Estero
13 Febbraio 2022

Perché nessuno parla del City Football Group?

Più che un gruppo una multinazionale.

Dalle ultime indiscrezioni emerse dal Brasile, per la precisione dall’articolo di Galacticos Online, ripreso in Italia da Pippo Russo su Calciomercato.com, il City Football Group sarebbe in trattative avanzate per aggiungere l’Esporte Clube Bahia alla propria collezione di figurine – pardon, di club. Una multinazionale calcistica che avrebbe così l’undicesima tessera del suo mosaico e metterebbe la propria ✓ anche sul Brasile – poi vedremo perché e soprattutto perché adesso. Il Bahia sarebbe dunque l’undicesimo club ad entrare nella rete del CFG dopo il Manchester City (Inghilterra), il New York City FC (Stati Uniti), il Melbourne FC (Australia), gli Yokohama Marinos (Giappone), il Montevideo City Torque (Uruguay), il Girona (Spagna), il Sichian Juniu (Cina), il Mumbai City (India), il Lommel (Belgio) e il Troyes (Francia).

Perché investire sul Brasile è facilmente intuibile, come ipotizza lo stesso sito brasiliano: banalmente, «il City Group sta valutando la possibilità di trasformare la squadra in un bacino di stelle per le sue altre “franchigie” principali». Quello che anzi appare strano è perché non avesse ancora pensato al più grande produttore mondiale di talento grezzo che esista. In realtà, se qualcosa si è mosso solo ora è a causa della recente creazione per iniziativa governativa della SAF (Sociedade Anônima do Futebol), una modifica normativa che consente ai club brasiliani di diventare società per azioni, “company club” sull’esempio del modello europeo. Fino ad oggi infatti i club brasiliani erano trattati come società senza scopo di lucro, mentre ora il governo ha puntato a regolamentare e ristrutturare il settore.

Un’occasione che la holding, controllata ricordiamo per il 78% da Abu Dhabi United Group, non vuole farsi sfuggire. Per il resto però, a nessuno sembra interessare nulla che una multinazionale allunghi i propri tentacoli in giro per il globo calcistico, ben più della sempre citata Red Bull. In una vecchia inchiesta di The Athletic poi, ripresa in Italia da Rivista 11, veniva analizzato il modello del City Football Group e la sua gestione puramente imprenditoriale delle squadre: per citare il professor Simon Chadwick, direttore del centro studi Eurasian Sport,

«Soriano (l’amministratore delegato del CFG) vede il calcio come un’impresa di intrattenimento in continua espansione, come se fosse la Disney».

Un modello piuttosto inquietante, che punta a centralizzare e uniformare tutti i club, in barba alle tradizioni, alle culture dei club ed alle loro particolarità nazionali. Insomma, l’approdo di un calcio senz’anima diventato definitivamente industria e calcolo, che spera piano piano di costituire un’imponente ragnatela internazionale secondo un business plan degno della Silicon Valley. In molti dicono che sia questo il futuro del pallone: non più singole proprietà, anche ricche, bensì gigantesche holding con diversi club sotto il proprio controllo. Sarebbe da chiedere un parere a Pep Guardiola, storico fautore dell’autodeterminazione dei popoli. Chissà se è un modello che gli piace: è vero che gli garantisce 23 milioni di euro all’anno (esclusi gli sponsor) ma si sa, i soldi non sono tutto nella vita e vige libertà di critica! Giusto?


Contenuto uscito in anteprima per gli iscritti alla newsletter. Per riceverla gratuitamente clicca sul link sottostante. Ogni domenica mattina ti arriverà una mail con contenuti esclusivi e gratuiti, la selezione dei migliori articoli della settimana e uno spazio di contatto diretto con la redazione. GliSCRITTI CORSARIti aspettano >>> http://eepurl.com/gSqOx1

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

65 articoli
Ne abbiamo abbastanza di partite come Inter-Spezia
Papelitos
La Redazione
21 Agosto 2022

Ne abbiamo abbastanza di partite come Inter-Spezia

Dov'è finita la riforma del campionato?
Cosa accadrà nel 2037. Forse
Recensioni
La Redazione
16 Luglio 2022

Cosa accadrà nel 2037. Forse

I Calciatori Selvaggi su Lo Slalom.
In Germania l’ideologia travolge il calcio
Papelitos
La Redazione
25 Giugno 2022

In Germania l’ideologia travolge il calcio

I transgender potranno decidere se giocare con uomini o donne.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Eupalla ha detto Tottenham
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile 2019

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
La fine dei ruoli
Calcio
Giacomo Manini
12 Dicembre 2016

La fine dei ruoli

Il calcio posizionale è una filosofia che ha cambiato e cambierà per sempre il gioco: l'ultima deriva è la scomparsa dei ruoli.
Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori
Estero
Vito Alberto Amendolara
11 Aprile 2022

Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori

Da qui passano i destini del calcio attuale (non solo inglese).
Il tempo del Kun
Calcio
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
L’importanza del simbolo
Calcio
Gianluca Palamidessi
12 Luglio 2017

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.