Carrello vuoto
Altro
15 Settembre

Un uomo solo al comando

Luca Pulsoni

80 articoli
Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.

9 giugno 1949. E’ sera, le nubi d’oltralpe si addensano sul cielo di Cuneo. Un piccolo ostello del centro ospita i partecipanti al trentaduesimo Giro d’Italia. Gino Bartali è sdraiato sul letto a sorseggiare un buon bicchiere di vino rosso. “Ginettaccio” parla, brontola, gracchia con quella voce burbera ma dolce nel profondo. Accende una sigaretta, parla, fuma, parla di nuovo, la spegne, torna a raccontare, illuminare, sorprendere. La routine continua fino a notte fonda quando tutti sono esausti e preoccupati per le scontate fatiche dell’indomani. Gino è fatto così, genuino, spontaneo, buono come il pane. Fausto Coppi è a letto già da un pezzo, la sua vita rigida da atleta non permette distrazioni. La cura dell’alimentazione e il recupero sono alla base di ogni successo. L’Airone, al contrario del rivale toscano, se ne sta da solo, riservato come suo solito, schivo, immerso nei pensieri col volto malinconico e quel corpo esile a riposare sul lenzuolo candido in cui si riversano attese, paure e sogni di gloria. La mente è focalizzata sulla vittoria, sulla Maglia Rosa. Il cuore lo spinge all’attacco, alla costante ricerca di un’impresa che possa tramutarsi in leggenda.

 

La pedalata di Fausto Coppi

 

10 giugno 1949. Il Giro ha preso una piega inaspettata. La Maglia Rosa è sulle spalle di Adolfo Leoni dall’ottava tappa di Udine. Il corridore reatino è buon velocista ma fatica in salita. Coppi ha già recuperato sette minuti nella Bassano del Grappa-Bolzano, frazione dolomitica che ha rilanciato il Campionissimo e respinto le velleità di rimonta di Bartali. Il destino del coraggioso Leoni, di nome e di fatto, appare segnato. Quel giorno il Giro va alla scoperta delle Alpi al confine con la Francia, un territorio rivendicato da italiani e transalpini che fatica a rialzarsi dalle follie del secondo conflitto mondiale. Le strade, disastrate e martoriate tra la polvere e le rocce, assomigliano ad un filo sottile che si snoda tra le vedute mozzafiato disegnando una linea docile ed armoniosa che dipinge i contorni della montagna.

Si parte da Cuneo e si sconfina in Francia per arrivare a Pinerolo 254 chilometri dopo. Il percorso prevede le scalate di Maddalena, Vars, Izoard, Monginevro e Sestriere. Una tappa mai vista al Giro. Da far paura. Alla partenza il cielo è tetro sopra la testa dei corridori. Le nuvole grigie alimentano preoccupazioni, fanno palpitare il cuore e tremare le gambe. Coppi è tranquillo, celato dietro gli immancabili occhiali scuri e quel silenzio che sta per trasformarsi in ardore. Giovanni Tragella, direttore sportivo della Bianchi, spezza il momento di personale raccoglimento chiedendo al Campionissimo cosa dovesse preparare per il rifornimento dei gregari. Fausto risponde:

“Pane, salame e lanternino”.

 

Semplicemente leggendario

 

Il lanternino veniva montato dietro i carri di notte. Sta a significare che i gregari arriveranno tardi, quando il sole è in procinto di tramontare e la notte di calare. Sentenza che sa di profezia. Sarà una tappa massacrante. Pronti, via. Comincia a piovigginare sulla corsa. Sul Colle della Maddalena, prima salita di giornata, si passa dall’asfalto allo sterrato. I corridori stentano a prendere il ritmo sopra quel manto di polvere che si sta lentamente tramutando in un fiume di fango. Bartali fa fatica a carburare; lui è un diesel, soffre l’alba del dolore per poi ingranare col passare dei chilometri e delle difficoltà. Ad accendere la miccia è Primo Volpi, classico dei grimpeur che parte dalla testa del gruppo e allunga sulle pendenze arcigne che si celano sotto i tubolari. Coppi si accorge che Bartali non è alla sua ruota (leggenda vuole che Gino sia in ammiraglia per sistemare un guaio al freno). L’Airone ha solo 43” di ritardo sul velocista in Rosa Leoni, potrebbe gestirsi controllando la situazione a lui favorevole.

