Carrello vuoto
Calcio
8 Settembre

Il VAR è una mancanza di rispetto

Luigi Fattore

46 articoli
Nata dall'insopprimibile urgenza di migliorare il gioco del calcio, la tecnologia Var rischia al contrario di minarne il fascino e ostacolare definitivamente la nascita di una cultura sportiva.

Stavolta l’attentato al gioco del calcio è serio. No, non stiamo parlando dei trasferimenti milionari e immorali di Neymar, Mbappé e Dembélé, e nemmeno dello sfruttamento del pallone come business, strumento di propaganda politica o soft power. Niente di tutto questo. Adesso la nube tossica ha raggiunto l’unica zona incontaminata, immune per natura alle vicende extra-campo: il terreno di gioco. L’affondo allo sport più bello del mondo è stato sferrato dalla tecnologia, il cosiddetto Var (Video assistant referee), riuscita a guadagnare il manto erboso mossa sì dal nobile proposito di aiutare l’arbitro, ma che invece rischia di compromettere l’essenza stessa del gioco e di segnarlo per sempre. Perché fin quando la ‘brama di controllo’ che ispira la maggior parte delle azioni umane è orientata verso interessi economici e/o politici, benché sempre discutibile (!), la si può anche comprendere; ma nel momento in cui va a mettere le radici nel territorio di un gioco – qualunque gioco – che fondi sull’incertezza il suo fascino, i danni possono essere irreversibili. Perché in fondo è il gioco ad offrire l’illusione di poter sfuggire a quel controllo.

 

 

Come tutti i giochi, anche il calcio deve molto all’errore. Che sia commesso da presidenti, allenatori, giocatori e, ovviamente, arbitri. Con la dovuta precisazione che ci si riferisce alle sviste figlie della buona fede – altrimenti si parlerebbe di illecito sportivo quando non di reato –, l’errore è sempre stato uno degli ingredienti posti a presidio della regolarità. Già, nella dimensione ludica il concetto di regolarità (o di ‘giustizia’, se preferite) si atteggia in maniera peculiare, in quanto composto da abilità, casualità ed errore. Ma sono proprio queste ultime due componenti il contrappeso necessario, la fonte da cui sgorga il fascino del calcio, uno sport che conserva ancora una quota di virtuosa incontrollabilità che rende le partite mai del tutto prone alla sola abilità del più forte. Sono gli errori ad offrire una possibilità all’avversario meno dotato e quindi a garantire una certa democraticità del gioco, siano essi opera di calciatori o arbitri. L’introduzione del Var perciò si pone come un’offesa alla storia del calcio, ma anche come ostacolo definitivo alla nascita di una cultura sportiva, a parole sempre auspicata ma mai davvero favorita nei fatti.

mondiale 66
Il gol fantasma di Hurst nella finale mondiale del 1966, un pezzo di storia del calcio

La storia del football è ricca di errori arbitrali da cui sono fiorite leggende e vittorie talvolta anche inaspettate. Il più celebre è senza dubbio la mano de Dios del 1986, ma non è il solo. Ci sono il gol (non gol) di Hurst cui l’Inghilterra deve il suo unico titolo mondiale (1966), il rigore inesistente dato alla Germania nella finale del ’90, passando per le sviste decisive per l’assegnazione della Coppa dei Campioni/Champions League del 1985 (fallo su Boniek fuori area) e del ’98 (Mijatovic segna in netto fuorigioco). L’elenco potrebbe continuare, ma quello che preme sottolineare è che in tutti questi casi non è stata intaccata la regolarità delle partite, perché fino a prova contraria tutte le decisioni, ancorché errate e determinanti, non sono state il frutto di una macchinazione bensì di una valutazione dell’arbitro. E sarebbe oltremodo irrispettoso anche solo idealmente dubitare della legittimità delle suddette vittorie. Il vero problema allora è culturale. L’accettazione dell’errore è la base da cui partire se si vuole creare una cultura sportiva lasciando inalterato lo spettacolo. C’è un famoso discorso di Marcelo Bielsa, attuale allenatore del Lille, che nello spogliatoio del Marsiglia dice espressamente ai suoi ragazzi usciti delusi da una partita: “Acepten la injusticia, que todo se equilibra al final!”. Quanto amore per il calcio così com’è, in questa frase! Quanta accettazione! Ecco, forse le energie andavano spese nella diffusione e nel recepimento, anche a livello istituzionale, di messaggi del genere più che nella tecnologia, a ben vedere uno strumento pigro volto ad aggirare l’ostacolo senza peraltro segnare significativi passi in avanti.

