Ultra
10 Dicembre 2023

Escludiamo Israele dalle competizioni UEFA e FIFA!

L'Angolo del Brasile, episodio XIV. Dalla newsletter settimanale.

L’altro giorno, parlando con un parenziano perfettamente indottrinato dalla Luiss Business School e dallo spirito del tempo (ma almeno Parenzo fa ridere), insomma con un giovane Figlio degli Usa – anziché della Lupa –, poi Balilla della democrazia, quindi Giovane Universitario Progressista (GUP) – anziché fascista (GUF) –, e quindi dicevo discutendo con questo tipo che rispetto a suo nonno ha solo cambiato la camicia nera con una camicia a collo coreano di Zara, perdendo tra l’altro anche in eleganza, con questa sentinella della democrazia attentissima ai diritti delle minoranze, ambientalista, europeista, vaccinista, filoucraina, fiera critica del patriarcato e per non farsi mancare nulla anche sostenitrice del “diritto di Israele a difendersi”, sostanzialmente il ‘conformista’ musicato da Giorgio Gaber, ebbene ho chiesto scherzosamente a questo rampollo dello Zeitgeist se la logica dell’aggressore e dell’aggredito valesse anche per il genocidio compiuto da Israele nei confronti dei palestinesi, pardon, per il conflitto Israele-Hamas.

Lui mi ha prontamente risposto: “certo, infatti l’aggredito è stato Israele il 7 ottobre”.

Ah, il 7 ottobre. Questa data scolpita nella pietra della barbarie mondiale e nelle scalette dei nostri cinegiornali, premessa imprescindibile e obbligata per inaugurare qualsiasi discorso sul tema senza essere tacciato di sostegno ai terroristi, se non direttamente di ammirazione per quel vecchio Führer tedesco. Ad ogni modo la sua risposta non avrebbe fatto una piega se solo non fosse stato per quei piccoli, e in fondo trascurabili, dettagli per cui Israele da decenni deporta, umilia, incarcera, uccide centinaia di migliaia di persone, viola il diritto e le risoluzioni internazionali, rende Gaza un carcere a cielo aperto e la Cisgiordania una terra di insediamenti tanto illegali (per le Nazioni Unite) quanto violenti.

Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

Federico Brasile

88 articoli
Salvate il soldato Wesley
Papelitos
Federico Brasile
18 Dicembre 2023

Salvate il soldato Wesley

I boomer e gli ex giocatori ci salveranno (per ora).
Da Che Guevara a Che Flores
Papelitos
Federico Brasile
29 Ottobre 2023

Da Che Guevara a Che Flores

L'Angolo del Brasile, episodio XVIII.
Da Mancini a Rubiales, il silenzio è oro
Ultra
Federico Brasile
03 Settembre 2023

Da Mancini a Rubiales, il silenzio è oro

Un bel tacer non fu mai detto (né scritto).

Ti potrebbe interessare

I due mondi di Italo Balbo
Cultura
Beniamino Scermani
06 Giugno 2024

I due mondi di Italo Balbo

Vita e morte dell'unico uomo che avrebbe potuto uccidere Mussolini.
Con Marquez la Ducati si consacra
Motori
Giacomo Cunial
05 Giugno 2024

Con Marquez la Ducati si consacra

Nel 2025 il dream team che scalda già gli appassionati.
666 Partners
Estero
Emanuele Iorio
04 Giugno 2024

666 Partners

Perché gli Ultras dello Standard Liegi (e non solo loro) vogliono l'allontanamento della holding americana?
Questa MotoGP è tornata esaltante
Motori
Giacomo Cunial
03 Giugno 2024

Questa MotoGP è tornata esaltante

Nel frattempo, domina l'italianità.
Ancelotti, il più grande di tutti
Estero
Gianluca Palamidessi
02 Giugno 2024

Ancelotti, il più grande di tutti

Nel club che sta sopra tutto.