Carrello vuoto
Ritratti
5 Gennaio

Vincenzo Esposito

Giovanni Poggi

6 articoli
L'esaltante carriera di un grintoso talento della pallacanestro.

Il primo italiano a punti in Nba. Potrebbe bastare questa frase per descrivere la leggenda di Vincenzo Esposito, alias “El Diablo”. Lo scugnizzo casertano che dal profondo sud regala magie lungo lo stivale e vola aldilà dell’oceano, tra i giganti della Nba. Il tutto grazie a cuore, talento e “cazzimma: tre doti che a Vincenzino non sono mai mancate e con le quali ha esaudito i suoi sogni più belli. Vincenzo nasce con addosso la canotta della Juve Caserta, squadra della sua città. Indossa il bianco-nero per la prima volta a 15 anni, ma non sarà il suo unico esordio nel mondo del basket. Nell’88 il successo in Coppa Italia contro Varese vale il primo titolo della sua carriera e del club, allora targato Snaidero. In quegli anni Caserta vive i suoi anni migliori a livello cestistico: la Juve è un avversario temuto a livello nazionale e internazionale. Il Diablo, che nel frattempo si è fatto conoscere grazie al suo straordinario talento e alla sua immensa capacità di spezzare in due le partite segnando canestri difficili, fa parte di una squadra stellare guidata da coach Marcelletti, arrivato nell’86 alla fine del ciclo del maestro Tanjevic. I bianconeri, infatti, presentano campioni come Oscar, Gentile e Dell’Agnello e nel ’91, due anni dopo aver mancato una finale di Coppa Italia e una di Coppa delle Coppe, scrivono una delle pagine più belle della storia della pallacanestro italiana. Alle stelle citate si aggiungono gli americani Tellis Frank e Charles Shackleford: la Phonola termina al secondo posto la regular season e ai playoff supera Pesaro e Virtus Bologna, raggiungendo la Finale Scudetto.

 

Tutta la supremazia geniale che Esposito sapeva mettere in campo, in un’unica azione

 

Di fronte c’è l’Olimpia Milano, la stessa squadra che per due anni consecutivi ha tolto a Caserta il sogno scudetto, vincendo le Finali dell’86 e dell’87. Per Caserta, e per Vincenzo, è quindi l’occasione del riscatto. Philips-Phonola non è solo Milano contro Caserta, ma anche lo scontro tra Nord e Sud: tra una metropoli di oltre un milione e mezzo di abitanti e una città che ne conta poco più di 75mila. Assieme a Vincenzo, c’è un altro scugnizzo casertano in squadra: Nando Gentile. Entrambi sono nati all’ombra della Reggia ed entrambi sanno che questa finale potrebbe rappresentare l’ultima possibilità di vincere un titolo con la squadra della propria città. Il successo tricolore con la maglia della Juve è un desiderio che li accomuna fortemente e saranno proprio loro due ad incarnare al meglio lo spirito casertano, attraverso estro, fame e voglia di emergere: due giovani del sud con tanta brama di stupire e di cancellare i tanti, troppi, pregiudizi.  Dopo quattro partite in fotocopia, Caserta porta Milano a gara 5: quella decisiva per lo Scudetto. Ci sono oltre 2000 cuori bianconeri a sostenere la Juve al “Forum” di Assago, pieno in ordine di posto, tra questi anche Biagio Esposito, papà di Vincenzo, assessore al comune di Caserta.

 

“Il dolore è fortissimo ma voglio vincere, non me ne frega un cazzo di niente, non voglio sentire niente”, lo stesso Esposito ai microfoni di Franco Lauro

 

Il Diablo è tra i protagonisti della serie finale, confermando di essere uno dei migliori talenti italiani del momento: segna, ruba, schiaccia, arringa la folla. Vincenzino vuole a tutti costi questo Scudetto. La sua gara 5, però, si interrompe a 13’dalla fine. Esposito salta, cercando di stoppare l’avversario, ma atterra male, sul ginocchio: il rumore è lo stesso di un cracker spezzato a metà. L’urlo di dolore è tremendo. Il Diablo non si rialza più, ma non ne vuole sapere di abbandonare i compagni, e rimane lì, a bordo campo, disteso su una barella, assieme a papà Biagio, a supportare Marcelletti e i ragazzi in bianconero. Ma questa volta la storia ha un finale diverso, questa volta è la Juve a trionfare: Vincenzo ha coronato il suo sogno e, con lui, tutta Caserta.

 

Portato in trionfo dai compagni della Phonola, ancorché in barella
Portato in trionfo dai compagni della Phonola, ancorché in barella

 

Nel ’93 arriva la chiamata che non si può rifiutare: Esposito viene ingaggiato dalla neopromossa Fortitudo Bologna. Nelle due stagioni a Basket City, Vincenzino viaggia sopra i 24 punti di media, diventando uno degli idoli del popolo biancoblu. Il suo momento più bello con la maglia della effe lo vive il 4 marzo 1995 quando, cinque anni dopo l’ultima volta, i biancoblu ritornano a vincere il derby contro la Virtus. Il Diablo è l’MVP per distacco, letteralmente immarcabile per tutta la partita, segna 28 punti e, dopo l’ennesimo straordinario canestro (in mezzo a due difensori!), si guadagna il “cinque” da Sasha Danilovic.

