Carrello vuoto
Estero
8 Gennaio

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Annibale Gagliani

24 articoli
Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.

C’è un’onda lussureggiante che lega un gracile pargolo nato a Londra l’8 gennaio del 1947, a un altrettanto scricciolo che vagisce per la prima volta a Fuentealbilla l’11 maggio 1984. Tale raggio di potenza culturale è racchiuso nell’assioma del principe punk degli strutturalisti francesi, Jacques Lacan: «L’amore è dare qualcosa che non si ha a qualcuno che non lo vuole».

 

 

Il primo nascituro: biondo, occhi cerulei (ma cangianti), jazz nell’anima, si chiama David Robert Jones. Per una serie di milioni di amici è conosciuto come David Bowie. Il secondo: castano, occhi neri (come le sponde della sua amara terra), jazz nell’anima, si appella Andrés Iniesta. Per una schiera di milioni di amici e nemici è conosciuto come Don Andrés.

 

 

 

Perché il discorso psicanalitico di Lacan a intrecciare due destini dalla cifra artistica maestosa? Bowie diventa una glam-rockstar, bagnato di folk e pop, e spinto nella tempesta del successo grazie a uno stile camaleontico, un po’ beat generation, un po’ Conte di Montecristo. Ma non ha il fisico della rockstar, non è prorompente come il James Dean in Gioventù Bruciata. Propone avanguardia musicale allo stato puro: a braccetto con dei colleghi caleidoscopici come Lou Reed, Iggy Pop e i Velvet underground, cerca di soffiare amore nelle orecchie di chi vuole ancheggiare senza un domani. Progressive e dance rock, antipasti gourmet di punk elegante, sguardo da duca e sangue da jazzista. Ma le orecchie di un popolo vastissimo sono sempre spigolose al primo ascolto e spesso le debolezze interiori di un artista vengono rispedite al mittente.

 

Il duca bianco
Il duca bianco

 

A Don Andrés da piccolino consigliavano di stare sui libri e di non praticare il calcio, poiché il suo fisico era leggerino. Negli anni in cui Frank Rijkaard e Lothar Matthäus bullizzavano i centrocampi di tutta Europa, la ricerca della forza fisica è il mantra principale del football altamente performante. Iniesta non ascolta i parrucconi di turno, indossa le scarpe comprate dal suo papà muratore con i soldi della dura giornata e riscrive la storia della Spagna sportiva.

 

 

Trame di passaggio palla a terra alla Henri Houdini, sesto senso di gioco da radar teutonico, profumo d’incenso sull’erba da lui solcata. Eppure lo spettatore gli critica talvolta l’inefficacia di pensiero, con il tiqui-taca – da lui spesso diretto – a finire sotto accusa. Anche i suoi fratelli di sangue Xavi e Fabregas ne soffrono.

 

 

Cinque vittime di illusione
Cinque vittime di illusione

 

 

Ecco, un visionario della musica e un visionario del calcio accomunati dallo stesso destino: partire in sordina, a fari spenti, avendo i molti contro. Eppure essi ribaltano i manuali della leggenda e senza mezzi fisici dominanti, conquistano la scena grazie a sinapsi razionalmente irrazionali.

 

 

Due eventi epicamente esistenzialistici li fanno addirittura incontrare. 1972, Bowie racconta in Starman di un affascinante “uomo delle stelle” che vorrebbe parlare con lui negli angoli più splendenti del cielo, al riparo dal volgo omologato. 6 maggio 2009, Stadio Stanford Bridge di Londra, il glam-punk rocker ritrova quell’accecante personaggio cantato: è Andrés Iniesta, che dalle nuvole spente atterra sulla città Natale del duca. Al novantunesimo minuto di Chelsea-Barcellona, l’artista desiderato esegue l’”iniestazo”, come fosse il violino di Starman, all’incrocio dei pali, con tocco degno dei killer di Simenon. Assolo glam-rock d’esterno destro, dal limite dell’area, che spedisce i cules tra gli astri fiammeggianti.

 

 

Non è l’ultimo incontro tra le armonie di Bowie e le eufonie di Iniesta. Accade ancora. 1977, Il duca bianco regala al mondo la sua prodezza più grande: Heroes, scagliato nell’omonimo album. «We can be heroes, just for one day». Una speranza immortale iniettata nelle vene dei sognatori di tutto l’emisfero.

 

Non serve aggiungere altro

 

11 luglio 2010, Johannesburg, casa Mandela, arriva il secondo incontro. Ultimi istanti dei tempi supplementari della finale mondiale tra Olanda e Spagna. Paura soffocante, clima surreale, qualche miliardo di viventi all’ascolto: il risultato non si sblocca. Don Andrés sente riecheggiare nei timpani la voce epicamente calda di Bowie: aggancia la palla in area di rigore con il destro, con lo stesso piede sferra un colpo fulmineo al volo: goal nazionale, perla mondiale, l’eleganza semplice al potere!

 

 

Il cerchio si chiude. Chi respingeva la loro arte – che non avevano e che il mondo non voleva – si riscopre totalmente dipendente da essa. David Robert Jones, l’artista europeo più essenziale ed elegante del Novecento. Andrés Iniesta, l’artista europeo più elegante ed essenziale del Novecento. Si sono incontrati due volte, creando incontrastata immensità. Ma nessuno lo sapeva. Tra le loro note verticali – o movimenti sinuosi, fate voi – si celano i baffi profani del pennello di Buonarroti.

