Carrello vuoto
storie
4 Aprile

Ezio Vendrame e Piero Ciampi, amici maledetti

Lorenzo Ottone

18 articoli
Vino, donne, poesia e pallone. In memoria di Ezio Vendrame e Piero Ciampi.

Il ripudio del calcio, in quanto pratica gretta, volgare e occasionalmente violenta, è un classico dell’intellettuale italiano più snob che acculturato. Analogamente, il tifoso da bar sport non si lascia certo sedurre dal fascino della poesia. Ci sono però eccezioni, spiragli in cui poesia e calcio riescono a convivere. Spazi angusti in cui il gioco del pallone raggiunge le sue interpretazioni più intense, liriche, romantiche e, soprattutto, genuine.

 

Nella storia del calcio italiano è pieno di poeti calciatori e calciatori poeti, affascinanti deviazioni dall’ordinario. Pier Paolo Pasolini, come è noto, vede nel football un complesso e straordinario fenomeno di costume che va oltre il mero intrattenimento.

 

“Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro.”

 

In Pasolini si fondono il ragazzo appassionato che può giocare fino a sei o sette ore al giorno sui campi di provincia sognando il formidabile Bologna di Bulgarelli e l’attento scrittore degli Scritti Corsari, o l’inarrivabile cineasta di Salò. Nel calcio Pasolini vede ciò che l’antropologo Britannico Desmond Morris racconta nel fondamentale La Tribù del Calcio. In effetti, il calcio e la poesia non sono nulla se lasciati a loro stessi, isolati da un più vasto contesto sociale.

 

Pasolini calcio e poesia
In questa incredibile foto si riconoscono Fabio Capello e Ninetto Davoli (il secondo in alto da sinistra e l’ultimo in alto a destra) con Pasolini e Franco Citti (primo e terzo in ginocchio da sinistra). Foto da Panorama

 

Come uomini di cultura annoverano il calcio tra le proprie principali passioni (Pasolini, Bertolucci, Scola), così fanno diversi calciatori che, specialmente tra i ’60 ed i ’70, non celano il proprio amore per le arti. Tra questi c’è Ezio Vendrame, uno dei maverick del calcio italiano degli anni ’70.

 

Nato come Pasolini in Friuli, per la precisione a Casarsa, nel 1974 Vendrame raggiunge la propria notorietà calcistica con il Lanerossi Vicenza. 46 presenze e 1 goal, molta fantasia e soprattutto tante donne. Centinaia quelle che ha portato a letto, tutte amate a sentir lui. Il concetto di amore di Vendrame, però, non è così scontato. Le ragioni? L’incontro a metà anni ’70 con il cantautore livornese Piero Ciampi. Un incontro che segnerà profondamente la vita del calciatore, a cui Ciampi dona la sua definizione di amore.

 

Amare significa capire le sofferenze di chi ti sta vicino.

 

Una frase che è un macigno, scolpita sulla pietra come ogni parola di Piero Ciampi. Un’amicizia nata tra strade buie e bottiglie vuote e consolidata sul rettangolo verde, precisamente quello dell’Appiani di Padova dove Vendrame gioca a partire dalla stagione 1975-76.

 

Vendrame
Ezio Vendrame alla chitarra, sua grande passione (foto da Write and Roll Society)

 

Un pomeriggio l’ala del Padova, mentre avanza a centrocampo palla al piede, nota sugli spalti l’amico Piero che è venuto vederlo giocare. A questo punto si consuma uno degli episodi più profondi e significativi del calcio italiano. Vendrame arresta l’azione, ferma la palla con le mani e di fatto interrompe la partita. Si rivolge verso la tribuna per salutare Piero Ciampi. Una sorta di inchino, come quello delle navi alla costa, un tributo alla grandezza del cantautore. Vendrame motiva il gesto con queste parole:

 

“Il gioco del calcio diventa una cosa volgarissima di fronte ad un poeta come Piero.”

