Carrello vuoto
Italia
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Federico Brasile

48 articoli
Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.

Facciamo intanto una premessa di rito e di metodo, ché di questi tempi il dibattito è fin troppo monopolizzato da narrazioni partigiane e tifose: chi scrive tifa Roma, quella stessa Roma che il signor Andrea Agnelli vorrebbe spedire in Champions League per grazie ricevuta (e per i risultati degli anni scorsi, che hanno aiutato “il ranking” del Paese).

 

Ma può questo essere sufficiente per premiare una squadra – e soprattutto una società, nell’ottica di Agnelli – nonostante i risultati attuali? La faccenda in realtà non riguarda tanto il contributo alla graduatoria nazionale, quanto invece gli investimenti, i costi.

“Ho grande rispetto per quello che sta facendo l’Atalanta, ma senza storia internazionale e con una grande prestazione sportiva ha avuto accesso diretto alla massima competizione europea per club. È giusto o no? Poi penso alla Roma che ha contribuito negli ultimi anni a mantenere il ranking dell’Italia, ha avuto una brutta stagione ed è fuori, con quello che ne consegue a livello economico. Bisogna anche proteggere gli investimenti e i costi”.

Questo uno stralcio dell’intervento di Agnelli al FT Business of Football Summit, in quel di Londra. Che poi già i nomi di questi eventi sanno un po’ di Rotary club, di massoneria del calcio, di ricca oligarchia internazionale quanto mai lanciata e progredita, legittimata non si sa bene da chi a parlare di progresso del pallone; organizzato dal Financial Times, l’evento si presenta così:

Football is the world’s most popular sport, and, also, one of the most active sectors globally for deal-making. Whether it is M&A, private equity investment, stadium financing, media rights, sponsorship contracts, player transfers, or salary packages, the business of football has become a multi-billion dollar economy. And as with many other major asset classes, there are disruptive forces that are shifting the goalposts – challenging established systems and creating new opportunities for growth.

Si parla di negoziazione, investimenti, diritti televisivi e contratti di sponsorizzazione, insomma del “business del calcio che è diventato un’economia multi-miliardaria”. Beh come negarlo effettivamente ma, di nuovo, chi dà ai padroni del calcio l’autorizzazione o anche solo la pretesa di parlare delle regole del gioco? Utilizzando poi il loro stesso linguaggio, bisognerebbe analizzare tutto in termini prettamente economici, quasi marxiani. Ma allora perché Agnelli deve fare ricorso a nozioni come la giustizia?

 

Agnelli Ronaldo
Agnelli e Cristiano Ronaldo si lasciano alle spalle il calcio fino ad oggi conosciuto: all’orizzonte però il cielo è plumbeo (Foto Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

 

L’annata storta di cui parla circa la Roma, ad esempio, è nient’altro che la giustificazione retorica e dialettica da fornire all’opinione pubblica; come se poi fosse stata la sorte condannare i giallorossi, e non gli errori tecnici e soprattutto dirigenziali, che hanno smontato un’ottima rosa senza trovare sostituti all’altezza. In più trattare l’Atalanta come parvenu del grande calcio, espressione di “una grande prestazione sportiva”, significa fare un torto a Percassi e al progetto orobico: negli ultimi tre anni i bergamaschi si sono qualificati due volte alla Champions League e un’altra all’Europa League; un po’ tanto per considerarli degli imbucati.

 

D’altronde conosciamo da tempo la volontà di Agnelli: se non quella di creare una Superlega a tutti gli effetti, almeno disputare quante più partite possibili in ambito internazionale. E in questo contesto andrebbero ovviamente tutelate le squadre che investono di più, con marchi e brand maggiormente attrattivi: costi molto alti (e fissi) che a loro volta necessitano di entrate vertiginose (e sicure). La più spietata forma di oligarchia, di classismo o, per meglio dire ancora, di elitarismo.

 

Alla faccia dei bei discorsi sulla progettualità: qui gli unici progetti validi sono quelli economici e finanziari, che meritano di essere valorizzati ben prima di quelli tecnici. Alla faccia del merito, lo stesso che la Juventus si è riguadagnata sul campo: niente più che un criterio tra gli altri, forse il meno importante. Qui il possibile fallimento, anche di una singola stagione, non è contemplato, per la gioia di dirigenti e azionisti (alcune tra le migliori società del pianeta come la Juventus sono quotate in borsa, particolare da non sottovalutare).

 

L’Atalanta è un progetto che viene da lontano, il cui picco più alto – per adesso – è stata la straripante vittoria nell’andata degli ottavi di Champions 2019/20 (Foto Marco Luzzani/Getty Images)

 

Ma Agnelli non si è limitato a queste considerazioni interlocutorie, si è spinto più in là, sul terreno scivoloso della possibile attuazione pratica:

“Il punto è come bilanciare, quanto pesa il contributo al calcio europeo e quanto pesa la prestazione di un singolo anno. Quello che va capito è come assicurare ai club sani e a quelli che sono limitati dalla grandezza del loro mercato che possano lottare e non siano relegati a crescere i giocatori per le grandi società”.

