Carrello vuoto
Calcio
8 Gennaio

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Annibale Gagliani

27 articoli
Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.

C’è un’onda lussureggiante che lega un gracile pargolo nato a Londra l’8 gennaio del 1947, a un altrettanto scricciolo che vagisce per la prima volta a Fuentealbilla l’11 maggio 1984. Tale raggio di potenza culturale è racchiuso nell’assioma del principe punk degli strutturalisti francesi, Jacques Lacan: «L’amore è dare qualcosa che non si ha a qualcuno che non lo vuole».

 

 

Il primo nascituro: biondo, occhi cerulei (ma cangianti), jazz nell’anima, si chiama David Robert Jones. Per una serie di milioni di amici è conosciuto come David Bowie. Il secondo: castano, occhi neri (come le sponde della sua amara terra), jazz nell’anima, si appella Andrés Iniesta. Per una schiera di milioni di amici e nemici è conosciuto come Don Andrés.

 

 

 

Perché il discorso psicanalitico di Lacan a intrecciare due destini dalla cifra artistica maestosa? Bowie diventa una glam-rockstar, bagnato di folk e pop, e spinto nella tempesta del successo grazie a uno stile camaleontico, un po’ beat generation, un po’ Conte di Montecristo. Ma non ha il fisico della rockstar, non è prorompente come il James Dean in Gioventù Bruciata. Propone avanguardia musicale allo stato puro: a braccetto con dei colleghi caleidoscopici come Lou Reed, Iggy Pop e i Velvet underground, cerca di soffiare amore nelle orecchie di chi vuole ancheggiare senza un domani. Progressive e dance rock, antipasti gourmet di punk elegante, sguardo da duca e sangue da jazzista. Ma le orecchie di un popolo vastissimo sono sempre spigolose al primo ascolto e spesso le debolezze interiori di un artista vengono rispedite al mittente.

 

Il duca bianco
Il duca bianco

 

A Don Andrés da piccolino consigliavano di stare sui libri e di non praticare il calcio, poiché il suo fisico era leggerino. Negli anni in cui Frank Rijkaard e Lothar Matthäus bullizzavano i centrocampi di tutta Europa, la ricerca della forza fisica è il mantra principale del football altamente performante. Iniesta non ascolta i parrucconi di turno, indossa le scarpe comprate dal suo papà muratore con i soldi della dura giornata e riscrive la storia della Spagna sportiva.

 

 

Trame di passaggio palla a terra alla Henri Houdini, sesto senso di gioco da radar teutonico, profumo d’incenso sull’erba da lui solcata. Eppure lo spettatore gli critica talvolta l’inefficacia di pensiero, con il tiqui-taca – da lui spesso diretto – a finire sotto accusa. Anche i suoi fratelli di sangue Xavi e Fabregas ne soffrono.

 

 

Cinque vittime di illusione
Cinque vittime di illusione

 

 

Ecco, un visionario della musica e un visionario del calcio accomunati dallo stesso destino: partire in sordina, a fari spenti, avendo i molti contro. Eppure essi ribaltano i manuali della leggenda e senza mezzi fisici dominanti, conquistano la scena grazie a sinapsi razionalmente irrazionali.

 

 

Due eventi epicamente esistenzialistici li fanno addirittura incontrare. 1972, Bowie racconta in Starman di un affascinante “uomo delle stelle” che vorrebbe parlare con lui negli angoli più splendenti del cielo, al riparo dal volgo omologato. 6 maggio 2009, Stadio Stanford Bridge di Londra, il glam-punk rocker ritrova quell’accecante personaggio cantato: è Andrés Iniesta, che dalle nuvole spente atterra sulla città Natale del duca. Al novantunesimo minuto di Chelsea-Barcellona, l’artista desiderato esegue l’”iniestazo”, come fosse il violino di Starman, all’incrocio dei pali, con tocco degno dei killer di Simenon. Assolo glam-rock d’esterno destro, dal limite dell’area, che spedisce i cules tra gli astri fiammeggianti.

 

 

Non è l’ultimo incontro tra le armonie di Bowie e le eufonie di Iniesta. Accade ancora. 1977, Il duca bianco regala al mondo la sua prodezza più grande: Heroes, scagliato nell’omonimo album. «We can be heroes, just for one day». Una speranza immortale iniettata nelle vene dei sognatori di tutto l’emisfero.

 

Non serve aggiungere altro

 

11 luglio 2010, Johannesburg, casa Mandela, arriva il secondo incontro. Ultimi istanti dei tempi supplementari della finale mondiale tra Olanda e Spagna. Paura soffocante, clima surreale, qualche miliardo di viventi all’ascolto: il risultato non si sblocca. Don Andrés sente riecheggiare nei timpani la voce epicamente calda di Bowie: aggancia la palla in area di rigore con il destro, con lo stesso piede sferra un colpo fulmineo al volo: goal nazionale, perla mondiale, l’eleganza semplice al potere!

 

 

Il cerchio si chiude. Chi respingeva la loro arte – che non avevano e che il mondo non voleva – si riscopre totalmente dipendente da essa. David Robert Jones, l’artista europeo più essenziale ed elegante del Novecento. Andrés Iniesta, l’artista europeo più elegante ed essenziale del Novecento. Si sono incontrati due volte, creando incontrastata immensità. Ma nessuno lo sapeva. Tra le loro note verticali – o movimenti sinuosi, fate voi – si celano i baffi profani del pennello di Buonarroti.

 

 


Copertina: Copyright Rivista Contrasti


 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Tennis
Carolina Germini
25 Agosto 2021

Rino Gaetano, il figlio unico dello sport

A mano a mano con il suo universo sportivo.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Cultura
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Battiato e il calcio, spirito e materia

La meno conosciuta tra le passioni del cantautore siciliano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Estero
Marco Marino
5 Marzo 2021

Beatles, football & legends

In una Liverpool divisa tra rossi e blu, esporsi era troppo rischioso.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Altro
Gianluca Losito
8 Settembre 2020

Musica, lotta e mito nell’Iran profondo

Per comprendere intimamente la Nazione iraniana bisogna conoscere la sua tradizione combattente.
Storie
Lorenzo Solombrino
1 Agosto 2020

Damon Albarn e il Chelsea, finché morte non ci separi

Dai Blur ai Gorillaz, nell'eclettismo di Albarn c'è un solo punto fermo.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.