 

Vendrame dopotutto se ne intende. Lui è uno scrittore, una penna prestata al pallone, più che un calciatore prestato alla poesia. Cosa ci si sarebbe potuti aspettare, d’altronde, da uno che considera i tre migliori calciatori al mondo essere Diego Armando Maradona (fin qui niente di strano), il beatnik granata Gigi Meroni ed il folle donnaiolo capellone Gianfranco Zigoni?

 

Vendrame Vicenza
Ezio Vendrame con la felpa d’allenamento del Lanerossi Vicenza (foto Gazzetta)

 

Pasolini – nella cui visione del pallone gli atleti sono paragonati alle lettere dell’alfabeto che dialogando tramite azioni e passaggi danno vita a discorsi complessi – distingue i calciatori tra prosatori (Bulgarelli) e poeti (Riva). Vendrame fa senza dubbio parte della seconda categoria. In un’intervista, Vendrame si paragona a Pasolini dichiarando:

“Io a Casarsa non metto piede da anni. Ricambio così l’odio della mia gente. Pasolini fuggì e ritornò in orizzontale, nel senso della bara. Seguirò lo stesso percorso.”

A dire il vero a Casarsa Vendrame ci è poi tornato. Fino a ieri viveva in un beatnik, un monolocale di campagna in affitto; il concetto di proprietà non gli è mai andato troppo a genio. Guidava una Golf scassata degli anni ’80 ed allenava le giovanili locali. L’amicizia tra Ezio Vendrame e Piero Ciampi purtroppo non dura a lungo, a causa della prematura morte del cantautore, che proprio la notte precedente il suo decesso ha un diverbio con il calciatore. Ciampi si presenta come di consueto ubriaco a casa di Vendrame il quale, ormai insofferente agli sproloqui annaffiati di vino di Ciampi, caccia via l’amico.

“Ma Ezio, io sono un poeta”.

Come ricordava Vendrame, dedito alla poesia fino all’ultimo istante della propria vita, Ciampi era per lui maestro. Due personaggi unici, che mai cedettero alle tentazioni di opportunità commerciali. Sempre controcorrente, ma mai snob o presuntuosi. Due uomini di cultura più inclini ad una bottiglia di vino consumato in strada che ad uno champagne in un salotto borghese. Da un lato il George Best mancato del calcio tricolore, dall’altra lo Scott Walker (o Charles Aznavour) in sordina della canzone italiana, due artisti troppo spesso dimenticati dalla cultura ufficiale. E che ora, consegnati al cielo, solo Dio può ascoltare.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

storie
Matteo D'Argenio
19 Maggio

Il calcio in Corea del Nord

Passato e presente dello sport in Corea del Nord, a metà tra rivoluzione e propaganda. Con particolare attenzione al calcio, lo sport più seguito ma anche quello meno vincente.
Italia
Francesco Andreose
31 Marzo

Le maglie vanno messe dentro i pantaloncini!

Se non si può cambiare il calcio, s'intervenga sull'estetica.
Italia
Mattia Curmà
10 Maggio

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
storie
Lorenzo Solombrino
1 Agosto

Damon Albarn e il Chelsea, finché morte non ci separi

Dai Blur ai Gorillaz, nell'eclettismo di Albarn c'è un solo punto fermo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
21 Marzo

Sostiene Cagnucci: il calcio è del popolo (ma tutto)

Il direttore de Il Romanista si scaglia contro i prezzi del Camp Nou: gli diamo ragione, ma non su tutto.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Italia
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
storie
Raffaele Arabia
20 Maggio

El Coloso de Santa Úrsula

Storia e leggende dello Stadio Azteca.
Italia
Gezim Qadraku
26 Settembre

Il lato oscuro del calcio

Come la depressione può trasformare il sogno in un incubo.
Estero
Giovanni Pigozzo
11 Settembre

2000: Odissea a Calais

L'inspiegabile semplicità dell'eroismo.
storie
Andrea Antonioli
3 Febbraio

Diario di calcio dall’Iran

Il calcio in Iran è rito di popolo, proprio come avviene da noi.
pellicole
La Redazione
8 Marzo

Un calciatore mancato

Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Italia
Claudio Davini
21 Dicembre

Dalla fotografia alla moviola in campo

Un’opportunità perché non vi siano più "ingiustizie", o piuttosto uno snaturamento del gioco più bello del mondo?
Italia
Niccolò Maria de Vincenti
23 Agosto

Il Dragone che dorme

Una speranza per aumentare i ricavi, l'immenso mercato, i capitali in Europa: il Celeste Impero è un miraggio per tutto il calcio globale. Ma qual è lo stato dell'arte? Un'opinione.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
recensioni
Francesco Valerio Tommasi
15 Marzo

Cosa accade quando un teologo s’interroga sul calcio?