Un giro di parole che non ha neppure il coraggio di essere diretto bensì lavora sottotraccia, per sottrarre merito e democrazia al pallone; bisogna trovare, in sostanza, un modo per dare le briciole ai club più meritevoli tutelando i grandi marchi. Allora qui la questione si fa cruciale, ed è una delle tante circostanze in cui rendersi conto del valore del riformismo: quando non si può fare la rivoluzione (eliminare la finanza e il business dal mondo del calcio, sarebbe un’utopia ma è purtroppo una prospettiva inimmaginabile) si deve lavorare per la soluzione migliore.

 

Appurato che il calcio è ormai terra di conquista per interessi globali, c’è modo e modo di gestire il business, come ci sono diverse opzioni per indirizzare un sistema economico. C’è il modello americano che tutto privatizza, comprese istruzione e sanità, sbilanciato totalmente sulle esigenze dei più ricchi, e quello più temperato, in cui alcuni diritti inalienabili (in teoria) sono uguali per tutti i cittadini. Così per il calcio: Agnelli e i suoi sognano un modello elitario a democrazia ridotta; noi ci accontentiamo di uno schema sostenibile che conceda ai tifosi premi e punizioni, in base a meriti e demeriti.

“Se non guardiamo avanti finiremo per proteggere un sistema che non esiste già più. Un sistema di partite domestiche che non interessano ai nostri figli” (Andrea Agnelli alla Leaders Week, sempre a Londra, nell’Ottobre 2019)

L’Agnelli pensiero è pericolosissimo per il calcio, se non addirittura esiziale: le élite calcistiche procedono convinte verso modelli di calcio esclusivi per i tifosi ma inclusivi per i grandi investitori. Piano piano, tournée per tournée, supercoppa per supercoppa, una trasferta asiatica/americana alla volta, sempre più partite e interessi saranno spostati sul piano internazionale, il tutto per andare incontro alle esigenze della cosmpolita “Generazione Z”. Bella giustificazione ideologica: lo fanno per noi, per i nostri figli.

 

E noi appunto, nel mentre, accettiamo passivamente la deriva come la rana di Chomsky, che non esce dall’acqua sempre più calda fin quando sarebbe ancora in tempo, per poi ritrovarsi bollita: anche per noi sarà l’abitudine – o l’assuefazione – a rivelarsi fatale.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Italia
Gezim Qadraku
4 Marzo

Vero nueve

La rinascita di un ruolo storico per il calcio (italiano). Dopo le esplosioni di Petagna con l'Atalanta e di Belotti con il Torino è arrivato il momento di Alberto Cerri, classe 1996.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Interviste
Simone Meloni
4 Novembre

I ragazzi della Sud

Antonio Bongi racconta i gloriosi anni del Commando Ultrà Curva Sud.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Papelitos
Vittorio Ray
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.
storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Cultura
Emanuele Iorio
15 Ottobre

Un pallanuotista con la cinepresa

Nanni Moretti: regista, pallanuotista e calciofilo.
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Italia
Annibale Gagliani
28 Febbraio

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Maggio

C’è Dio con loro

Il Madrid raggiunge la terza finale consecutiva, la quarta in cinque edizioni.
pallonate
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Italia
Lorenzo Santucci
4 Maggio

5 maggio

La Waterloo nerazzurra.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Papelitos
Lorenzo Ottone
23 Agosto

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Estero
Gennaro Malgieri
14 Dicembre

Davide contro Golia

Tra Napoli e Madrid si combatterà una battaglia che ricorda quella di Salamina (480 a.C.), tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia "I Persiani".
Estero
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Estero
Gianluca Palamidessi
3 Febbraio

Così parlò Xabi Alonso

A Xabi Alonso è sempre piaciuto l’atto pratico: l’eleganza era in lui connaturata.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Novembre

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Italia
Diego Mariottini
30 Giugno

Pruzzo faceva gol e se ne fregava del resto

Tra l'amore e la propria natura, scegliere comunque la seconda.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Interviste
Michelangelo Freda
25 Settembre

Tobias Jones – God save the Ultras

Intervista allo scrittore e giornalista inglese Tobias Jones, esperto di sottoculture italiane e del fenomeno ultras nel nostro Paese.
Papelitos
Luigi Fattore
18 Maggio

Le dittature sono noiose

La Juventus vince la finale di Coppa Italia senza grandi sforzi.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Estero
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Italia
Luigi Fattore
27 Settembre

Quel centimetro in più

Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
storie
Domenico Rocca
19 Gennaio

L’ultima scommessa

Se pensiamo al fenomeno calcio-scommesse abbiamo in mente, nella migliore delle ipotesi, solamente confusione e vaghi ricordi.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Cultura
Annibale Gagliani
5 Luglio

Berlinguer, l’amore e il calcio

Il Compromesso storico, Agnelli, la Juventus e Togliatti.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Italia
Luigi Fattore
3 Giugno

Il diritto e il dovere di vincere

Giocarsi la Storia in una notte.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Ottobre

La Roma dovrebbe punire Cengiz Under

Cengiz Under ha sfruttato l'immagine della Roma per le sue (discutibili) battaglie politiche.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.