 

 


Copertina: Copyright Rivista Contrasti


 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Gezim Qadraku
3 Dicembre

Tutto fuorchè una favola

Quattro squadre in due continenti, disponibilità di capitale immensa, totale mancanza di rispetto nei confronti dei valori di questo sport. Ecco come la Red Bull è entrata nel mondo del pallone.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
storie
Ugo D'Elia
25 Giugno

Carmelo Bene, il calcio come fenomeno estetico

Carmelo Bene del calcio amava soprattutto l'estetica, intesa nel senso etimologico e greco del termine.
storie
Filippo Simonelli
28 Maggio

Il calcio è il balletto per le masse

La storia d’amore tra Shostakovich e lo sport più popolare del mondo.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Papelitos
Alberto Fabbri
14 Marzo

Nein zu RB

La Red Bull e il calcio, un rapporto complicato (almeno per noi tifosi).
pellicole
La Redazione
11 Aprile

L’anti-gioco italiano

Secondo Carmelo Bene.
Estero
Angelo Ceci
26 Dicembre

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Interviste
Federico Corona
25 Novembre

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Ritratti
Matteo Mancin
9 Novembre

Sandro Ciotti

L'uomo, l'artista, l'inconfondibile voce.
recensioni
Luigi Fattore
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
storie
Giuseppe Gerardi
11 Gennaio

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Estero
Gezim Qadraku
3 Gennaio

Derby dell’odio

A Mostar si tratta di Est contro Ovest, Armata Rossa contro Ultras, operai contro nobili, stella rossa contro šahovnica. Quando si affrontano Velez e Zrinjski la Bosnia torna inesorabilmente indietro di vent'anni, ai tempi delle guerre jugoslave.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
storie
Stefano Peradotto
18 Febbraio

Vienna capitale del pallone

Itinerario sentimentale alla scoperta dell'età aurea del calcio austriaco.
Editoriali
Luca Giannelli
5 Luglio

Calcio Italia: un sistema senza speranza?

Conflitti di interessi, rapporti tra calcio, politica e giornalismo, strapotere dei procuratori e dei giocatori: il mondo del calcio (e non solo) in Italia è al collasso.
Italia
Francesco Andreose
9 Maggio

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Estero
Jacopo Benefico
6 Febbraio

Il calcio in Libano tra guerra, politica e religione

Crocevia di culture e religioni, il Libano è oggi un Paese sconvolto e senza futuro (anche nel calcio).
storie
Stefano Peradotto
11 Settembre

Il calcio in Israele è una questione da adulti

In Israele la scelta della squadra per cui tifare è una questione maledettamente importante, collegata spesso alla politica e all’appartenenza etnica.
Estero
Simone Galeotti
6 Dicembre

Umbro is the name

Storia del marchio sportivo più inglese di sempre.
Estero
Luca Giannelli
24 Aprile

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Estero
Giuseppe Masciale
12 Giugno

Perché il calcio deve avere paura di Erdogan

Misteri e verità sul rapporto tra la presidenza turca e il mondo del calcio.
Estero
Carlo Brigante
19 Dicembre

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
20 Febbraio

J’accuse

Chi è che davvero non vuole lo stadio della Roma?
Italia
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Papelitos
Giuseppe Masciale
11 Maggio

Lo spirito sportivo

Lo sport è come la guerra, ma senza l'esecuzione. Parola di George Orwell.
Ritratti
Matteo D'Argenio
27 Novembre

Le tre vite del Mono Burgos

Calciatore, allenatore, rockstar: un personaggio straordinario.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Novembre

Elogio del pareggio

Una questione filosofica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
storie
Luca Giorgi
6 Marzo

Il nuovo imperatore

La Cina diventerà davvero una potenza calcistica mondiale?
Estero
Luca Giorgi
6 Febbraio

Sport USA e getta

Dobbiamo essere chiari, per come intendiamo noi lo sport gli Stati Uniti non hanno una cultura sportiva.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Papelitos
Alberto Girardello
28 Dicembre

Il calcio naturale di Patrick Cutrone

L'Inter sbatte nella terza sconfitta consecutiva, in un derby deciso dal miglior fiore rossonero
storie
Luca Giorgi
10 Dicembre

Il Calcio nel Fascismo

Nel regime fascista il calcio si è affermato, anche involontariamente, come sport nazionale.
recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Italia
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Tifo
Riccardo Santilli
19 Aprile

Good music, good drugs, goodbye hooligans!

Non fu solo la Thatcher ad allontanare i tifosi più caldi dagli stadi.
Interviste
Niccolò Maria de Vincenti
7 Marzo

Quel mitomane di Giancarlo Dotto

Federer e Nadal, Carmelo Bene e il ping pong, Totti: abbiamo scambiato due chiacchiere con un giornalista extra-ordinario.
Altro
Gianluca Losito
8 Settembre

Musica, lotta e mito nell’Iran profondo

Per comprendere intimamente la Nazione iraniana bisogna conoscere la sua tradizione combattente.
Estero
28 Marzo

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.
Interviste
Giuseppe Gerardi
15 Marzo

Riccardo Cucchi, la voce degli Italiani

Una carriera passata a raccontare la religione laica di un popolo. Intervista a Riccardo Cucchi.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
recensioni
Alberto Fabbri
7 Agosto

Il presidente del Borgorosso Football Club

Una commedia semplice, spontanea ed ingenua come l'animo del tifoso, eppure tremendamente attuale. 
Interviste
Alberto Fabbri
4 Aprile

Nella culla del Football

Intervista all'autore Stefano Faccendini, impareggiabile appassionato di calcio inglese.