e altre accortezze a favore della città, che hanno portato il progetto a una scala più consona a Milano grazie alle imposizioni del comune.

 

 

Un progetto a grande scala come quello di San Siro ha moltissime variabili da definire ed è complesso dare una risposta precisa a ogni possibile questione. Nonostante il sindaco Sala, in un primo momento, abbia invitato i club a collaborare con i cittadini, successivamente ha accantonato anch’egli l’idea di un processo partecipativo interloquendo direttamente con i club. Dopo una prima fase dove le problematiche parranno insostenibili, i cittadini (che utilizzano il comparto multifunzionale) e i tifosi (che ripagheranno lo stadio) si adatteranno alle nuove insidie; è comunque importante ricordare che l’investimento è totalmente privato e costituirà una possibilità di rilancio per un’area che, ad oggi, ha soltanto lo stadio come infrastruttura di interesse.

 


Questo articolo è il riadattamento di un paragrafo di una tesi di Laurea dell’autore (La nuova area dello Stadio a Milano).

Per leggerla nella sua interezza, clicca qui


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Podcast
La Redazione
2 Ottobre 2021

San Siro non si tocca

Ne abbiamo parlato con Riccardo Aceti, ingegnere al Politecnico di Milano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2021

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Editoriali
Francesco Andreose
12 Marzo 2021

Non sparate sulla nostalgia

Il popolo escluso dagli addetti ai lavori.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio 2021

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
1 Gennaio 2021

Stadi Uniti

Il sogno americano non è un ideale sportivo.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre 2020

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.