E invece Fausto apre le ali, le fa battere più forte che mai, spicca il volo verso la vetta, la gloria, la Maglia Rosa, il mito, la leggenda. Riprende e stacca Volpi rimanendo da solo già sulla Maddalena, lui e la sua bicicletta, insieme al silenzio della montagna e al vuoto che lo separa dai rivali e dal traguardo. Coppi accarezza le pedivelle sprigionando potenza nonostante il fango che si addensa sotto le ruote. La sua espressione è il classico dipinto di fatica e malinconia. L’Airone è un campione fragile, segnato nel corpo e nell’animo dal debilitante lavoro di campagna dell’infanzia e dalle fatiche ciclistiche che logorano i muscoli esili di natura. Lo sguardo inquieto si confonde col sudore che sgorga dalla fronte, il busto è così curvo da sembrare il naturale completamento del mezzo meccanico. Le gambe frullano con un’agilità insolita per l’epoca, la posizione richiama la massima aerodinamicità. Il Campionissimo pedala, elegante e maestoso, verso l’immortalità.

 

Una freccia scagliata tra le montagne

 

Frastornato dal caos generato dall’eterno rivale, Bartali parte in solitaria sul Vars e tenta la rimonta. Sull’Izoard Coppi e Bartali si ritrovano l’uno contro l’altro. Il fuggitivo e l’inseguitore, l’Airone e l’Aquila, Bartali verso Coppi, Coppi verso la leggenda. Lontani e vicini, Fausto e Gino danno vita a una sfida a distanza fatta di gambe, testa e cuore. E’ la definitiva resa di “Ginettaccio”, sconfitto, tramortito, sorpreso dall’azione folle e temeraria del rivale.

Il batter d’ali dell’Airone prosegue leggiadro fino a Pinerolo. Il ciclismo diventa poesia, l’impresa veste i panni della leggenda, la cronaca rinasce in romanzo. Il giornalista francese de L’Equipe Pierre Chany ricorda:

“Accompagnai Coppi fino a un paesino francese, mi pare Barcelonette. Lo lasciai andare. Entrai in una trattoria. Ordinai un pasto completo, dagli ‘hors-d’oeuvre al caffè. Mangiai con tempi da buongustaio. Fumai una sigaretta. Chiesi il conto. Pagai. Uscii. Stava passando il sesto”.

 

 

All’inizio del collegamento radiofonico durante le fasi conclusive della tappa il radiocronista Mario Ferretti esordisce così:

“Un uomo è solo al comando, la sua maglia è bianco-celeste, il suo nome è Fausto Coppi”.

Dopo 192 chilometri di fuga solitaria, quattro colli in solitaria e ben cinque forature, Coppi giunge trionfale a Pinerolo. Il secondo classificato Bartali giungerà con dodici minuti di ritardo. E sulle Alpi si ode il canto divino del volo del Campionissimo, l’uomo solo al comando.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Altro
Luca Pulsoni
16 Agosto 2021

Elogio dell’arte di Gimondi

Un ciclista immortale, per sempre scolpito nella leggenda.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Alberto Fabbri
2 Ottobre 2020

Coppi e Bartali visti da Curzio Malaparte

Una volta la bicicletta, primo amore dell'Arcitaliano, era un rito di popolo.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.
Altro
La Redazione
7 Maggio 2018

Il Giro e le sue storture

Tra noia, fughe e volate ad alta velocità, il Giro d'Italia convalida la sanguinosa occupazione israeliana nelle terre palestinesi.
Altri Sport
La Redazione
1 Maggio 2018

Bar Giro

Discussioni sul Giro d’Italia 2018, dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.