Tifo
13 Novembre 2022

Anche i tifosi in Qatar sono finti

Dalla derisione dei diritti umani a quella della fede calcistica.

Sta girando da qualche ora sui social un curioso quanto inquietante video ripreso per le strade di Doha da un influencer qatariota (tale @aadhilnaleer). Nei rapidi ma incisivi fotogrammi del TikTok si succedono tre serie di tifoserie nazionali, tutte ugualmente e indubitabilmente fake: Spagna, Argentina e Brasile. Nel primo dei tre video, centinaia di tifosi spagnoli, tambureggiando al ritmo di sinfonie islamiche, ballano e sventolano bandiere al vento. Non uno di loro è spagnolo – qualcuno ci accuserà di razzismo, meglio che esser presi per imbecilli comunque.

Nel secondo, centinaia di tifosi argentini marciano non si sa bene in direzione di cosa indossando maglie, bandiere e sciarpe dell’albiceleste; si vede persino qualche bambino di dubbia nazionalità sudamericana ballare impacciatamente sotto le note di finti cori argentini. Uno sfregio alla fede e all’identità culturale di un popolo che su questi dettagli fonda la propria Storia. Dulcis in fundo, il terzo video della mini-serie mostra i “tifosi” brasiliani alzare al cielo un cartonato di Neymar Jr, tutti rigorosamente in maglia Nike Official, mentre azzardano un discutibile balletto carioca – almeno le istruissero bene, queste maledette comparse.

Ecco, dalla questione lavoratori a quella tifosi, cambia davvero poco: la sostanza rimane la stessa, e ci trasmette un senso di forte disagio. È tutto finto al mondiale qatariota: dal rispetto dei valori e della dignità umani a quelli del tifo. Anche Gazzetta, da cui abbiamo appreso la notizia, ha messo in dubbio quanto visto nel terribile video: « si possono vedere grossi gruppi di tifosi – principalmente uomini asiatici – danzare e festeggiare per le strade di Doha. Al centro delle polemiche vi è la dubbia autenticità del tifo, anche se secondo le stime ufficiali delle autorità locali i tifosi visitanti dal resto del mondo dovrebbero essere oltre un milione. »

Eccola l’ultima frontiera del tifo: pagare delle comparse per recitare la parte dei tifosi di pallone.


CONTINUA NELLA NOSTRA NEWSLETTER. ISCRIVITI GRATUITAMENTE SE NON LO HAI GIA’ FATTO!


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)
Tifo
Gianluca Palamidessi
02 Novembre 2022

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)

Condannare è un obbligo, comprendere lo è altrettanto.
Evviva Antony e le giocate inutili nel calcio
Calcio
Gianluca Palamidessi
28 Ottobre 2022

Evviva Antony e le giocate inutili nel calcio

In un calcio di automi, lo stupore è considerato da stupidi.
La Bobo TV in Rai pugnala alle spalle il giornalismo sportivo
Critica
Gianluca Palamidessi
21 Ottobre 2022

La Bobo TV in Rai pugnala alle spalle il giornalismo sportivo

Se il servizio pubblico diventa un affronto alla nostra intelligenza.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il (difficile) Rinascimento italiano
Calcio
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Vladimiro Caminiti, con la testa e con il cuore
Cultura
Andrea Carbotti
26 Novembre 2022

Vladimiro Caminiti, con la testa e con il cuore

Un artigiano (colto) del giornalismo sportivo.
Diego Armando Maradona, il falso messia
Calcio
Leonardo Arigone
25 Novembre 2022

Diego Armando Maradona, il falso messia

Fuori dalla vocazione, fuori dalla Legge, fuori dal potere.
La musica e l’anima di Rafael Leao
Ritratti
Thomas Novello
24 Novembre 2022

La musica e l’anima di Rafael Leao

Il retroterra di un calciatore straordinario.
Le radici italiane (e profonde) del Brasile
Calcio
Augusto Leite - Giovanni Guido
24 Novembre 2022

Le radici italiane (e profonde) del Brasile

Da Feola a Scolari e Tite: il Brasile che parla tricolore.