Papelitos
19 Giugno 2022

La Serie A è la Serie B d'Europa, dice Scaroni

Ma non chiedetegli il perché.

In una lunga intervista rilasciata al Foglio, Paolo Scaroni, presidente del Milan, ha parlato del campionato e più in generale del calcio italiano. Dicendo, almeno inizialmente, quello che in molti pensano ma pochi hanno il coraggio di dire: «La nostra Serie A è diventata una Serie B se comparata con gli altri grandi campionati europei. Ci hanno superato tutti, o quasi, negli ultimi vent’anni». E ancora: «il risultato netto è che il prodotto che offriamo è scarso, senza i Messi e Mbappé, semplicemente perché non possiamo permetterceli. E se continuiamo così, ci allontaneremo sempre di più dall’eccellenza del calcio». Altro che giochismo, risultatismo, tattica e idee: lo diciamo ormai da anni, il problema del nostro calcio, che pian piano ci ha fatto scivolare nella “periferia calcistica d’Europa“, è di sistema, strutturale. Economico, politico, dirigenziale.

Scaroni parla anche del “drammatico problema infrastrutturale” in Italia, con riferimento agli stadi – nell’ultimo decennio in Europa ne sono stati costruiti 150, di cui solo tre in Italia (lo stesso numero realizzato nella sola Londra).

E qui pian piano, quando dalla diagnosi si passa alla prognosi, scivoliamo in netto disaccordo con il presidente del Milan, il quale cita a più riprese lo “spettacolo” come ingrediente fondamentale del pallone. Come se fosse la mancanza di “spettacolo” del campionato italiano ad averlo fatto sprofondare al livello tecnico probabilmente più basso di sempre, e non invece un sistema di governance inefficiente, senza visione e senza idee, incapace tanto di investire sui settori giovanili e sulle strutture di base quanto di inaugurare riforme credibili (pensiamo all’under 23, sposata da una sola squadra).

Vertici sportivi aggrappati a una politica nazionale anch’essa inerte o in perenne ritardo, e a controproducenti misure tampone come il “Decreto crescita” che, con la scusa di portare in Italia i campioni tagliando i costi sull’ingaggio, ha dato l’ennesimo segnale di retroguardia ideologica nella più classica delle scorciatoie italiane.



«Se vogliamo vendere il nostro prodotto in Cina e negli Stati Uniti, dobbiamo migliorarlo, uscire dalla dimensione un po’ paesana del nostro calcio, e cambiare gli orari di alcune partite: se il match clou lo programmiamo alle nove di sera, a Pechino non lo guardano continua Scaroni – Noi stiamo perdendo terreno anche rispetto alla Spagna e alla Germania. Dai diritti tv esteri la Liga incassa 897 milioni a stagione, noi poco meno di 200. Poi ci chiediamo perché da dodici anni non vinciamo una Champions League e non arriva da noi il fenomeno».

Il numero uno del Milan qui mette tutto nello stesso frullatore, come se poi in Italia non si giocasse a 10 orari differenti (peggio di tutta Europa), come se in Liga i big match non fossero in serale o come se in Premier si disputassero le partite di notte/mattina (l’ultima giornata del campionato inglese ci ha dato l’ennesima lezione: tutti i match in contemporanea, alla solita ora di sempre, e tanti saluti ai cinesi che avrebbero dovuto collegarsi a mezzanotte per vederle). Per non parlare della Germania.

Il punto non è questo, l’estrema liberalizzazione del modello calcio fino a farlo diventare uno spettacolo completamente prono alle esigenze del mercato indo-cinese-americano.

Per carità divina. È la solita litania dei grandi imprenditori che si lamentano dei vincoli della burocrazia (certamente in Italia gravosi e insostenibili) ma che si limitano ad analisi faziose, interessate e miopi. In Italia si dovrebbe partire dal problema tecnico – quello per cui non siamo più in grado di produrre talenti – investendo in un grande piano infrastrutturale sul calcio di base come fatto in Germania (e non solo); e poi passare al problema economico, per il quale le nostre società faticano a competere con le migliori al mondo. Anche qui però il discorso è lungo e complesso, e se togliamo le inglesi + il PSG non ci sono club che operano “fuori” dal mercato.


Per contenuti come questi, iscriviti al nostro gazzettino settimanale


Le stesse spagnole sono negli ultimi anni in grave difficoltà economica, il Barcellona a costante rischio fallimento ma anche il Real Madrid, che negli ultimi cinque anni è addirittura in attivo sul mercato trasferimenti, mentre in Germania il Bayern segue e persegue il suo modello virtuoso. Altrove però, a differenza dell’Italia, ci sono idee e si inaugurano riforme: lo ha fatto Tebas per il calcio spagnolo, con un progetto di sviluppo complessivo della Liga che gli ha attirato l’ira degli stessi top club come Real e Barcellona (con cui è addirittura in causa); e lo ha fatto la federazione tedesca nel momento di massima crisi (dopo gli europei del 2000), raccogliendo poi quanto seminato.

Solo qui tutto tace, e anzi siamo pronti a svendere quel pochissimo di tradizione che ci rimane per accontentare i nostri nuovi padroni cinesi e americani. Se è questo il modo per far tornare grande la Serie A, stiamo freschi. A questo punto ribattezziamola Super League e giochiamola alle 9 di mattina: forse qualcuno ci casca.


Contenuto tratto dalla nostra newsletter settimanale: per iscriverti gratuitamente e riceverla ogni settimana, clicca sul banner qui sopra e registrati


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

74 articoli
Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode
Calcio
La Redazione
18 Novembre 2022

Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode

Prosegue il circo occidentale sul mondiale qatariota.
Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)
Altro
La Redazione
10 Novembre 2022

Chi semina vento raccoglie tempesta (di sabbia)

Tutta l'ipocrisia di Guardiola sul Qatar.
Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti
Tifo
La Redazione
27 Ottobre 2022

Lazio-Salernitana, la vergogna sui biglietti del settore ospiti

La Curva Sud Siberiano ha comunicato che non partirà alla volta di Roma.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il 2021 è l’anno di Contrasti
Editoriali
Sebastiano Caputo
28 Dicembre 2020

Il 2021 è l’anno di Contrasti

Abbiamo grandi progetti per il futuro, ma prima vogliamo raccogliere suggerimenti, pareri e critiche. Abbiamo preparato qualche domanda per Voi. Badate bene: non è un semplice questionario ma un appuntamento per entrare nella nostra storia.
Archistadia, o dell’ultimo tempio sacro
Interviste
Gianluca Palamidessi
10 Agosto 2018

Archistadia, o dell’ultimo tempio sacro

Intervista ad Antonio Cunazza, mente e motore di un grande progetto editoriale.
Massimiliano Alvini, la gavetta in persona
Italia
Gabriele Fredianelli
06 Giugno 2022

Massimiliano Alvini, la gavetta in persona

Un uomo che vive per allenare, non il contrario.
Non è da questi particolari che si giudica un giocatore
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
A Venezia i bambini non tifano l’Unione
Calcio
Nicole Pezzato
09 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.