Calcio
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!

«Facciamolo per i nostri figli». È con queste parole che Gianni Infantino, novello Greta Thunberg, si è espresso sull’idea del mondiale ogni due anni – prima un’indiscrezione, poi una voce sempre più insistente, ora addirittura un ultimatum a UEFA e co. fissato per il 20 dicembre prossimo. Dopo aver lasciato la palla ad Arsene Wenger, promotore del cambiamento, è toccato al “nostro” Infantino dare la sterzata definitiva al progetto.

A meno che non si trovi un compromesso. Nelle ultime ore si è parlato infatti di un parallelo e altrettanto inquietante format per il calcio internazionale: il mondiale per club da disputarsi ogni anno non più tra squadre improponibili e la vincitrice della Champions, ma tra 24 squadre provenienti da tutto il mondo – di cui 12 dall’Europa. Un numero curioso, lo stesso delle iniziali aderenti al progetto Superlega.

Non mettiamoci dentro pure la cabala, però, che altrimenti non ne usciamo. Torniamo piuttosto alle ultime dichiarazioni di Infantino, rilasciate al termine del Consiglio Fifa per la riforma del calendario internazionale: «non si tratta di Fifa o Mondiale (lallero, ndr), ma dei nostri figli (sic!)». Sembra di rivedere – e risentire – Gerard Butler in Greenland. L’umanità è a rischio e un meteorite sta per abbattersi sulla terra. Salviamo i nostri figli, non pensiamo alla nostra pellaccia (qui ci sarebbe da aprire un breve paragrafo su La Pelle di Malaparte, ma lasciamo perdere certi riferimenti).

«Dobbiamo proiettarci al futuro, non proteggere il presente», continua Infantino mentre in sottofondo si alza un’epica colonna sonora. Ed è proprio qui, al culmine di un climax scritto e diretto da Quentin Infantino, che il presidente della FIFA dà il meglio di sé:

«Dobbiamo assicurarci che i nostri figli e i figli dei nostri figli (hai capito Gianni, ndr) continuino ad innamorarsi del gioco che tutti amiamo (sguardo sornione/ammiccante alla George Clooney nella celebre pubblicità del caffè)».

Insomma, un’interpretazione drammatica, sentita, da Marc’Aurelio d’Argento – visto che in questi giorni si sta svolgendo il Festival del Cinema di Roma. La giuria chiaramente siamo noi, poveri imbecilli che non sapremmo introdurre al pallone i nostri figli; non sapremmo trasmettergli il valore culturale e sociale, religioso persino, del calcio, né saremmo in grado di procurarci una sfera fatta di stracci o pezzi di scotch, di carta o polistirolo, per giocare con loro. Ma Infantino l’ha capito o no qual è il segreto del calcio?

Questa è una battaglia decisiva, signori. Usciamo dallo scherzo per un attimo e guardiamoci negli occhi: vi rendete conto chi sono i padroni di questo meraviglioso sport? Di cosa parla Infantino, quando dice di voler salvare il calcio per i suoi e per i nostri figli – e per i figli dei nostri figli? Quale strana spia gli si accende nel suo cervello per non capire che tutto questo rovina, anziché migliorare, la magia del pallone? Più più più. Sempre di più. Più competizioni, più partite, più nazioni, più stati, più stadi. La mucca è sempre più stanca e il latte sta finendo. Lo hanno fatto notare Maldini e Courtois di recente. Kroos di questi tempi, ma con un anno d’anticipo, già ci aveva visto lungo. Ha comunicato di lasciare la nazionale tedesca dopo l’Europeo e ci era sembrata la scelta di un calciatore viziato. Forse era semplicemente un grido d’allarme.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Anche i tifosi in Qatar sono finti
Tifo
Gianluca Palamidessi
13 Novembre 2022

Anche i tifosi in Qatar sono finti

Dalla derisione dei diritti umani a quella della fede calcistica.
Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)
Tifo
Gianluca Palamidessi
02 Novembre 2022

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)

Condannare è un obbligo, comprendere lo è altrettanto.
Evviva Antony e le giocate inutili nel calcio
Calcio
Gianluca Palamidessi
28 Ottobre 2022

Evviva Antony e le giocate inutili nel calcio

In un calcio di automi, lo stupore è considerato da stupidi.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Strizza calcio scacciapensieri
Calcio
Luca Giannelli
10 Dicembre 2018

Strizza calcio scacciapensieri

Le elites in azione, ma c'è chi pensa ai falli di mano.
Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
È arrivato Robin Hood
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Quando si fermò la storia
Calcio
Filippo Peci
08 Dicembre 2016

Quando si fermò la storia

Nel 1974 si affrontano Germania Ovest (BRD) e Germania Est (DDR). Inutile dire che, quindici anni prima della caduta del muro, non poteva essere solo una partita di calcio.
Superlega, chi non muore ci riprova
Papelitos
La Redazione
04 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.