Carrello vuoto
Papelitos
2 Maggio

C’è Dio con loro

Il Madrid raggiunge la terza finale consecutiva, la quarta in cinque edizioni.

Real Madrid, ancora. Al Museo del Prado di Madrid è esposta una delle migliori Pinturas negras di Goya, Saturno che divora i suoi figli. L’originaria pittura murale, trasferita su tela, raffigura uno dei miti dei miti, quello di Crono, figlio di Cielo e Terra, che cannibalizza i propri figli. Si dice che l’opera rappresenti l’allegoria di Ferdinando VII rimesso sul trono assoluto dalla Restaurazione.

 

Al dio del Tempo l’oracolo (i genitori) aveva profetizzato che uno dei suoi bambini lo avrebbe spodestato dal trono di signore del cielo – come lui aveva fatto a sua volta da giovane con Urano, il padre. L’oracolo era affidabile e allora, accecato dalla furia, prese a divorarsi i pargoli e ad ingoiarli tutti. Il sesto, Zeus, fu tratto in salvo dalla madre Rea con lo stratagemma delle pietre. Fattosi grande Zeus glieli fece risputare uno ad uno. E poi mosse guerra con i fratelli e sorelle liberati, i Giganti, gli Ecatonchiri ed i Ciclopi, nella Titanomachia. La vendetta che sognano Juventus, Roma, Napoli, Bayern, Wolfsburg, City, PSG e più di tutti Atletico.

Saturno devorando a su hijo, Francisco Goya y Lucientes, – 1821-3, olio su intonaco trasportato su tela (146×83 cm). Copyright ©Museo Nacional del Prado.

C’è però una differenza sostanziale tra il Saturno di Goya e il Real Madrid di questa Champions. Il primo è in preda ad una allucinazione, la foga di conservare il potere lo rende sordo ad ogni umana passione. Mangia, fagocita, divora i figli per non avere ostacoli o rivali nella signoria dell’Universo. Il Real, no. Al Real non serve, al Real semplicemente non può succedere, di avere rivali ed ostacoli. Chi avrebbe invocato se in cerca di aiuto Crono, signore del tutto? Nessuno. Invece il Real invoca Dio e lo trova. Anzi, tanta è la sicurezza di averlo al fianco che neanche lo cerca. Il Real, scrivevamo mercoledì scorso, è miracolato. Nel senso di fatto soprannaturale operato da Dio o per l’intermediazione di una sua creatura.

 

Scriveva invece Fabio Barcellona che il Real gioca un calcio primordiale, condividiamo. Nel senso che è più forte e vince per questo motivo, rimanendo quindi calmo, non scomponendosi. Era successo anche dopo i tre gol subiti dalla Juve. Averli di fronte genera quella sensazione di impotenza per cui ci rende conto che è davvero inutile sforzarsi. Il Real non è né più bello né più affascinante di altre squadre, tanto meno più simpatico. Non gioca bene, se mai avrà un significato unanime questa espressione, non vince con e per merito. Il Real Madrid vince e basta.

Tutta la disperazione di Lewandowski (Photo by Eric Verhoeven/Soccrates/Getty Images)

Sì gli errori arbitrali, sì le sviste, sì anche la malafede, sì anche la paperissima di Ulreich. Ma tanto la palla dei bavaresi non sarebbe mai entrata. Il merito, il sacrificio, l’impegno espresso o dimostrato in 180′ non sono serviti a nulla. Rimane quindi difficile parlare della partita, cercare di analizzarla. Il Bayern ha attaccato, a testa bassa, e con l’orgoglio del vinto, che non gli appartiene. Veniva naturale tifare per il Bayern, sic!, come ti viene naturale tifare per chi sta perdendo. Qui sta il paradosso Real Madrid.

 

Se Ronaldo non gioca da Torino, c’è il sempre discusso Benzema. Se Navas non è all’altezza e si aspetta da tempo l’arrivo di De Gea, stasera c’è soprattutto Navas, intanto. La difesa non difende? Non sono difensori, sono numeri dieci. E allora viene quasi, quasi, da condividere le parole di Sarri, qui più appropriate, “Il rischio è perdere tanti appassionati che hanno la sfortuna di tifare squadre che sanno di non vincere mai“. 

Il portiere di notte (Photo by David Ramos/Getty Images)

A por la decimotercera, è lo slogan di quest’anno, semplicemente aggiornato nel numero ordinale, perché è fato puro che il Real debba arrivare a Kiev. Di nuovo gli anni del grande Real, come sono stati i ’50 di Puskas e Di Stefano, o il nuovo Real del 97-2002. Fa ridere però pensare ai soldi spesi per i galacticos, ora che con una squadra più equilibrata, con dei canterani, con dei giocatori normali, si domina tutto e più di prima.

 

Ad ostacolare questo cammino non basta quindi il Ribery di 6-7 anni fa, non bastano James, Kimmich, Mueller, Thiago. Basta, forse sì, Ulreich. Il Bayern esce, come l’anno passato, con l’alibi del merito, ribadito da HeynckesErrori come quello che abbiamo commesso all’inizio della ripresa non sono compatibili con questo livello. Peccato, perché nelle due partite siamo stati migliori del Real Madrid“. In finale però ci va il Real, la terza di fila, la quarta in cinque edizioni, la quarta in quattro anni solari.

(Foto copertina di David Ramos/Getty Images)

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Gianluca Losito
7 Novembre 2020

Mario Götze in fuga da se stesso

Una carriera tra aspettative e ricerca di se stesso.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Calcio
Antonio Aloi
27 Agosto 2020

Manuel Neuer ha rivoluzionato il ruolo di portiere

Come costruire le vittorie dalle fondamenta.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2020

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto 2020

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2020

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Cultura
Gianluca Palamidessi
18 Giugno 2020

Ogni benedetta domenica

Per Joseph Ratzinger il calcio è un'anticipazione del Paradiso.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Tifo
Jacopo Benefico
21 Maggio 2020

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Storie
Rudy Galetti
22 Aprile 2020

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2020

Le radici di Sadio Mané

Conservare Dio e la propria cultura. Ignorare i media. Vincere.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo 2020

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.