 

El Diablo scatenato nel derby bolognese

 

Bologna è il trampolino di lancio per l’Nba, lo scugnizzo si guadagna l’invito al Galà più prestigioso di tutti. A Toronto vogliono il ragazzo di Caserta. I Raptors gli riservano la canotta numero 4: Vincenzo la indossa ed entra nella storia. Primo italiano a firmare per una squadra Nba, primo italiano a segnare nella lega dei grandi e sempre il primo ad andare in doppia cifra. Nell’aprile di quella stagione, ne fa 18 al Madison Square Garden di New York, firmando il suo record personale in una gara di Nba: una cosa che non capita a tutti.

 

Vincenzo in maglia Fortitudo
Vincenzo in maglia Fortitudo

 

Dopo aver accarezzato e cullato per un’intera stagione il sogno del Basket oltreoceano, il Diablo decide di tornare in Italia, pur avendo ancora due anni di contratto. Esposito inizia così il suo lungo giro su e giù per lo stivale, salvo una breve parentesi a Murcia, facendo per tre volte tappa a Imola.  Nel 2009 si ritira, per la prima volta, e inizia ad allenare. Ma il richiamo del campo è troppo forte: il 29 dicembre 2013 stacca le scarpe dal chiodo e torna sul parquet, a 44 anni. Sette punti in 26’ di gioco, al “secondo” esordio, non bastano a Imola per evitare la sconfitta, ma sono sufficienti ad entrare, per l’ennesima volta, nella storia del basket. A distanza di due settimane sfodera un’altra prestazione sontuosa: in una gara dall’alto tasso nostalgico, contro l’Orlandina di Basile e Soragna, il Diablo segna la bellezza di 14 punti, deliziando il palato di tutti gli spettatori presenti sulle gradinate del “PalaRuggi”. L’età si fa sentire, gli acciacchi e i guai fisici lo costringono a tre settimane di stop e il mese successivo, al rientro dall’infortunio, uno strappo muscolare lo mette definitivamente k.o. Così Vincenzino torna a sedersi in panchina, nelle vesti di primo allenatore. Dopo la parentesi sfortunata, quanto storica, con la maglia dell’Aget Imola, Esposito ritorna nella sua Caserta dove, prima come vice, poi come Head Coach, sfiora una miracolosa salvezza.

 

Coach Esposito in Virtus Bologna vs Pistoia. Foto Mario Carlini - Iguana Press/Getty Images
Coach Esposito in Virtus Bologna vs Pistoia. Foto Mario Carlini – Iguana Press/Getty Images

 

A fine stagione, però, deve abbandonare nuovamente la sua terra, non trovando l’accordo per il rinnovo del contratto. Vincenzo coglie al volo la richiesta di Pistoia e ritorna in Toscana, per sedersi sulla panchina biancorossa. Un ritorno per il Diablo, dopo la parentesi all’Olimpia nel ‘98 come giocatore, l’ennesimo della sua incredibile carriera. Alla guida di Pistoia le soddisfazioni non mancano: per due stagioni di fila la squadra ha centrato i playoff e l’anno scorso, al termine della Regular Season, Vincenzo Esposito è stato eletto “Coach of the year”.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Alberto Fabbri
5 Marzo 2022

Pasolini, il calcio e la vita

Il pallone è un linguaggio che riassume l'esistenza.
Basket
Filippo Chili
20 Ottobre 2021

La NBA non è (più) un campionato per playmaker

Basket americano ed europeo, tanto diversi quanto complementari.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Ritratti
Francesca Lezzi
28 Agosto 2021

Tim Duncan, The Big Fundamental

Quando la normalità è extra-ordinaria.
Papelitos
Stefano Brunetti
29 Luglio 2021

Marko Arnautovic, il ragazzo d’oro

L'austriaco si ama o si odia, nessuna via di mezzo.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Basket
Filippo Chili
31 Maggio 2021

L’incredibile impresa del Partizan de Fuenlabrada

Una vicenda immortale (e surreale).
Ritratti
Matteo Mancin
19 Marzo 2021

Carlo Mazzone è vittima della retorica nostalgica

Cosa ha rappresentato il Mazzone allenatore.
Italia
Matteo Paniccia
12 Marzo 2021

Beppe Signori merita rispetto

Last bet e la caduta in disgrazia di un innocente.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre 2020

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Storie
Diego Mariottini
17 Settembre 2020

Chiedi chi era Angelo Schiavio

Il più grande cannoniere del Bologna, l’uomo della Provvidenza in azzurro.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Basket
Matteo Viotto
31 Luglio 2020

NBA, l’ultimo classico di Walt Disney

Stanotte riparte lo spettacolo, nel cuore della fantasia.
Basket
Matteo Viotto
11 Giugno 2020

The Flu Game oltre Michael Jordan

Le sfumature oscurate dall'onnipotenza sportiva del 23.
Recensioni
Giacomo Orlandini
19 Maggio 2020