var assistant
Due assistenti dell’arbitro visionano le immagini comodamente seduti nella postazione video

Tanto è vero che il Var non elimina l’errore dal calcio, al massimo lo riduce. A visionare le immagini saranno infatti sempre uomini (l’arbitro e gli assistenti preposti) con tutte le loro soggettività. E quindi dove sarebbe il problema, se l’errore in qualche modo resiste? Il problema risiede nell’aspettativa che ingenera in appassionati e addetti ai lavori la svolta tecnologica. Il Var viene percepito come la panacea di tutti i mali, il silenziatore delle istanze complottiste, la pietra su cui edificare un calcio finalmente giusto. Ma è qui la contraddizione. E’ la sottocultura sportiva a interpretare come ingiustizia quella che in realtà è la giustizia ontologica del gioco. Con la sua spontanea tendenza alla compensazione degli errori il calcio è/era già giusto. E invece questo primo assaggio di tecnologia rischia in tempi rapidi di aumentare esponenzialmente la domanda di ‘giustizia artefatta’ stimolando un adeguamento dell’offerta tecnologica. Dalla funzione suppletiva a quella sostitutiva il passo è breve. Tanto più che si tratta di una pretesa di giustizia basata su una bugia. Le immagini video, infatti, ancorché digitali, hd, super hd e chi più ne ha più ne metta, non sono altro che traduzioni della realtà. Fedelissime, certo, ma pur sempre traduzioni. Non avverrà mai la parificazione tra l’obiettivo e l’occhio umano. 

 

E allora sembra paradossale che un arbitro, uno degli attori dello spettacolo nonché depositario di un qualcosa che si avvicina molto di più alla verità, vi rinunci per prendere una decisione (o per cambiarla) avvalendosi di una mera riproduzione. Così in un colpo solo l’uomo perde due volte: perché non accetta se stesso e la sua naturale inclinazione all’errore, e perché è disposto a cedere verità (e responsabilità) in cambio di tecnologia. Che, si badi, non va demonizzata. Vi sono delle situazioni di gioco in cui il suo utilizzo è inoffensivo per lo spettacolo: si pensi ai provvedimenti disciplinari con scambio di persone o al gol/non gol (anche se a tal proposito Geoff Hurst e l’Inghilterra potrebbero avere da ridire…). Ma il pericolo di un suo abuso appare concreto. E comprensibile. Ben potrebbero infatti gli arbitri, seppur a livello inconscio, sfibrati da decenni di massacri mediatici sferrati dalla sottocultura sportiva, ricorrere al Var sempre più spesso per ‘legittima difesa preventiva’, autoconvincendosi di non aver visto bene. Per non parlare dello sfuggente significato dell’espressione “chiaro errore” – la situazione tipo in cui gli assistenti preposti al video possono richiamare l’attenzione del direttore di gara –, e di tutte le difficoltà applicative, emerse nelle prime due giornate di campionato, a detrimento della spettacolarità del gioco di cui la continuità è parte imprescindibile. Insomma, le criticità sembrano molte sia sul piano teorico che su quello pratico. E se il presidente della Fifa Gianni Infantino si proponeva di fare gol mandando in campo la tecnologia, la palla non pare essere entrata del tutto. Neanche riguardando l’azione alla moviola.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
4 Aprile 2022

Venghino siori, nel circo della Serie A

Di rigori, VAR e altre creature leggendarie.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
14 Marzo 2022

La sospensione di Guida non ha senso

Il grave errore è di Massa al VAR, e quindi dell'AIA.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Papelitos
Federico Brasile
6 Febbraio 2022

Il VAR è il peccato originale

Non ci convincerete mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Gennaio 2022

Per Infantino i Mondiali possono salvare i migranti

L'ultima sparata del capo Fifa è oltre ogni limite.
Papelitos
Valerio Santori
19 Dicembre 2021

Ci mancava il VAR del VAR

La trasparenza della tecnica.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Novembre 2021

Il calcio è stanco di essere umano

La mania di controllo condannerà il football.
Papelitos
Valerio Santori
2 Novembre 2021

Il calcio non è danza classica

Bensì uno sport di contatto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Editoriali
Valerio Santori
8 Settembre 2021

Marcelo Bielsa, la banalità del mito

El Loco ha sempre ragione, a prescindere.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Federico Brasile
14 Aprile 2021

Neymar svela la nostra incoerenza

Quando l'estetica travolge l'etica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2021

Gli arbitri hanno mai giocato a calcio?