Perché bisogna leggere la Filosofia del calcio di Bernhard Welte.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Graziano Berti
9 Settembre

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Italia
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Interviste
Luigi Fattore
22 Giugno

Un passo indietro al gioco

Intervista a Lele Adani, rivoluzionario della dialettica sportiva contemporanea.
Estero
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

Vivere autenticamente, o chiamarsi Les Herbiers

PSG-Les Herbiers, ricchi contro poveri.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Estero
Alberto Maresca
6 Aprile

Le due facce di Casablanca

Il rosso e il verde. I colori del Marocco, i colori di Casablanca.
pellicole
Andrea Antonioli
4 Febbraio

Aleppo è libera

Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
22 Novembre

Libertà per il Voltolini

Cronache da un paese in paranoia perenne.
Tifo
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
storie
Matteo Paniccia
14 Marzo

La Master League di PES come lezione di vita

Il 15 Marzo del 2001 usciva Pro Evolution Soccer per Play Station, segnando la storia dei videogiochi.
Editoriali
Sebastiano Caputo
10 Novembre

La prima rivista sportiva per gentiluomini

Signore e Signori, nasce "Contrasti", finalmente.
storie
Maurizio Fierro
14 Giugno

Il Cagliari alla conquista degli States

Il torneo USA e l'estate d'oltreoceano alla testa di Manlio Scopigno.
Altro
Alberto Girardello
5 Ottobre

Metamorfosi dell’addio

Lasciare lo sport praticato non ha più lo stesso significato: a cambiare è l'atto stesso dell'andarsene.
Altro
Gianluca Losito
8 Settembre

Musica, lotta e mito nell’Iran profondo

Per comprendere intimamente la Nazione iraniana bisogna conoscere la sua tradizione combattente.
Italia
Francesco Andreose
9 Maggio

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
storie
Gianluca Palamidessi
24 Gennaio

Dare calci al Caffè Borghetti e fregarsene della partita

Cos'è un sapore antico?
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
pellicole
Andrea Antonioli
9 Novembre

L’atto, non l’azione

storie
Pierfilippo Saviotti
4 Gennaio

Triestina, da tutto un popolo amati

Quasi controvoglia, e solo per esaudire un desiderio della prole, si trascinò allo stadio: è così che scattò il colpo di fulmine. Saba fu immediatamente invaso dalla passione del tifo triestino, trascinato da «un manipolo sparuto che si riscaldava di se stesso»
Cultura
Andrea Mainente
7 Ottobre

Alfonso Gatto, un poeta allo stadio

Vita, calcio e ciclismo come un'unica testimonianza d'amore.
storie
Filippo Simonelli
28 Maggio

Il calcio è il balletto per le masse

La storia d’amore tra Shostakovich e lo sport più popolare del mondo.
Estero
Niccolò Giusti
17 Dicembre

Il risveglio nel pallone

«Il calcio, come la letteratura, se ben praticato è forza di popolo. I dittatori passano. Passeranno sempre. Ma un gol di Garrincha è un momento eterno. Non lo dimentica nessuno».
Estero
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Estero
Annibale Gagliani
8 Gennaio

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
storie
Andrea Muratore
1 Dicembre

Tata Raphael: il calcio come unione e identità nazionale

Il calcio, insegnato nelle scuole inferiori e negli oratori gestiti dai missionari, praticato dai congolesi di tutte le età e sin dall’inizio decisamente valorizzato, rappresentò un fattore d’unione tra i diversi gruppi etnici del Congo Belga, nonché tra questi e gli europei colonizzatori.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.