The Last Dance, confessioni dall’Olimpo del basket

Un'intensa ed inedita prospettiva sull'ultimo ballo dei Chicago Bulls di Michael Jordan e coach Phil Jackson.
Storie
Alberto Fabbri
25 Aprile 2020

Paradiso-inferno, andata e risorto

La drammatica vicenda di Mario Pagotto, dai campi della massima serie ai lager, morto e risorto.
Cultura
Alberto Fabbri
3 Marzo 2020

Lucio Dalla ha cantato lo sport

Aspirante cestista, cuore rossoblù, aedo degli eroi sportivi.
Basket
Giovanni Poggi
25 Febbraio 2020

Tex Winter

Cervello rivoluzionario della pallacanestro.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Gennaio 2020

Quando il calcio oscura la morte, lo sport muore

Kobe Bryant è morto e la stampa sportiva italiana si vergogni.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Gennaio 2020

Mamba forever

L'amico che non hai mai incontrato.
Basket
Simone Galeotti
3 Gennaio 2020

In memoriam di David Stern

Un ricordo dello storico commissioner NBA, scomparso il 1 gennaio appena trascorso a 77 anni in seguito a un malore.
Storie
Alberto Fabbri
10 Ottobre 2019

Bologna 110 e oltre

Ricordi, incubi e speranze di una città e della sua squadra.
Altri Sport
Alberto Fabbri
4 Ottobre 2019

Bentornata Fortitudo

Il ritorno in A della Fortitudo non poteva passare inosservato
Storie
Massimiliano Vino
1 Ottobre 2019

L’ultimo scudetto del Genoa, datato 1924

Tra la conquista del potere di Benito Mussolini e la rivoluzione calcistica in Italia, il Genoa riuscì nel 1924 a vincere il suo ultimo scudetto.
Calcio
Matteo Mancin
4 Giugno 2019

Gigi Maifredi

Il buongustaio dall'inebriante, ed opprimente, bel gioco.
Basket
Matteo Fontana
11 Marzo 2019

In memoriam di Alberto Bucci

Se n'è andato un grande maestro di pallacanestro.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Tifo
Domenico Rocca
12 Febbraio 2019

La rivolta di Caserta

La rabbia e le tre lunghe giornate di guerriglia che infiammarono la città campana dopo la revoca della promozione in Serie B nella stagione 1968\69.
Calcio
Alberto Maresca
26 Dicembre 2018

Anche la pastasciutta è una droga

Racconto dell'ultimo, e storico, scudetto del Bologna.
Ritratti
Giacomo Amorati
15 Novembre 2018

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Con il sangue di Arminio nelle vene.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Calcio
Matteo Mancin
20 Settembre 2018

L’epoca d’oro del calcio italiano

Quando le piccole d'Italia fecero le grandi d'Europa.
Basket
Simone Spada
21 Giugno 2018

Basket italiano, la rinascita passa dalla Nazionale

Chiuso il campionato con la vittoria dell'Olimpia Milano, i tifosi italiani hanno potuto applaudire le affermazioni di Niccolò Melli e Gigi Datome in Turchia. Ora tocca alla Nazionale Italiana confermare le buone premesse di una stagione positiva.
Altro
Matteo Latini
7 Giugno 2018

Dražen Petrović, 25 anni senza

Il Mozart dei canestri: una valanga di classe e di punti si è fermata molto presto, il 7 giugno 1993.
Altro
Simone Spada
5 Giugno 2018

La caduta delle due sorelle

Reggio Emilia e Dinamo Sassari fuori dai play-off per lo scudetto per la prima volta dalla promozione in A. Prima i sardi, poi gli emiliani hanno cambiato forma e perso la spinta che li aveva portati in cima alla classifica.
Basket
Matteo Latini
31 Maggio 2018

Danilovič, una tripla, e Bologna è Basket City

A vent'anni dal tiro che decise un derby lungo un anno intero. Una città in fiamme, l'età dell'oro del basket italiano.
Altro
Andrea Cassini
5 Aprile 2018

Le imbattibili Flying Queens

Questa è l'indimenticabile storia della squadra di basket più vincente di sempre.
Basket
Simone Galeotti
6 Marzo 2018

Il senso di Kaunas per il basket

C'è un luogo dove la canotta verde dello Zalgiris Kaunas è una bandiera, un vero vessillo d'identità.
Altro
La Redazione
15 Febbraio 2018

Verso l’All Star Game

Nuove regole per cercare di mettere più sport nello spettacolo, anche per la composizione delle squadre.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio 2018

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Ritratti
Lorenzo Balma
29 Dicembre 2017

Larry Bird

L'umiltà non si predica, si pratica.
Ritratti
Giovanni Poggi
7 Dicembre 2017

Gianmarco Pozzecco

Personaggio unico e inimitabile del basket italiano. Semplicemente un genio, semplicemente "Poz".
Storie
Alberto Fabbri
17 Novembre 2017

Cuoio giallo, pt. 2

Chi ha ucciso Dino Fiorini?
Altri Sport
Giacomo Amorati
12 Settembre 2017

Cambio di passi

La FIBA sulla scia dell'NBA rompe con la propria tradizione.
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio 2017

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.