Forse sì, in un tempo molto lontano.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Novembre 2020

Il VAR ha ucciso l’epica

Cosa ne sarebbe stato del mito con la tecnologia?
Tifo
Gianluca Palamidessi
9 Agosto 2020

I tifosi del Leeds sono pronti ad incendiare la Premier

La violenta storia della Leeds United Service Crew.
Calcio
Paolo Pollo
22 Luglio 2020

Il calcio del futuro: un reality show di rigori

Vi raccontiamo in anteprima la finale di Champions League 2029.
Ritratti
Luca Pulsoni
20 Aprile 2020

Pierluigi Collina è stato più di un arbitro

Fenomenologia del più famoso fischietto mondiale.
Papelitos
Matteo Donadoni
13 Febbraio 2020

Tu quoque, Collina!

Le dichiarazioni del miglior arbitro di sempre suonano quantomeno ambigue.
Ritratti
Enrico Leo
14 Novembre 2019

Fernando Amorebieta, lo zagueiro

La storia incompiuta di Fernando Amorebieta: nome da principe castillano, attitudine violenta e dirompente degna del suo sangue basco.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
28 Agosto 2019

Neymar è diventato un pagliaccio

Ma è ancora in tempo per salvarsi.
Papelitos
Federico Brasile
25 Agosto 2019

Si stava meglio quando si stava peggio

Con l'introduzione a pieno regime del VAR l'uomo sta diventando un impiegato delle macchine.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Agosto 2019

Senza CR7 e Neymar non è circo

Nei Paesi privi di cultura calcistica conta più il singolo della squadra, in una deriva individualista che sta spolpando il calcio.
Calcio
Alberto Maresca
8 Giugno 2019

Rosario. Del calcio figlia, del sangue madre

Vivere il calcio a Rosario, capitale del pallone, appesa al filo dell'abisso.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo 2019

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
28 Gennaio 2019

El Trinche Carlovich è un atto di fede

L'antieroe che devi amare.
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio 2019

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Papelitos
Samuele Sottoriva
24 Dicembre 2018

Lo strano caso del Dr. Nicchi(o) e Mr. Bla

Le molte e inquietanti facce del presidente AIA, Marcello Nicchi
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Settembre 2018

Bielsa e la rinascita del Leeds United

La chiave del successo è la semplicità.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo 2018

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Calcio
Michele Di Virgilio
24 Gennaio 2018

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre 2017

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Calcio
Ermanno Durantini
7 Settembre 2017

L’essenza della tecnica

Il VAR è ormai entrato nella realtà del nostro calcio. Perché supportarlo, anziché detestarlo.
Storie
Maurizio Fierro
4 Settembre 2017

Lo sceneggiato degli Italiani

Il calciomercato in Italia è esploso ultimamente, ma raffigura una fiera dei sogni che appassiona gli Italiani da molto più in là.
Calcio
Gezim Qadraku
31 Agosto 2017

Molto più di uno sport

Cosa ha veramente significato l'affare Neymar (e Mbappè) per la proprietà qatariota del Paris Saint Germain?
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto 2017

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Interviste
Luigi Fattore
22 Giugno 2017

Un passo indietro al gioco

Intervista a Lele Adani, rivoluzionario della dialettica sportiva contemporanea.
Storie
Raffaele Arabia
20 Maggio 2017

El Coloso de Santa Úrsula

Storia e leggende dello Stadio Azteca.
Interviste
Luigi Fattore
3 Aprile 2017

A lezione da Mister Condò

Lunga chiacchierata con un punto fermo del giornalismo sportivo italiano.
Interviste
Michele Di Virgilio
16 Gennaio 2017

Il giornalismo d’antan

Firma nobile del giornalismo italiano (e non solo sportivo), Roberto Beccantini è il giornalista-tifoso più imparziale che conosciamo. Tifoso dai tempi di Sivori, per via dei calzettoni abbassati e del genio fumantino; imparziale, perché – sue parole – sincero col lettore.
Calcio
Claudio Davini
21 Dicembre 2016

Dalla fotografia alla moviola in campo

Un’opportunità perché non vi siano più "ingiustizie", o piuttosto uno snaturamento del gioco più bello del mondo?
Recensioni
Andrea Antonioli
15 Dicembre 2016

Todo se equilibra al final